Scuola, con l'arrivo della Primavera al via la stagione dei viaggi d'istruzione: ma la Calabria continua ad essere baipassata
ATTUALITA'

La nostra regione non è tra le principali mete scelte dalle scuole italiane

Scuola, con l'arrivo della Primavera al via la stagione dei viaggi d'istruzione: ma la Calabria continua ad essere baipassata

Reggio Calabria. Con l’arrivo della primavera per molte classi delle scuole, in particolare medie e superiori, arriverà il momento di partire per il classico viaggio d’istruzione. Ci riferiamo alle gite scolastiche di più giorni, il viaggio d’istruzione per eccellenza che gli studenti ricorderanno per sempre nella loro vita.
Il viaggio d’istruzione non è solo una opportunità di divertimento, ma è soprattutto una tappa importante per la maturazione e la crescita degli alunni. Ed è per questo che organizzare un viaggio d’istruzione e scegliere la meta non è mai semplice.
Il problema, per gli scolari di oggi, è che se ne fanno sempre meno. Le gite scolastiche, anche per le scuole reggine e calabresi, stanno diventando merce rara. La conferma giunge anche dal sondaggio effettuato da Skuola.net su oltre 7mila ragazzi di medie e superiori secondo cui solo il 45% parteciperà al viaggio d’istruzione.
E chi non parte? Il 46% Ha dovuto rinunciare a malincuore al viaggio. I motivi? Il fattore docenti è ancora quello predominante: in 1 caso su 4 (25%)sono proprio i prof a far saltare la gita, rifiutandosi di accompagnare le classi. Nel 10% dei casi ci sono questioni disciplinari alla base dello stop delle partenze. I motivi economici si aggiungono poi a quelli legati alle paure del terrorismo .Un altro 9% di studenti ,pur avendo avuto il via libera dalla scuola, non parteciperà lo stesso al viaggio. Per una fetta consistente di loro (il 28%) tale scelta è dovuta alle difficoltà economiche della famiglia, che non può permettersi di pagare la quota, anche se le spese per le gite scolastiche sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi 2018 . Ma sono ancora di più quelli che hanno preso questa decisione in maniera spontanea: il 30% non ha piacere a stare insieme ai compagni di classe e questo è un dato inquietante. Tra le altre cause la mancanza di fiducia da parte dei genitori(6%).
Il turismo scolastico è stato per anni considerato un segmento turistico di scarsa rilevanza economica, tuttavia muove ogni anno grandi numeri aggiudicandosi un posto di rilievo nel panorama di segmenti turistici individuati a livello nazionale. Tra insegnanti e studenti sono circa quattro milioni e mezzo gli italiani che nel corso dell’anno scolastico si spostano per effettuare viaggi d’istruzione, fruttando complessivamente alle casse del comparto un miliardo di euro. Alle spese dei viaggi d’istruzione tradizionali si aggiungono poi quelli che la scuola organizza nel corso dell’anno con stage nelle aziende e viaggi all’estero decisamente più seri e formativi. In questi casi ,tra l’altro,le famiglie non pagano nulla.
Bastano, dunque, queste cifre per comprendere come il turismo alimentato dall’universo scuola possa trasformarsi per l’industria dei viaggi in una opportunità di business importante, soprattutto in considerazione del fatto che il picco dei flussi si registra in periodi di bassa stagione.
Come meta principale per le gite scolastiche, si conferma lItalia, specie alle scuole medie. Complessivamente, il 57% ha puntato una località del nostro Paese (l’80% nel caso delle secondarie inferiori), con le città in cima alle preferenze che sono le città d’arte come Firenze (12%), seguita da Napoli (10%) e Roma (8%). Più giù fra le mete troviamo Palermo (6%), Torino e Trieste (entrambe al 5%). Molto richieste anche le località sciistiche (6%).
Le gite all’estero comunque rimangono una valida alternativa: il 43% degli studenti, infatti, organizzerà una visita nelle capitali europee con Berlino, Londra, Praga, Atene, Vienna e Budapest in cime alle preferenze al 6%. A seguire Madrid, Barcellona e Amsterdam (4%).
Cosa ha portato alla scelta finale della meta? Nel 67% dei casi, è stato l’interesse culturale del posto. Ma il 22% ha preferito puntare sulle città più economiche.
Se il terrorismo non spaventa nella scelta della gita (il 6%), la sicurezza del mezzo di trasporto non pare essere una variabile (la valuta appena il 5%).
Il pullman resta il primo mezzo di trasporto (47%), anche se le compagnie aeree low cost (19%) rimangono l’alternativa (soprattutto se la gita è all’estero). Gli aerei di linea (15%) sono la terza strada percorsa, mentre i treni (14%) continuano a non essere molto usati.





Anche quest’anno si rinnoverà la collaborazione tra Miur e la Polizia stradale per rendere più sicure le gite.
Nel 2017 la Polizia stradale ha impiegato 11.474 pattuglie per il controllo a fronte delle 10.615 dell’anno precedente. Sono stati controllati 15.946 autobus, di cui 11.190 su segnalazione delle scuole (nel 2016 sono stati 15.546, di cui 10.126 su richiesta delle scuole). Nel 2017 su 15.946 veicoli controllati sono risultati 2.041 quelli irregolari, di cui 993 controllati su segnalazione delle scuole.
Le principali violazioni hanno riguardato: pneumatici lisci, cinture di sicurezza guaste, fari rotti (in 639 casi), mancato rispetto dei tempi di guida e di riposo (297) e eccesso di velocità (253). Nel corso dei controlli sono state ritirate 40 carte di circolazione e 35 patenti di guida.
Altra novità quest’anno riguarda i paesi italiani come nuove mete del turismo culturale scolastico. Infatti, oltre alle città d’arte più importanti, d'ora in avanti il Ministero della pubblica istruzione proporrà come mete di gite anche i centri abitati più piccoli. È la proposta dell'Anci contenuta nel protocollo d'intesa firmato nel corso dell’evento conclusivo dell’anno dei borghi. I borghi italiani rappresentano una grande risorsa culturale ed economica per il paese da cui partire per innovare e creare comunità resilienti e partecipate. In questa direzione l’idea di fondo del protocollo è di promuovere azioni congiunte fra Mibact, Miur e Anci che consentano di orientare il turismo culturale scolastico non solo verso le destinazioni tradizionali.
Questa presa di posizione potrà stimolare le istituzioni scolastiche a invertire una tendenza che costantemente vede la Calabria tra le regioni più deboli,come Molise e Abbruzzo, perchè quasi mai indicate come meta principale di un viaggio d’istruzione con pernottamento .. E’ raro,infatti, incontrare scolaresche del nord che visitano i nostri luoghi pur ricchi di storia, e quant’altro.
La nostra regione viene, di fatto , baipassata.
La creazione di una guida del turismo scolastico è quanto mai opportuna per valorizzare l’unicità, l’identità e la tipicità del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico, una ricchezza fatta di paesaggi incantevoli, di bellezze archeologiche e architettoniche, di relazioni, valori ed esperienze che i giovani hanno il diritto-dovere di comprendere , assimilare e di conoscere prima di tutto. Perché è stupefacente verificare che gli studenti calabresi sconoscono per la maggior parte di loro la Calabria nel suo vasto variegato patrimonio, naturale, storico, architettonico.
Un invito che ancora oggi va rinnovato alle istituzioni scolastiche della regione affinché favoriscano sempre più gite e viaggi d’istruzione nelle varie località calabresi.
Ma ancor più stupefacente é verificare che gli studenti calabresi sconoscono per la maggior parte di loro la Calabria nel suo vasto variegato patrimonio, naturale, storico, architettonico.
Un invito che viene rivolto sempre più spesso, e che ancora oggi rinnoviamo, alle istituzioni scolastiche della regione affinché favoriscano sempre più gite e viaggi d’istruzione nelle varie località calabresi.
In tal senso può venire incontro una legge regionale più puntuale e , direi, più rigorosa in termini di vincoli per l’erogazione del supporto finanziario per quelle scuole che inseriscono nei loro programmi attività mirate o scambi culturali all’interno della regione e si impegnino a restituire in termini di elaborazione culturale il frutto dell’esperienza realizzata.
Una normativa premiale in questo senso potrà essere vincolata per esempio alla validità di una ricerca,di un particolare impegno,di una significativa testimonianza di impegno presentata dalle scuole e che si intende realizzare in quella determinata parte del territorio.
Dobbiamo quindi avere il coraggio di dare al turismo scolastico un senso più profondo e strutturato.
Ma bisogna avere anche un altro coraggio: certificare la validità delle gite scolastiche.
Ci deve essere, in pratica, un soggetto terzo che dica se ci sia un rapporto positivo o meno tra il modello di un gita e la finalità che si vogliono perseguire. Ciò vuol dire, ovviamente, anche togliere dal circuito delle proposte di viaggio quegli itinerari che non raggiungono certi livelli qualitativi di educazione.
Non va dimenticata poi, l’opportunità messa a disposizione dai Parchi calabresi che anche per il corrente anno intendono sostenere il turismo scolastico nelle aree protette.
Guido Leone
già ispettore tecnico USR Calabria


12-03-2018 08:38

NOTIZIE CORRELATE


15-12-2018 - CRONACA

Falcomatà: "Profondo cordoglio per la morte di Antonio. Reggio Calabria è in lutto"

La Città si unisce al dolore della famiglia ed esprime la sua vicinanza ai familiari di tutte le vittime della strage di Strasburgo
15-12-2018 - CRONACA

Confisca di beni ad esponente della cosca Iamonte

un autoveicolo e svariati rapporti bancari, titoli obbligazionari e polizze assicurative per un totale di 70 mila euro
15-12-2018 - CRONACA

Reggio, confiscati beni ad esponente della cosca Alampi

per un totale complessivo di 300 mila euro
15-12-2018 - CRONACA

Bracconaggio, i Carabinieri Forestali denunciano tre persone nel reggino

armi e munizioni sono state immediatamente sottoposte a sequestro
14-12-2018 - ATTUALITA'

"Strade e periferie abbandonate, l'Amministrazione sempre più lontana dalle esigenze dei cittadini"

La nota di Mary Caracciolo Capogruppo Forza Italia

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Carabinieri, dopo oltre 34 anni di permanenza nell'Arma il luogotenente Benedetto lascia il servizio

Dopo oltre 34 anni di permanenza nell’Arma dei Carabinieri, oggi il luogotenente Filippo Benedetto lascia il servizio attivo. Arruolatosi ...
ATTUALITA'

Lazzaro, strada per Comunia: i vigili del Fuoco certificano il movimento franoso probabilmente per infiltrazioni di acqua

Dal rapporto d’intervento di soccorso dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria acquisito a seguito di richiesta ...
ATTUALITA'

"Il Comune non rispetta i patti sottoscritti e non paga le spettanze dei Centri socioeducativi per minori disabili"

Reggio Calabria. Come ogni anno ormai, è consuetudine di questa Amministrazione Comunale non erogare nel periodo natalizio ...
CRONACA

Calcio Lega Pro, a gennaio 2019 prenderà il via il "Progetto 3P"

Reggio Calabria. Con l’avvio del girone di ritorno del Campionato Nazionale di Lega Pro nel mese di gennaio 2019 prenderà l’avvio una nuova edizione del Progetto 3P (Patto-Passione-Partecipazione) fortemente ...
CRONACA

Morte Megalizzi, Siclari (FI): "Lacrime e una promessa, non vinceranno loro"

Reggio Calabria. "Voglio esprimere tutto il mio dolore, da padre, da calabrese, da italiano, da europeo e da uomo delle istituzioni, per la morte di Antonio, giornalista, mio conterraneo, ucciso durante ...
SPORT

Basket, Tonino Zorzi presenta il libro "La mia Itaca"

Reggio Calabria. Sarà un pomeriggio di grandi emozioni quello che gli amanti del basket si apprestano a vivere a Reggio Calabria lunedì prossimo, 17 dicembre, nella sala Monteleone del Consiglio Regionale (inizio previsto per le 16.00). ...
ATTUALITA'

Bovini vaganti nei territori della piana, continua l'impegno della Prefettura

Reggio Calabria. Resta alto l’impegno della Prefettura sulla problematica relativa alla presenza di animali vaganti nei territori della piana. Nelle giornate del 7 e del 10 dicembre scorsi, nel ...
CRONACA

E' morto Antonio Megalizzi, il giornalista di origini calabresi ferito nell'attentato di Strasburgo

E' morto Antonio Megalizzi, il giornalista 29enne ferito martedì sera nell'attentato di Strasburgo. La notizia della morte del cronista, ...
ATTUALITA'

Reggio, Confesercenti: "Corso Garibaldi incantevole ma le altre vie del Centro Storico sono abbandonate"

Vogliamo fare un plauso all’Amministrazione Comunale che quest’anno consegna alla città, per il Natale, un Corso Garibaldi addobbato ...
ATTUALITA'

Reggio, rifiuti sanitari nel torrente Valanidi

Un brutto risveglio quest’oggi per la comunità di Oliveto, piccola frazione nella zona sud della città. Nel torrente Valanidi, in corrispondenza del centro abitato, stamani sono stati segnalati rifiuti sanitari abbandonati. Il fatto in sé ...
CRONACA

San Ferdinando, individuato alloggio alternativo per il fratello del giovane Suruwa Jaithe deceduto nella baraccopoli

Prosegue l’impegno della Prefettura volto ad alleviare le condizioni di disagio in cui versano gli immigrati presenti ...
CRONACA

Reggio, blitz della Polizia nel quartiere di Ciccarello: rinvenute munizioni all'interno di una cabina Enel FOTO

Reggio Calabria. Continuano, senza sosta, i controlli predisposti nell’ambito del Piano di azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta, elaborato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, estesi all’intero territorio cittadino. Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha nell’intera area del quartiere di Ciccarello numerosi servizi volti ad una sempre più incisiva attività di controllo del territorio e di contrasto alla criminalità ed alla verifica di eventuali allacci abusivi alla rete elettrica. Il dispositivo di sicurezza e di controllo straordinario del territorio previsto dal Questore Grassi ha visto l’impiego degli uomini della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile, presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, coadiuvati dalle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Meridionale” di Siderno, supportati dal personale specializzato del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica che ha documentato l’intera attività. Il quartiere di Ciccarello è stato presidiato dalle Polizia di Stato e sono stati predisposti una serie di posti di controllo con la presenza di numerosi equipaggi su tutte le strade dell’abitato, per una più incisiva e penetrante attività di controllo. L’attività di controllo del territorio e di prevenzione ha avuto quale obiettivo principale il controllo delle vie e delle autovetture in transito. Durante lo svolgimento di questi servizi capillari gli Agenti della Polizia di Stato hanno rivenuto all’interno di una cabina elettrica dell’Enel un borsone con diverse munizioni di vario calibro ed una centralina elettrica per autovettura. Il controllo all’interno della citata cabina elettrica si è reso necessario anche per la verifica di eventuali allacci abusivi alla rete elettrica, attività che continuerà in tutto il territorio comunale e che ha già ottenuto ottimi risultati nei giorni scorsi. All’interno del borsone sono state rinvenute e sequestrate 12 cartucce per pistola cal.9x19, 6 cartucce per pistola cal.38 special, circa 100 cartucce per fucile cal.12. I poliziotti della Scientifica hanno compiuto i primi rilievi e gli investigatori della Polizia di Stato sono sulle tracce di chi ha abbandonato il borsone con le munizioni. I servizi proseguiranno nei prossimi giorni ed interesseranno il territorio cittadino e la ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
PIANETA DILETTANTI
ASPETTANDO IL TG
BORGOITALIA
Hermes
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Nuova piscina comunale.
  • Schifo in piazza zerbi
  • Mancata pulizia caditoia
  • Certi cittadini campioni di incivilta’
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Basta vittime 106
Italpress