Testimoni del nostro tempo. 30 anni fa l'omicidio del giudice Livatino
AMBIENTE

Il ricordo del Coordinamento Nazionale dei Docenti delle discipline dei Diritti Umani

Testimoni del nostro tempo. 30 anni fa l'omicidio del giudice Livatino

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti delle discipline dei Diritti Umani ricorda il 30° anniversario della morte del giudice dott. Rosario Angelo Livatino occorsa il 21 settembre del 1990.
Nasceva a Canicattì il 3 ottobre 1952 e dopo la maturità classica al liceo Ugo Foscolo nel 1974 si laureava in Giurisprudenza all’Università di Palermo con il massimo dei voti all’età di 22 anni. Vinceva il concorso in magistratura nel 1978 e il 18 luglio dello stesso anno prestava giuramento presso il Tribunale di Caltanissetta. Nel 1979 giungeva alla Procura di Agrigento dove svolgeva il suo ufficio di Pubblico Ministero e avviava le inchieste sulla mafia locale, mettendone alla luce gli stretti legami con la politica. Nel 1981 veniva nominato magistrato presso il Tribunale di Agrigento.
È lì che il 21 settembre del 1990, mentre percorreva con la sua Ford Fiesta amaranto la Statale 640 in contrada Gasena per recarsi in ufficio senza scorta, come era solito fare, lo sorprendeva un commando di quattro ventenni “stiddani” - affiliati all’associazione mafiosa contrapposta a Cosa Nostra denominata la “Stidda” - che lo uccidevano brutalmente.
Uomo di legge e di fede, era “un professionista colto ed estremamente consapevole, credente convinto e praticante”, dotato di una fede che “ha dato forma al suo servizio professionale”, così lo ha definito il cardinale Franco Montenegro a chiusura del suo processo di canonizzazione diocesano.
Invero nella sua breve vita Livatino ha vissuto la sua professione di magistrato come una missione di carità verso l’uomo, agendo da servo di Dio. Dal 2011 al 2018 sono state raccolte oltre 4000 pagine di testimonianze della sua fama di santità che descrivono un uomo ed un giurista sempre volto all’ umanizzazione della giustizia. Uno dei 45 testimoni escussi nella causa di beatificazione e canonizzazione ha riferito che Livatino era solito stringere la mano dell’imputato al termine dell’udienza e che non gli interessava condannare ma rendere realmente giustizia, giudicare in base ai fatti guardando l’imputato in modo umano.
Il pentimento e la conversione dei suoi aguzzini, assieme alle testimonianze della sua fede e di un miracolo potrebbero portare al riconoscimento della sua venerabilità, beatificazione e santità a conclusione del processo presso la Congregazione delle Cause dei Santi.
Durante il suo servizio, accolse la vocazione del S. S. Giovanni Paolo II che, durante il discorso all'Unione Giuristi Cattolici del 1982, chiedeva di valorizzare coloro che si impegnano consapevolmente “nell'attuazione dell'etica cristiana nella scienza giuridica, nell'attività legislativa, giudiziaria, amministrativa, in tutta la vita pubblica”. Lo fece nella convinzione che il compito del magistrato non sia solo quello di applicare il comando astratto della legge, ma di coglierne l’anima e utilizzarla come mezzo per raggiungere la redenzione e la salvezza di ciascun uomo, perché la legge è un mezzo, e non un fine, per realizzare la tutela della dignità dell’uomo.
“La giustizia è necessaria, ma non sufficiente, e può e deve essere superata dalla legge della carità che è la legge dell’amore verso il prossimo e verso Dio, ma verso il prossimo in quanto immagine di Dio, quindi in modo non riducibile alla mera solidarietà umana” perché “la legge, pur nella sua oggettiva identità e nella sua autonoma finalizzazione, è fatta per l’uomo e non l’uomo per la legge”. Così il giudice Livatino descriveva il rapporto tra fede, giustizia e legge durante la conferenza sul rapporto tra fede e diritto svoltasi a Canicattì il 30 aprile 1986.
Nella sua vita eroica rifiutò sempre il coinvolgimento di altri nelle conseguenze del proprio servizio, siano essi familiari o agenti della scorta, vivendo consapevolmente il proprio martirio nell’inerzia generale.
Altro che ragazzino, verrebbe da pensare, Livatino fu un giudice di maturo ed elevatissimo spessore, modello di grande uomo e giurista giusto e testimone potente della fede cristiana.
In occasione della ricorrenza del trentennale dalla sua morte, il CNDDU propone ai docenti delle discipline giuridiche ed economiche, nonché ai docenti di lingua e letteratura italiana e dell’I.R.C. di avviare un approfondimento trasversale sulla figura di Rosario Angelo Livatino per coglierne gli aspetti letterari, le riflessioni sullo stato di diritto e la profonda spiritualità.
Perché il giudice Livatino ci ha lasciato un’importante eredità non solo tecnico - giuridica ma anche umanitaria.
Nelle sue riflessioni affidate agli appunti privati, oggi divenuti testi letterari, troviamo delle considerazioni dall’elevato potenziale educativo tra cui ricordiamo una delle più profonde:
“Quando moriremo non ci sarà chiesto se siamo stati credenti, ma se siamo stati credibili”.
Insegniamo ai nostri giovani ad essere credibili, ad essere testimoni dei propri ideali e della propria etica in ogni azione quotidiana, a credere di poter raggiungere i propri obiettivi con impegno e valore senza dover scendere a compromessi.
Prof. Veronica Radici
CNDDU
20-09-2020 21:43

NOTIZIE CORRELATE


27-10-2020 - CRONACA

Salgono a 109 le vittime per il Covid in Calabria

Stamani è morta una donna di 73 anni a Cosenza
24-10-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. Calabria, l'ex consigliere regionale Giudiceandrea lancia l'allarme Presila

"Tuona contro Regione ed Asp: è in corso una diffusione molto veloce e preoccupante del Covid"
22-10-2020 - CRONACA

Presunta corruzione del giudice Giusti, Armando Veneto: "nei miei confronti richiesta di rinvio a giudizio"

Depositata dalla Procura di Catanzaro, il penalista: "pm sovverte valore prove di innocenza"
21-10-2020 - ATTUALITA'

Anche la Toscana ricorda Jole Santelli

Un minuto di silenzio al Consiglio Regionale

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Coronavirus: contagiati 15 bambini in una scuola d'infanzia cosentina

Nel comune di Mangone sono stati rilevati 19 contagi da coronavirus, 15 dei quali sono bambini che frequentano il plesso della frazione Piano Lago. La notizia è stata comunicata dal Comune di Mangone su ...
POLITICA

Klaus Davi attacca il vicesindaco di Reggio Perna: "Chiedere soldi ai cittadini è ridicolo"

Ieri quando ho sentito le affermazioni del vice sindaco dottor Tonino Perna mi sono detto ‘ma dove siamo dal mio amico Antonio Ricci a ‘Scherzi a Parte’? ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Il commissario Arcuri: "Appello agli italiani, muovetevi il meno possibile"

"I contagiati da coronavirus sono 8 volte di più di 21 giorni fa, la progressione dell'Rt determina un raddoppio ogni settimana. Ogni numero vale più di mille ...
ATTUALITA'

Tari. Reggio Calabria, "No porta a porta" e AmaReggio/Stanza 101 pronti a organizzare sit-in e petizione

Sin da novembre 2019 il Comitato “No Porta a porta” conduce una battaglia civica sull’annoso problema della raccolta rifiuti. La ...
CRONACA

Produceva bitcoin usando rete aeroporto Lamezia, denunciato dipendente SACAL

Lamezia Terme (Catanzaro). "Estraeva", cioè produceva criptovalute utilizzando gli impianti della società per cui lavora, la Sacal, la società di gestione degli aeroporti ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Calabria, Sapia (M5S) al vetriolo contro l'ordinanza di Spirlì sulla Sanità

«Spirlì ritiri subito l’ordinanza isterica con cui ha alterato il corretto funzionamento del Servizio sanitario regionale, affossando il pubblico a vantaggio del ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Sindaco del catanzarese dispone lockdown

San Pietro a Maida (CZ). Il sindaco di San Pietro a Maida, Domenico Giampà, ha disposto il lockdown nel suo comune dal 31 ottobre al 10 novembre dopo che sono stati riscontrati 15 positivi. Con una ordinanza, il primo cittadino ha disposto la ...
ATTUALITA'

Coronavirus. L'ASP di Reggio Calabria conferma 17 nuovi casi positivi

La Direzione Sanitaria dell'ASP di Reggio Calabria comunica che giorno 29 ottobre 2020, sul Territorio Provinciale, sono stati sottoposti allo screening per "COVID19" 284 nuovi soggetti. Gli esami ...
SANITA'

Coronavirus. Spirlì emana ordinanza su ricoveri e prestazioni ambulatoriali

Catanzaro. Le nuove disposizioni inerenti alle prestazioni sanitarie di specialistica ambulatoriale e di ricovero differibili sono contenute nell’ordinanza n. 82, firmata oggi dal presidente ff della ...
ATTUALITA'

Pellaro. La segnalazione del cittadino: "Chiusa un'arteria fondamentale per il quartiere" VIDEO

Riceviamo e ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Il Gom comunica: 56 nuovi contagi, 46 sono migranti

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” comunica che nella giornata di oggi sono stati sottoposti allo screening per COVID-19 416 soggetti, di cui 56 sono risultati positivi al ...
ATTUALITA'

Coronavirus. La situazione in Calabria

Continua l'andamento altalenante, al rialzo, di contagi in Calabria. Nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 224 (contro i 196 di ieri) con 2.725 soggetti testati (ieri 2.655) e 2.741 tamponi (ieri 3.267). Calano i ricoverati in terapia intensiva da 11 a 7. Il bollettino ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RASSEGNA STAMPA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
ASPETTANDO IL TG
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Touchè

Ore 22.30

Strettamente Personale
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Rifiuti
  • La strafottenza dell’amministrazione comunale
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
  • L’ascensore del G. O. M.
  • Limite di velocita’
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress