Elezioni Regionali.
ATTUALITA'

La nota dell'Osservatorio sul disagio abitativo

Elezioni Regionali. "Nessuno ha inserito nel programma il diritto fondamentale alla casa e la politica degli alloggi popolari"

Tra qualche giorno i calabresi saranno chiamati alle urne e un dato emerge con chiarezza: nessuno dei quattro candidati alla presidenza della Regione, con i 300 candidati al Consiglio regionale, ha inserito tra le priorità programmatiche il diritto fondamentale alla casa e la politica degli alloggi popolari.
Eppure il disagio abitativo, secondo le stime esistenti, colpisce nella Regione in modo sempre più grave circa 11.000 famiglie, soprattutto a causa delle scelte politiche effettuate dalla Regione da almeno un ventennio.
Il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, tra alloggi di proprietà Aterp ( 42.000) e di proprietà comunale, è costituito da circa 50.000 alloggi, in gran parte assegnati. A causa della cattiva gestione realizzata negli anni, il patrimonio ERP non è in grado oggi di rispondere alla domanda di alloggi delle famiglie in condizioni di disagio abitativo.
Il patrimonio ERP è da anni in costante riduzione. L’azione di dismissione, iniziata negli anni Novanta con la legge 24 dicembre 1993 n. 560, non è stata bilanciata da un’azione regionale di acquisizione di nuovi alloggi.
La Regione Calabria ha sempre sostenuto che non ci sono più finanziamenti destinati alla politica degli alloggi popolari. Ma questo non risponde a verità.
Difatti, già dal 2013, grazie all’impegno di Unione Inquilini, si è scoperto, attraverso una interpellanza parlamentare, che diverse regioni, tra cui la Regione Calabria, avevano depositato su un conto di Cassa Depositi e Prestiti un finanziamento non utilizzato di decine di milioni di euro di fondi Gescal.
Nel documento della Cassa Depositi e Prestiti del 2013 si legge che la Regione Calabria, alla data del 30 giugno 2013, aveva 136.529.431 euro di fondi Gescal non utilizzati. Questi fondi, come previsto dalla normativa, dovevano essere impegnati dalla Regione Calabria per implementare il patrimonio degli alloggi popolari e quindi dare una risposta alle famiglie senza casa. Ma la Regione non solo non ha utilizzato questi finanziamenti per gli alloggi popolari, ma ha utilizzato circa 68.529.431 euro per opere pubbliche che non avrebbe potuto realizzare con questi fondi. In questo modo è stato negato il diritto all’alloggio a qualche centinaio di famiglie. Tra le opere realizzate con i fondi Gescal ci sarebbero il ponte di Calatrava di Cosenza e la sede Aterp di Vibo Valentia. L’utilizzo di parte dei fondi è stato dimostrato nel mese di ottobre 2019 con un’altra interrogazione parlamentare promossa da Unione Inquilini. Difatti è emerso che la Regione Calabria sul conto della Cassa Depositi e Prestiti nel mese di ottobre 2019 aveva un finanziamento Gescal non più di 136 milioni ma di 68 milioni di euro.



La Regione ha demolito la politica degli alloggi popolari non solo con questa grave azione sui fondi Gescal. Il patrimonio Erp esistente, se ben gestito, garantirebbe, attraverso il turn-over, previsto dalla normativa vigente, il ritorno di una quota annuale di alloggi da riassegnare alle famiglie che ne hanno diritto e la garanzia del pieno diritto all’alloggio per gli assegnatari. Ma questo non è mai avvenuto, perché la Regione, nelle ultime consiliature, ha operato scelte politiche che hanno di fatto impedito strutturalmente la buona gestione del patrimonio erp. Una di queste è la scelta di accorpare le Aterp provinciali in una sola Aterp regionale, che nessun’altra regione ha scelto di fare. Allontanando il centro decisionale dai territori, l’attività di gestione è notevolmente peggiorata. L’altra scelta è stata la modifica della legge regionale 32/1996 del 2017, che, da occasione per dare efficienza e operatività alla gestione del patrimonio e quindi al turn-over, si è rivelata inutile per i risultati prodotti. Pertanto sarebbe opportuno che i candidati considerino seriamente l’impegno per una politica regionale degli alloggi popolari che corregga questi errori e garantisca il diritto alla casa delle fasce deboli. I candidati dovrebbero farsi garanti affinché i fondi Gescal non utilizzati vengano impegnati per acquisire nuovi alloggi e vengano recuperati a questo scopo anche quelli già utilizzati. L’acquisto degli alloggi è la via da seguire visto che dai dati Istat risulta che in Calabria ci sono 490.000 alloggi vuoti. Sarebbe opportuno ritornare alla gestione delle Aterp provinciali ed il nuovo Consiglio regionale dovrebbe impegnarsi a modificare la legge regionale, garantendo la piena gestione legale del patrimonio degli alloggi popolari al servizio del diritto alla casa.
Osservatorio sul disagio abitativo
Un Mondo Di Mondi –Giacomo Marino – Cristina Delfino
CSOA Angelina Cartella
Società dei Territorialisti/e Onlus
Centro Sociale Nuvola Rossa
Comitato Solidarietà Migranti
Reggio Non Tace
Collettiva AutonoMia


21-01-2020 14:36

NOTIZIE CORRELATE


26-02-2020 - CRONACA

'Ndrangheta. Coinvolto nell'inchiesta 'Eyphemos', il Senatore Marco Siclari: "pensavo fosse uno scherzo"

Lo sfogo del parlamentare reggino in lungo post su facebook
25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. Docente rientra dal lodigiano, disposta chiusura precauzionale dell'Istituto Alberghiero di Villa San Giovanni

Ordinata dal sindaco facente funzioni per il 25 e il 26 febbraio
25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. I Vescovi calabresi: "Evitare il segno della pace durante la Messa"

Pastori delle Chiese di Calabria chiedono ai sacerdoti di sostenere i fedeli con sapienza evangelica
25-02-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Il ghetto dell'Ex Polveriera, purtroppo, esiste ancora"

La nota dell'Osservatorio sul disagio abitativo
25-02-2020 - ATTUALITA'

Valeria, la donna a cui Fabrizio Frizzi donò il midollo 20 anni fa, a Reggio per l'Istituto Nazionale Azzurro

Grazie a questo grande gesto infatti Valeria riuscì a guarire dalla grave malattia

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Operazione Eyphemos. Callipo: "Situazione inquietante. Non si può essere disposti a tutto per vincere le elezioni"

«È davvero inquietante, al di là delle singole posizioni, che un consigliere regionale appena eletto venga ...
CRONACA

Coronavirus, vertice a Catanzaro: "Nessun contagio in Calabria"

Catanzaro. A Catanzaro un vertice per discutere dell’emergenza Coronavirus in Calabria. A convocarlo è stato – d’intesa con il presidente della Calabria Jole Santelli – il prefetto Francesca Ferrandino. ...
ATTUALITA'

"Preghiamo Dio perché ci risparmi ulteriori sofferenze". Il messaggio dell'Arcivescovo Morosini per la Quaresima

Domani, Mercoledì delle Ceneri, inizia la Santa Quaresima. Anche quest’anno accogliamo questo tempo come dono di Dio per ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', Bombardieri: "Spaccato politico inquietante" VIDEO

Reggio Calabria. "Emerge uno ...
CRONACA

Melito di Porto Salvo. Trasferimento e messa in sicurezza del cannone e dell'ancora del piroscafo 'Torino'

Nel pomeriggio di giovedì, i Carabinieri e gli agenti del Corpo della Polizia Locale di Melito Porto Salvo hanno garantito le operazioni di ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, blitz della polizia a Sant'Eufemia d'Aspromonte: 65 arresti VIDEO

Reggio Calabria. È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, finalizzata all’esecuzione di 65 ordinanze di custodia cautelare, di cui 53 in carcere e 12 agli arresti domiciliari, emesse nei confronti dei capi storici, elementi di vertice e affiliatidi una pericolosa locale di ‘ndrangheta operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] - funzionalmente dipendente dalla potente cosca ALVARO imperante a Sinopoli [RC]San Procopio[RC],Cosoleto[RC], Delianuova [RC] e zone limitrofe - ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, diversi reati in materia di armi edi sostanze stupefacenti, estorsioni, favoreggiamento reale, violenza privata, violazioni in materia elettorale, aggravati dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di aver agevolato la ‘ndrangheta, nonché di scambio elettorale politico mafioso. Gli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC], con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, coadiuvati dagli operatori dei Reparti Prevenzione Crimine e di diverse Squadre Mobili del Centro e Nord Italia, stanno eseguendo anche numerose perquisizioni. Impiegati circa 600 agenti della Polizia di Stato. “Eyphemos” è il nome che gli investigatori della Polizia di Stato hanno dato all’operazione nel corso della quale, dalle prime ore di questa mattina, nella provincia di Reggio Calabria, Milano, Bergamo, Novara, Lodi, Pavia, Ancona, Pesaro Urbino e Perugia sono stati eseguiti numerosi arresti e perquisizioni nei confronti di capi e gregaridi un’articolazione della ‘ndrangheta reggina operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] in seno al mandamento tirrenico, alle dipendenzedelpiù affermato e risalente locale di Sinopoli [RC] facente capo alla potente cosca ALVARO che ha anche una sua propaggine in Lombardia, segnatamente nel Pavese, nonché in Australia dove è presente un localedi‘ndrangheta, dipendente direttamente dalla casa-madre calabrese degli ALVARO. Dalle indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC] è emerso che gli esponenti di vertice del locale di Sant’Eufemia d’Aspromonte sedevano ai tavoli in cui venivano prese decisioni importanti che riguardavano illocale australiano. Alcuni di essi si erano perfino recati in passato in Australia per risolvere controversie legate alla spoliazione di un sodale che venne sanzionato per una trascuranzama non espulso dai ranghi della ...
CRONACA

Sant'Eufemia d'Aspromonte. Gli effetti dell'Operazione Eyphemos: nominato il Commissario prefettizio

In data odierna, a seguito dell’esecuzione delle misure cautelari disposte dall’Autorità Giudiziaria nell’ambito dell’Operazione ...
CRONACA

Operazione Eyphemos, Jole Santelli: "Magistratura fa il suo lavoro, sono garantista"

“La magistratura fa il suo lavoro e la politica non può che prenderne atto. Così avverrà anche nel caso dell’operazione “Eyphemos”. Per quanto mi ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', indagato anche il Senatore Marco Siclari

La Dda di Reggio Calabria ha chiesto l'autorizzazione a procedere alla giunta per le immunità a procedere del senatore di Forza Italia Marco Siclari coinvolto nell'operazione della Procura ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. Arrestato e posto ai domiciliari il neo consigliere regionale Domenico Creazzo

Con l’accusa di scambio elettorale politico mafioso è stato arrestato e posto ai domiciliari il Sindaco di ...
CRONACA

Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. La locale eufemiese tra rituali arcaici e modernità. La dipendenza dalla cosca Alvaro

Nei summit monitorati dagli investigatori della Polizia, gli indagati facevano riferimento allecariche eaigradidella ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, 65 arresti NOMI/LE INTERCETTAZIONI

Alle prime ore della mattinata odierna, al ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

STRETTAMENTE PERSONALE
Stracult Edition
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
AEROPLANI DI CARTA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult Edition

Ore 21.50

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Basta vittime 106
Italpress