“Panorama d’Italia” dal 2 aprile a Reggio Calabria
ATTUALITA'

Reggio scelta come tappa iniziale del tour

“Panorama d’Italia” dal 2 aprile a Reggio Calabria

“Panorama d’Italia” coinvolgerà anche Reggio Calabria. È una sorta di ricerca culturale della bellezza paesaggistica e intellettuale, in particolar modo là dove non viene espressa; un’iniziativa ideata e promossa dal news magazine Panorama appunto, del gruppo Mondadori. Per l’occasione verranno passate a setaccio 10 città italiane, che saranno protagoniste da aprile con 150 eventi, 300 relatori, un evento che prevede di raggiungere almeno 3 milioni di italiani sul territorio e decine di milioni sui social network. “Panorama d’Italia” sarà protagonista anche in Calabria, a partire dal 2 aprile, con la città di Reggio scelta come tappa iniziale del tour PER SCOPRIRE E RACCONTARE LE ECCELLENZE ITALIANE. Stabilire un legame mediatico e culturale con le eccellenze del made in Italy nel mondo dell’impresa, dell’economia, della cultura e dell’enogastronomia. Insomma, Panorama si mette in viaggio per l’Italia e lo farà partendo dalla martoriata città dello Stretto, così come recita oggi la cover del settimanale.



In 10 tappe da aprile a novembre, la stazione editoriale mobile di Panorama attraverserà lo Stivale per raccontare il territorio e mostrare l’Italia da un altro punto di vista, che non è quello della cronaca, e nemmeno quello politico. Per farlo, il magazine coinvolgerà eccellenze locali e ospiti prestigiosi direttamente nei luoghi dove i cittadini vivono la loro quotidianità. ReggioTv è media-partner di “Panorama d’Italia”, e nelle giornate in cui l’iniziativa farà tappa qui, il nostro staff giornalistico e tecnico darà il suo supporto, accomunati dall’impegno nella valorizzazione delle eccellenze sul territorio.



Per quattro giorni ogni città coinvolta accoglierà un calendario ricco di appuntamenti nei luoghi più vivi e rappresentativi. Si parte da Reggio (2-5 aprile) per poi fare tappa a Lecce, Ancona, Parma, e dopo la pausa estiva a Verona, Verbania, Brescia, Viterbo e Catania, per concludere a Salerno a fine novembre. Il cuore pulsante di “Panorama d’Italia” è il “Dome”, una struttura altamente tecnologica a forma di cupola, allestita nella piazza centrale di ciascuna città, a Reggio sarà Piazza Italia, dove uno speciale soft-screen proietterà video in alta definizione, con contenuti interattivi fruibili anche via tablet. All’interno convegni, presentazioni di libri e appuntamenti con esponenti di primo piano della politica e dell’imprenditoria nazionale. Contemporaneamente in altre zone della città si alterneranno eventi istituzionali, workshop, presentazioni di libri con incontri d’autore, ma anche momenti di divertimento aperti a tutti, come gli happy hour e i djset con la musica di R101. I principali incontri saranno fruibili anche in streaming su Panorama.it, che dedica al tour un canale all’interno del sito, con aggiornamenti in tempo reale, foto e video dalle tappe in corso. Tutta l’organizzazione è stata presentata in grande stile a Milano, alla presenza tra gli altri dei governatori di Calabria Lazio e Lombardia, Scopelliti, Zingaretti e Maroni. “Questa iniziativa dà l’opportunità di mettere in luce solo gli aspetti positivi, e riaccendere così la speranza sopita dei cittadini».

06-03-2014 18:16

NOTIZIE CORRELATE


21-02-2017 - ATTUALITA'

Reggio Calabria aderisce a "M'illumino di meno", iniziativa per il risparmio energetico

Il sindaco Falcomatà scrive ai bambini e intercetta le onde di Caterpillar Radio 2
20-02-2017 - ATTUALITA'

Gestione Aeroporto dello Stretto, SACAL la spunta su ASE per due punti di differenza

Su Crotone divario maggiore da SAGAS
19-02-2017 - ATTUALITA'

"Catona: dov'è l'Amministrazione Falcomatà?"

Riceviamo e pubblichiamo la nota di un telespettatore
19-02-2017 - POLITICA

Reggio, presentata la proposta di legge sul gelato calabrese

Si punta all'istituzione della Fondazione Metropolitana del gelato artigianale quale piattaforma di coordinamento di tutte le attività

ULTIME NEWS

CRONACA

Operazione ''Design'': smantellata cellula della 'ndrangheta operante in Abruzzo

Reggio Calabria. Ha permesso di individuare una cellula 'ndranghetista abruzzese, con a capo Simone Cuppari, 36enne di origini calabresi e da tempo residente sulla costa chietina, a Francavilla ...
CRONACA

Estorsione ai propri dipendenti. Arresti domiciliari per un imprenditore operante nella fascia ionica reggina

IL COMANDO PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA (RC) HA ESEGUITO UN’ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI, EMESSA DAL G.I.P. ...
CRONACA

Melito di Porto Salvo: la Polizia di Stato ha tratto in arresto un 75enne per evasione

Melito Porto Salvo (Reggio Calabria). Nella mattinata della scorsa domenica, personale del Commissariato di P.S. di Condofuri impegnato nel consueto servizio di controllo del territorio, ...
CRONACA

Ricettazione e detenzione abusiva di armi. Arrestato 42enne VIDEO

Ciminà (Reggio Calabria). Continuano i servizi di controllo straordinario ...
CRONACA

'Ndrangheta. Provvidenza 2: I NOMI DEGLI ARRESTATI

CARERI Domenico, inteso “J.R.”, nato a Gioia Tauro (RC) il 9 febbraio 1962, residente a San ...
CRONACA

Viola gli obblighi di assistenza familiare, finisce ai domiciliari 38enne di Taurianova

Taurianova (Reggio Calabria). Ieri, personale del Commissariato di P.S. di Taurianova ha eseguito l’ordine di carcerazione in regime di detenzione domiciliare, emesso ...
CRONACA

Furto aggravato, arrestato 28enne

Nel tardo pomeriggio del 20 febbraio 2017, in San Procopio (Rc), i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato, in esecuzione di ordinanza su richiesta di applicazione di misura cautelare personale emessa dal Tribunale di Palmi (Rc) – ...
CRONACA

'Ndrangheta. Non si esaurisce la "Provvidenza" dei Piromalli, altri 12 arresti: sequestrato consorzio a cui afferiscono 40 aziende agricole VIDEO

Gioia Tauro (Reggio Calabria). È in corso dalle prime ore di questa mattina, l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Reggio Calabria, su richiesta di questa procura distrettuale antimafia, nei confronti di 12 affiliati alla cosca Piromalli di Gioia Tauro, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, intestazione fittizia di beni, truffa ed altri reati aggravati dalle finalità mafiose. L'intervento, che segue a meno di un mese il fermo di 33 persone organiche al sodalizio di Gioia Tauro emesso da questa procura della repubblica, ha previsto il contestuale sequestro preventivo di beni per un valore di circa 50 milioni di euro, tra cui il noto consorzio CO.P.A.M. di Varapodio (rc) costituito da oltre 40 aziende e cooperative agricole operanti nella piana di Gioia Tauro, nella Sicilia Orientale e nel Basso Lazio. I provvedimenti, eseguiti dal raggruppamento operativo speciale, si collocano nel quadro di un'articolata manovra investigativa avviata in direzione dei vertici della ndrangheta reggina, già concretizzatasi: il 15.07.2016, con l’esecuzione dell’o.c.c. in carcere nei confronti 8 indagati per associazione di tipo mafioso e scambio elettorale politico mafioso, nel cui ambito, oltre ad accertare l’operatività di una struttura direttiva occulta della ‘ndrangheta, veniva riscontrato il funzionamento di un organo collegiale denominato “santa” ideato dai vertici delle cosche De Stefano e Piromalli (operazione Mammasantissima); il 15.11.2016 ed il 19.11.2016, con l’esecuzione di misure cautelari nei confronti di 53 affiliati alla cosca Condello, indagati per associazione di tipo mafioso, estorsione, intestazione fittizia di beni ed altri delitti, tutti aggravati dal metodo mafioso (operazione Sansone); il 19.01.2017, con l’esecuzione di un provvedimento di fermo nei confronti 35 soggetti, contigui alla cosca Piromalli responsabili dei reati associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione ed altri reati aggravati dal metodo mafioso (operazione Cumbertazione); il 26.01.2017, con l’esecuzione di un provvedimento di fermo nei confronti di 33 affiliati alla cosca Piromalli, indagati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, intestazione fittizia di beni, autoriciclaggio e altri reati aggravati dalle finalità mafiose (operazione Provvidenza). Le risultanze contenute nell’odierna ordinanza cautelare certificano ancora una volta le dinamiche associative e gli assetti mafiosi della cosca “Piromalli”, evidenziando il ruolo apicale dei fratelli Piromalli Giuseppe cl. 45 detto “facciazza”, attualmente detenuto presso il carcere de l’aquila, e Piromalli Antonio cl. 39 detto “u catanisi”, in grado di orientare gli equilibri criminali dell’intero mandamento tirrenico e di condizionare il locale tessuto economico-imprenditoriale, con particolare riferimento ai settori agro-alimentare e turistico-ricettivo, grazie alla complicità di imprenditori contigui alla cosca. In particolare, l’indagine ha accertato come il citato Piromalli Giuseppe, benché da anni ristretto in regime detentivo speciale, attraverso i periodici colloqui con i familiari, e facendo leva su un'efficiente filiera comunicativa, fosse in grado di veicolare all’esterno ordini e messaggi, funzionali alla direzione degli affari del clan, controllati attraverso il figlio Piromalli Antonio, destinatario del provvedimento di fermo del 26 gennaio u.s.. In tale contesto, altro ruolo carismatico in seno alla cosca è risultato quello dell’ultrasettantenne Piromalli Antonio, defilato sotto il profilo strettamente operativo, ma ancora molto influente nella pianificazione delle strategie criminali dell’organizzazione, soprattutto nel dirimere le controversie sorte tra gli affiliati, anche rispetto a problematiche non prettamente criminali. Inoltre, proprio all’anziano Piromalli Antonio era devoluto il compito di rinsaldare i rapporti con la cosca Molè, un tempo alleata, attraverso la figura di Molè Michele cl. 66, opportunamente coinvolto nella ripartizione dei proventi derivanti dagli affari criminali legati alla gestione del porto di Gioia Tauro. Sul piano più generale, le investigazioni del Ros hanno messo in luce anche le infiltrazioni dell’organizzazione criminale sia nel settore agroalimentare, documentando le interrelazioni transnazionali strumentali allo sviluppo di tali importanti traffici commerciali, che nel settore turistico-ricettivo, attraverso ingenti investimenti di denaro di provenienza illecita nell’acquisto di strutture alberghiere ubicate in zone costiere ad elevata vocazione turistica. In particolare nel comparto oleario, è emersa la figura degli imprenditori Careri Domenico e Gioacchino, da sempre legati a Piromalli Giuseppe cl. 45 e al figlio Antonio, per conto dei quali avviavano un’ingente attività di esportazione di olio verso gli stati uniti, con la prospettiva di rilevanti introiti derivanti dalla possibilità di commercializzare il prodotto in noti ipermercati americani, potendo contare, tra l’altro, sull’articolato circuito relazionale di Vizzari Rosario, prestanome del sodalizio stabilitosi da anni nel New Jersey. Tale meccanismo di fatto consentiva ai Piromalli di penetrare nel mercato americano con prospettive di guadagno e riciclaggio di denaro, mentre ai Careri di assumere una posizione rilevante nel settore oleario, vendendo il proprio prodotto ad un prezzo decisamente vantaggioso e dissimulando, dietro l'etichettatura di olio extravergine, la vendita di olio di sansa (in alcuni casi persino avariato). Le ipotesi di frode in commercio e contraffazione alimentare sono attualmente al vaglio delle autorità americane, con approfondimenti da parte dell'FBI. Nella distribuzione dei prodotti ortofrutticoli, è invece emerso come la cosca avesse infiltrato il consorzio COPAM di varapodio (rc), costituito da numerose cooperative calabresi e siciliane, sfruttandone la notevole capacità di approvvigionamento di prodotti agrumicoli, e disponendone sul piano gestionale e commerciale, grazie al ruolo di Scarpari Rocco, semplice dipendente ma, di fatto, vero dominus della cooperativa, in quanto referente della cosca gioiese. Attraverso tale rilevante controllo, il sodalizio è stato in grado di alimentare sia la grande distribuzione del nord-est italiano che il mercato rumeno. in particolare, dalle indagini del ros è emerso come Piromalli Antonio, anche tramite il socio Alessandro Pronestì, ingerisse nella gestione della C.O.P.A.M., sovrintendendo in prima persona a tutta la filiera commerciale di fornitura dei prodotti agrumicoli - stabilendo tempi, quantitativi e prezzi delle merci da esportare- curando i rapporti con le aziende (es: Polignanese al MOF di Milano, o aziende in Romania) e intervenendo anche nella gestione del personale dipendente del consorzio. In particolare, nell’ambito delle trattative condotte con alcuni imprenditori rumeni, preoccupati dalla possibile interruzione degli approvvigionamenti, Pronestì Alessandro, che agiva secondo le direttive di Piromalli, si spingeva a rassicurare i suoi interlocutori, dicendo che la cooperativa aveva di fatto l’obbligo di rifornire prioritariamente le aziende indicate dall’organizzazione:“”forse tu non hai capito una cosa, la cooperativa prima manda a noi e poi se avanza manda agli altri!”. Le attività del consorzio COPAM erano inoltre utilizzate dalla cosca Piromalli nelle operazioni commerciali di esportazione dell'olio d'oliva verso gli Stati Uniti. Il consorzio, infatti, veniva costretto a garantire il pagamento in anticipo di quanto prodotto dalla società i fratelli Careri ed a farsi carico dei costi delle ulteriori (e non necessarie) operazioni di intermediazione (Piromalli Antonio: "glielo hai specificato a Scarpari ...ogni vendita che facciamo fare a lui ........già a priori deve sapere che due centesimi li deve mettere in fattura in più per noi"). A riscontro del controllo totalizzante del consorzio da parte della cosca, è emerso inoltre come Piromalli Antonio stesse prendendo in considerazione di trasferire la sede di COPAM all’interno dell’area commerciale del porto di Gioia Tauro, sia perché trovava le spese degli stabilimenti di Varapodio troppo eccessive, sia per rendere ancora più agevole le attività di esportazione di agrumi verso gli stati uniti. Infine, per quanto concerne il settore turistico-ricettivo, le investigazioni condotte dal ROS hanno dato conto del profilo imprenditoriale di Comerci Nicola Francesco che, nel corso degli anni, ha saputo creare un impero economico, avvalendosi dei capitali e della protezione della cosca, soddisfacendone ogni richiesta: dalla gestione dei latitanti, agli investimenti nel settore immobiliare, all’inserimento di ditte di riferimento del sodalizio nelle forniture alberghiere. collegamento emerso in modo ancora più palese in occasione del tentato omicidio del figlio Andrea, avvenuto nel giugno 2015 a Parghelia(vv), che spingeva Comerci Nicola Francesco a rivolgersi ad esponenti della cosca piromalli per giungere all’individuazione dell’autore dell’azione delittuosa. Traa i destinatari del provvedimento anche Ferro Cinzia e Cordì Teresa, le quali, per conto del sodalizio, fungevano da prestanome nella gestione di imprese inserite nei servizi di pulizia e catering di alcune strutture turistiche riconducibili ad importanti società di settore, nonché nel ramo dell’abbigliamento, con punti vendita in alcuni centri commerciali della provincia di Milano e Udine. Nel medesimo contesto, è stata data esecuzione anche al sequestro preventivo emesso dal gip calabrese, ai sensi del comma 7 del reato di associazione mafiosa (416 bis del c.p.), nei confronti delle già citate imprese: - il consorzio COPAM di Varapodio (rc), costituito da oltre 40 soci, aziende e cooperative agricole, che operano nella piana di Gioia Tauro, nella Sicilia Orientale e nel basso Lazio, attivo nel commercio dei prodotti ortofrutticoli, ed in particolare nel settore agrumario dei kiwi e delle pesche, con un fatturato di oltre 20 milioni di euro; - la società S.G.F. FRATELLI CARERI SRL, con sede legale in Milano e stabilimento in San ...
CRONACA

Blitz interforze in cantiere costruendo supermercato, scoperti 10 lavoratori in nero: elevate sanzioni per 100 mila euro VIDEO

Reggio Calabria. Nei giorni scorsi, nell’ambito del Piano di azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta, elaborato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, ed in esito ad un’attenta analisi volta al contrasto del fenomeno del lavoro sommerso, la Polizia di Stato, i Carabinieri e la Guardia di Finanza hanno effettuato un servizio congiunto di controllo straordinario del territorio presso il cantiere edile di via Padova che ospita il punto vendita “Supermercati Lidl”, di prossima apertura. Anche in questa circostanza, il complesso dispositivo di sicurezza e di controllo straordinario del territorio ha visto la sinergia operativa di numerosi Agenti della Polizia di Stato, in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Meridionale” di Siderno, dei Militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, della Polizia Provinciale, di personale specializzato dell’Ispettorato del Lavoro di Reggio Calabria, di personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica che ha monitorato e filmato le operazioni e di personale del V Reparto Volo che, a bordo di un elicottero della Polizia di Stato, ha monitorato dall’alto tutte le fasi dell’intervento. L’attività operativa realizzata ha consentito di svolgere accurati controlli presso il cantiere che ospita il punto vendita “Supermercati Lidl”. Nella suddetta area di cantiere sono state identificate 80 persone, è stata constatata la presenza di 10 lavoratori in nero e sono state elevate sanzioni amministrative per un importo di circa 100.000 euro. Sono, altresì, in corso verifiche, anche da parte dell’Ispettorato del Lavoro, per accertare eventuali ulteriori violazioni alla vigente normativa sul lavoro. Il dispositivo di sicurezza dispiegato dal Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, proseguirà anche nei ...
CRONACA

15 giorni fa sorpreso a rubare nel cantiere della nuova caserma, già a piede libero i carabinieri gli trovano 67 dosi di cannabis

Gioia Tauro (Reggio Calabria). Solo 15 giorni fa, era stato arrestato dai Carabinieri, assieme ad ...
POLITICA

Consiglio regionale, si apre la seduta e Wanda è già in aula

Reggio Calabria. È appena iniziata a Palazzo Campanella la seduta d'insediamento della vicecoordinatrice calabrese di Forza Italia Wanda Ferro. Doveva avere inizio alle 14. L'ex candidata alla Presidenza della Regione per ...
SPORT

Reggina, se ne va un altro pezzo di storia. Addio a Battista Missiroli

REGGIO CALABRIA - Nel pomeriggio odierno si è spento a soli 63 anni l’ex centrocampista della Reggina di metà anni ’70 “Furia” Battista Missiroli, padre di Simone, altro ex ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

CHISTI SIMU
ATLETI
VIOLA A2.0
TG EDIZIONE SERALE
differenziamola
DIRETTA STREAMING

OGGI SU RTV

Ore 21.15 Medicina in diretta

Diretta 0965797635

Ore 22.30

Pianeta Dilettanti
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Stada pericolosa
  • Votiamo con la nostra testa
  • Luci spente svincolo autostrada Spirito Santo
  • Luci spente svincolo autostrada Spirito Santo
  • Turismo e CULTURA a RC?
  • Acqua non potabile
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
viola
idomotica