Con l’Orchestra Sinfonica Giovanile della Piana e tre cori pianigiani 

Sublime concerto-catechesi di Monsignor Marco Frisina

Gioia Tauro (Reggio Calabria)- La prima volta insieme se a suggellarla è un grande compositore, anche la tensione del concerto si può sciogliere a favore della musica e dell’interpretazione. Monsignor Marco Frisina - che il 23 giugno terrà a Roma in Piazza San Giovanni in Laterano un concerto per la solennità di San Giovanni Battista e dedicato alla città eterna - ha diretto mercoledì sera, in Cattedrale, a Gioia Tauro, l’Orchestra Sinfonica Giovanile della Piana e tre cori pianigiani: il coro del Duomo gioiese, il coro Maria Santissima del Rosario di Cittanova e il coro interparrocchiale Santa Maria Vergine Addolorata-San Nicola di Oppido Mamertina.

IL CONCERTO-CATECHESI - Testi e note di dieci brani (eseguiti da cinquantaquattro orchestrali e settantasei coristi) “firmati” dal compositore dei compositori italiani di musica sacra dell’ultimo ventennio, conquistano il cuore dei presenti, diventano linfa di spiritualità anche per i più ostinati scettici della fede, dell’amore a Dio e al prossimo. Frisina ha il suo modo non convenzionale di fare preghiera con la musica, di protendere e ascendere verso il Dio altissimo in un dialogo semplice, diretto e intenso che contagia e invita alla conversione.

“L’essere umano - osserva - ha bisogno di consonanze, di equilibrio tra lo stordimento e i dolori della vita”. Educa, insegna, dolcemente, le vie dello spirito e con l’umiltà dei grandi. Serenità, pace, gioia, nostalgia del Paradiso e rapimento dal materiale, trascorre con questi sentimenti e sensazioni il concerto-catechesi di Frisina che, con le sue partiture, catapulta, evangelizza sublimando l’uditorio. E l’amalgama lodevole di cori e orchestra onora la performance. Prima parte con canti e suoni di Iubilate Deo, Un cuor solo, Dove la carità è vera, Salve Dolce Vergine (il brano che amplifica le parole dell’Angelus all’Annunciazione) e Totus tuus (il motto apostolico di papa Giovanni Paolo II, devozione e amore per la Madonna). Seconda parte in crescendo a iniziare da Aprite le porte (un altro ricordo di Papa Wojtyla, che già trent’anni fa annunciava “Non abbiate paura” di aprirvi a Cristo). “E’ ancora attualissimo il suo messaggio” tuona Frisina. Poi, seguono le esecuzioni di Pacem in Terris, La vera gioia, Madre fiducia nostra e Preferisco il Paradiso (replicato come unico bis finale del concerto).

UN EVENTO CON LA STATUA DI LORETO - Duomo di Gioia Tauro gremito da giovani e famiglie. Il maxischermo, collocato all’esterno della struttura, consente a tutti e seduti la buona visione del concerto, partecipando meglio possibile alla manifestazione ben organizzata. E’ amorevole e clemente lo sguardo della statua della Madonna nera in pellegrinaggio da Loreto e ospite all’interno della chiesa dal 18 giugno con l’accompagnatore fidato e illustre, l’arcivescovo Giovanni Tonucci, che ha ricevuto il premio Sant’Ippolito Martire dalle mani del parroco del Duomo di Gioia Tauro, Francesco Laruffa. E’ un riconoscimento anche per la dedizione che il prelato territoriale della Santa Casa di Loreto continua a elargire itinerante con incessante servizio alla Vergine Maria, alla Chiesa e alle comunità.

Un’altra bella pagina musicale e di spiritualità, che rimarrà negli annali degli avvenimenti in provincia di Reggio Calabria. Scritta dalla sensibilità ed esperienza del maestro Frisina, dal sorriso dell’arcivescovo Tonucci, dall’accoglienza del parroco Laruffa, dall’entusiasmo di giovani strumentisti e coristi, dall’operosità dei dirigenti dell’associazione culturale “Musica Insieme” presieduta da Caterina Genovese, dalla formazione impressa dall’attuale direttore stabile Bruno Zema (nella foto con Frisina, Laruffa e Tonelli) e dall’attenzione del comune di Gioia Tauro, che sono all’unisono sia con realtà artistiche del comprensorio pianigiano sia con l’Orchestra Sinfonica Giovanile della Piana. Sono passati più di due anni dalla sua fondazione e quest’orchestra, certamente, maturerà ancora con i suoi progetti, dagli stage alle esibizioni in pubblico. Giovane e sana ha le giuste potenzialità per emergere e distinguersi nel processo di emulazione e crescita che, dal 2008, accompagna la nuova vita di molte formazioni orchestrali e bandistiche reggine e calabresi.

Fausto Pedullà

Giovedì 21 giugno 2012
Ore 21:38

Questa notizia è stata letta 2464 volte

Vai alla gallery
riceviamo e pubblichiamo
LA PROGRAMMAZIONE DI RTV È PRESENTE ANCHE SULLA RIVISTA TELESETTE

IN ONDA OGGI SU REGGIOTV

06:00

LE NOTIZIE DI IERI
Le notizie del giorno prima... per chi le avesse perse

06:26

APERTURA PROGRAMMI

06:30

RASSEGNA STAMPA

07:15

RASSEGNA STAMPA

08:00

NEWS DI IERI

08:30

TELEVENDITE

09:30

LA SANTA MESSA
in collegamento diretto con Telepace

09:45

TELEVENDITA

10:15

SMASHITS

11:00

LE NOTIZIE DI IERI
Le notizie del giorno prima... per chi le avesse perse

11:30

TELEVENDITA

12:30

CUCINA A SORPRESA

12:40

RASSEGNA STAMPA

13:50

ASPETTANDO IL TG

14:00

TG PRIMA EDIZIONE

14:40

TG PRIMA EDIZIONE

15:30

SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti

16:20

AVENGERS

16:45

LAMU'

17:30

TELEVENDITA

18:00

BORGO ITALIA

18:25

CAMPER MAGAZINE

19:00

STARDRIVERS

19:30

OFF ROAD

20:00

GLI SPECIALI DI REGGIOTV

20:20

ASPETTANDO IL TG

20:30

TG EDIZIONE SERALE

21:15

CHISTI SIMU

22:50

ATLETI

23:20

ASPETTANDO IL TG

23:30

TG EDIZIONE NOTTURNA

24:00

SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti