Porto di Gioia, Cannizzaro (FI) presenta interpellanza urgente:
POLITICA

Attesa per venerdì la risposta del Governo

Porto di Gioia, Cannizzaro (FI) presenta interpellanza urgente: "valutare subito la revoca delle concessioni"

Reggio Calabria. “Il Governo risponderà in aula venerdì 1 marzo sull’assurda vicenda che drammaticamente ha investito i lavoratori del porto di Gioia Tauro, uno dei maggiori porti europei operanti nel Mediterraneo, ha mostrato le lacune di un sistema di assegnazione delle concessioni nazionali che necessita di una urgente rivisitazione. Chiaramente le condizioni di una gestione che sostanzialmente rimane nelle mani dello Stato, che governa attraverso l’azione dell’autorità portuale e da cui dipende per assetti finanziari e decisionali, devono essere risolute ed improcrastinabili nell’interesse dell’attività operativa del porto stesso e, di conseguenza, dei lavoratori impegnati”. Così il deputato reggino di Forza Italia, Francesco Cannizzaro che, sulla vertenza del porto di Gioia, ha presentato in questi giorni un’interpellanza urgente.
“E’ bene ricordare che la rete “core” di cui il porto calabrese fa parte, come previsto dal regolamento europeo competente, monitora costantemente i parametri relativi al volume di traffico che il sito è in grado di sopportare e gestire e, una crisi del genere, potrebbe danneggiarlo irrimediabilmente sul piano competitivo internazionale. L’irresponsabile carenza d’intesa fra i due soci per l’attività di gestione delle banchine portuali, Mct ed Msc, è alla base di questa sciagurata diatriba che si è inteso giocare sulla pelle dei lavoratori, prime papabili vittime di una crisi reale, mettendo in mostra tutti i limiti progettuali e d’investimento a lungo termine che hanno innescato la miccia sociale”.
“Da plauso l’intervento immediato del Prefetto di Reggio Calabria e la conseguente riunione tenutasi al Ministero dei Trasporti con il ministro competente impegnato in rassicurazioni verso i lavoratori in protesta e minacce, promesse, verso le società interessate. Risultato: due mesi di tempo per rinsavire tutti. A mio giudizio troppo poco, ed è per questo che, supportato come sempre dal mio partito e dai colleghi parlamentari, ho deciso di presentare una Interpellanza urgente sull’intera vicenda. Ho atteso che le riunioni portassero a risultati immediati e concreti ma, tranne la buona volontà manifestata dal Ministro Toninelli e dalla sola Msc, di certo non vi è nulla. L’interpellanza chiede l’immediato avvio dell'iter di valutazione dell'esistenza dei presupposti al mantenimento della concessione senza attendere i sessanta giorni decisi che potrebbero risultare deleteri al mantenimento dei livelli occupazionali. Purtroppo, infatti, l’assenza immotivata di Mct al tavolo governativo, al di là di una comunicazione che lascia il tempo che trova, dimostra irresponsabilità verso il proprio mandato concessionario ed assoluto disinteresse sulla sorte dei cinquecento lavoratori minacciati di licenziamento. Sicuramente la presenza di Msc e dei suoi vertici ha offerto uno spunto su cui il governo può agire ed è per questo che l’interpellanza prosegue nel chiedere di considerare esclusivamente gli impegni manifestati da Msc al tavolo ministeriale e di concretizzare immediatamente gli accordi di investimento prospettati nelle cifre indicate al fine di realizzare l'incremento necessario del volume di traffico per un'azione di rilancio nazionale ed internazionale del Porto di Gioia Tauro”.
“Chiedo, inoltre, di predisporre puntuali esami di mercato sulle proiezioni possibili e realistiche dettate dalle conseguenze dell'approvazione della Legge 136/2018 e dalla modifica della L 84/94, in termini di utilità per l'attività di sviluppo e crescita di cui necessita il porto calabrese di Gioia Tauro. Infine, con il documento presentato all’Aula, chiedo al Governo di manifestare urgentemente le opportune conseguenze di un eventuale ritiro della concessione alla società di gestione del porto, (dotarsi cioè del piano “B”) predisporre una fase transitoria che consenta lo svincolo e l'utilizzo dei fondi del programma finanziario europeo classificati nel piano di investimenti delle aree logistiche integrate del Paese, e lo studio di una celere eventuale riassegnazione della concessione titolare ad altra societaria italiana. Un’azione decisa e tempestiva del Governo, memore delle crisi degli anni precedenti sempre causati da Mct, oggi risulta essere fondamentale per il superamento di una crisi che per la Calabria sarebbe un disastro sociale dalle conseguenze incalcolabili. Lo sa bene il Premier Conte che incontrando i sindaci della Piana, guidati dal primo cittadino di Rosarno Giuseppe Idà, ha manifestato la volontà di chiedere al più presto la costituzione di un tavolo interministeriale che operi fino al rientro della crisi. Come parlamentare espresso dal territorio non abbasserò la guardia per un solo istante”.
24-02-2019 21:44

NOTIZIE CORRELATE


24-05-2019 - ATTUALITA'

#PlasticFreeGC: Più di 600 ragazzi hanno ripulito le spiagge reggine dalla plastica VIDEO

Il progetto #PlasticfreeGC ha lo scopo di sensibilizzare le nuove generazioni sul tema dell'inquinamento marino
22-05-2019 - CRONACA

Gioia Tauro. Minaccia i Carabinieri durante un controllo: arrestato 72enne

Per sottrarsi all'identificazione
22-05-2019 - ECONOMIA

Porto di Gioia Tauro. Sciopero nazionale di 24 ore: la mobilitazione di FILT CGIL e FIT CISL

Al centro della mobilitazione la richiesta di rinnovo del contratto nazionale del settore
21-05-2019 - ATTUALITA'

Firma del protocollo di legalità al Porto di Gioia Tauro alla presenza del Ministro Toninelli VIDEO

tra il commissario dell'Autorità portuale Andrea Agostinelli e il prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio Calabria. Suicidio in autostrada. Uomo si getta da un viadotto

Reggio Calabria. Un uomo di cui al momento non sono state rese note le generalità, dopo aver accostato a bordo carreggiata, in direzione sud-nord (subito dopo l'immissione svincolo Porto), la sua auto, si ...
CRONACA

Reggio Calabria. Delitto Fortunata Fortugno e tentato omicidio Logiudice: arrestato il 51enne Mario Chindemi

Nella giornata del 21 maggio u.s, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria - a conclusione di un secondo ...
CRONACA

Lo fermano ad un posto di blocco. I finanzieri gli trovano in auto oltre un milione di euro FOTO/VIDEO

Rosarno ...
CRONACA

Platì. Rinvenuto un bunker, denaro falso, armi e droga: denunciato 60enne FOTO/VIDEO

Continuano i servizi di contrasto alla ...
POLITICA

Elezioni europee e comunali del 26 maggio 2019, il vademecum della Prefettura

Reggio Calabria. Domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le operazioni di voto per le elezioni dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia. Nella medesima ...
CRONACA

Vallone: "A Reggio i reati predatori diminuiti del 25% in un mese" VIDEO

ATTUALITA'

"Il Comune di Reggio Calabria continua a non garantire il diritto all'alloggio alle famiglie a reddito basso" VIDEO

Reggio Calabria. Il Comune di Reggio Calabria, nonostante qualche iniziativa realizzata, continua a non garantire il diritto all’alloggio alle famiglie a reddito basso e senza una casa . Il settore degli alloggi popolari presenta gravissime carenze gestionali che dipendono dall’azione politica dell’Amministrazione. L’Osservatorio sul disagio abitativo con un’ importante partecipazione di famiglie ha denunciato, ancora una volta, nell’aula del Consiglio Comunale le diverse problematiche del settore ERP. Questa volta l’ha fatto mostrando ai consiglieri presenti otto cartelloni. Gli 11 milioni stornati. Pur essendoci qualche centinaio le famiglie che hanno vinto il bando comunale 2005 e che sono in emergenza abitativa, l’Amministrazione comunale, nel 2016, ha stornato un finanziamento di 11 milioni di euro destinato a dare l’alloggio a circa 160 nuclei. Per correggere quest’ azione cinquecentotrentaquattro reggine e reggini hanno firmato una Petizione che è stata presentata dall’Osservatorio sul disagio abitativo il 18 febbraio chiedendo al Comune il ripristino del finanziamento di 11 milioni per l’acquisto di alloggi . Il termine di 90 giorni previsto per la risposta alla Petizione è già scaduto, ma l’Amministrazione non ha ancora risposto. Non solo non si vuole implementare il patrimonio degli alloggi, come sarebbe necessario, ma non viene gestito neanche quello esistente. Difatti, il settore di Edilizia Residenziale Pubblica da tempo non realizza, con la necessaria efficacia, le verifiche sulla permanenza dei requisiti degli assegnatari dei 7000 alloggi popolari ( comunali ed Aterp) esistenti nel territorio comunale. Le verifiche sono previste dalla normativa vigente per recuperare e riassegnare gli allogginon più abitati e per garantire la gestione legale delle assegnazioni. Nonostante quanto deciso dal Consiglio Comunale il 10 febbraio 2017, il Sindaco non ha ancora disposto che al settore ERP venga assegnato stabilmente un gruppo di vigili e di operatori informatici per effettuare quotidianamente le verifiche. Tantomeno ha provveduto a chiedere alla Prefettura la costituzione di una task –force con le forze dell’ordine dello Stato . Questa azione di controllo con la relativa informatizzazione consentirebbe il recupero di decine di alloggi da assegnare alle famiglie vincitrici del bando 2005 ed a quelle in emergenza abitativa. Ma consentirebbe pure l’eliminazione dell’illegalità diffusa di cui gli alloggi erp sono oggetto, proprio a causa della mancanza di questa attività di controllo . Anche la gestione economica del settore ERP, indispensabile per garantire la necessaria efficienza strutturale del patrimonio, è del tutto assente. Negli ultimi quattro anni, mentre la gran parte degli alloggicomunali versa in gravissime condizioni strutturali, il Comune non ha garantito i livelli minini di manutenzione. Difatti, negli ultimi anni, i 3 milioni di euro entrati nelle casse comunali dai canoni e dalle vendite degli alloggi non sono stati spesi. Ma, secondo la normativa vigente, questi fondi sono vincolati al settore e dovrebbero essere spesi per garantire la necessaria manutenzione degli alloggi ERP. Per quanto riguarda la gestione delle emergenze abitative ( art 31 Lr 32/1996) il Comune, su sollecitazione dell’Osservatorio sul disagio abitativo, ha approvato il 25 gennaio 2018 un regolamento con la finalità di garantire trasparenza e velocità. Ma, fino ad oggi, il regolamento non è stato applicato e quindi si è continuato a gestire le emergenze con poca trasparenza e senza un’apposita graduatoria. La norma regionale sulla mobilità degli alloggi ERP del 1996, dopo 23 anni, continua a non essere applicata dal Comune e dall’Aterp e quindi centinaia di richieste di cambio alloggio risultano inevase negando il pieno diritto alla casa di moltissime famiglie assegnatarie . Il progetto di superamento del ghetto dell’Ex Polveriera, avviato nel mese di aprile 2018 portando alla sistemazione in dislocazione di 17 nuclei familiari, da 8 mesi è inspiegabilmente bloccato. Nel ghetto sono rimaste 15 famiglie che sono costrette ad abitare tra le macerie delle baracche demolite, nelle quali sono presenti delle lastre di eternit frantumate. Tra le situazioni di grave emergenza abitativa c’è da considerare anche quella delle persone senza fissa dimora. Nel periodo invernale, il Comune ha aperto un dormitorio pubblico offrendo un posto letto ad un gruppo di persone. Ma nel mese di marzo lo ha chiuso rimandando sulla strada le persone che aveva accolto. E’ quindi urgente che l’Amministrazione riapra un dormitorio pubblico per offrire nuovamente e per tutto l’anno un posto letto a queste persone. Reggio Calabria, 24 maggio 2019 Osservatorio sul disagio abitativo Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino –Cristina Delfino CSOA Angelina Cartella Società dei Territorialisti/e Onlus Centro Sociale Nuvola Rossa Comitato Solidarietà Migranti Reggio Non ...
AMBIENTE

"Ci avete rotto i polmoni": anche a Reggio Calabria il Secondo Sciopero Globale per il Clima VIDEO

Reggio ...
SPORT

La Reggina si aggiudica il Centro Sportivo Sant'Agata. Gallo: "E' una cosa bellissima"

La Reggina si aggiudica la concessione del centro sportivo S. Agata, insieme ai beni materiali e immateriali, il marchio registrato, il brand e la storia del club di calcio Reggina. ...
CRONACA

Brevi di cronaca nel reggino, due arresti

Stamattina, i Carabinieri della Tenenza di Rosarno, hanno rintracciato e tratto in arresto Fida Massimo, 45 enne, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso il 23 maggio 2019 dalla Procura Generale ...
ATTUALITA'

Reggio, per la prima volta si potranno ritirare le tessere elettorali all'Ufficio Decentrato di Catona

Reggio Calabria. Si porta a conoscenza dei cittadini che presso la sede dell'Ufficio Decentrato di Catona, sito in Piazza Matteotti Catona, possono ...
CRONACA

Reggio Calabria. Polizia Stradale: 400 persone controllate e 157 infrazioni al codice della strada

Nell’ambito dei servizi di Polizia Stradale, predisposti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Servizio Polizia Stradale, sull’intero ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SU IL SIPARIO!
RASSEGNA STAMPA
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
EUREKA
Quiz Show
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult

ITALPRESSWEB ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Dissesto stradale
    • CONCORSO COSENZA - BLOCCO ASSUNZIONI
    • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
    • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
    • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
    • Nuova piscina comunale.
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    idomotica
    Basta vittime 106
    Italpress