Caso Riedo, Trenitalia replica a Klaus Davi
ATTUALITA'

Il massmediologo si dice convinto che le infiltrazioni ci siano

Caso Riedo, Trenitalia replica a Klaus Davi

Trenitalia ha inviato a Klaus Davi una articolata precisazione in merito all’inchiesta a puntate “Ferrovie della Ndrangheta” che lo stesso rende nota. La società non entra nel merito di alcuni punti sollevati dal massmediologo, in primis il fatto che ‘vengano pagati numerosi boss senza essere mai andati a lavorare” poiché la giudica di eventuale competenza della’ Autorità Giudiziaria cosi come per altre presunte irregolarità amministrative segnalate da numerosi operai nei riguardi delle rispettive società . Klaus Davi preannuncia altri capitoli della inchiesta e conferma di voler andare avanti e si dice convinto che le infiltrazioni ci siano, ma ringrazia comunque la società Trenitalia per la disponibilità dimostrata.

BANDO DI GARA
Il bando di gara per la pulizia dei treni e degli impianti industriali di Trenitalia (https://ted.europa.eu/TED/notice/udl?uri=TED:NOTICE:143250-2017:TEXT:IT:HTML&src=0) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea ad aprile 2017. L’obiettivo della gara, a procedura aperta e suddivisa in cinque lotti, era quello di sottoscrivere Accordi Quadro con gli operatori del settore negli impianti di Trenitalia, distribuiti sul territorio nazionale.
Uno dei cinque lotti del bando, denominato DPLH Servizio Universale 9, riguarda la pulizia dei treni e degli impianti industriali di Trenitalia situati in Calabria. Il valore economico di questo era di oltre 7 milioni e 800mila euro. Durata tre anni.
Per la partecipazione alla gara, le imprese dovevano possedere i requisiti di ordine morale, capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa, come previsto dalla normativa vigente.
Nel bando di gara era inoltre inserita la clausola sociale, prevista dal Codice degli Appalti, in modo da promuovere la stabilità e la continuità occupazionale del personale impiegato dalla ditta che in precedenza svolgeva lo stesso servizio.

AGGIUDICAZIONE
La gara è stata aggiudicata ad aprile 2018 secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, nel pieno rispetto della disciplina europea e nazionale di recepimento contenuta nel Codice degli Appalti e delle regole di gara. L’utilizzo di questo criterio ha l’obiettivo di evitare che il prezzo possa costituire l’unico elemento discriminante ai fini della scelta del vincitore della gara e a valorizzare adeguatamente anche la componente qualitativa dell’offerta. Inoltre, ai fini dell’attribuzione dei punteggi relativi alla componente economica, è stato fatto ricorso alla cosiddetta formula bilineare che, prevista nelle Linee guida dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), ha lo scopo di scoraggiare ribassi eccessivi. Viene così garantita la qualità dell’offerta ed evitata una eccessiva compressione del costo del lavoro.
È risultato aggiudicatario il Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI) costituito dalla mandataria Service Key SpA e da Zenith Services Group Srl (ribasso 0,50%), dopo che la Commissione di gara ha valutato attentamente le cinque offerte pervenute. Prima della stipula dell’Accordo Quadro, sono state effettuate le verifiche previste dalla disciplina vigente (requisiti di ordine morale, capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa) che hanno dato esito positivo e che hanno consentito di accertare l’assenza di motivi ostativi alla stipula del contratto con l’impresa vincitrice.
In particolare, nei confronti della società e delle persone fisiche che secondo la disciplina vigente assumono rilievo ai fini della verifica di eventuali situazioni ostative alla sottoscrizione del contratto, è stata verificata, tra l’altro:

l’assenza di condanne ai sensi del D.Lgs. n. 231 che impedissero la possibilità di contrattare con la pubblica amministrazione;
l’assenza di condanne definitive per reati incidenti sulla moralità professionale ai sensi dell’art. 80 (Codice dei contratti),
l’assenza di situazioni ostative alla stipula previste dalla disciplina antimafia, ivi compresa l’assenza di tentativi di infiltrazione mafiosa.


FIRMA CONTRATTO E AVVIO SERVIZIO
Dopo aver sottoscritto il contratto, il servizio è stato avviato il 16 maggio 2018 con il passaggio diretto di 113 addetti dall’appaltatore uscente, così come previsto dalla clausola sociale. Nello stesso giorno Trenitalia, a valle del positivo svolgimento delle verifiche di legge, ha autorizzato il subappalto all’azienda Gierre Srl dopo richiesta della mandataria Service Key SpA. Nell’ambito delle verifiche di legge previste per il subappalto, è stata richiesta l’informativa antimafia in capo al subappaltatore Gierre Srl, che ha avuto esito negativo, escludendo tassativamente il rischio di infiltrazioni mafiose.
Per completezza, va evidenziato che, oltre alle verifiche previste dalla normativa vigente a carico della società e di alcuni soggetti determinati (soci e amministratori), non è consentita al committente alcuna verifica sui singoli dipendenti dell’impresa appaltatrice. Non può, dunque, assumere a tali fini alcun rilievo la posizione dei dipendenti dell’impresa appaltatrice.
Tuttavia, Trenitalia, per maggiore cautela, ha previsto nell’ambito dei contratti di pulizia del materiale rotabile e degli impianti industriali una specifica clausola contrattuale “cosiddetta clausola di gradimento”, in base alla quale - “(…) l’Appaltatore si impegna a richiedere a ciascun lavoratore da impiegare nell’appalto – prima del suo effettivo impiego – il certificato generale del casellario giudiziale in corso di validità ed a segnalare tempestivamente al Committente il nominativo di coloro a carico dei quali risultano sentenze di condanna passate in giudicato nonché i reati ascritti e la pena comminata, nel rispetto comunque delle disposizioni di legge contenute nel D.lgs. n. 196/2003 (…)”.
Si tratta di una clausola che, nel rispetto delle garanzie costituzionali, mira a rafforzare la tutela per il committente in riferimento alla effettiva moralità degli operatori impegnati. Nell’esecuzione del contratto, incombe sull’impresa appaltatrice, in ogni caso e in via esclusiva, la responsabilità di selezionare nel rispetto della autonomia organizzativa e per la quale il committente non può esercitare alcuna forma di ingerenza.
Nei primi quattro mesi di servizio, l’esecuzione ha avuto luogo come da contratto.
Ferrovie dello Stato Italiane
Direzione Centrale Brand Strategy e Comunicazione
10-02-2019 20:42

NOTIZIE CORRELATE


27-05-2020 - ATTUALITA'

Dal Mit 11 milioni alla Calabria per nuovi bus ecologici e attrezzati anti-Covid19

Le Regioni non dovranno stipulare alcuna Convenzione con il Mit e potranno procedere all'acquisto dei bus senza obbligo di cofinanziamento
27-05-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. L'Assessore Lucia Nucera: "Sono 347 le famiglie che hanno ricevuto il contributo alloggiativo"

Il Pon Metro è una misura economica europea fondamentale che ci ha consentito di mantenere attivi i servizi essenziali
27-05-2020 - ATTUALITA'

Transhipment. La nave record di MSC fa il suo ingresso al Porto di Gioia Tauro VIDEO

La "Sixin" tocca per la prima volta il maxi-scalo calabrese
27-05-2020 - ATTUALITA'

Villa San Giovanni. Prosegue il piano di pulizia delle spiagge

Intervento massiccio di AVR

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Rotary, donazione di alto livello tecnologico al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria

Reggio Calabria. È stata consegnata nel corso di una breve e sobria cerimonia la donazione di strumenti ad alta tecnologia innovativa che il Distretto ...
ATTUALITA'

Coronavirus. In Calabria 1.158 casi positivi (+1 rispetto a ieri) IL BOLLETTINO REGIONALE

In Calabria ad oggi sono stati ...
ATTUALITA'

Operazione Cemetery Boss, Pazzano: "Chi non rispetta la morte non capisce niente della vita"

Un’inchiesta ricostruisce gli interessi delle cosche sul cimitero di Modena e l’ipotesi di connivenza di alcuni funzionari pubblici. Chi non rispetta la morte non ...
CRONACA

"Le Piramidi", il Col. Marco Marricchi: "Fate attenzione agli investimenti che sembrano troppo vantaggiosi" VIDEO

...
CRONACA

Reggio, Operazione "Le Piramidi": maxi truffa ai danni di risparmiatori. Disarticolata associazione per delinquere VIDEO

Reggio Calabria. Questa mattina è stata data esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso, su richiesta della Procura della Repubblica, di Reggio Calabria diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri, dal G.I.P. presso il locale Tribunale, per un valore complessivo di circa 1.500.000 di euro nei confronti di 3 soggetti appartenenti ad una associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti di truffa aggravata mediante la raccolta e gestione di risparmi, la vendita di strumenti finanziari fasulli ed a struttura piramidale, in assenza delle prescritte autorizzazioni in danno di oltre un centinaio di risparmiatori dislocati su tutto il territorio nazionale. Tra gli indagati anche un funzionario – ora in pensione – di un Istituto di credito che ha fornito il proprio supporto ai membri dell’associazione nell’individuazione dei potenziali clienti. Le complesse indagini eseguite dal Comando Provinciale della Guardia di Finanzia di Reggio Calabria e dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria hanno consentito, tra l’altro, di tracciare le ricchezze illecitamente accumulate dagli indagati, e pertanto sono stati sottoposti a sequestro disponibilità finanziarie detenute su conti corrente ubicati in Italia e nell’isola di Tenerife (Spagna), terreni siti in Reggio Calabria e 127 oggetti preziosi tra cui diamanti, collane, bracciali, anelli in oro, orologi di alto valore altre pietre preziose e 241 monete di argento. La citata misura cautelare reale deriva dalla convergenza di più attività investigative coordinate dal Dott. Gerardo Dominijanni, Procuratore Vicario, e dal sostituto procuratore Marco Lojodice, che hanno consentito di rilevare come gli indagati, agendo sotto lo schermo di società finanziarie appositamente costituite in Italia e all’estero, si facessero consegnare somme di denaro dai malcapitati clienti prospettandogli il reinvestimento in fondi di risparmio promettendo tassi di interesse particolarmente allettanti, talvolta anche fino al 40%. I membri dell’associazione incameravano, quindi, le somme e - successivamente al fine di rendere più credibile lo schema truffaldino - provvedevano al rimborso, ancorché solo parziale delle stesse, in piccole “tranche” e mediante ricariche su carte prepagate. Peraltro, a fronte delle somme ricevute a titolo di investimento, gli indagati facevano in modo che i soggetti truffati stipulassero polizze assicurative fittizie a garanzia degli investimenti, riuscendo così ad incamerare indebitamente ulteriori somme di denaro. Tali falsi piani assicurativi, gestiti da uno dei sodali mediante una società nel padovano, oltre a dare una parvenza di garanzia all’investimento, incoraggiavano i potenziali clienti a stipulare i predetti strumenti finanziari. Le articolate indagini esperite hanno consentito altresì di rilevare che gran parte degli investimenti avveniva mediante la stipula di contratti di associazione in partecipazione all’interno di strutture piramidali (c.d. “Multi level marketing”), tra le quali i networks “Adamax”, “Unetenet”, “TelexFree” e “Lirbertagià”, gestiti dal principale indagato. In particolare si tratta di tipologie di reti il cui core business è il sistema di pacchetti di affiliazioni e di vendite, tipico del c.d. “Schema Ponzi”, che prospetta agli investitori un rendimento proporzionale alla capacità di reclutamento di nuovi sottoscrittori dei piani di investimento. I clienti venivano, pertanto, posti di fronte ad una allettante possibilità di conseguire guadagni mediante il loro inserimento a titolo oneroso in una c.d. “Catena di Sant’Antonio”, facendo credere loro che, per ottenere maggiori compensi, avrebbero dovuto far inserire e dunque “reclutare” nuovi soggetti. In realtà, gli indagati hanno rimborsato i malcapitati clienti solo parzialmente, trattenendo gran parte delle somme investite. Anche in questa vicenda è stata determinante la ricostruzione dei flussi finanziari, agevolata dal supporto informativo contenuto in alcune segnalazioni di operazioni sospette pervenute al Nucleo Speciale di Polizia Valutaria per fini di prevenzione antiriciclaggio. Lo sviluppo investigativo di tali preziose informazioni ha costituito, come spesso capita in questo tipo di indagini, un imprescindibile strumento di supporto utile ad orientare le investigazioni ed aggredire i patrimoni di provenienza illecita. Il provvedimento cautelare eseguito costituisce la conclusione di un complesso iter investigativo che dimostra - ancora una volta - la costante azione della Guardia di Finanza nella ricerca e repressione dei più gravi crimini di matrice economico -finanziaria e nell’aggressione dei ...
ATTUALITA'

Coronavirus, nessun caso positivo per l'ASP di Reggio Calabria IL BOLLETTINO

La Direzione Sanitaria dell'ASP di Reggio Calabria ...
ATTUALITA'

Catona, intervento sulla rete comunale: disservizi idrici dalle ore 8 del 27 maggio

Il Comune di Reggio Calabria rende noto che, a causa di un intervento straordinario sulla rete idrica comunale lungo la via Nazionale, dalle ore 08:00 del giorno 27.05.2020 saranno previsti ...
ATTUALITA'

Emergenza Covid-19: 3 milioni di euro per gli universitari calabresi fuori sede

Un fondo di 3 milioni di euro, da trasformare ora in contributo straordinario una tantum per gli universitari calabresi fuorisede. Sono in pubblicazione sul portale della Regione Calabria ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Al Gom di Reggio Calabria zero casi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che in data odierna sono statisottoposti allo screening per CoViD-19 280 soggetti. Nessuno è ...
ATTUALITA'

Trasporto ferroviario. Alla Stazione di Reggio Calabria anteprima per Italo EVO VIDEO

Reggio Calabria. Non è un viaggio ...
ATTUALITA'

Coronavirus. In Calabria zero casi positivi IL BOLLETTINO

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 62.255 tamponi. Le persone risultate positive al ...
CRONACA

Come la Cassazione ha smontato le accuse contro l'ex consigliere regionale Sebi Romeo

Reggio Calabria. Era tornato il libertà lo scorso mese di dicembre. Arrivano ora le motivazioni della Cassazione alla scarcerazione dell’ex capogruppo PD in Consiglio regionale ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
SUONAVA L'ANNO
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
RASSEGNA STAMPA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.25

Strettamente Personale

Ore 21.40

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La dialisi e i dializzati al tempo del covid 19
  • NARCISISMO DEL SINDACO
  • Marchiatura prodotti alimentari 100% italiani
  • Carenza idrica
  • Perdita d’acqua nel tombino in via vico petrellinna n9
  • FUORIUSCITE DI FOGNA
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress