ATTUALITA'

La nota dell'Associazione Ferrovie in Calabria

"Frecciargento Sibari - Bolzano: le nostre proposte per le coincidenze con Cosenza e Lamezia/Reggio Calabria"

In questi primi mesi di esercizio del nuovo collegamento Frecciargento Sibari – Bolzano, ne abbiamo lette e vissute di tutti i colori: dall'incredibile e crescente successo di questo nuovo servizio (sono ormai consolidate le circa 100 persone in partenza ogni mattina solo da Sibari!), alle altrettanto incredibili e per certi versi inquietanti critiche nei confronti del nuovo collegamento Frecciargento, additato come “inutile”, “destinato al fallimento”, “più scomodo e costoso degli autobus”, “semivuoto” e chi più ne ha più ne metta. Critiche inquietanti poiché è naturale chiedersi cosa ci sia dietro a tutto ciò, visto e considerato che i nostri articoli e considerazioni a favore di questo treno (affiancata da numeri e dati, prelevati direttamente dal portale di Trenitalia), hanno ricevuto centinaia di migliaia di like sulla nostra pagina facebook associativa, ed altrettante condivisioni. A che pro, quindi, contestare quello che dalla popolazione della sibaritide, del cosentino e dell'alto Tirreno cosentino, è stato accolto con grande soddisfazione, in una terra in cui l'isolamento ed il monopolio del trasporto su gomma la fanno da padrone? Ci siamo fatti due domande, e ci siamo dati anche delle risposte, che ovviamente teniamo per noi, in quanto il tema – purtroppo – è molto delicato.
In ogni caso, per fortuna, ogni tanto i fatti hanno la meglio, e con l'entrata in vigore dell'orario ferroviario invernale, il prossimo 15 dicembre, il Sibari – Bolzano risulta confermato. Ovviamente il nostro auspicio è che venga reso prenotabile sul portale web di Trenitalia (assieme a tanti altri collegamenti mancanti, tra cui molti collegamenti InterCity ed InterCity Notte nazionali) al più presto, in modo tale da rendere possibile l'organizzazione dei propri spostamenti nelle festività natalizie ai cittadini calabresi.



Un tema che ovviamente ci sta molto a cuore, relativamente al nuovo collegamento Frecciargento Sibari – Bolzano, è quello relativo al miglioramento dei collegamenti ferroviari in adduzione al nuovo servizio, con particolare riferimento a quelli realizzabili a parità di km/treno, quindi senza alcun costo aggiuntivo per Trenitalia e/o Regione Calabria, semplicemente rimodulando le tracce orarie di treni già esistenti. Ci riferiamo nello specifico alla coincidenza serale da Paola a Cosenza con il Frecciargento 8517 Bolzano – Sibari (quella mattutina da Cosenza a Paola, coincidente con il corrispondente 8513 Sibari – Bolzano è già ottimale), e la coincidenza in entrambi i sensi, a Paola, in direzione Lamezia Terme Centrale/Reggio Calabria Centrale.
Nel caso della coincidenza serale da Paola a Cosenza, infatti, notiamo come allo stato attuale, arrivando a Paola con il Frecciargento 8517 alle 21.56, la prima coincidenza utile per Cosenza sia addirittura alle 23.05, con il Regionale 23981 in arrivo da Napoli Centrale. Oltre un'ora di attesa, quindi.
La nostra proposta a parità di km/treno, per eliminare tale criticità, è la seguente:
Attuale Regionale 3693 Reggio Calabria Centrale – Cosenza, in arrivo a Paola alle 20:17 e ripartenza in direzione Cosenza alle 20:50: che tale treno è impostato in coincidenza con il Frecciargento 8343 Roma Termini – Reggio Calabria Centrale, che dal cambio d'orario di dicembre sarà anticipato in partenza da Roma Termini di circa 25 minuti, ed il nuovo orario di arrivo a Paola sarà alle 20.14 e non più alle 20.32. Riteniamo quindi opportuno anticipare (anche andando a favore dell'utenza pendolare, non più costretta a lunghe attese a Paola), la partenza del 3693 da Paola alle 20.40 e non più alle 20.50, proponendo il prolungamento a Sibari di tale collegamento, che diverrebbe quindi un Reggio Calabria Centrale – Paola – Cosenza – Sibari.
L'attuale Regionale 3817 Paola – Sibari (partenza da Paola alle 21.27) diventerebbe invece un Paola – Cosenza, posticipandone la partenza alle 22.20 da Paola, perfettamente in coincidenza con il Frecciargento 8517 in arrivo da Bolzano alle 21.56. Ventiquattro minuti di tempo di coincidenza, invece di un'ora intera, necessaria oggi per proseguire da Paola verso Cosenza.
Per quanto riguarda invece le ben più complesse coincidenze con la Tirrenica Sud, quindi in direzione Lamezia Terme Centrale-Reggio Calabria Centrale, allo stato attuale risultano necessarie alcune rimodulazioni in entrambe le direzioni.
Al mattino, a Paola, la coincidenza da Reggio Calabria Centrale/Lamezia Terme Centrale con il Frecciargento 8513 Sibari – Bolzano (partenza da Paola alle 7.08), salta per 4 minuti con il Regionale 3676 Reggio Calabria Centrale – Cosenza, in arrivo a Paola alle 7.12. Un vero peccato, ma porre rimedio a questa situazione è più complesso (per quanto non impossibile, come vedremo) di quanto possa sembrare.
Considerando infatti che una coincidenza per essere abbastanza “solida” ed affidabile non può essere inferiore ai 20 minuti, a maggior ragione se con treni a lunga percorrenza, ciò significherebbe anticipare la partenza da Reggio Calabria Centrale, per il Regionale 3676, appunto di almeno 20 minuti. Significherebbe far partire il treno quindi prima delle 5 del mattino, con aggravio dei costi di effettuazione (si sforerebbe nell'orario notturno, con maggiore incidenza di personale), ma soprattutto cagionando anche un notevole danno all'utenza pendolare quotidiana che si troverebbe a dover partire, ogni giorno, almeno 20 minuti prima rispetto all'orario attuale. Senza contare che tale anticipo così consistente, creerebbe non pochi problemi con il nodo presente a Lamezia Terme Centrale, con i treni impostati in coincidenza da/per Catanzaro Lido e da/per Rosarno via Tropea.



La soluzione ottimale, a nostro avviso, sarebbe mista: lieve posticipo del Frecciargento 8513 in partenza da Sibari (peraltro il primo orario ufficiale prevedeva la partenza da Sibari alle 6.25 e non alle attuali 6.15), e lieve anticipo del Regionale 3676 da Reggio Calabria Centrale, anche in questo caso di 10 minuti, in modo tale da mantenerne la partenza dalla Città dello Stretto entro le 5.00.
Solo così diventerebbe possibile ottenere, a parità di km/treno, la coincidenza mattutina praticamente da tutta la Calabria Tirrenica a Sud di Paola con il Frecciargento Sibari – Bolzano.



La sera la situazione è ben diversa, purtroppo non meno complessa, ma anche in questo caso ci sarebbe una possibilità da valutare: non essendoci treni Regionali in partenza da Paola in direzione Reggio Calabria a ridosso dell'orario di arrivo del Frecciargento 8517 da Bolzano (21.56 a Paola), notiamo solo la presenza dell'InterCity 1521 Roma Termini – Reggio Calabria Centrale, in arrivo a Paola alle 21.44. In pratica, dodici minuti di differenza con l'orario di arrivo del Frecciargento da Bolzano: non sono pochi, ma neanche troppi.
Andrebbe valutata in questo caso, quindi, la modifica di traccia oraria dell'InterCity 1521, a questo punto riteniamo con posticipo di circa 25 minuti in partenza da Roma Termini (ma allo stato attuale non sappiamo se ciò risulta possibile, poiché va considerata la disponibilità di slot in uscita dalla ormai satura Roma Termini), in modo tale da garantire una coincidenza di almeno 15 minuti a Paola con il Frecciargento proveniente da Bolzano. Diversamente, se il posticipo in partenza da Roma Termini non fosse possibile, andrebbe valutato un graduale “rallentamento” della traccia oraria fino a Paola, per evitare un arrivo analogo a quello attuale (21.44) e lunga sosta di almeno 20 minuti in quest'ultima stazione, per attendere l'arrivo della Frecciargento 8517.
In ogni caso, in qualsiasi modo si riuscisse a garantire la coincidenza tra il FA 8517 e l'IC 1521, non si potrebbe che portare un notevole beneficio reciproco alla frequentazione di entrambi i treni, e soprattutto, in congiunzione con la variazione mattutina di FA 8513 e Regionale 3676, garantire coincidenza in ambedue i sensi da tutta la Calabria Tirrenica a Sud di Paola, con un servizio Frecciargento molto ambito, oggi limitato a Sibari, ma che quando verrà prolungato verso Crotone/Catanzaro Lido una volta completata l'elettrificazione della Ferrovia Jonica tra Sibari e Catanzaro Lido, diventerà immediatamente non più sufficiente a coprire la sempre crescente domanda di mobilità sia della Fascia Jonica nord di Catanzaro, oggi interamente assorbita dal trasporto su gomma, e sia dell'intero versante Tirrenico cosentino.
Queste proposte verranno ovviamente sottoposte sia all'Assessorato Regionale alle Infrastrutture (anche se lo stesso Assessore, il Prof. Roberto Musmanno, comunica che la Regione è già all'opera per risolvere le criticità espresse in questo articolo), e sia alle Divisioni Passeggeri Long Haul e Regionale Calabria di Trenitalia, con la speranza che già dal prossimo cambio d'orario di dicembre, possa diventare molto più comodo usufruire del nuovo Frecciargento Sibari – Bolzano sia da Cosenza (in attesa della costruzione della piattaforma di Settimo di Montalto), e sia dal resto della Calabria a sud di Paola.
Associazione Ferrovie in Calabria


11-11-2019 11:22
Questa notizia è stata letta 2562 volte

NOTIZIE CORRELATE


27-10-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus a Polistena. 27 casi positivi, 15 sono all'ospedale

La nota del Sindaco
27-10-2020 - ATTUALITA'

Fondi Covid19, Spirlì: "La Regione ha fatto fino in fondo la sua parte"

Alla Regione Calabria sono stati accreditati 45.085.876 euro
27-10-2020 - ATTUALITA'

Il Premio Kairos 2020 conferito ad Andrea Agostinelli commissario straordinario dell'Autorità Portuale di Gioia Tauro

A darne notizia è stata la presidente dell'omonima Associazione culturale, professoressa Milena Marvasi Panunzio

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio Calabria. Fata Morgana: confiscato il patrimonio di Giuseppe Chirico, vicino alle cosche Tegano e Condello VIDEO

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Capo, Dott. Giovanni Bombardieri, hanno dato esecuzione alla confisca di un ingente patrimonio, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro, nonché la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. nei confronti di Giuseppe Chirico, imprenditore affermatosi nel settore della grande distribuzione alimentare con pratiche illecite e operante in stretti rapporti con le cosche di ’Ndrangheta “Tegano” e “Condello”, influenti nel mandamento “Reggio Calabria città”. Il provvedimento conferma quanto precedentemente disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino – presieduta dalla Dott.ssa Ornella Pastore – su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica – D.D.A., Dott. Stefano Musolino, con cui erano state applicate la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di beni, nonché quella personale nei confronti del medesimo soggetto. Più in particolare, il Chirico era emerso nel corso delleindagini condotte nell’ambito dell’operazione “Fata Morgana” (i cui sviluppi sono poi confluiti nel più vasto processo “Gotha”), in quanto, con il costante appoggio assicuratogli dalle potenti cosche del quartiere “Gallico”di Reggio Calabria, lo stesso aveva posto in essere tutta una serie di gravi condotte delittuose che gli avevano consentito di imporre e interporre illecitamente le proprie attività commerciali (in particolare quelle della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”) nel settore della grande distribuzione alimentare, anche all’interno del centro commerciale “Perla dello Stretto” di Villa San Giovanni (RC). Per quanto sopra, il G.I.C.O. e la Compagnia Reggio Calabria erano stati delegati dalla locale D.D.A. all’effettuazione di indagini patrimoniali e di contesto finalizzate a individuare l’intero patrimonio del proposto e del suo nucleo familiare, i cui esiti avevano consentito all’A.G. inquirente di avanzare alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino una proposta di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali nei confronti dello stesso. In tal modo, le investigazioni economico-patrimoniali avevano consentito di accertare la sussistenza di una significativa sproporzione tra il profilo reddituale e il profilo patrimoniale del nucleo familiare del soggetto d’interesse anche a cagione della derivazione illecita dei redditi accumulati in qualità di “imprenditore mafioso”ricoperto da quest’ultimo, motivo per cui si era potuto sostenere come l’intero patrimonio accumulato dal Chirico derivasse dalle attività illecite dallo stesso perpetrate sotto il manto di due delle più potenti cosche reggine. Alla luce di tali risultanze, in aderenza alle ipotesi investigative delle Fiamme Gialle e della locale D.D.A., nel corso del 2017, erano state applicate nei confronti del proposto la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. e la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di un terreno, di un veicolo, di 17 rapporti finanziari e della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”, incluse la totalità delle partecipazioni sociali e la totalità del complesso aziendale di quest’ultima, comprendente 28 tra terreni e fabbricati, 2 veicoli e 5 rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro. Con l’odierno provvedimento sono intervenute la conferma dell’applicazione del provvedimento personale in questione, nonché la confisca dei beni precedentemente sequestrati, i quali sono stati così acquisiti al patrimonio dello Stato in via definitiva, con conseguente sottrazione degli stessi alla disponibilità di ambienti della criminalità organizzata reggina. Il servizio in parola testimonia ancora una volta l’elevata attenzione mantenuta dai militari in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, che, nel solco delle precise indicazioni dell’Autorità Giudiziaria reggina, continua a essere rivolta all’individuazione e alla conseguente aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamenteaccumulati dalle consorterie criminali di stampo mafioso, allo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, ...
CRONACA

Salgono a 109 le vittime per il Covid in Calabria

Salgono a 109 le vittime per il Covid in Calabria. Stamani è morta nell'ospedale di Cosenza, dove era ricoverata da alcune settimana, una donna di 73 anni. Lo ha reso noto il sindaco Cassano Ionio, Gianni Papasso, con un post sulla sua pagina ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Cimiteri aperti: consentita l'entrata in sicurezza seguendo il protocollo

Reggio Calabria. Consentito l'accesso ai cimiteri della città, ma in sicurezza. E' quanto prevede l'ordinanza del Sindaco: "Il Sindaco, visto il decreto ...
CRONACA

Reggio Calabria. 'Ndrangheta: processo "Ares", 54 condanne e 5 assoluzioni

Reggio Calabria. Si é concluso con 54 condanne e cinque assoluzioni il processo, celebrato col rito abbreviato davanti al Gup di Reggio Calabria, Domenico Armaleo, nato dall'operazione antimafia ...
CRONACA

Roccella Jonica. In 48 sbarcano al porto

Ancora uno sbarco di migranti lungo le coste della Locride. Si tratta del decimo sbarco nelle ultime tre settimane. Stamattina poco dopo le 8 nel porto di Roccella Jonica ne sono arrivati 48, tutti di sesso maschile e di varie nazionalità. Altri 8 migranti sono stati ...
ATTUALITA'

Sapia diffida Spirlì: "Nessuno si azzardi a nominare i direttori generali delle aziende pubbliche della salute, sarebbe un atto illegittimo e grave"

«Alla Cittadella nessuno si azzardi a nominare i ...
ATTUALITA'

Covid: degente positiva partorisce bimba, è negativa

Si chiama Diletta, pesa quasi 3 kg ed è lunga 49 centimetri, sta bene ed è negativa al Coronavirus anche se la sua mamma è una paziente del reparto Covid-19 dell'Unità operativa del Pugliese diretta dal dottor Lucio Cosco. ...
ECONOMIA

Covid19, la Giunta Regionale modifica il Por per fronteggiare l'emergenza

Con la delibera n. 320 del 26 ottobre la Giunta regionale della Calabria ha approvato la proposta di riprogrammazione del Por Calabria Fesr Fse 2014/2020 nell’ambito della Coronavirus response investment ...
CRONACA

Rosarno. Stalking a una 19enne, arrestato uomo di 63 anni dai Carabinieri

Rosarno (Reggio Calabria). Nei giorni scorsi, i carabinieri della Tenenza Carabinieri di Rosarno, hanno arrestato C.D. 63enne vibonese, per il reato di “stalking” nei confronti di una 19enne ...
ECONOMIA

PSR Calabria: pronti gli aiuti previsti dalla misura Covid

«In anticipo rispetto al cronoprogramma stabilito, la Regione è pronta a sostenere con 14 milioni le aziende dei settori dell’agroalimentare più colpiti dalla crisi da pandemia». Lo dice ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, il Gom comunica: oggi 8 contagi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” comunica in data odierna sono stati sottoposti allo screening per 208 soggetti, di cui 8 risultati positivi al test. Sono 47 i pazienti positivi ...
ATTUALITA'

Coronavirus. La situazione in Calabria, oggi 2 vittime

Si consolida, su numeri sempre alti, il trend dei casi positivi al Covid 19 in Calabria. Aumentano di un'unità, infatti, i contagi rilevati nelle ultime 24 ore: sono 180 a fronte dei 179 rilevati ieri. Due sono le vittime che portano il ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
SUONAVA L'ANNO
RASSEGNA STAMPA
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 15.45-21.20

Medicina in Diretta

Ore 22.30

Pianeta Dilettanti
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
  • L’ascensore del G. O. M.
  • Limite di velocita’
  • Mancanza di acqua
  • Spazzatura a Santa Caterina
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress