ATTUALITA'

Riceviamo e pubblichiamo

"Se vuoi perdere la dignità umana recati al Pronto Soccorso di Reggio Calabria"

Ho scelto di iniziare così questo mio scritto, perché è di questo che si parla. Di dignità. Pertanto non farò nomi e cognomi. Quelli saranno citati nelle sedi adeguate. Non farò neanche il mio. Non voglio ne onori né oneri. Voglio solo che si sappia questa storia. Per dare un segnale. Un segnale che possa portare a un cambiamento.
Mio Padre era una Persona ammalata di leucemia. Egregiamente e amabilmente seguito presso il reparto di ematologia degli ospedali riuniti di Reggio Calabria e dagli splendidi volontari dell’Ail. Ma un pomeriggio, così, improvvisamente, si sente male a casa. Non vi era alcun segno di malessere in Lui. La malattia era sotto controllo. Si sospettava una possibile recidiva, ma i valori andavano bene. Al mattino era serenamente uscito a far spesa. Ma si sa, in queste situazioni, tutto può accadere…
Infatti ripeto, si sente male. E decido di chiamare il 118. Già al telefono mi dicono che l’ambulanza che arriverà è senza medico: “Accetta”? dico di sì. Tanto mi rendo conto che la situazione è abbastanza grave e che deve essere solo trasportato in ospedale dove, dicono, in corsia al Pronto Soccorso sono già stati avvertiti che arriverà un malato del reparto di ematologia e che dovrà essere preso in carico immediatamente. Gli infermieri dell’ambulanza si rendono conto, al loro arrivo, della gravità della situazione e, pensando ad un edema polmonare, corrono verso il Pronto Soccorso dove, dicono, nella sfortuna siamo fortunati, perché in turno vi è un ottimo pneumologo. E così arriviamo alle 19:30 dall’ottimo pneumologo che dice che c’è quest’edema polmonare e sostiene che prima di tutto va tamponata quest’emergenza. E così fanno. Almeno sembra. Tale medico mi dice che la situazione è abbastanza grave, mentre, rendendosi conto della mia presenza dentro il Pronto Soccorso, dove mi avevano permesso di entrare per qualche minuto per aggiornarmi, urla a qualcuno di mettere addosso a mio Padre almeno un lenzuolo per coprirlo, visto che lo avevano lasciato totalmente nudo con un enorme casco in testa, alla mercé di qualsiasi sguardo indiscreto.
Dignità…
Comunque… andiamo avanti.
Alle 20:30 c’è il cambio del Medico del P.S. Dicono che ne arriva uno pessimo. Vabbè penso… è pur sempre un Medico. E poi comunque sopra già sanno in ematologia… pensavo…
Ma intorno alle 21.30 vengo chiamato da una dottoressa, la quale si presenta come medico del reparto di Terapia Intensiva – Rianimazione. Vuole sapere tutta la situazione clinica di mio Padre ed io gliela racconto. Mi dice che per lei non esiste alcun edema polmonare, ma c’è una pesante crisi respiratoria. E che attendeva l’esito delle lastre ai polmoni che avevano fatto. Dopo di che avrebbero deciso come intervenire. Ma in ogni caso mi sottolinea che i malati oncologici di solito non li portano in rianimazione. “E perché?” chiedo. Perché comunque ci sono neoplasie e quindi di solito non hanno una buona risposta… mi fa capire insomma che quasi quasi non ne vale la pena… Io comunque penso che mio Padre sia una Persona innanzi tutto, prima di essere un malato oncologico. Ma purtroppo questo non è un pensiero comune.
Dignità…
Quindi già a questo punto sono passate più di due ore dentro al P.S. dove, neanche a dirlo, arrivano emergenze in continuazione: le urla si sprecano. La rabbia scorre a fiumi e tutti si trovano in preda ad ansie e frustrazioni varie. Il personale è poco, certo, ed è oberato. Ma nessuno brilla per cortesia e per professionalità.
Quindi attendo pazientemente il responso delle lastre e le decisioni dei medici. E si fanno le 23:00 circa…
E vengo chiamato dal medico del P.S. il quale mi dice che mio Padre deve essere ricoverato presso il Reparto di Ematologia. La notizia mi rende contento. Penso: “meno male, lì lo conoscono bene, sono stati avvertiti, e lo prenderanno in cura come sempre hanno fatto”. Ma mi aggiunge: “devi firmare però che accetti il ricovero in barella in corridoio”. Io firmo. Fidandomi. E, come dicevo, penso: “è ematologia”.
E chiedo al medico: “ma com’è la situazione”? e lui, con aria seccata, sprezzante, e mezza ironica mi fa: “gioia mia! C’aimu a fari… Mandamulu supra”. Per la serie… c’è poco da fare ormai… non rompere…
Dignità…
Mio Padre mi ha sempre insegnato l’educazione e la temperanza. Un uomo mite e risoluto. Ma educato e rispettoso. Ho obbedito ai suoi insegnamenti.
Salgo con lui in ematologia dove viene ricevuto dagli infermieri. Rimango fuori come da prassi. Ed attendo notizie. Quando improvvisamente le porte si spalancano e, correndo con la barella con mio Padre sopra, escono i medici e gli infermieri imprecando. Dicendo che sono matti a mandarlo su in corridoio in quelle condizioni. Che è molto grave e che deve andare in rianimazione.
Corsa sfrenata… corridoio… ascensore… rianimazione… ennesima porta chiusa…
Dignità…
Esce la dottoressa di ematologia e mi dice: “ma perché hai firmato?, io sapevo che era giù, ero stata avvertita, ma non mi avevano detto che era in queste condizioni, altrimenti avrei agito direttamente subito. Non mi hanno detto niente”.
Ma io che ne potevo sapere… io sapevo che loro sapevano… e quindi, quando mi hanno proposto di firmare l’ho fatto senza esitare…
Mi sono sentito circuito ed ingannato. Inizio a perdere la pazienza…
Ennesima porta chiusa quindi…. E noi dietro… ad attendere notizie. Noi. Ancora non li ho menzionati. Ma con me in tutta la vicenda ci sono dall’inizio la mia mamma, mia moglie, mia sorella, mio cognato, mia zia, mia cugina… e poi sopraggiungono amici… comunque sono ormai le 23:45 circa quando mio Padre arriva in rianimazione. Finalmente veniamo chiamati a colloquio con la dottoressa. Ma sono circa l’una del mattino. Ci dice che la situazione è grave. Come mi aveva detto prima (perché è la stessa dottoressa di prima che mi aveva detto che non Lo avrebbero preso), non c’è alcun edema, ma un addensamento polmonare importante dovuto ad una polmonite acuta che gli ha totalmente compromesso il polmone destro. Loro cureranno la polmonite con gli antibiotici specifici. E poi vedremo che succede. Dice. Ci dà gli orari del reparto e come funziona. Ci dice che spera di non doverlo intubare. Perché è un malato oncologico. Ma dice che anche a loro è dovuta una speranza………………
Se succede qualcosa vi avvertiamo noi. Sennò a domattina alle 8.
Andiamo a casa. Alle 2:20 del mattino suona il mio cellulare. È lei: “avvicinatevi. Ha avuto un arresto cardiaco ed è grave”.
Andiamo. Arriviamo. Entriamo. È morto. Disperazione. Rabbia. Tristezza. Domande. Tante domande.
È andato tutto come doveva andare? O poteva andare diversamente?
È normale che una persona che deve essere ricoverato in rianimazione d’urgenza ci arrivi dopo oltre tre ore che arriva al P.S.?
È normale che venga curato per un edema che non c’è?
È normale che se una Persona è un malato oncologico non possa godere di speranza?
È normale che un malato non è una Persona?
È normale che il luminare sbagli?
È normale che si sappia chi è bravo e chi no e che ti puoi affidare solo al Padre Eterno?
È normale che non ci sia nessuno a vigilare su ciò che accade lì dentro?
Scrivo tutto ciò perché vivo in questa terra. Ci sono tornato dopo 12 anni in cui sono stato fuori. Ho scelto di restare. Di scommettere che tutto possa cambiare. Ma mi rendo conto che è molto difficile. La nostra cultura non permette la serietà ed il rispetto delle regole. Tutto alla buona… tanto… siamo qui dove nessuno parla e tutti ci lamentiamo. Ma sinceramente ora basta.
Io cerco sempre di essere retto e corretto in ciò che faccio. Con la temperanza e la buona educazione che mio Padre ha insegnato a me ed ai miei figli. Ma mi rendo ancora conto che solo l’arroganza e le minacce hanno ascolto. Se quella sera al P.S. avessi sbroccato? Se avessi iniziato ad urlare e minacciare avrebbero agito diversamente? Probabilmente sì. Ma non è nello stile della mia famiglia. E purtroppo l’educazione non paga.
Scrivo amareggiato a voi organi di stampa. Per poter divulgare questa storia. Per rendere noto a tutti cosa è successo. Perché quando prenderò la cartella clinica di mio Padre, che ho richiesto, e che ci vorrà “solo” un mese e mezzo per averla, vorrei che le cose fossero coincidenti con quello che è accaduto realmente.
E vorrei qualche risposta alle mie domande. E vorrei davvero che le cose cambiassero. Per tutti. Per tutti noi che stiamo quaggiù. Nella terra dimenticata dallo Stato…
Lettera firmata

13-09-2019 12:44

NOTIZIE CORRELATE


15-10-2019 - ATTUALITA'

Lavori previsti di notte, ma eseguiti alle 8 del mattino: traffico in tilt lungo il raccordo e in entrata in città

Gli interventi come da circolare dovrebbero essere eseguiti tra le 21 e le 7 del mattino
15-10-2019 - ATTUALITA'

Reggio, alloggi popolari: Falcomatà visita il complesso di Vico Neforo

Sopralluogo casa per casa
15-10-2019 - ATTUALITA'

Caccia. Costituito il nuovo Comitato di Gestione dell'Atc Rc1

riserverà una particolare attenzione all'emergenza cinghiali
15-10-2019 - ATTUALITA'

Debiti sul comparto rifiuti. Riunione tra Comune, Città Metropolitana e Regione Calabria

Molti dei Comuni reggini interessati hanno già pagato la quota relativa al primo semestre

ULTIME NEWS

CRONACA

Per la procura Sissy Trovato Mazza si è suicidata. Chiesta l'archiviazione del caso

Reggio Calabria. Sissy Trovato Mazza non è stata uccisa, si è suicidata. E' questa la conclusione a cui sarebbe giunta la Pm della Procura di Venezia, Elisabetta Spigarelli, ...
CRONACA

Carcere di Arghillà: "Pochi ispettori in un istituto sovraffollato"

Tra le tante problematiche che affliggono l’istituto Penitenziario di Arghillà, si aggiunge anche la grave carenza degli Ispettori della Polizia Penitenziaria, così com’è emerso ...
CRONACA

Reggio Calabria. Nascondeva armi e droga dentro un piccolo bunker nel muro, arrestato 45enne VIDEO

“Fiumi ...
ECONOMIA

Coldiretti, Giornata Mondiale dell'Alimentazione. In Calabria circa 125 milioni di euro di cibo nei bidoni

Donne Impresa impegnate in attività di educazione alimentare nelle scuole Domani 16 ottobre è la Giornata Mondiale ...
POLITICA

"Una inadeguata programmazione politica di Falcomatà ha impedito alla Città di avere un efficace sviluppo economico, turistico e commerciale"

“Il prossimo anno la città di Reggio Calabria sarà ...
CULTURA

Futuro Corap. L'UGL auspica atto di responsabilità da parte dei gruppi politici di Palazzo Campanella

Reggio Calabria. “La vicenda del Corap, il Consorzio Regionale per lo sviluppo delle Attività Produttive, e la grande concitazione con la quale ...
AMBIENTE

Reggio Calabria. Incivili in azione tra le vie di Tremulini

Reggio Calabria. Ci risiamo. Ancora una volta gli scenari di degrado riscontrate nelle strade di alcune vie cittadine a causa dello sversamento dei rifiuti fanno piombare la città in uno stato di abbandono. A causare tale scempio sono ...
ATTUALITA'

Trenitalia. Torna a parlare Nino Pulitanò: "Licenziato solo io, la bonifica del sottosuolo mai fatta" VIDEO

...
CRONACA

Condannato per omicidio e affiliato alla 'ndrangheta: scatta la confisca a Vincenzo Perri

Gioia Tauro (Reggio Calabria). Ammonta a 900 mila euro il valore dei beni complessivi sequestrati e confiscati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria nei ...
CRONACA

Controlli dei Carabinieri nel territorio reggino, rinvenute armi e droga

Nei giorni appena trascorsi, il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, ha predisposto dei servizi straordinari di controllo del territorio in collaborazione con personale dei “Cacciatori” di ...
ATTUALITA'

Minorenni senza biglietto e contraffazione tra i punti discussi nell'incontro Atam - Garante Marziale

Il Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, ha ricevuto stamani a Palazzo Campanella l'amministratore ...
ATTUALITA'

Polistena. Il Comune paga la mensa ai bimbi bisognosi

Da lunedì 21 ottobre riprende il servizio di refezione scolastica a Polistena. E anche quest'anno la mensa è gratis per i bambini provenienti da famiglie a basso reddito e in difficoltà economica, senza differenze tra nuclei ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RASSEGNA STAMPA
SUONAVA L'ANNO
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult

Ore 21.50

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Rintracciare evasori
  • L’acqua e’ un bene prezioso, l’acqua e’ vita
  • In merito alla ruota panoramica…
  • spazzatura
  • LETTERA APERTA (UN SALUTO PIU' CHE ALTRO) SU ODIERNO REGGIO CALABRIA PRIDE
  • Spiagge di serie A. Spiaggie di serie C
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress