Scuola, più di 3000 firme alla Regione per salvare il plesso di Rosalì
ATTUALITA'

La nota del Consiglio d'Istituto della scuola Radice-Alighieri di Catona

Scuola, più di 3000 firme alla Regione per salvare il plesso di Rosalì

"Straordinario risultato dalla prima iniziativa lanciata per fronteggiare il vergognoso “scippo di Natale” ai danni dell’IC Radice-Alighieri di Catona, che si è visto trasferire il plesso di Rosalì al Comune di Campo Calabro.
3.105 (Tremilacentocinque) cittadini hanno sottoscritto in 4 giorni la petizione popolare che chiede alla Regione Calabria l’immediato annullamento del Piano di Dimensionamento Scolastico Metropolitano di Reggio Calabria.
Grande soddisfazione per una mobilitazione senza precedenti, che conferma come il territorio non è più disposto a subire atti di prepotenza amministrativa.
La rabbia per una scelta ingiusta perpetrata sulla testa dei bambini e del territorio di Rosalì, di Catona, di Concessa, di Villa San Giuseppe, di Arghillà, di Salice, di Spontone, unita alla passione di ritrovarsi, coesi e con un forte senso di appartenenza nello sforzo di ribaltare una situazione paradossale quanto può essere paradossale il “furto con destrezza” di un plesso scolastico, ha prodotto qualcosa di incredibile, qualcosa di mai visto a Reggio e provincia: 3105 cittadini, da giovedì 11 a Lunedì 15 Gennaio, in appena 4 giorni, sottoscrivendo la petizione lanciata dall’assemblea popolare di mercoledì 10 Gennaio a Rosalì, hanno urlato un fermo e deciso NO allo spostamento del plesso di Rosalì dall’IC Radice-Alighieri di Catona a quello di Campo Calabro.
Un risultato straordinario che è andato oltre ogni più rosea aspettativa, che ha visto per quattro giorni una mobilitazione capillare e appassionata di cittadini, genitori, docenti e personale ATA della scuola, in una corsa a voler far sentire la propria voce, il proprio dissenso per l’atto in sé e per il modo come è stato perpetrato percepito violento, prepotente e di una arroganza mai vista prima. La mobilitazione ha visto l’attivazione di punti raccolta presso esercizi commerciali, plessi scolastici, associazioni del territorio, in un esercizio di democrazia che dovrebbe far riflettere in tanti, ma soprattutto il Sindaco Falcomatà, che quella democrazia ha ritenuto di dover sospendere nel momento stesso in cui ha adottato una posizione opportunistica e priva del minimo interesse comune.
La petizione parte da alcune delle considerazioni emerse da quella famosa deliberazione della Giunta Metropolitana del 21 dicembre e poi ratificata dalla Giunta Comunale (quando la stessa maggioranza di Palazzo San Giorgio si è spaccata sulla modifica del proprio piano di dimensionamento scolastico): l’atteggiamento disarmante, deludente ed estremamente preoccupante dell’Amministrazione Metropolitana e Comunale di Reggio Calabria, che hanno inteso con atto unilaterale, non condiviso e illegittimo, scorporare il plesso scolastico di Rosalì dall’IC Radice-Alighieri di Catona per annetterlo all’IC di Campo Calabro nel piano di dimensionamento scolastico 2018-2019; l’assurdità di una scelta basata esclusivamente sui numeri (e ancor di più nel metodo adottato per metterla in atto) che inevitabilmente porterà alla morte di una istituzione di vitale importanza per Rosalì; i numerosi vizi di legittimità nella procedura amministrativa seguita; l’incongruenza della scelta con le linee guida regionali in materia di dimensionamento scolastico; la totale assenza di condizioni di accessibilità tra Campo Calabro e Rosalì; i rischi congeniti alla interruzione della continuità didattica (gli alunni cambieranno tutti gli insegnanti); la distruzione di un rapporto virtuoso intessuto in questi anni tra scuola e territorio, in tutte le sue componenti associative; l’interruzione di tutte le attività di interplesso legate all’orientamento, all’indirizzo musicale, alle progettualità extracurriculari; che Campo Calabro dovrebbe sforzarsi di raggiungere la sua autonomia attraverso il recupero del gran numero di alunni che si iscrivono nella scuola di Villa San Giovanni e non facendo campagna acquisti di plessi non viciniori; la perdita occupazionale nel corpo docente per la creazione di docenti “perdente posto” che rischiano di rimanere esclusi dall’insegnamento nel corso dell’anno scolastico 2018-2019; il ruolo della scuola come baluardo fondamentale di legalità e di lotta alla criminalità.
Da queste considerazioni è venuta fuori la richiesta immediata di annullamento del Piano di Dimensionamento Scolastico Metropolitano di Reggio Calabria nella parte che prevede il trasferimento del plesso di Rosalì, richiesta che sarà immediatamente inoltrata alla Regione Calabria e agli organi che quella scelta l’anno proposta e avallata. Allo stesso modo la petizione sarà trasmessa per conoscenza alle istituzioni di Prefettura e al Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Dott. Antonio Marziale, ribadendo che a Rosalì si è esercitata una violenza “amministrativa” che in primo luogo danneggia i bambini di quel territorio. E questo, oltre TREMILA cittadini, si sono già detti non disposti ad accettarlo."
CONSIGLIO D’ISTITUTO DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO RADICE-ALIGHIERI DI CATONA

16-01-2018 19:38

NOTIZIE CORRELATE


17-06-2019 - ATTUALITA'

Ancadic: "Comune di Motta San Giovanni, legalità dove sei?"

Riceviamo e pubblichiamo
17-06-2019 - ATTUALITA'

Monasterace. Inaugurato il nuovo Waterfront

Restituito ai cittadini un tratto di lungomare meraviglioso che da tanto tempo era inutilizzabile
17-06-2019 - ATTUALITA'

L'associazione Nuova Solidarietà organizza il convegno: 'Prendersi cura della comunità. La solidarietà al servizio del benessere sociale'

I temi saranno analizzati da figure specializzate nel campo della psicologia

ULTIME NEWS

CRONACA

Gotha. Scarcerato Alberto Sarra

Reggio Calabria. Il Tribunale di Reggio Calabria, presieduto dalla dottoressa Silvia Capone, in accoglimento dell’istanza presentata dagli avvocati Giuseppe Nardo e Danilo Sarra, ha revocato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Alberto Sarra, raggiunto da ordinanza di ...
ATTUALITA'

Gazebo sequestrati, ConfCommercio: "Atteggiamento schizofrenico dell'Amministrazione Comunale"

Reggio Calabria. Confcommercio esprime vicinanza all’Azienda Sottozero di Vincenzo Pennestri ed agli altri pubblici esercizi operanti sul lungomare Matteotti che, ...
CRONACA

Reggio Calabria. Chiusi i gazebo di Sottozero, Matteotti e Taverna Marinara

Reggio Calabria. Ancora un blitz della Polizia Municipale. Sequestrati tre gazebo del Lungomare cittadino: Sottozero, Matteotti e Taverna Marinara. Le contestazioni riguarderebbero ancora una volta presunte ...
CRONACA

Un suicidio "anomalo". Il caso della morte del Carabiniere Fausto Dardanelli. I genitori: "vogliamo verità" VIDEO

Reggio Calabria. Ci sono elementi che aprono ad altre ipotesi oltre al suicidio. Ne sono convinti i familiari di Fausto Angelo Antonio Dardanelli, giovane carabinieri reggino classe ’82 che avrebbe deciso, in un assolato pomeriggio del 22 luglio di 3 anni fa di togliersi la vita, in una zona isolata di Bagaladi, presso la cui caserma dell’Arma prestava servizio. Ecco perché non chiedono altro: evitare che il caso venga archiviato e che vengano svolte delle indagini approfondite. Ci sono troppi lati oscuri a far da contorno a questa morte per molti versi assurda. A partire dalla dinamica stessa di quanto accaduto e per circostanze che si sarebbero registrate prima e dopo il tragico evento. A partire dai due colpi esplosi dalla pistola d’ordinanza con la quale Fausto si sarebbe ucciso. Un fatto piuttosto strano in un suicidio hanno motivo di ritenere genitori e legale della famiglia, Antonia Giovanna Lascala. Sparo dei due colpi che – secondo la spiegazione finita nella richiesta d’archiviazione – potrebbe essere conseguenza di un colpo forse sparato prima e non andato a segno per paura o indecisione del giovane carabiniere che poi avrebbe sparato il colpo finale. Oppure partito dopo quello letale, quale conseguenza di un movimento di riflesso dell’arto. Una tesi “debole” secondo il legale della famiglia. La pistola, inoltre, sarebbe stata ritrovata nella mano destra del giovane carabinieri, eppure alcuni schizzi di sangue sarebbero stati ben visibili anche sulla sinistra. Una “circostanza anomala”, ancora la famiglia, così come sarebbero molte le incongruenze legate al presunto orario della morte e alla successiva comunicazione giunta non solo ai familiari. Quel drammatico giorno Fausto Dardanelli, dopo il servizio in caserma fino alle 15, si sarebbe dovuto vedere con il padre alle 16 per andare insieme a pesca. A quell’appuntamento, nonostante lo avesse confermato, in realtà non si è mai presentato. Avrebbe deciso infatti di togliersi la vita, a bordo della sua auto personale, indossando la divisa per quale aveva una cura assoluta. Con la cintura di sicurezza diligentemente allacciata, il motore acceso, la musica ad alto volume e l’aria condizionata in funzione. E’ vero. Usciva fuori da una situazione sentimentale complicata che, raccontano familiari e colleghi, era comunque riuscito a superare in maniera tranquilla. E allora perché quella morte assurda? I suoi genitori se lo chiedono ancora. E sperano possa emergere in tutta chiarezza la verità. Una verità che aspettano, con il cuore ...
ATTUALITA'

Reggio, Falcomatà e Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti in città VIDEO

Reggio Calabria. “Vogliamo fare il punto sulla ...
ATTUALITA'

Esercitazioni del gruppo Speleo Alpino Fluviale dei Vigili del Fuoco alla funivia di Gambarie d'Aspromonte VIDEO

Il personale del nucleo Speleo Alpino Fluviale del Comando di Reggio Calabria nei giorni scorsi è stato impegnato in quattro esercitazioni che si sono tenute presso l’impianto di risalita di Gambarie, gestito dalla cooperativa Aspro service, che va da Piazza Mangeruca a Monte Scirocco. Durante le esercitazioni è stato simulato il blocco accidentale dell’impianto con la successiva evacuazione delle persone rimaste sui seggiolini. Nelle quattro giornate sono state effettuate diverse simulazioni in parti differenti del tracciato in modo di testare più scenari con diverse difficoltà operative. Oltre al personale del Comando di Reggio Calabria hanno preso parte all’esercitazione anche operatori del nucleo SAF del Comando di Vibo Valentia. In tutto alle esercitazioni hanno preso parte 27 unitàSAF Vigili del Fuoco. La manovra messa a punto dai Vigili del Fuoco e sperimentata in questa occasione permetterà di effettuare i futuri interventi in minor tempo limitando gli effetti negativi causati dall’esposizione al freddo dei soccorsi. La simulazione è stata utile, anche, per meglio standardizzare le procedure operative tra il personale dei due Comandi. I risultati delle esercitazioni sono confortanti poiché il duro lavoro, cui sono stati sottoposti gli operatori, ha permesso di verificare che si è giunti ad un buon livello operativo. Mettere a sistema le conoscenze del personale dei due Comandi ha permesso di incrementare il numero di operatori che potranno intervenire nei vari scenari essendo padroni di quelle tecniche che dovranno utilizzare in caso di reali interventi in entrambe le province. Coscienti della risposta che il cittadino si attende, in caso bisogno, i Vigili del fuoco continuano a mettere in atto tutto quanto è necessario preparandosi in modo da offrire il migliore intervento possibile in funzione dei compiti che lo Stato ha ...
CRONACA

Siderno. A fuoco stabile, i vigili del fuoco evitano gravi conseguenze FOTO

Intensa giornata quella di ieri per i vigili del fuoco della ...
ECONOMIA

Rapporto Bankitalia: "La Calabria cresce anche se con perdita di slancio"

La Calabria continua a crescere nel 2018, anche se con una "perdita di slancio" rispetto all'anno precedente e con aspettative da parte delle imprese che rimangono moderatamente ottimistiche per il ...
ATTUALITA'

Taormina Film Festival. Michele Affidato realizzerà i premi per la kermesse

Nicole Kidman, Oliver Stone, Richard Dreyfuss, Peter Greenaway, Alessandro Haber e Riccardo Scamarcio. Sono solo alcuni dei nomi che animeranno la 65esima edizione del “Taormina Film Fest”, ...
SPORT

Il Consiglio Regionale del CONI si è riunito per trattare le tematiche relative al Trofeo CONI 2019

Venerdì 14 Giugno presso il Salone Oreste Granillo della Scuola Regionale dello Sport Calabria, si è riunito il Consiglio Regionale del CONI, per ...
CRONACA

Guida in stato di ebbrezza: 5 patenti ritirate nel reggino

Durante la notte tra sabato e domenica, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio a Cittanova, in occasione di un evento organizzato nel territorio e attrattivo di ...
ATTUALITA'

Sanità. Decreto Calabria. Quando la battaglia non ha colore politico. Martedì la protesta si sposta nella Capitale

Reggio Calabria. Sarà una settimana chiave sul fronte della sanità calabrese e reggina in particolare. Il Consiglio ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Dissesto stradale
  • CONCORSO COSENZA - BLOCCO ASSUNZIONI
  • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
  • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
  • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
  • Nuova piscina comunale.
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
Italpress
idomotica