Rifiuti e depurazione. Prima missione in Calabria per la Commissione
AMBIENTE

A Reggio Calabria al via le audizioni. In programma altre due missioni

Rifiuti e depurazione. Prima missione in Calabria per la Commissione "Ecomafie" VIDEO

Reggio Calabria. La Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati ha audito nella prima parte della giornata i rappresentanti di ArpaCal, i procuratori capo di Cosenza Mario Spagnuolo, di Crotone Giuseppe Capoccia, e di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e l’assessore regionale all’Ambiente Antonella Rizzo, accompagnata dal direttore del dipartimento Ambiente Orsola Reillo.
Il commissario straordinario di Arpacal Maria Francesca Gatto e i funzionari hanno riferito in merito alle attività dell’agenzia. Dall’audizione è emerso che Arpacal non ha un catasto delle acque reflue. Gli auditi hanno spiegato che Arpacal, in qualità di organo tecnico della Regione, svolge controlli ordinari solo sugli impianti che operano con autorizzazione integrata ambientale (Aia). Tutti gli altri controlli, compresi quelli sui depuratori, secondo quanto riferito dai rappresentanti di Arpacal vengono eseguiti solo su mandato dell’autorità giudiziaria.
Il procuratore Spagnuolo ha spiegato che la criticità ambientale principale è legata al trattamento delle acque: la procura di Cosenza ha creato un protocollo di indagine per controlli a tappeto sui depuratori. Su 100 impianti controllati, circa la metà sono risultati esistenti solo sulla carta e non funzionanti, nonostante i Comuni li dichiarino attivi. Spagnuolo ha anche spiegato come in Calabria risulti carente il controllo amministrativo, e come si osservi però una sensibilità crescente da parte di cittadini e associazioni ambientaliste.
Il procuratore Capoccia ha riferito che a Crotone, dove si estende un sito di interesse nazionale per la bonifica, si osserva una sottovalutazione da parte delle istituzioni dell’impegno necessario a risolvere il problema ambientale. Capoccia ha anche dichiarato che a Crotone, proprio per la sua natura di area Sin, sarebbe necessario più personale degli organi di controllo ambientale. Per quanto riguarda le criticità sul fronte della depurazione delle acque, il procuratore ha riferito che dalle indagini sono emersi storni di finanziamenti erogati per il rifacimento di impianti ma destinati nella realtà a progetti differenti, seppur nello stesso ambito, per tamponare altre situazioni emergenziali.
Il procuratore Bombardieri ha riferito in merito alle indagini che hanno interessato il depuratore e l’inceneritore di Goia Tauro. Rispetto ai conferimenti di rifiuti non tracciati presso quest’ultimo impianto, Bombardieri ha spiegato che è stato osservato il controllo da parte della criminalità organizzata: secondo quanto riferito dal procuratore, prima della contestazione degli illeciti da parte della procura, su quei flussi non c’erano stati controlli adeguati da parte degli organi preposti. Bombardieri ha parlato anche di inchieste sul traffico illecito di rifiuti ferrosi. Sul fronte della depurazione delle acque, il procuratore ha riferito del sequestro di 14 impianti nell’area di Reggio Calabria: depuratori inattivi o malfunzionanti che in alcuni casi scaricavano in mare i reflui tal quale.
L’assessore Rizzo e la dott.ssa Reillo hanno riferito in merito al piano regionale rifiuti, la situazione degli impianti e il ciclo delle acque, punto quest’ultimo che al momento ricade tra le deleghe del presidente della Regione. Secondo quanto riferito, alcune tipologie di controlli sugli impianti vengono effettuati direttamente dai tecnici del dipartimento Rifiuti della Regione.
«Dalle prime audizioni è emerso un quadro gravissimo per quanto riguarda la depurazione delle acque. In molti casi gli scarichi finiscono direttamente nei fiumi o in mare senza nessun trattamento, e quando i depuratori esistono sono spesso malfunzionanti o non ben collegati alla rete fognaria, se non addirittura inattivi. In un quadro così critico, non esiste tuttavia nemmeno un catasto delle acque reflue nonostante l’alto numero di agglomerati sotto procedura di infrazione. Faremo degli approfondimenti per quanto riguarda i controlli ordinari, sia sui depuratori, sia sugli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti, che competono ad Arpacal e agli altri soggetti preposti, e che non appaiono adeguati», ha dichiarato il presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli.
09-04-2019 15:20

NOTIZIE CORRELATE


16-07-2019 - ATTUALITA'

"Meno male che la raccolta porta a porta doveva essere la soluzione all'annoso problema dei rifiuti"

La segnalazione del telespettatore di ArghillÓ
10-07-2019 - CRONACA

Stilo. Abbattuto il balcone abusivo della casa natale di Tommaso Campanella

Lo ha disposto la Commissione Straordinaria che guida il Comune
09-07-2019 - POLITICA

Motta San Giovanni. Insediata al Comune la Commissione straordinaria di liquidazione

Si propone come obiettivo quello della gestione della fase successiva alla dichiarazione di dissesto finanziario
02-07-2019 - ATTUALITA'

"Reggio, anche rifiuti speciali in zona Ospedale Morelli"

Il lettore segnala
01-07-2019 - ATTUALITA'

"Ancora spazzatura. Intervenite in via Italo Alaimo"

Riceviamo e pubblichiamo

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Reggio Calabria. L'Oasi Village pronta a ripartire: la commozione dello storico proprietario Mario Scaramuzzino VIDEO

Reggio Calabria. Pronto a riaprire lo storico stabilimento balneare "Oasi Village". Il primo agosto si sancisce la "nuova vita" della stroica struttura che per decenni ha scandito le estati reggine. Già iniziate le operazioni di pulizia, si procederà da lunedì con la riqualificazione di alcune aree del sito, negli ultimi anni ad aver subito danni da intemperie e azioni vandaliche. Dopo l'interdittiva antimafia del 2016, dunque, si appresta ad essere portato a termine il nuovo iter che consentire di riaprire battenti. A guidare la rinnovata società Aldebaran Srl da cui nel frattempo è uscito il socio colpito da interdittiva che ha venduto le quote, è stato nominato il commercialista Giuseppe Marino amministratore unico. Marino a sua volta ha nominato un organo di vigilanza, come previsto dalla normativa, nella persona del commissario di polizia in pensione, Giuseppe Nicolosi e un nuovo revisore dei conti Attilio Fusco. Visibilmente emozionato lo storico proprietario ...
CRONACA

Operazione 'Sex home': arrestate 10 persone per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione VIDEO

Side...
ATTUALITA'

Gambarie "BikePark". L'invito di Vittorio Brumotti: "ci vediamo tutti domenica a Gambarie" VIDEO

Santo Stefano in ...
CULTURA

Moonday. Reggio Calabria celebra i 50 anni del primo sbarco sulla Luna con l'astronomo Fabrizio Mazzucconi VIDEO

Reggio Calabria. 50 anni fa l'uomo metteva piede per la prima volta nella storia sulla Luna. Ospite del Planetarium Pythagoras di Reggio Calabria, l'astronomo e vice segretario nazionale della Società Italiana di Astronomia, Fabrizio Mazzucconi ci dice: "fu quello il primo passo verso la conquista dello spazio". Anche in riva alla sponda calabrese dello Stretto si celebra il MoonDay, con la conferenza dello stesso Mazzucconi, ospitata sulla terrazza panoramica del Museo Archeologico di Reggio Calabria, sul tema "Apollo 11. Correva l'anno 1969: l'anno della luna". L'evento inaugura il programma delle Notti d’Estate al MArRC 2019 in collaborazione con il Planetarium Pythagoras, la cui anima è l'instancabile professoressa Angela Misiano, consigliera nazionale della Società Italiana di Astronomia e direttore scientifico della struttura che nel 2014, su iniziativa dell'allora Ente provinciale, è stata elevata a centro di "Alta Cultura". «La felice collaborazione con il Museo ci permette di celebrare i cinquant’anni dell’allunaggio nella location ideale della terrazza sotto le stelle del MArRC, per una sinergia tra scienza ed emozione. La luna ha ispirato poeti, artisti e studiosi di ogni epoca, alimentando sogni e speranze della gente comune con il suo mistero dal fascino intramontabile. Gli astronomi possono raccontare il loro “punto di vista”, che è interessante e suggestivo per tutti, non soltanto per gli specialisti», le parole di Angela Misiano. «Festeggiare con il Planetario Pythagoras la Giornata in cui ricorrono i cinquant’anni del primo sbarco sulla Luna - è il commento del Direttore Malacrino - è un privilegio. La meravigliosa terrazza del MArRC con vista sul mare e sul cielo è un luogo privilegiato per rivivere le emozioni di quella magica notte di luglio ...
CRONACA

Ancora furti nelle chiese della diocesi di Locri-Gerace: "Restituite quello che avete rubato"

Il vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva, esprime il proprio dispiacere per i ripetuti furti sacrileghi che si registrano nelle chiese della ...
ATTUALITA'

"Un Angelo per Capello": per i pazienti oncologici che non possono sostenere economicamente l'acquisto di una parrucca

Si chiama "Un Angelo per Capello” ed è un progetto nazionale il cui obiettivo è quello di offrire ...
CRONACA

Rosarno. Furto aggravato di acqua potabile comunale, un arresto e 12 persone deferite

Nel corso della settimana, a Rosarno, a conclusione di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori e della ...
ATTUALITA'

Bollette dell'acqua, martedý 23 luglio incontro con i residenti di Archi

Martedì 23 luglio 2019, alle ore 19:00, presso il Bar “ArtCaffè”, in Via Vecchia Provinciale, 20 ad Archi, ci sarà l’incontro a fini informativi per conoscere quali sono i ...
CRONACA

Locri. Tenta la fuga dopo aver rubato un'auto: 34enne inseguito ed arrestato

Ieri notte, i carabinieri sezione radiomobile della Compagnia di Locri hanno arrestato Giovanni Cananzi, 34enne di Nizza di Sicilia (ME) già noto alle forze dell’ordine, per furto aggravato e ...
CRONACA

Faida di San Luca. Il padre di Francesco Pelle assolto dal reato di associazione mafiosa

Assolto per non aver commesso il fatto. Domenico Pelle detto Micu U’ Mata il padre di Francesco Pelle (fuggito nei giorni scorso dopo una condanna all’ergastolo sempre ...
CRONACA

Strage di Duisburg: Pelle latitante dopo la condanna all'ergastolo

Francesco Pelle detto ‘Ciccio Pakistan’, classe 1977, implicato nella Strage di Duisburg, sottoposto a Milano all'obbligo di dimora e in attesa della sentenza della Corte di Cassazione con le imputazioni di ...
CRONACA

Duisburg, Pelle scrisse a Klaus Davi poche ora prima della fuga: "Sono innocente"

«L’ultimo messaggio che ho avuto da Francesco Pelle è un sms del 4 giugno: ‘Presto ti darò un’intervista ma vieni senza microfoni’». È il ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
RASSEGNA STAMPA
E' TUTTO CINEMA
EUREKA
Quiz Show
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Situazione antigienica per presenza di rifiuti.
  • Chiedere aiuto e' un diritto!!
  • Fontana a secco
  • Totale abbandono
  • Strade colabrodo
  • Dissesto stradale
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress