Reggio, alloggi popolari. Petizione per il ripristino del finanziamento di 11 milioni
ATTUALITA'

Per avere altre notizie e sapere i luoghi di raccolta firme, scrivere una mail all'indirizzo unmondodimondirc@gmail.com  o telefonare al 3299036972

Reggio, alloggi popolari. Petizione per il ripristino del finanziamento di 11 milioni

Reggio Calabria. Avviata in questi giorni la raccolta di 500 firme per una petizione popolare finalizzata a favorire l’assegnazione di alloggi popolari per le famiglie in condizioni di bisogno abitativo e da presentare ai sensi dell’articolo 17 dello Statuto comunale e dell’articolo 19 del Regolamento per l’attuazione degli istituti di partecipazione popolare.
Nella città di Reggio Calabria infatti centinaia di famiglie da anni attendono l’assegnazione di un alloggio popolare: i vincitori del bando comunale del 2005 e le persone in emergenza abitativa. Il Comune, negli ultimi 4 anni, avrebbe potuto reperire alloggi per circa 160 famiglie, utilizzando il finanziamento di 11,5 milioni di euro del “Decreto Reggio”, destinato a nuovi alloggi erp. Purtroppo il Consiglio comunale ha deciso con la delibera nr 70 del 31 ottobre 2016, di impegnare ben 11 milioni di questa somma per altre opere. Alle famiglie richiedenti l’assegnazione di un alloggio, l’Amministrazione ha sempre obiettato l’indisponibilità di alloggi.
Per correggere questa decisione, con la quale è stato negato il diritto alla casa a tante famiglie a basso reddito, associazioni, movimenti e famiglie, riunite nell’Osservatorio sul disagio abitativo, hanno predisposto la presentazione di una petizione popolare. L’obiettivo è far sì che il Consiglio comunale ridiscuta e quindi ripristini, con una delibera, il finanziamento di 11 milioni per l’acquisto di nuovi alloggi popolari e predisponga i successivi atti necessari per renderlo operativo.
La richiesta è legittima ed applicabile, considerato che le opere del Decreto Reggio, alle quale si presume sia stato destinato il finanziamento, non sono state ancora realizzate, mentre le condizioni delle famiglie in bisogno abitativo peggiorano di giorno in giorno.
La petizione prevede la richiesta di acquisto di nuovi alloggi. In città infatti ci sono migliaia di case private vuote, oltre 60.000 (Istat), che potrebbero essere utilizzate, evitando il consumo di altro suolo, la realizzazione di altri ghetti e ottenendo più velocemente gli alloggi da assegnare.
L’acquisto di nuovi alloggi garantirebbe il diritto alla casa alle famiglie in stato di bisogno abitativo. Ma non solo. Attraverso l’acquisto di nuovi alloggi, si bilancerebbe l’azione di dismissione dell’intero patrimonio erp nel territorio comunale (alloggi di proprietà comunale e dell’Aterp), in atto da anni con costanti operazioni di vendita degli alloggi popolari.
Non si può dimenticare che questo patrimonio costituisce il welfare strutturale, a garanzia del diritto alla casa per le famiglie a basso reddito; la sua dismissione è quindi un ulteriore colpo al cuore alle fasce più deboli e a tutti coloro che nel prossimo futuro potrebbero perdere il lavoro e non potranno sostenere le spese di un affitto sempre più alto rispetto al reddito percepito.
Il “dogma” politico secondo cui in periodo di crisi è necessario dismettere il patrimonio e non implementarlo e nemmeno mantenerlo segue una logica neoliberista da evitare. Questo assunto non considera infatti la necessità di mantenere e sviluppare le misure di welfare, garantite proprio dai beni in vendita, e soprattutto non valuta gli elevati costi sociali di questa scelta. Non è trascurabile inoltre l’effetto positivo del welfare abitativo, costituito dal patrimonio di alloggi popolari, nel garantire il diritto alla casa ma anche altri obiettivi sociali quali l’inclusione, il miglioramento delle condizioni di salute, la calmierazione dei canoni di affitto.
Pertanto, la rete di associazioni e movimenti invita a firmare la petizione popolare come forma di rivendicazione sociale, affinché l’Amministrazione comunale attivi un’efficace politica della casa al servizio del bene comune.
La petizione può essere firmata dai cittadini italiani e comunitari regolarmente residenti nella città di Reggio Calabria, e dai cittadini extracomunitari residenti nel Comune e con regolare permesso di soggiorno. Per avere altre notizie e sapere i luoghi di raccolta firme, scrivere una mail all’indirizzo unmondodimondirc@gmail.com o telefonare al 3299036972. Il testo della petizione e la delibera di Consiglio Comunale nr 70 del 31 ottobre 2016 sono reperibili on line.
07-12-2018 15:34

NOTIZIE CORRELATE


25-05-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. Suicidio in autostrada. Uomo si getta da un viadotto

Sul posto vigili del fuoco e polizia stradale
24-05-2019 - ATTUALITA'

La Calabria ed il mondo del gioco: i dati aggiornati

le prospettive del settore anche in Calabria
24-05-2019 - ATTUALITA'

San Roberto. La toccante lettera di saluto del Sindaco Vizzari ai cittadini: 'Il mio impegno continua, per questo paese ci sarò sempre'

"Insieme abbiamo sbagliato, fatto cose buone, abbiamo lottato, non ci siamo mai arresi"
24-05-2019 - ATTUALITA'

Elezioni, il Messaggio dell'Arcivescovo Morosini: "Dibattito elettorale mai così meschino e povero di contenuti"

"Intervengo con questo mio appello solo per ricordarvi la gravità del momento presente e per denunciare certe indegne strumentalizzazioni religiose"
24-05-2019 - ATTUALITA'

Reggio, per la prima volta si potranno ritirare le tessere elettorali all'Ufficio Decentrato di Catona

"in modo da assicurare un servizio ai cittadini garantendo nel contempo l'ottimale utilizzo delle risorse"

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio Calabria. Delitto Fortunata Fortugno e tentato omicidio Logiudice: arrestato il 51enne Mario Chindemi

Nella giornata del 21 maggio u.s, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria - a conclusione di un secondo ...
CRONACA

Lo fermano ad un posto di blocco. I finanzieri gli trovano in auto oltre un milione di euro FOTO/VIDEO

Rosarno ...
CRONACA

Platì. Rinvenuto un bunker, denaro falso, armi e droga: denunciato 60enne FOTO/VIDEO

Continuano i servizi di contrasto alla ...
POLITICA

Elezioni europee e comunali del 26 maggio 2019, il vademecum della Prefettura

Reggio Calabria. Domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le operazioni di voto per le elezioni dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia. Nella medesima ...
CRONACA

Vallone: "A Reggio i reati predatori diminuiti del 25% in un mese" VIDEO

ATTUALITA'

"Il Comune di Reggio Calabria continua a non garantire il diritto all'alloggio alle famiglie a reddito basso" VIDEO

Reggio Calabria. Il Comune di Reggio Calabria, nonostante qualche iniziativa realizzata, continua a non garantire il diritto all’alloggio alle famiglie a reddito basso e senza una casa . Il settore degli alloggi popolari presenta gravissime carenze gestionali che dipendono dall’azione politica dell’Amministrazione. L’Osservatorio sul disagio abitativo con un’ importante partecipazione di famiglie ha denunciato, ancora una volta, nell’aula del Consiglio Comunale le diverse problematiche del settore ERP. Questa volta l’ha fatto mostrando ai consiglieri presenti otto cartelloni. Gli 11 milioni stornati. Pur essendoci qualche centinaio le famiglie che hanno vinto il bando comunale 2005 e che sono in emergenza abitativa, l’Amministrazione comunale, nel 2016, ha stornato un finanziamento di 11 milioni di euro destinato a dare l’alloggio a circa 160 nuclei. Per correggere quest’ azione cinquecentotrentaquattro reggine e reggini hanno firmato una Petizione che è stata presentata dall’Osservatorio sul disagio abitativo il 18 febbraio chiedendo al Comune il ripristino del finanziamento di 11 milioni per l’acquisto di alloggi . Il termine di 90 giorni previsto per la risposta alla Petizione è già scaduto, ma l’Amministrazione non ha ancora risposto. Non solo non si vuole implementare il patrimonio degli alloggi, come sarebbe necessario, ma non viene gestito neanche quello esistente. Difatti, il settore di Edilizia Residenziale Pubblica da tempo non realizza, con la necessaria efficacia, le verifiche sulla permanenza dei requisiti degli assegnatari dei 7000 alloggi popolari ( comunali ed Aterp) esistenti nel territorio comunale. Le verifiche sono previste dalla normativa vigente per recuperare e riassegnare gli allogginon più abitati e per garantire la gestione legale delle assegnazioni. Nonostante quanto deciso dal Consiglio Comunale il 10 febbraio 2017, il Sindaco non ha ancora disposto che al settore ERP venga assegnato stabilmente un gruppo di vigili e di operatori informatici per effettuare quotidianamente le verifiche. Tantomeno ha provveduto a chiedere alla Prefettura la costituzione di una task –force con le forze dell’ordine dello Stato . Questa azione di controllo con la relativa informatizzazione consentirebbe il recupero di decine di alloggi da assegnare alle famiglie vincitrici del bando 2005 ed a quelle in emergenza abitativa. Ma consentirebbe pure l’eliminazione dell’illegalità diffusa di cui gli alloggi erp sono oggetto, proprio a causa della mancanza di questa attività di controllo . Anche la gestione economica del settore ERP, indispensabile per garantire la necessaria efficienza strutturale del patrimonio, è del tutto assente. Negli ultimi quattro anni, mentre la gran parte degli alloggicomunali versa in gravissime condizioni strutturali, il Comune non ha garantito i livelli minini di manutenzione. Difatti, negli ultimi anni, i 3 milioni di euro entrati nelle casse comunali dai canoni e dalle vendite degli alloggi non sono stati spesi. Ma, secondo la normativa vigente, questi fondi sono vincolati al settore e dovrebbero essere spesi per garantire la necessaria manutenzione degli alloggi ERP. Per quanto riguarda la gestione delle emergenze abitative ( art 31 Lr 32/1996) il Comune, su sollecitazione dell’Osservatorio sul disagio abitativo, ha approvato il 25 gennaio 2018 un regolamento con la finalità di garantire trasparenza e velocità. Ma, fino ad oggi, il regolamento non è stato applicato e quindi si è continuato a gestire le emergenze con poca trasparenza e senza un’apposita graduatoria. La norma regionale sulla mobilità degli alloggi ERP del 1996, dopo 23 anni, continua a non essere applicata dal Comune e dall’Aterp e quindi centinaia di richieste di cambio alloggio risultano inevase negando il pieno diritto alla casa di moltissime famiglie assegnatarie . Il progetto di superamento del ghetto dell’Ex Polveriera, avviato nel mese di aprile 2018 portando alla sistemazione in dislocazione di 17 nuclei familiari, da 8 mesi è inspiegabilmente bloccato. Nel ghetto sono rimaste 15 famiglie che sono costrette ad abitare tra le macerie delle baracche demolite, nelle quali sono presenti delle lastre di eternit frantumate. Tra le situazioni di grave emergenza abitativa c’è da considerare anche quella delle persone senza fissa dimora. Nel periodo invernale, il Comune ha aperto un dormitorio pubblico offrendo un posto letto ad un gruppo di persone. Ma nel mese di marzo lo ha chiuso rimandando sulla strada le persone che aveva accolto. E’ quindi urgente che l’Amministrazione riapra un dormitorio pubblico per offrire nuovamente e per tutto l’anno un posto letto a queste persone. Reggio Calabria, 24 maggio 2019 Osservatorio sul disagio abitativo Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino –Cristina Delfino CSOA Angelina Cartella Società dei Territorialisti/e Onlus Centro Sociale Nuvola Rossa Comitato Solidarietà Migranti Reggio Non ...
ATTUALITA'

#PlasticFreeGC: Più di 600 ragazzi hanno ripulito le spiagge reggine dalla plastica VIDEO

Ha preso il via la campagna ...
AMBIENTE

"Ci avete rotto i polmoni": anche a Reggio Calabria il Secondo Sciopero Globale per il Clima VIDEO

Reggio ...
SPORT

La Reggina si aggiudica il Centro Sportivo Sant'Agata. Gallo: "E' una cosa bellissima"

La Reggina si aggiudica la concessione del centro sportivo S. Agata, insieme ai beni materiali e immateriali, il marchio registrato, il brand e la storia del club di calcio Reggina. ...
CRONACA

Brevi di cronaca nel reggino, due arresti

Stamattina, i Carabinieri della Tenenza di Rosarno, hanno rintracciato e tratto in arresto Fida Massimo, 45 enne, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso il 23 maggio 2019 dalla Procura Generale ...
CRONACA

Gioia Tauro. Nascosti tra un carico di frutta esotica: sequestrati 53 kg di cocaina

Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari ...
CRONACA

Reggio Calabria. Polizia Stradale: 400 persone controllate e 157 infrazioni al codice della strada

Nell’ambito dei servizi di Polizia Stradale, predisposti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Servizio Polizia Stradale, sull’intero ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

PIANETA DILETTANTI
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
E' TUTTO CINEMA
RASSEGNA STAMPA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult

ITALPRESSWEB ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Dissesto stradale
    • CONCORSO COSENZA - BLOCCO ASSUNZIONI
    • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
    • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
    • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
    • Nuova piscina comunale.
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    Italpress
    idomotica
    Basta vittime 106