Siderno.
ATTUALITA'

La nota dell'Osservatorio Cittadino Rifiuti Siderno

Siderno. "Sulla raccolta dei rifiuti vergogna infinita"

Le vie cittadine che si presentano come tante mini discariche di rifiuti sono l’emblema di una situazione ormai al collasso che si può riassumere con una sola parola: vergogna. Ed è una vergogna che, per motivi diversi, accomuna tutti gli attori in campo, Regione, Amministrazione Comunale, gestore della raccolta, Osservatorio cittadino dei rifiuti e cittadini tutti.
La Regione, in ritardo di almeno vent’anni, non è stata in grado di organizzare un sistema efficiente di raccolta e smaltimento dei rifiuti, né tantomeno di creare un circolo virtuoso di raccolta differenziata e recupero dei materiali con conseguente diminuzione del tonnellaggio da conferire in discarica. In quelle discariche, ormai sature, la cui gestione fallimentare le ha portate agli onori della cronaca per l’inquinamento prodotto e i loschi affari generati. Eppure si sapeva che, senza una riduzione all’origine dei rifiuti prodotti ed un sistema efficace di differenziata, prima o poi si sarebbe giunti al punto di non sapere più dove mettere i rifiuti. Questa è la cronaca di un disastro annunciato che passa attraverso la realizzazione di quegli impianti di separazione - trattamento meccanico biologico- di cui Siderno ospita uno dei pochi efficienti come funzionamento, ma che non risparmia disagi in termini di cattivi odori e traffico di veicoli colmi di rsu ai cittadini che lo ospitano.
Altrettanto imbarazzo dovrebbe provare, ma ne dubitiamo, la società Locride Ambiente che si è aggiudicata la raccolta dei rifiuti a Siderno e che avrebbe dovuto essere il principale interlocutore dell’utenza a cui avrebbe dovuto fornire informazioni esaurienti e capillari per rendere i cittadini più partecipi e consapevoli dell’importanza di una corretta separazione delle diverse categorie di rifiuti. Ebbene, soprattutto in una situazione delicata come quella attuale, è mancata una corretta informazione agli utenti circa le variazioni del servizio dovute sia al problema del conferimento in discarica che agli scioperi dei dipendenti. Ciò ha prodotto un clima di esasperazione nei cittadini che per settimane si sono trovati i mastelli pieni senza che nessuno li informasse adeguatamente e, ancora oggi, non sanno se e quando differenziata ed indifferenziata verranno raccolte. Eppure, giusto per fare un esempio, il capitolato di appalto per la differenziata (art 5) prevede che in caso di sciopero dei dipendenti, con relativi disservizi, l’utenza deve essere avvisata 5 giorni prima. Alla ditta Locride Ambiente, che tra l’altro ha sede proprio a Siderno, vorremmo chiedere come non provi imbarazzo a lasciare che la cittadina sprofondi sotto i cumuli di rifiuti abbandonati nelle strade mentre potrebbe adoperarsi per creare uno stoccaggio temporaneo al TMB o nell’isola ecologica che gestisce a proprio piacimento senza metterla però al servizio dei cittadini. Ricordiamo che molti cittadini, lasciati senza informazioni e con i disservizi che si susseguono, non hanno altra alternativa che lasciare i mastelli colmi all’esterno delle abitazioni sperando in “miracoloso” passaggio degli operatori.
In questo quadro di disorganizzazione e disservizi, la propria parte di onta spetta anche all’Amministrazione Comunale eccessivamente tollerante tanto verso i disservizi di Locride Ambiente quanto verso quei cittadini che continuano ad abbandonare rifiuti su tutto il territorio comunale. Ci si sarebbe aspettato che un comune sotto gestione commissariale avrebbe avuto più a cuore il rispristino della legalità andando a cercare e sanzionare gli evasori della tassa sui rifiuti ed i tanti incivili che abbandonano rifiuti persino nelle strade del centro. Ai signori commissari vorremmo chiedere quale emergenza più importante di una città che si trasformando in una discarica stanno affrontando. Vorremmo chiedere perché le nostre segnalazioni restano ormai inascoltate, anche nelle azioni più facili da intraprendere come per esempio la chiusura della stradina abusiva sul torrente Garino, da sempre colmo di rifiuti.
Ma altrettanta vergogna la proviamo noi, Osservatorio Cittadino dei rifiuti, che non siamo riusciti a mantenere alta l’attenzione su un tema tanto delicato e non siamo riusciti ad essere da stimolo a quei commissari che, a differenza della passata Amministrazione non ci hanno chiuso la porta ma ci hanno trattato come bambini rassicurandoci che avrebbero dato seguito alle nostre istanze ma tradendo le nostre aspettative. Ci vergogniamo di avere sacrificato il nostro tempo e le nostre energie invano, spesso derisi e vituperati dai nostri stessi concittadini che, evidentemente, godono a vedere le strade sommerse di spazzatura.
Infine, la vergogna è anche quella di quei cittadini poco civili che continuano ad abbandonare rifiuti per strada perché, non in regola con la tassa sui rifiuti, non possono richiedere i mastelli. Ed a questi si aggiungono quei sidernesi che, in un tale clima di caos, anziché incrementare la raccolta differenziata per diminuire i volumi di indifferenziata da smaltire e cercare di mitigare gli effetti di queste chiusura degli impianti regionali, rinunciano del tutto a differenziare producendo maggiori volumi di rsu che ingombrano ormai tutti i marciapiedi.
Infine vogliamo rivolgere un accorato appello a tutti, istituzioni e cittadini. Solo se ci impegneremo tutti a fare la nostra parte si potrà uscire da questa situazione. Auspichiamo che la Regione, trovati i siti per conferire l’indifferenziata, si adoperi per attuare a livello regionale una raccolta differenziata più efficiente che riduca la nostra cronica dipendenza dalle discariche. Chiediamo che Locride Ambiente inizi finalmente a comunicare con l’utenza come previsto dal capitolato e come si conviene ad un sistema di raccolta porta a porta efficiente. Allo stesso modo, speriamo che la macchina burocratica comunale si metta in moto e faccia la sua parte per contrastare gli evasori e gli incivili, unico modo per infondere nei cittadini nuova fiducia nelle istituzioni. Infine, ai nostri concittadini chiediamo che differenzino sempre di più e meglio i rifiuti, unico modo per ridurre i volumi indifferenziati da portare in discarica. Noi, l’Osservatorio Cittadino sui rifiuti, continueremo sempre a rivendicare i nostri diritti e a fare la nostra parte per avere un paese ed un mondo più puliti!.
Osservatorio Cittadino Rifiuti Siderno

04-12-2019 17:42

NOTIZIE CORRELATE


23-01-2020 - SPORT

La Virtus Francavilla riapre il campionato: battuta la Reggina. Al Granillo finisce 1-2 per gli ospiti VIDEO

Fondamentale la prossima sfida interna con il Bari
22-01-2020 - ATTUALITA'

Caso del piccolo Matteo: Marziale chiede un incontro urgente al Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese

"La scelta scaturisce dal fatto che la terna commissariale non ha partecipato all'audizione da me convocata tra le parti"
22-01-2020 - ATTUALITA'

Telecomandi per cancelli: trova quello compatibile su telecomandiuniversali.it!

La cosa migliore da fare è acquistarlo online, perché i prezzi sono decisamente più convenienti

ULTIME NEWS

CRONACA

Durante l'orario di lavoro facevano spese o giocavano alle slot: 13 misure cautelari per alcuni dipendenti dell'ASP di Reggio Calabria VIDEO

I Finanzieri della Compagnia di Palmi, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione alla P.G., emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale nei confronti di 13 dipendenti dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, in servizio presso il “polo sanitario” di Taurianova. Il provvedimento eseguito costituisce l’epilogo di una complessa indagine, eseguita dalle Fiamme Gialle palmesi sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi, diretta dal Dott. Ottavio Sferlazza, che ha consentito di individuare plurime e reiterate condotte fraudolente poste in essere da numerosi dipendenti dell’ASP di Reggio Calabria, in servizio presso il citato Polo Sanitario di Taurianova, i quali, pur facendo risultare la regolare presenza in servizio, erano soliti assentarsi dal posto di lavoro in maniera del tutto ingiustificata e con carattere di allarmante sistematicità, per dedicarsi alle più disparate esigenze di carattere personale. Nel corso delle investigazioni, eseguite mediante l’ausilio di attività tecnica di intercettazione, riprese video, mirati servizi di osservazione, pedinamento e controllo e riscontri documentali, è stato rilevato che gli indagati, approfittando, tra l’altro, della mancanza di controllo da parte dei rispettivi Dirigenti, dopo aver timbrato il badge o firmato il foglio di presenza, pur essendo preposti a rendere servizi essenziali per la collettività, anziché dedicarsi alle mansioni demandate, si allontanavano dal luogo di lavoro in maniera sistematica e consuetudinaria, per dedicarsi ad attività private e ludiche di ogni genere, ovvero giocare alle slot-machine, girovagare per le vie cittadine e sostare all’interno dei diversi esercizi commerciali per leggere i quotidiani, recarsi al supermercato per fare la spesa. In taluni casi gli indagati si assentavano inoltre per prendere parte ad eventi religiosi e funerari. Oltre all’assenza ingiustificata e reiterata nel tempo dal posto di lavoro, è stata rilevata anche l’inoperosità quotidiana di buona parte dei dipendenti che, in svariate occasioni, dopo aver timbrato, stazionavano per ore nell’atrio esterno del citato plesso dell’ASP. L’attività d’indagine ha permesso inoltre di riscontrare che gli indagati, non solo non effettuavano le ore di servizio previste, ma addirittura attestavano falsamente l’effettuazione di straordinario, fino ad oltre 30 ore mensili. E’ il caso ad esempio di un indagato che, in orario pomeridiano, era solito giungere in tuta ginnica presso la struttura ASP, ove consegnava il proprio badge ad un collega compiacente che timbrava in sua vece, per poi dedicarsi ad attività sportiva. Un ulteriore caso emerso nel corso delle indagini ha riguardato un indagato che durante la stagione estiva riusciva a farsi certificare, con la compiacenza del medico di base, una condizione di malattia, assentandosi in tal modo dal lavoro ufficialmente per motivi di salute, quando, in realtà, si trovava presso un lido balneare di una nota località ionica del basso reggino a godersi una giornata di relax. Le condotte illecite sono risultate peraltro agevolate da modalità di gestione e certificazione della presenza quotidiana a lavoro presso detta struttura, del tutto inadeguate e connotate da allarmante superficialità. Difatti, dalla disamina della copiosa documentazione acquisita presso gli Uffici preposti alla liquidazione degli stipendi dei dipendenti nonché dalle dichiarazioni rese in atti dai Responsabili degli uffici in questione, venivano riscontrate gravi inefficienze organizzative e gestionali rispetto alle modalità di controllo e rendicontazione delle presenze del personale impiegato presso la struttura ASP in questione, tali da consentire la possibilità, di adottare all’interno dei singoli Uffici, in maniera arbitraria, variegate modalità di rendicontazione, in alcun modo rispondenti alle Disposizioni previste. In propositoè emerso che in una delle Articolazioni della struttura, non era adottato addirittura alcun sistema di rendicontazione e controllo delle presenze lavorative dei dipendenti. Le odierne misure cautelari hanno riguardato ben 13 dipendenti della citata struttura dell’ASP. Nel corso dell’operazione sono state altresì notificate n. 38 informazioni di garanzia, che hanno riguardato i destinatari del suddetto provvedimento, nonché ulteriori 25 indagati. Il servizio concluso testimonia il costante impegno dell’Autorità Giudiziaria e della Guardia di Finanza, nel contrasto al fenomeno dell’assenteismo e alle condotte che, incidendo negativamente sul buon andamento della Pubblica Amministrazione, si pongono in contrasto con i valori, normativi ed etici, naturalmente insiti nel lavoro prestato alle dipendenze della Pubblica Amministrazione, che assumono particolare rilevanza, anche in considerazione del detrimento che tali attività illecite ...
CRONACA

Polistena. Rocambolesco tentativo di fuga durante un controllo: 22enne sperona l'auto della Polizia e colpisce gli agenti

Le attività poste in essere dalla Polizia di Stato per garantire la sicurezza della collettività si ...
CRONACA

Reggio Calabria. "Targa System" in azione: automobilisti sanzionati per un totale di 6 mila euro

Reggio Calabria. Il servizio di polizia stradale ha organizzato un controllo straordinario del territorio che ha consentito di elevare oltre trenta verbali su ...
CRONACA

Reggio Calabria. Offende sui social il Corpo della Polizia Municipale: denunciato per diffamazione aggravata

Reggio Calabria. Nell'ambito di diverse attività avviate dalla polizia locale nei servizi di specifica competenza, negli ultimi due ...
CRONACA

Pellaro. La Polizia Locale chiude un negozio gestito da cittadini cinesi sprovvisto di autorizzazione

Reggio Calabria. Nell'ambito di un servizio effettuato nella giornata odierna, la Polizia locale ha scovato nel quartiere Pellaro una media struttura di ...
ATTUALITA'

Ennesima giovane vita bruciata sulla S.S.106: "Alessandro non rimane nella morte, ma vive per sempre in Dio"

L'omelia del Vescovo di Locri-Gerace Mons. Oliva per le esequie di Alessandro Luppino: Cari fratelli e sorelle, carissimi genitori di ...
ATTUALITA'

Canile di Mortara. Il grido d'aiuto di volontari e veterinari: "Siamo al collasso, adesso non ce la facciamo più" VIDEO

...
ATTUALITA'

Miracolo, a Reggio c'è qualcuno che "cammina sull'acqua" VIDEO

ATTUALITA'

Sorical. L'assemblea dei soci approva i bilanci relativi agli anni 2017 e 2018

L’Assemblea dei soci di Sorical ha approvato i bilanci 2017 e 2018 della società regionale che gestisce gli acquedotti regionali. L’approvazione è avvenuta a seguito della ...
ATTUALITA'

Il Rotary Club Reggio Calabria Nord conferisce la Paul Harris Fellow al Questore Vallone e presenta i nuovi soci

Sabato 18 gennaio, in una piacevole serata conviviale, alla presenza dell’ avv. Gina Scordo e della dott.ssa Maria Pia Porcino, ...
ATTUALITA'

Villa San Giovanni. Fondi F.N.A.: Interventi di aiuto e sostegno in favore di famiglie numerose o in difficoltà

Villa San Giovanni. Riaperti i termini per l’individuazione di esercizi commerciali per l’erogazione alle famiglie di beni ...
ATTUALITA'

"Gallico-Gambarie". Proseguono i lavori del tavolo tecnico permanente

Proseguono i lavori del tavolo tecnico permanente sullo stato di avanzamento dei lavori della “Gallico-Gambarie” concordato con i sindaci di Sant’Alessio, Santo Stefano in Aspromonte, Calanna e ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

STRETTAMENTE PERSONALE
Stracult Edition
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

FuoriGioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica
Basta vittime 106