ATTUALITA'

Riceviamo e pubblichiamo

"Se vuoi perdere la dignità umana recati al Pronto Soccorso di Reggio Calabria"

Ho scelto di iniziare così questo mio scritto, perché è di questo che si parla. Di dignità. Pertanto non farò nomi e cognomi. Quelli saranno citati nelle sedi adeguate. Non farò neanche il mio. Non voglio ne onori né oneri. Voglio solo che si sappia questa storia. Per dare un segnale. Un segnale che possa portare a un cambiamento.
Mio Padre era una Persona ammalata di leucemia. Egregiamente e amabilmente seguito presso il reparto di ematologia degli ospedali riuniti di Reggio Calabria e dagli splendidi volontari dell’Ail. Ma un pomeriggio, così, improvvisamente, si sente male a casa. Non vi era alcun segno di malessere in Lui. La malattia era sotto controllo. Si sospettava una possibile recidiva, ma i valori andavano bene. Al mattino era serenamente uscito a far spesa. Ma si sa, in queste situazioni, tutto può accadere…
Infatti ripeto, si sente male. E decido di chiamare il 118. Già al telefono mi dicono che l’ambulanza che arriverà è senza medico: “Accetta”? dico di sì. Tanto mi rendo conto che la situazione è abbastanza grave e che deve essere solo trasportato in ospedale dove, dicono, in corsia al Pronto Soccorso sono già stati avvertiti che arriverà un malato del reparto di ematologia e che dovrà essere preso in carico immediatamente. Gli infermieri dell’ambulanza si rendono conto, al loro arrivo, della gravità della situazione e, pensando ad un edema polmonare, corrono verso il Pronto Soccorso dove, dicono, nella sfortuna siamo fortunati, perché in turno vi è un ottimo pneumologo. E così arriviamo alle 19:30 dall’ottimo pneumologo che dice che c’è quest’edema polmonare e sostiene che prima di tutto va tamponata quest’emergenza. E così fanno. Almeno sembra. Tale medico mi dice che la situazione è abbastanza grave, mentre, rendendosi conto della mia presenza dentro il Pronto Soccorso, dove mi avevano permesso di entrare per qualche minuto per aggiornarmi, urla a qualcuno di mettere addosso a mio Padre almeno un lenzuolo per coprirlo, visto che lo avevano lasciato totalmente nudo con un enorme casco in testa, alla mercé di qualsiasi sguardo indiscreto.
Dignità…
Comunque… andiamo avanti.
Alle 20:30 c’è il cambio del Medico del P.S. Dicono che ne arriva uno pessimo. Vabbè penso… è pur sempre un Medico. E poi comunque sopra già sanno in ematologia… pensavo…
Ma intorno alle 21.30 vengo chiamato da una dottoressa, la quale si presenta come medico del reparto di Terapia Intensiva – Rianimazione. Vuole sapere tutta la situazione clinica di mio Padre ed io gliela racconto. Mi dice che per lei non esiste alcun edema polmonare, ma c’è una pesante crisi respiratoria. E che attendeva l’esito delle lastre ai polmoni che avevano fatto. Dopo di che avrebbero deciso come intervenire. Ma in ogni caso mi sottolinea che i malati oncologici di solito non li portano in rianimazione. “E perché?” chiedo. Perché comunque ci sono neoplasie e quindi di solito non hanno una buona risposta… mi fa capire insomma che quasi quasi non ne vale la pena… Io comunque penso che mio Padre sia una Persona innanzi tutto, prima di essere un malato oncologico. Ma purtroppo questo non è un pensiero comune.
Dignità…
Quindi già a questo punto sono passate più di due ore dentro al P.S. dove, neanche a dirlo, arrivano emergenze in continuazione: le urla si sprecano. La rabbia scorre a fiumi e tutti si trovano in preda ad ansie e frustrazioni varie. Il personale è poco, certo, ed è oberato. Ma nessuno brilla per cortesia e per professionalità.
Quindi attendo pazientemente il responso delle lastre e le decisioni dei medici. E si fanno le 23:00 circa…
E vengo chiamato dal medico del P.S. il quale mi dice che mio Padre deve essere ricoverato presso il Reparto di Ematologia. La notizia mi rende contento. Penso: “meno male, lì lo conoscono bene, sono stati avvertiti, e lo prenderanno in cura come sempre hanno fatto”. Ma mi aggiunge: “devi firmare però che accetti il ricovero in barella in corridoio”. Io firmo. Fidandomi. E, come dicevo, penso: “è ematologia”.
E chiedo al medico: “ma com’è la situazione”? e lui, con aria seccata, sprezzante, e mezza ironica mi fa: “gioia mia! C’aimu a fari… Mandamulu supra”. Per la serie… c’è poco da fare ormai… non rompere…
Dignità…
Mio Padre mi ha sempre insegnato l’educazione e la temperanza. Un uomo mite e risoluto. Ma educato e rispettoso. Ho obbedito ai suoi insegnamenti.
Salgo con lui in ematologia dove viene ricevuto dagli infermieri. Rimango fuori come da prassi. Ed attendo notizie. Quando improvvisamente le porte si spalancano e, correndo con la barella con mio Padre sopra, escono i medici e gli infermieri imprecando. Dicendo che sono matti a mandarlo su in corridoio in quelle condizioni. Che è molto grave e che deve andare in rianimazione.
Corsa sfrenata… corridoio… ascensore… rianimazione… ennesima porta chiusa…
Dignità…
Esce la dottoressa di ematologia e mi dice: “ma perché hai firmato?, io sapevo che era giù, ero stata avvertita, ma non mi avevano detto che era in queste condizioni, altrimenti avrei agito direttamente subito. Non mi hanno detto niente”.
Ma io che ne potevo sapere… io sapevo che loro sapevano… e quindi, quando mi hanno proposto di firmare l’ho fatto senza esitare…
Mi sono sentito circuito ed ingannato. Inizio a perdere la pazienza…
Ennesima porta chiusa quindi…. E noi dietro… ad attendere notizie. Noi. Ancora non li ho menzionati. Ma con me in tutta la vicenda ci sono dall’inizio la mia mamma, mia moglie, mia sorella, mio cognato, mia zia, mia cugina… e poi sopraggiungono amici… comunque sono ormai le 23:45 circa quando mio Padre arriva in rianimazione. Finalmente veniamo chiamati a colloquio con la dottoressa. Ma sono circa l’una del mattino. Ci dice che la situazione è grave. Come mi aveva detto prima (perché è la stessa dottoressa di prima che mi aveva detto che non Lo avrebbero preso), non c’è alcun edema, ma un addensamento polmonare importante dovuto ad una polmonite acuta che gli ha totalmente compromesso il polmone destro. Loro cureranno la polmonite con gli antibiotici specifici. E poi vedremo che succede. Dice. Ci dà gli orari del reparto e come funziona. Ci dice che spera di non doverlo intubare. Perché è un malato oncologico. Ma dice che anche a loro è dovuta una speranza………………
Se succede qualcosa vi avvertiamo noi. Sennò a domattina alle 8.
Andiamo a casa. Alle 2:20 del mattino suona il mio cellulare. È lei: “avvicinatevi. Ha avuto un arresto cardiaco ed è grave”.
Andiamo. Arriviamo. Entriamo. È morto. Disperazione. Rabbia. Tristezza. Domande. Tante domande.
È andato tutto come doveva andare? O poteva andare diversamente?
È normale che una persona che deve essere ricoverato in rianimazione d’urgenza ci arrivi dopo oltre tre ore che arriva al P.S.?
È normale che venga curato per un edema che non c’è?
È normale che se una Persona è un malato oncologico non possa godere di speranza?
È normale che un malato non è una Persona?
È normale che il luminare sbagli?
È normale che si sappia chi è bravo e chi no e che ti puoi affidare solo al Padre Eterno?
È normale che non ci sia nessuno a vigilare su ciò che accade lì dentro?
Scrivo tutto ciò perché vivo in questa terra. Ci sono tornato dopo 12 anni in cui sono stato fuori. Ho scelto di restare. Di scommettere che tutto possa cambiare. Ma mi rendo conto che è molto difficile. La nostra cultura non permette la serietà ed il rispetto delle regole. Tutto alla buona… tanto… siamo qui dove nessuno parla e tutti ci lamentiamo. Ma sinceramente ora basta.
Io cerco sempre di essere retto e corretto in ciò che faccio. Con la temperanza e la buona educazione che mio Padre ha insegnato a me ed ai miei figli. Ma mi rendo ancora conto che solo l’arroganza e le minacce hanno ascolto. Se quella sera al P.S. avessi sbroccato? Se avessi iniziato ad urlare e minacciare avrebbero agito diversamente? Probabilmente sì. Ma non è nello stile della mia famiglia. E purtroppo l’educazione non paga.
Scrivo amareggiato a voi organi di stampa. Per poter divulgare questa storia. Per rendere noto a tutti cosa è successo. Perché quando prenderò la cartella clinica di mio Padre, che ho richiesto, e che ci vorrà “solo” un mese e mezzo per averla, vorrei che le cose fossero coincidenti con quello che è accaduto realmente.
E vorrei qualche risposta alle mie domande. E vorrei davvero che le cose cambiassero. Per tutti. Per tutti noi che stiamo quaggiù. Nella terra dimenticata dallo Stato…
Lettera firmata

13-09-2019 12:44

NOTIZIE CORRELATE


27-05-2020 - ATTUALITA'

Dal Mit 11 milioni alla Calabria per nuovi bus ecologici e attrezzati anti-Covid19

Le Regioni non dovranno stipulare alcuna Convenzione con il Mit e potranno procedere all'acquisto dei bus senza obbligo di cofinanziamento
27-05-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. L'Assessore Lucia Nucera: "Sono 347 le famiglie che hanno ricevuto il contributo alloggiativo"

Il Pon Metro è una misura economica europea fondamentale che ci ha consentito di mantenere attivi i servizi essenziali
27-05-2020 - ATTUALITA'

Transhipment. La nave record di MSC fa il suo ingresso al Porto di Gioia Tauro VIDEO

La "Sixin" tocca per la prima volta il maxi-scalo calabrese
27-05-2020 - ATTUALITA'

Villa San Giovanni. Prosegue il piano di pulizia delle spiagge

Intervento massiccio di AVR

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Rotary, donazione di alto livello tecnologico al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria

Reggio Calabria. È stata consegnata nel corso di una breve e sobria cerimonia la donazione di strumenti ad alta tecnologia innovativa che il Distretto ...
ATTUALITA'

Coronavirus. In Calabria 1.158 casi positivi (+1 rispetto a ieri) IL BOLLETTINO REGIONALE

In Calabria ad oggi sono stati ...
ATTUALITA'

Operazione Cemetery Boss, Pazzano: "Chi non rispetta la morte non capisce niente della vita"

Un’inchiesta ricostruisce gli interessi delle cosche sul cimitero di Modena e l’ipotesi di connivenza di alcuni funzionari pubblici. Chi non rispetta la morte non ...
CRONACA

"Le Piramidi", il Col. Marco Marricchi: "Fate attenzione agli investimenti che sembrano troppo vantaggiosi" VIDEO

...
CRONACA

Reggio, Operazione "Le Piramidi": maxi truffa ai danni di risparmiatori. Disarticolata associazione per delinquere VIDEO

Reggio Calabria. Questa mattina è stata data esecuzione a un decreto di sequestro preventivo emesso, su richiesta della Procura della Repubblica, di Reggio Calabria diretta dal Dott. Giovanni Bombardieri, dal G.I.P. presso il locale Tribunale, per un valore complessivo di circa 1.500.000 di euro nei confronti di 3 soggetti appartenenti ad una associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti di truffa aggravata mediante la raccolta e gestione di risparmi, la vendita di strumenti finanziari fasulli ed a struttura piramidale, in assenza delle prescritte autorizzazioni in danno di oltre un centinaio di risparmiatori dislocati su tutto il territorio nazionale. Tra gli indagati anche un funzionario – ora in pensione – di un Istituto di credito che ha fornito il proprio supporto ai membri dell’associazione nell’individuazione dei potenziali clienti. Le complesse indagini eseguite dal Comando Provinciale della Guardia di Finanzia di Reggio Calabria e dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria hanno consentito, tra l’altro, di tracciare le ricchezze illecitamente accumulate dagli indagati, e pertanto sono stati sottoposti a sequestro disponibilità finanziarie detenute su conti corrente ubicati in Italia e nell’isola di Tenerife (Spagna), terreni siti in Reggio Calabria e 127 oggetti preziosi tra cui diamanti, collane, bracciali, anelli in oro, orologi di alto valore altre pietre preziose e 241 monete di argento. La citata misura cautelare reale deriva dalla convergenza di più attività investigative coordinate dal Dott. Gerardo Dominijanni, Procuratore Vicario, e dal sostituto procuratore Marco Lojodice, che hanno consentito di rilevare come gli indagati, agendo sotto lo schermo di società finanziarie appositamente costituite in Italia e all’estero, si facessero consegnare somme di denaro dai malcapitati clienti prospettandogli il reinvestimento in fondi di risparmio promettendo tassi di interesse particolarmente allettanti, talvolta anche fino al 40%. I membri dell’associazione incameravano, quindi, le somme e - successivamente al fine di rendere più credibile lo schema truffaldino - provvedevano al rimborso, ancorché solo parziale delle stesse, in piccole “tranche” e mediante ricariche su carte prepagate. Peraltro, a fronte delle somme ricevute a titolo di investimento, gli indagati facevano in modo che i soggetti truffati stipulassero polizze assicurative fittizie a garanzia degli investimenti, riuscendo così ad incamerare indebitamente ulteriori somme di denaro. Tali falsi piani assicurativi, gestiti da uno dei sodali mediante una società nel padovano, oltre a dare una parvenza di garanzia all’investimento, incoraggiavano i potenziali clienti a stipulare i predetti strumenti finanziari. Le articolate indagini esperite hanno consentito altresì di rilevare che gran parte degli investimenti avveniva mediante la stipula di contratti di associazione in partecipazione all’interno di strutture piramidali (c.d. “Multi level marketing”), tra le quali i networks “Adamax”, “Unetenet”, “TelexFree” e “Lirbertagià”, gestiti dal principale indagato. In particolare si tratta di tipologie di reti il cui core business è il sistema di pacchetti di affiliazioni e di vendite, tipico del c.d. “Schema Ponzi”, che prospetta agli investitori un rendimento proporzionale alla capacità di reclutamento di nuovi sottoscrittori dei piani di investimento. I clienti venivano, pertanto, posti di fronte ad una allettante possibilità di conseguire guadagni mediante il loro inserimento a titolo oneroso in una c.d. “Catena di Sant’Antonio”, facendo credere loro che, per ottenere maggiori compensi, avrebbero dovuto far inserire e dunque “reclutare” nuovi soggetti. In realtà, gli indagati hanno rimborsato i malcapitati clienti solo parzialmente, trattenendo gran parte delle somme investite. Anche in questa vicenda è stata determinante la ricostruzione dei flussi finanziari, agevolata dal supporto informativo contenuto in alcune segnalazioni di operazioni sospette pervenute al Nucleo Speciale di Polizia Valutaria per fini di prevenzione antiriciclaggio. Lo sviluppo investigativo di tali preziose informazioni ha costituito, come spesso capita in questo tipo di indagini, un imprescindibile strumento di supporto utile ad orientare le investigazioni ed aggredire i patrimoni di provenienza illecita. Il provvedimento cautelare eseguito costituisce la conclusione di un complesso iter investigativo che dimostra - ancora una volta - la costante azione della Guardia di Finanza nella ricerca e repressione dei più gravi crimini di matrice economico -finanziaria e nell’aggressione dei ...
ATTUALITA'

Coronavirus, nessun caso positivo per l'ASP di Reggio Calabria IL BOLLETTINO

La Direzione Sanitaria dell'ASP di Reggio Calabria ...
ATTUALITA'

Catona, intervento sulla rete comunale: disservizi idrici dalle ore 8 del 27 maggio

Il Comune di Reggio Calabria rende noto che, a causa di un intervento straordinario sulla rete idrica comunale lungo la via Nazionale, dalle ore 08:00 del giorno 27.05.2020 saranno previsti ...
ATTUALITA'

Emergenza Covid-19: 3 milioni di euro per gli universitari calabresi fuori sede

Un fondo di 3 milioni di euro, da trasformare ora in contributo straordinario una tantum per gli universitari calabresi fuorisede. Sono in pubblicazione sul portale della Regione Calabria ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Al Gom di Reggio Calabria zero casi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che in data odierna sono statisottoposti allo screening per CoViD-19 280 soggetti. Nessuno è ...
ATTUALITA'

Trasporto ferroviario. Alla Stazione di Reggio Calabria anteprima per Italo EVO VIDEO

Reggio Calabria. Non è un viaggio ...
ATTUALITA'

Coronavirus. In Calabria zero casi positivi IL BOLLETTINO

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 62.255 tamponi. Le persone risultate positive al ...
CRONACA

Come la Cassazione ha smontato le accuse contro l'ex consigliere regionale Sebi Romeo

Reggio Calabria. Era tornato il libertà lo scorso mese di dicembre. Arrivano ora le motivazioni della Cassazione alla scarcerazione dell’ex capogruppo PD in Consiglio regionale ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RASSEGNA STAMPA
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
BORGOITALIA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.25

Strettamente Personale

Ore 21.40

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La dialisi e i dializzati al tempo del covid 19
  • NARCISISMO DEL SINDACO
  • Marchiatura prodotti alimentari 100% italiani
  • Carenza idrica
  • Perdita d’acqua nel tombino in via vico petrellinna n9
  • FUORIUSCITE DI FOGNA
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
Basta vittime 106
idomotica