Fiction Rai su Duisburg, Irto e Falcomatà:
ATTUALITA'

"la Calabria dipinta in maniera arcaica, arretrata, asfissiata dalla mafia"

Fiction Rai su Duisburg, Irto e Falcomatà: "Immagine distorta della Calabria, ci vuole più rispetto"

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, ha inviato una lettera al direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, in ordine al film “Duisburg. La linea di sangue”, andato in onda ieri in prima serata su Rai Uno. Una trasmissione che, si legge nella missiva, “ha destato gravi perplessità in seno alla comunità calabrese, contrariamente ad altre precedenti occasioni nelle quali il servizio pubblico ha fornito un contributo positivo alla promozione dell'immagine della nostra regione”.
Scrive il presidente Irto: “Le devo dire, con grande franchezza, che condivido pienamente il sentimento diffuso nell'opinione pubblica calabrese, riguardo ad un film che nel complesso trovo malriuscito, soprattutto per la rappresentazione della Calabria spesso distante dalla realtà. La nostra è una comunità composta, nella sua stragrande maggioranza, da persone orgogliose, oneste e lavoratrici, che con la 'ndrangheta non hanno nulla a che vedere. Una sottolineatura doverosa oggi più che mai, nel giorno in cui ricordiamo la strage di Capaci e il sacrificio del giudice Falcone, della moglie e degli uomini della scorta”.
“Sono convinto – prosegue la lettera di Nicola Irto - che la produzione messa in onda ieri sera non abbia fornito un buon servizio né alla mia regione, di cui viene proposta una narrazione infedele e forzata, né al Paese, che della Calabria rischia di farsi, ancora più di quanto non sia avvenuto nel passato, un'idea totalmente sbagliata. E' su questo che intendo soffermarmi, sorvolando sugli altri limiti di 'Duisburg': in Calabria si parla il calabrese e non il siciliano; e alcuni dialoghi, me lo conceda, sono ai limiti dell'offensivo. Non possiamo ammettere che si dica: 'Duisburg è piena di calabresi' quasi a voler sostenere che 'i calabresi' tout court siano soggetti pericolosi o criminali”.



Nella lettera del presidente del Consiglio regionale si legge ancora: “Voglio rassicurarla: questa non è una lettera di piagnistei. Noi siamo fieri di essere figli di una terra che una personalità straordinaria come suo padre, Beniamino Andreatta, il 'trentino meridionalista', ha amato come pochi, essendo stato il fondatore dell'Università della Calabria. Ma, Direttore, sono certo che converrà con me sulle criticità di una fiction che della mia terra dice poco e male e che aveva già creato aspettative negative alla vigilia, alla luce delle non documentate affermazioni della responsabile della produzione, riguardo a non meglio precisate 'minacce' che avrebbero determinato lo spostamento della location del film in Puglia”.
Nicola Irto conclude: “Mi preme appellarmi alla sua sensibilità per sollecitare da parte delle produzioni maggiore attenzione e rispetto verso questa magnifica terra, nella quale mi pregio di invitarla alla scoperta dei tesori archeologici, culturali e naturalistici che la caratterizzano”.
Dello stesso parere il primo cittadino reggino:
«Sempre la solita solfa. Sempre la Calabria dipinta in maniera arcaica, arretrata, asfissiata dalla mafia, abulica, apatica, rassegnata, senza volontà, senza coraggio, senza voglia di riscatto e di emancipazione dal male. Una Calabria che Calabria non è, considerato che il set era in Puglia. Insomma, per svariati motivi, non c’è piaciuta la fiction andata in onda ieri sera su “Rai uno” dedicata alla strage di Duisburg, un fatto di sangue tanto efferato quanto complesso trattato con una superficialità ed una teatralità da lasciare attoniti». E’ il commento del sindaco Giuseppe Falcomatà al film “Duisburg linea di sangue” che tenta di ricostruire la strage del ferragosto del 2007, quando la faida di San Luca emigrò in Germania.
Afferma Falcomatà: «Così, mentre attori improvvisano un dialetto - che è qualsiasi idioma fuorché calabrese – e mangiano pasta con la ‘nduja, ancora una volta viene tramandata una realtà distorta e fuorviante di una terra che ha davvero bisogno di ogni cosa tranne che dell’immagine stereotipata emersa dagli schermi tv in prima serata. E non è un inedito. Potremmo dire che “Duisburg linea di sangue” è un film noiosamente e pericolosamente già visto. Altre pellicole, ricordo “Il miracolo”, quella sul rapimento Getty o “Lo spietato”, hanno trasmesso l’idea di una Calabria tribale, fatta solo di capre sgozzate, patti di sangue o giuramenti celebrati dando alle fiamme santini religiosi. Nuovamente, dunque, all’Italia è stata raccontata una storiella che offende, umilia e rischia di isolare un popolo che, ogni santo giorno, lotta in trincea contro un male che per primo subisce sulla propria pelle. Una battaglia che, purtroppo, diventa più difficile se non si esce dalla narrazione del “Lì è tutto ‘ndrangheta”. No, permettetemi, ma non è così. Qui la ‘ndrangheta c’è, ma non è il tutto!».
«Chiaramente – spiega Falcomatà - sarei un ipocrita se dicessi che la criminalità è un fenomeno marginale. Anzi, è pervasiva e ci fa stare sempre “sul chi va la”. E’ l’impegno costante della magistratura e delle forze dell’ordine che ci dice quanto sia difficile nascere, crescere e vivere in certi territori. Centinaia di inchieste e migliaia di arresti, negli anni, hanno dimostrato, però, che solo uniti si può vincere. Ma serve il contributo di tutti, compreso quello di produttori, sceneggiatori e registi che hanno voglia di cimentarsi con i nostri problemi che sono, al tempo stesso, i problemi dell’intero Paese».
«Alla Napoli raccontata da Gomorra – continua l’inquilino di Palazzo San Giorgio - preferisco di gran lunga quella degli uomini e delle donne di “Pollici verdi”, i volontari di un’associazione civica che hanno ridato decoro, dignità e speranza ad un quartiere difficile come Scampia. Qualcuno conosce le loro storie? Pochi. Perché lo storytelling del buono, forse, è meno efficace nel bucare lo schermo di quanto non possa fare il male. Ed esempi simili, nella nostra realtà, ne esistono a centinaia: imprenditori che resistono, gente sotto scorta per essersi ribellata al pizzo, maestre che insegnano il buono ed il giusto ai bambini, amministratori pubblici che sfidano i mafiosi a viso aperto, ragazzi e ragazze impegnati nel volontariato, in politica, nelle parrocchie, nelle associazioni civiche, nelle società sportive. Sono persone che quotidianamente, con forza, abnegazione e con coraggio, mettono anima, corpo e cuore per affermarsi in quei luoghi che oggi ci vengono descritti come “luoghi senza scampo”».
Già, i luoghi: «Inviterei le persone rimaste colpite dal film Rai a visitare le bellezze dell’Aspromonte, la casa di Corrado Alvaro a San Luca, i paesaggi onirici che, dall’entroterra al mare, sin dai tempi di Edward Lear, lasciano i visitatori ammaliati e quasi senza fiato per la loro unicità e bellezza».
«Il mio mandato da sindaco – aggiunge Falcomatà - è il primo dopo lo scioglimento del Comune per infiltrazione mafiosa, un fatto che mi responsabilizza ulteriormente rispetto all’impegno preso davanti ai miei concittadini. L’azione della nostra amministrazione è completamente improntata sulle prassi di trasparenza, legalità e lotta costante e incessante ad ogni forma di corruzione, sopraffazione e malaffare. Per primi, in Italia, ci siamo dotati di un Regolamento per l’utilizzo dei beni comuni e confiscati raccogliendo il plauso di Libera e delle altre associazioni antimafia. Oggi, a Reggio Calabria, le ville dei boss sono abitate dalle persone in difficoltà e bisognose di un alloggio popolare. E’ un lavoro duro, ma indispensabile. Ne siamo coscienti. Ecco perché, nella lotta per l’affermazione della legalità e per la libertà dalla ‘ndrangheta, ognuno deve fare la sua parte».
«Fa ancora più male – incalza il sindaco – dover commentare questo film nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci, quando si creò definitivamente uno spartiacque fra il bene ed il male in un Paese che, in quel momento, conobbe il volto più devastante della mafia. In questa data, avrei soltanto voluto ricordare Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo, gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, ovvero le vittime di un’ideale, sognatori di un mondo senza più mafie e mafiosi, eroi autentici che fattivamente hanno segnato un solco e su quello noi ci siamo incamminati per affermare i sacri valori della giustizia e della legalità. Ahimè, di nuovo, ci troviamo costretti a spostare la nostra attenzione anche su chi narra la ‘ndrangheta rischiando, forse inconsapevolmente, di affossare un intero territorio».
«La prossima volta – conclude il primo cittadino – ci piacerebbe poter assistere pure alla Calabria che resiste, vorremmo che la gente ed i telespettatori ci conoscessero per quello che siamo: una stragrande maggioranza di persone per bene, orgogliose e testarde nell’abitare la terra dei nostri nonni, felici di poter operare accarezzati dall’aura mistica dello Stretto di Messina, respirando il profumo morbido del mandorlo, della zagara, del bergamotto, certi che un giorno saremo finalmente liberi dalla ‘ndrangheta e da ogni stereotipo».


23-05-2019 16:50

NOTIZIE CORRELATE


17-06-2019 - ATTUALITA'

Ancadic: "Comune di Motta San Giovanni, legalità dove sei?"

Riceviamo e pubblichiamo
17-06-2019 - ATTUALITA'

Monasterace. Inaugurato il nuovo Waterfront

Restituito ai cittadini un tratto di lungomare meraviglioso che da tanto tempo era inutilizzabile
17-06-2019 - ATTUALITA'

L'associazione Nuova Solidarietà organizza il convegno: 'Prendersi cura della comunità. La solidarietà al servizio del benessere sociale'

I temi saranno analizzati da figure specializzate nel campo della psicologia

ULTIME NEWS

CRONACA

Gotha. Scarcerato Alberto Sarra

Reggio Calabria. Il Tribunale di Reggio Calabria, presieduto dalla dottoressa Silvia Capone, in accoglimento dell’istanza presentata dagli avvocati Giuseppe Nardo e Danilo Sarra, ha revocato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Alberto Sarra, raggiunto da ordinanza di ...
ATTUALITA'

Gazebo sequestrati, ConfCommercio: "Atteggiamento schizofrenico dell'Amministrazione Comunale"

Reggio Calabria. Confcommercio esprime vicinanza all’Azienda Sottozero di Vincenzo Pennestri ed agli altri pubblici esercizi operanti sul lungomare Matteotti che, ...
CRONACA

Reggio Calabria. Chiusi i gazebo di Sottozero, Matteotti e Taverna Marinara

Reggio Calabria. Ancora un blitz della Polizia Municipale. Sequestrati tre gazebo del Lungomare cittadino: Sottozero, Matteotti e Taverna Marinara. Le contestazioni riguarderebbero ancora una volta presunte ...
CRONACA

Un suicidio "anomalo". Il caso della morte del Carabiniere Fausto Dardanelli. I genitori: "vogliamo verità" VIDEO

Reggio Calabria. Ci sono elementi che aprono ad altre ipotesi oltre al suicidio. Ne sono convinti i familiari di Fausto Angelo Antonio Dardanelli, giovane carabinieri reggino classe ’82 che avrebbe deciso, in un assolato pomeriggio del 22 luglio di 3 anni fa di togliersi la vita, in una zona isolata di Bagaladi, presso la cui caserma dell’Arma prestava servizio. Ecco perché non chiedono altro: evitare che il caso venga archiviato e che vengano svolte delle indagini approfondite. Ci sono troppi lati oscuri a far da contorno a questa morte per molti versi assurda. A partire dalla dinamica stessa di quanto accaduto e per circostanze che si sarebbero registrate prima e dopo il tragico evento. A partire dai due colpi esplosi dalla pistola d’ordinanza con la quale Fausto si sarebbe ucciso. Un fatto piuttosto strano in un suicidio hanno motivo di ritenere genitori e legale della famiglia, Antonia Giovanna Lascala. Sparo dei due colpi che – secondo la spiegazione finita nella richiesta d’archiviazione – potrebbe essere conseguenza di un colpo forse sparato prima e non andato a segno per paura o indecisione del giovane carabiniere che poi avrebbe sparato il colpo finale. Oppure partito dopo quello letale, quale conseguenza di un movimento di riflesso dell’arto. Una tesi “debole” secondo il legale della famiglia. La pistola, inoltre, sarebbe stata ritrovata nella mano destra del giovane carabinieri, eppure alcuni schizzi di sangue sarebbero stati ben visibili anche sulla sinistra. Una “circostanza anomala”, ancora la famiglia, così come sarebbero molte le incongruenze legate al presunto orario della morte e alla successiva comunicazione giunta non solo ai familiari. Quel drammatico giorno Fausto Dardanelli, dopo il servizio in caserma fino alle 15, si sarebbe dovuto vedere con il padre alle 16 per andare insieme a pesca. A quell’appuntamento, nonostante lo avesse confermato, in realtà non si è mai presentato. Avrebbe deciso infatti di togliersi la vita, a bordo della sua auto personale, indossando la divisa per quale aveva una cura assoluta. Con la cintura di sicurezza diligentemente allacciata, il motore acceso, la musica ad alto volume e l’aria condizionata in funzione. E’ vero. Usciva fuori da una situazione sentimentale complicata che, raccontano familiari e colleghi, era comunque riuscito a superare in maniera tranquilla. E allora perché quella morte assurda? I suoi genitori se lo chiedono ancora. E sperano possa emergere in tutta chiarezza la verità. Una verità che aspettano, con il cuore ...
ATTUALITA'

Reggio, Falcomatà e Neri fanno il punto sulla situazione rifiuti in città VIDEO

Reggio Calabria. “Vogliamo fare il punto sulla ...
ATTUALITA'

Esercitazioni del gruppo Speleo Alpino Fluviale dei Vigili del Fuoco alla funivia di Gambarie d'Aspromonte VIDEO

Il personale del nucleo Speleo Alpino Fluviale del Comando di Reggio Calabria nei giorni scorsi è stato impegnato in quattro esercitazioni che si sono tenute presso l’impianto di risalita di Gambarie, gestito dalla cooperativa Aspro service, che va da Piazza Mangeruca a Monte Scirocco. Durante le esercitazioni è stato simulato il blocco accidentale dell’impianto con la successiva evacuazione delle persone rimaste sui seggiolini. Nelle quattro giornate sono state effettuate diverse simulazioni in parti differenti del tracciato in modo di testare più scenari con diverse difficoltà operative. Oltre al personale del Comando di Reggio Calabria hanno preso parte all’esercitazione anche operatori del nucleo SAF del Comando di Vibo Valentia. In tutto alle esercitazioni hanno preso parte 27 unitàSAF Vigili del Fuoco. La manovra messa a punto dai Vigili del Fuoco e sperimentata in questa occasione permetterà di effettuare i futuri interventi in minor tempo limitando gli effetti negativi causati dall’esposizione al freddo dei soccorsi. La simulazione è stata utile, anche, per meglio standardizzare le procedure operative tra il personale dei due Comandi. I risultati delle esercitazioni sono confortanti poiché il duro lavoro, cui sono stati sottoposti gli operatori, ha permesso di verificare che si è giunti ad un buon livello operativo. Mettere a sistema le conoscenze del personale dei due Comandi ha permesso di incrementare il numero di operatori che potranno intervenire nei vari scenari essendo padroni di quelle tecniche che dovranno utilizzare in caso di reali interventi in entrambe le province. Coscienti della risposta che il cittadino si attende, in caso bisogno, i Vigili del fuoco continuano a mettere in atto tutto quanto è necessario preparandosi in modo da offrire il migliore intervento possibile in funzione dei compiti che lo Stato ha ...
CRONACA

Siderno. A fuoco stabile, i vigili del fuoco evitano gravi conseguenze FOTO

Intensa giornata quella di ieri per i vigili del fuoco della ...
ECONOMIA

Rapporto Bankitalia: "La Calabria cresce anche se con perdita di slancio"

La Calabria continua a crescere nel 2018, anche se con una "perdita di slancio" rispetto all'anno precedente e con aspettative da parte delle imprese che rimangono moderatamente ottimistiche per il ...
ATTUALITA'

Taormina Film Festival. Michele Affidato realizzerà i premi per la kermesse

Nicole Kidman, Oliver Stone, Richard Dreyfuss, Peter Greenaway, Alessandro Haber e Riccardo Scamarcio. Sono solo alcuni dei nomi che animeranno la 65esima edizione del “Taormina Film Fest”, ...
SPORT

Il Consiglio Regionale del CONI si è riunito per trattare le tematiche relative al Trofeo CONI 2019

Venerdì 14 Giugno presso il Salone Oreste Granillo della Scuola Regionale dello Sport Calabria, si è riunito il Consiglio Regionale del CONI, per ...
CRONACA

Guida in stato di ebbrezza: 5 patenti ritirate nel reggino

Durante la notte tra sabato e domenica, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio a Cittanova, in occasione di un evento organizzato nel territorio e attrattivo di ...
ATTUALITA'

Sanità. Decreto Calabria. Quando la battaglia non ha colore politico. Martedì la protesta si sposta nella Capitale

Reggio Calabria. Sarà una settimana chiave sul fronte della sanità calabrese e reggina in particolare. Il Consiglio ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
CHISTI SIMU
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
PIANETA DILETTANTI
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Film

ADNKRONOS ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Dissesto stradale
    • CONCORSO COSENZA - BLOCCO ASSUNZIONI
    • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
    • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
    • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
    • Nuova piscina comunale.
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    idomotica
    Basta vittime 106
    Italpress