Canile di Mortara. L'Associazione 'Dacci una zampa onlus' scrive al Comune:
ATTUALITA'

Ad oggi il canile è privo di un custode e di personale necessario al corretto andamento della struttura

Canile di Mortara. L'Associazione 'Dacci una zampa onlus' scrive al Comune: "Necessaria soluzione urgente"

L’Associazione “Dacci una zampa onlus”, scrive al comune di Reggio Calabria e lo fa con una pec del 17 gennaio con la quale richiede al primo cittadino la convocazione di un tavolo tecnico per trovare una soluzione alle problematiche relative al canile di Mortara. Dal mese di aprile del 2017, a seguito delle tristi e note vicende che hanno interessato il canile di Mortara, la struttura è sotto sequestro giudiziario e i membri dell’associazione Dacci una Zampa e altri volontari, privati cittadini, da quella data si sono sempre prodigati, per coadiuvare il custode giudiziario nella gestione della struttura. L’incontro viene richiesto affinchè dallo stesso possano emergere soluzioni urgenti e improrogabili relative le problematiche riguardanti la situazione del canile di Mortara e dei cani di proprietà del Comune ivi ospitati.
Scrivono i volontari che, sebbene allo stato, la struttura sia posta sotto sequestro giudiziario, è in ogni caso di proprietà del Comune di Reggio Calabria, ente sul quale incombono precisi obblighi. Molti degli incombenti di pertinenza del Comune vengono di fatto espletati dall’associazione Dacci una Zampa e dai volontari che quotidianamente si avvicendano per garantire i servizi essenziali presso la struttura, nel superiore ed esclusivo interesse dei cani ivi ospitati.
Ad oggi infatti il canile è privo di un custode e di personale necessario al corretto andamento della struttura. Inoltre molti dei servizi, e delle spese (ad esempio per manutenzione ordinaria, detersivi, spese mediche, mangimi medicati, e quanto altro necessario per i cani di proprietà comunale) vengono sopportati interamente dall’associazione e dai volontari. E’ indiscutibile che sebbene i volontari operino perseguendo quelli che sono gli scopi solidaristici propri dell’associazione, gli stessi non possono sostituirsi in tutto e per tutto alle istituzioni, in una problematica, quale quella del canile comunale che immancabilmente si ripercuote sul fenomeno del randagismo che da sempre ha afflitto il territorio comunale e provinciale. La predetta richiesta, concordata con il custode giudiziario e gli altri soggetti che cooperano nella gestione della struttura, scaturisce dopo una serie di vari incontri e richieste rimaste inevase. Solo per fare un esempio ad oggi in canile sono finite le scorte di mangime e da giorni l’associazione e i volontari si autotassano per provvedere all’alimentazione dei cani ospitati e sono costretti a fare appello al buon cuore dei cittadini per garantire il cibo ai cani. Quello che preme sottolineare è che le problematiche sollevate afferiscono i cani di proprietà comunale e non anche i cani riconducibili all’associazione che sono già a totale ed esclusivo carico della stessa. Per i soci e i volontari i cani sono tutti uguali i quali continueranno ad adoperarsi per garantire il benessere di TUTTI i cani indistintamente ma è indiscutibile che le istituzioni competenti devono assumersi le proprie responsabilità.
Altra pec è stata inoltrata anche alla città Metropolitana di Reggio Calabria per la vicenda riguardante il terreno sito in zona s. Agata interessato da un sequestro giudiziario avvenuto nel mese di aprile 2018. Con nota inviata a mezzo pec il giorno 17 gennaio, l’associazione ha richiesto di conoscere se l’Ente, (come specificato già con una nota del mese di gennaio del 2019) considerata la valenza dell’intervento, sia riuscito a reperire le risorse necessarie per la bonifica dell’area o, a individuare un’area alternativa ove l’associazione può riproporre il progetto già approvato per la realizzazione di un’oasi canina. Con la medesima nota, si è rammentato che ad oggi l’associazione ha esborsato ingenti somme per l’avvio dei lavori relativi all’oasi canina che avrebbe dovuto essere costruita sul terreno in questione all’esito di tutti i controlli e del rilascio di tutte le autorizzazioni richieste ex lege, oltre ad aver sempre provveduto al regolare pagamento del canone di concessione per come determinato dalla Provincia di Reggio Calabria, ora Città Metropolitana di Reggio Calabria, per l’uso esplicitato nel contratto di concessione del 11/01/2017. E’ indubbio che questa situazione è stata causa di ingenti danni in capo all’associazione che sicuramente si accresceranno in mancanza di una tempestiva risoluzione. Ci auguriamo che alle predette richieste giunga una risposta- sottolineano i volontari- e soprattutto si avvii un percorso condiviso, al fine di trovare delle soluzioni tese a risolvere le problematiche del canile di Mortara e del randagismo in città, tenendo conto del primario e imprescindibile benessere dei cani. Con l’occasione facciamo appello alla cittadinanza affinchè non lascino cadere nel dimenticatoio i cani che in tanti hanno segnalato e ci hanno consentito di salvare. Il canile è aperto tutte le mattine e vi aspettiamo anche solo per fare una coccola ai nostri amati amici a quattro zampe.
21-01-2020 19:09

NOTIZIE CORRELATE


25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. Docente rientra dal lodigiano, disposta chiusura precauzionale dell'Istituto Alberghiero di Villa San Giovanni

Ordinata dal sindaco facente funzioni per il 25 e il 26 febbraio
25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. I Vescovi calabresi: "Evitare il segno della pace durante la Messa"

Pastori delle Chiese di Calabria chiedono ai sacerdoti di sostenere i fedeli con sapienza evangelica
25-02-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Il ghetto dell'Ex Polveriera, purtroppo, esiste ancora"

La nota dell'Osservatorio sul disagio abitativo
25-02-2020 - ATTUALITA'

Valeria, la donna a cui Fabrizio Frizzi donò il midollo 20 anni fa, a Reggio per l'Istituto Nazionale Azzurro

Grazie a questo grande gesto infatti Valeria riuscì a guarire dalla grave malattia

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Operazione Eyphemos. Callipo: "Situazione inquietante. Non si può essere disposti a tutto per vincere le elezioni"

«È davvero inquietante, al di là delle singole posizioni, che un consigliere regionale appena eletto venga ...
CRONACA

Coronavirus, vertice a Catanzaro: "Nessun contagio in Calabria"

Catanzaro. A Catanzaro un vertice per discutere dell’emergenza Coronavirus in Calabria. A convocarlo è stato – d’intesa con il presidente della Calabria Jole Santelli – il prefetto Francesca Ferrandino. ...
ATTUALITA'

"Preghiamo Dio perché ci risparmi ulteriori sofferenze". Il messaggio dell'Arcivescovo Morosini per la Quaresima

Domani, Mercoledì delle Ceneri, inizia la Santa Quaresima. Anche quest’anno accogliamo questo tempo come dono di Dio per ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', Bombardieri: "Spaccato politico inquietante" VIDEO

Reggio Calabria. "Emerge uno ...
CRONACA

Melito di Porto Salvo. Trasferimento e messa in sicurezza del cannone e dell'ancora del piroscafo 'Torino'

Nel pomeriggio di giovedì, i Carabinieri e gli agenti del Corpo della Polizia Locale di Melito Porto Salvo hanno garantito le operazioni di ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, blitz della polizia a Sant'Eufemia d'Aspromonte: 65 arresti VIDEO

Reggio Calabria. È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, finalizzata all’esecuzione di 65 ordinanze di custodia cautelare, di cui 53 in carcere e 12 agli arresti domiciliari, emesse nei confronti dei capi storici, elementi di vertice e affiliatidi una pericolosa locale di ‘ndrangheta operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] - funzionalmente dipendente dalla potente cosca ALVARO imperante a Sinopoli [RC]San Procopio[RC],Cosoleto[RC], Delianuova [RC] e zone limitrofe - ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, diversi reati in materia di armi edi sostanze stupefacenti, estorsioni, favoreggiamento reale, violenza privata, violazioni in materia elettorale, aggravati dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di aver agevolato la ‘ndrangheta, nonché di scambio elettorale politico mafioso. Gli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC], con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, coadiuvati dagli operatori dei Reparti Prevenzione Crimine e di diverse Squadre Mobili del Centro e Nord Italia, stanno eseguendo anche numerose perquisizioni. Impiegati circa 600 agenti della Polizia di Stato. “Eyphemos” è il nome che gli investigatori della Polizia di Stato hanno dato all’operazione nel corso della quale, dalle prime ore di questa mattina, nella provincia di Reggio Calabria, Milano, Bergamo, Novara, Lodi, Pavia, Ancona, Pesaro Urbino e Perugia sono stati eseguiti numerosi arresti e perquisizioni nei confronti di capi e gregaridi un’articolazione della ‘ndrangheta reggina operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] in seno al mandamento tirrenico, alle dipendenzedelpiù affermato e risalente locale di Sinopoli [RC] facente capo alla potente cosca ALVARO che ha anche una sua propaggine in Lombardia, segnatamente nel Pavese, nonché in Australia dove è presente un localedi‘ndrangheta, dipendente direttamente dalla casa-madre calabrese degli ALVARO. Dalle indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC] è emerso che gli esponenti di vertice del locale di Sant’Eufemia d’Aspromonte sedevano ai tavoli in cui venivano prese decisioni importanti che riguardavano illocale australiano. Alcuni di essi si erano perfino recati in passato in Australia per risolvere controversie legate alla spoliazione di un sodale che venne sanzionato per una trascuranzama non espulso dai ranghi della ...
CRONACA

Sant'Eufemia d'Aspromonte. Gli effetti dell'Operazione Eyphemos: nominato il Commissario prefettizio

In data odierna, a seguito dell’esecuzione delle misure cautelari disposte dall’Autorità Giudiziaria nell’ambito dell’Operazione ...
CRONACA

Operazione Eyphemos, Jole Santelli: "Magistratura fa il suo lavoro, sono garantista"

“La magistratura fa il suo lavoro e la politica non può che prenderne atto. Così avverrà anche nel caso dell’operazione “Eyphemos”. Per quanto mi ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', indagato anche il Senatore Marco Siclari

La Dda di Reggio Calabria ha chiesto l'autorizzazione a procedere alla giunta per le immunità a procedere del senatore di Forza Italia Marco Siclari coinvolto nell'operazione della Procura ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. Arrestato e posto ai domiciliari il neo consigliere regionale Domenico Creazzo

Con l’accusa di scambio elettorale politico mafioso è stato arrestato e posto ai domiciliari il Sindaco di ...
CRONACA

Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. La locale eufemiese tra rituali arcaici e modernità. La dipendenza dalla cosca Alvaro

Nei summit monitorati dagli investigatori della Polizia, gli indagati facevano riferimento allecariche eaigradidella ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, 65 arresti NOMI/LE INTERCETTAZIONI

Alle prime ore della mattinata odierna, al ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS EDIZIONE SERALE
BORGOITALIA
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
I BASTALDI
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult Edition

Ore 21.50

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
Italpress
idomotica