Operazione
AMBIENTE

Le indagini della Guardia di Finanza

Operazione "Libertà". Salvati oltre 50 volatili di specie protetta: denunciato bracconiere a Reggio Calabria

Campo Calabro (Reggio Calabria). Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di un’ordinaria attività di controllo economico-finanziario del territorio condotta d’iniziativa, hanno individuato un sito in cui erano illecitamente detenuti e maltrattati oltre 50 esemplari di volatili di specie protette, nonché una consistente quantità di oggetti e attrezzature necessarie e funzionali all’espletamento delle illecite attività di bracconaggio e uccellagione, deferendo alla locale A.G. un soggetto responsabile (G.C., cl’ 41).
In particolare, in agro di Campo Calabro (RC), i finanzieri della Compagnia Reggio Calabria ponevano in essere apposite e dedicate attività di osservazione e appostamento che consentivano di individuare un bracconiere, privo di licenza di caccia, intento a esercitare illecitamente l’attività di uccellagione.
Più nello specifico, il soggetto in questione veniva colto in flagranza di reato mentre, nascosto dietro una serie di rovi, comandava una rete di cattura puntellata con lunghi picchetti d’acciaio e collegata a una corda che giungeva fino al nascondiglio in cui si trovavano gli animali, potenziali future vittime di questa pratica di caccia illecita.
Nelle immediate vicinanze del sito in questione risultavano, infatti, trovarsi nr. 7 gabbie, poste su appositi paletti e contenenti ciascuna un volatile, appartenente a specie “particolarmente protetta”, utilizzato per richiamare, traendoli in inganno, quelli ancora in libertà: venivano così ritrovati, complessivamente, nr. 4 cardellini, nr. 2 verdoni e nr. 1 ibrido di cardellino/canarino.
Inoltre, all’interno di un borsone anch’esso rinvenuto nella circostanza, in una gabbia ben più grande, venivano scoperti dai finanzieri ulteriori nr. 4 verdoni e nr. 11 verzellini, ovvero il parziale “frutto” dell’illecita caccia praticata in quella giornata, interrotta, però, dall’inaspettato intervento dei militari.
Sulla base di quanto individuato, i militari operanti effettuavano, d’iniziativa, delle perquisizioni nell’abitazione del bracconiere e nelle pertinenze a lui in uso: nel corso delle attività di ricerca venivano ritrovate, in un rustico adiacente all’abitazione, numerose gabbie appese ai muri.
Le gabbie, tutte di ridottissime dimensioni, arrugginite e sporche, ospitavano, in condizioni precarie, inadeguate e incompatibili con la natura degli animali che contenevano, complessivamente, ulteriori nr. 17 cardellini, nr. 1 ibrido di cardellino/canarino, nr. 1 verdone e nr. 1 verzellino.
Proseguendo nelle attività di ricerca, in un’intercapedine realizzata tra l’abitazione e un terreno di proprietà del bracconiere, nelle medesime pessime condizioni, venivano altresì ritrovate ulteriori gabbie contenenti nr. 4 verdoni e nr. 7 verzellini.
Le attività di perquisizione consentivano, altresì, di rinvenire tutta una serie di oggetti e attrezzi indispensabili e funzionali all’attività di bracconaggio, tra cui reti di cattura, puntelli in metallo, richiami elettronici (comprensivi di batterie e casse), lenze e corde.
Anche in ragione dell’elevata specificità del segmento operativo in argomento, le attività venivano condotte con l’efficace e preziosa collaborazione del personale dell’associazione anti-bracconaggio C.A.B.S., importante realtà composta da un nucleo speciale anti-bracconaggio formato da volontari esperti.
In tale scenario, visto lo stato di detenzione degli animali ritrovati, i finanzieri interessavano il personale tecnico-veterinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria che, intervenuto sul luogo delle operazioni, constatava le inadeguate modalità di custodia di tutti gli animali citati, nonché di 9 canarini che, benché di lecita detenzione, venivano anch’essi sottoposti a sequestro, poiché, come gli altri, detenuti in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze.
Il personale veterinario dell’A.S.P., inoltre, constatava, in particolare, il maltrattamento di un verdone, utilizzato come zimbello (richiamo) per l’attività di uccellagione: l’animale, infatti, presentava una imbracatura fatta artigianalmente con dello spago, che passava dal collo alle ali ed era annodata all’altezza dello sterno, che veniva utilizzata per forzarlo a volare in modo da attirare così gli altri volatili, provocandogli forte stress e costringendolo a vivere in condizioni innaturali.
Tutta la fauna e le attrezzature scoperte dai militari operanti venivano così poste sotto sequestro, mentre il bracconiere veniva denunciato alla locale Procura della Repubblica presso il locale Tribunale per i reati di furto aggravato (commesso nei confronti della fauna, considerata patrimonio indisponibile dello stato), maltrattamento e abbandono di animali e uccellagione.
Le varie specie animali venivano, quindi, condotte presso l’Associazione Mediterranea per la natura - Centro di recupero fauna selvatica “Stretto di Messina”, ove la responsabile della struttura, dopo aver sottoposto singolarmente a visita le specie protette sottoposte a sequestro, su disposizione del P.M. di turno costantemente aggiornato circa le operazioni di P.G. in corso, attivava, per i volatili in buona salute, le c.d. “procedure di liberazione”, prendendo in carico per le cure necessarie quelli di cui non era possibile la liberazione, disponendo, al contempo, l’affidamento delle specie nate e cresciute in cattività.
Nell’ambito delle azioni di intervento finalizzate alla tutela e alla salvaguardia dell’ambiente e degli ecosistemi, il Corpo della Guardia di Finanza opera costantemente, nel più generale ambito del controllo del territorio, in vista della preservazione di tutte le specie di fauna che costituiscono patrimonio inestimabile dello Stato italiano, nonché dell’intera regione mediterranea.
20-12-2019 08:25

NOTIZIE CORRELATE


15-02-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Libero dal servizio, sventa rapina: eroico gesto di un assistente capo della Polizia di Stato

Blocca e fa arrestare l'autore del gesto che stava aggredendo un 63enne
15-02-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Contrasto alla guida sotto effetto di alcol: la Polizia locale ritira 7 patenti

Nuovi controlli per il weekend da parte degli agenti del comandante Zucco
15-02-2020 - POLITICA

Jole Santelli è ufficialmente il nuovo Presidente della Regione Calabria VIDEO

La proclamazione al Tribunale di Catanzaro

ULTIME NEWS

CRONACA

Bianco. Slot machines e videoterminali senza autorizzazione: maxi sanzione ad un circolo privato

Bianco. I Carabinieri della Compagnia di Bianco hanno controllato, insieme a personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, alcuni circoli privati. In uno ...
CRONACA

Locri. Anziana trovata morta in casa dai Vigili del Fuoco

Locri. Alle 12,15 di oggi, una squadra dei Vigili del fuoco è intervenuta a Locri per accedere, mediante l'autoscala, all'interno di un appartamento dove risiedeva un'anziana donna di cui non si avevano notizie da qualche ...
CRONACA

Villa San Giovanni. Auto in fiamme nella notte: indagini in corso

Villa San Giovanni. Questa notte intorno alle 4 circa un'autovettura ha preso fuoco sul Viale Rocco Larussa per cause ancora in corso di accertamento. Prontamente intervenuta la squadra dei vigili del fuoco di Villa San ...
CRONACA

Villa San Giovanni. Auto in fiamme sull'autostrada A2, illeso il conducente

Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Attorno alle 20,15 la squadre dei vigili del fuoco di Villa San Giovanni è intervenuta sulla A2 direzione Sud, nel comune di Villa San Giovanni, a causa di un ...
CRONACA

'Andiamo insieme a citofonare al boss Trimboli': l'invito di Klaus Davi a Salvini e Sardine

Milano. La sua famiglia è stata coinvolta più volte in questioni di droga e estorsioni, porta un cognome importante nella 'Ndrangheta, e soprattutto è ...
CRONACA

Montebello Ionico. I carabinieri arrestano due persone accusate di rapina e tentata estorsione nei confronti di un anziano

Montebello Ionico (Reggio Calabria). Mercoledì scorso, i Carabinieri della Stazione di Saline di Montebello ...
CRONACA

Sperona con il suo Tir una pattuglia della Stradale sull'A2, arrestato 46enne catanese

Polistena (Reggio Calabria). Di recente, per la sicurezza stradale degli utenti, è stata disposta l’intensificazione dei controlli di polizia sulle strade cittadine e ...
SPETTACOLO

Carnevale in nave apre gli Eventi di Onde Sonore tra drag queen show e danze latine

Messina. Ripartono gli appuntamenti de Gli eventi di Onde Sonore: il Gruppo Caronte & Tourist ha stilato un variegato programma di tre giornate per trascorrere la festa più colorata ...
AMBIENTE

Villa San Giovanni. Erosione costiera, partono i lavori di messa in sicurezza delle abitazioni

Villa San Giovanni. Sono giorni delicati dedicati all’emergenza relativa all’erosione costiera che sta interessando la costa villese. Proficuo, infatti, ...
ATTUALITA'

Sigilli ai gazebo del lungomare, Confesercenti: "le regole vanno rispettate, ma basta atti vessatori" VIDEO

Reggio Calabria. "Senza dubbio le regole vanno rispettate, ma non con atti vessatori che certamente non fanno bene alla città e alla sua economia". E' quanto ha motivo di ritenere il presidente di Confesercenti Reggio Calabria, Claudio Aloisio. Il provvedimento di chiusura "forzata" dei gazebo per il mancato rispetto degli accordi assunti con il Comune su quanto dovuto e non ancora pagato è avvenuto proprio in concomitanza con l'altra notizia, poco felice, per i negozianti reggini, legata all'aumento del 50% della tassa comunale sulle insegne. "Siamo la città più tassata e al contempo più povera d’Italia. Come se non bastasse, alle tasse già insostenibili, ai servizi pressoché inesistenti, a una crisi infinita che continua a imperversare, alla concorrenza sleale dei giganti del web che pagano tributi irrisori, ecco l’ennesima bella sorpresa: un aumento del 50% sui tributi per la pubblicità". Il che significa: "i negozi dovranno sborsare per le loro insegne una cifra spropositata. Chi, ad esempio, lo scorso anno aveva pagato 1.000 euro oggi ne dovrà pagare ...
POLITICA

Comune di Reggio Calabria sull'orlo del dissesto, il Sindaco rassicura: "ci opporremo con l'ottimismo" VIDEO

Reggio Calabria. Le notizie che si inseguono in questi giorni, alla luce del giudizio della Corte dei Conti, non sembrano preoccupare più di tanto il Sindaco Giuseppe Falcomatà che ai microfoni di ReggioTV assicura: "ci opporremo con l'ottimismo e la consapevolezza di chi, da sei anni, sta lavorando nel rimettere ordine ai conti dell'Ente, risolvendo problemi ereditati e problemi nati in corso d'opera in questi ...
POLITICA

Il premier Conte all'Istituto Severi di Gioia Tauro presenta il Piano per il SUD

Reggio Calabria. "E' la prima volta che un governo presenta un programma decennale per il Sud. E siamo a Gioia Tauro per farlo germogliare in un'area dove esiste un porto importante ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
BORGOITALIA
PIANETA DILETTANTI
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

FuoriGioco

Ore 23

Rac Magazine
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress