ATTUALITA'

La nota de "Il Popolo di Archi"

"Street control illegittimo, il Giudice di Pace dà ragione ai cittadini"

In merito all’operazione di accanimento da parte del corpo della Polizia Municipale di Reggio Calabria avverso i veicoli con sanzioni elevate per presunto divieto di sosta nelle zone interessate da Ordinanza n. 175 del 5 aprile 2016, reputiamo doveroso sollevare tutte le nostre perplessità in merito ad una situazione che potrebbe toccare degli inconvenienti e potrebbe aprire un precedente amministrativo e giudiziario storico di proporzioni nefaste per questa amministrazione. É principio supremo del comitato di quartiere “Il Popolo di Archi” tutelare il territorio, i propri cittadini e chiunque si trovi nei paraggi, soprattutto in virtù del fatto che l’azione summenzionata ha portato a un drastico calo di clienti da parte delle attività commerciali e professionali, non solo di Archi ma anche di Gallico e di Catona, quindi la periferie Nord della città; ma ha anche rovinato la vita a diverse persone indigenti che si ritrovano con 10/15 multe da pagare, per non parlare degli invalidi e delle donne in maternità o in gravidanza. Da una ricerca fatta vogliamo sottoporre all’attenzione di tutti due casi storici in cui il Giudice di Pace dà ragione ai cittadini che stanchi di subire dei torti si sono appellati alla giustizia.
Le infrazioni rilevate con dispositivi fotografici posti sulle auto dei Vigili urbani, vanno contestate subito se presente il trasgressore. È il principio confermato anche dal Giudice di Pace di Milano, dott. Sergio Gallo, nella sentenza n. 100658 depositata il 13/3/2013, così come quello di altri giudicanti in altre parti d’Italia.
Il caso sottoposto all’esame del Giudice ha riguardato un automobilista a cui era stato notificato dalla Polizia Municipale di Milano un verbale di accertamento con il quale gli veniva contestata la sosta in doppia fila della propria autovettura. Dalla contravvenzione si ricavava che la stessa fosse stata rilevata con lo strumento cosiddetto “Scout”, dispositivo tecnologico adottato dal Comune di Milano che permette di sanzionare in tempi rapidissimi le auto in doppia fila.
Non essendo stata contestata immediatamente l’infrazione e in assenza di elementi che potessero consentire una verifica delle circostanze contestate (la fotografia scattata dovrebbe infatti essere messa a disposizione del destinatario della contravvenzione accedendo al sito internet del Comune di Milano) poiché l’inserimento del codice indicato sulla contravvenzione sul portale del Comune non conduceva ad alcuna informazione né tanto meno ad alcuna fotografia del veicolo, l’automobilista impugnava il verbale di accertamento dinanzi al Giudice di Pace per ottenerne l’annullamento stante la violazione del proprio diritto di difesa. Il Comune si costituiva in giudizio con memoria con la quale allegava una fotografia dell’auto senza altra specificazione.
Correttamente, il Giudicante ha dichiarato nella propria sentenza che “non basta dunque riprendere o fotografare un’auto in divieto di sosta, per poter inviare la multa a casa a distanza di tempo. Se la Polizia municipale usa lo “Street control” o altro sistema similare per accertare le infrazioni, gli agenti sono tenuti a cercare subito il trasgressore: in caso contrario la sanzione è nulla”.
Lo ha chiarito anche il Ministero dei Trasporti con propri pareri, con i quali hanno messo al bando i nuovi dispositivi usati da molti Comuni per scovare auto in doppia fila o in sosta vietata e recapitare verbali a raffica ai proprietari dei mezzi. L’automobilista va cercato subito. La pratica, molto agevole e sbrigativa per la Polizia municipale – dell’immortalare con una telecamera portatile le auto in sosta vietata lungo le strade più trafficate, del successivo rintraccio dei dati dei trasgressori e dell’invio per posta delle multe, giustificando la contestazione differita con la mancanza del destinatario a bordo dell’auto – spiega il ministero, viola l’art. 201 del nuovo codice della strada (il d.lgs. 285/1992). Il codice stradale, infatti, permette la «contestazione non immediata della violazione del divieto di sosta, nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo».
I verbali, cioè, possono essere spediti a domicilio, solo se il conducente o l’intestatario della carta di circolazione non sono presenti al momento della scoperta. Ma i sistemi di videosorveglianza, pur essendo adatti a riprendere le violazioni, prosegue il parere «non risultano tuttavia idonei a dimostrare l’assenza del trasgressore, circostanza che può essere accertata solo dall’intervento diretto degli organi di polizia stradale».
Dunque, è necessario che una pattuglia dei Vigili accerti di persona se c’è qualcuno al volante o comunque vi sia la sua presenza nelle vicinanze, poiché in tal caso la contestazione dovrà essere immediata altrimenti tale contravvenzione sarà illegittima.
I pareri di riferimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sono il n. 2291/2012 ed il n. 4851/2015, i quali ribadiscono che,
“I sistemi di videosorveglianza, anche se risultano idonei a dimostrare l’avvenuta violazione, non sono tuttavia idonei a dimostrare l’assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo, circostanza che può essere accertata solo dall’intervento diretto degli organi di polizia stradale”; ne discende che l’utilizzo degli stessi non servirebbe per giustificare la contestazione non immediata.
Infine, ulteriori contestazioni potrebbero essere elevate contro tale procedura utilizzata dalla Polizia Municipale anche riguardo alla mancata omologazione della strumentazione utilizzata dai vigili urbani, così come l’assenza di segnalazione con cartellonistica circa l’utilizzo di detti mezzi elettronici in quel preciso tratto stradale da parte degli agenti della municipale.
Un altro caso riguardante la città di Macerata
Il 10 luglio 2018 è stata emessa la prima sentenza, la n. 436, del Giudice di Pace di Macerata contro lo strumento dello “Street Control” (attualmente utilizzato dai Vigili Urbani di Reggio Calabria) con la quale è stato ottenuto l’annullamento della multa per divieto di sosta elevata dal Comando di Macerata attraverso l’utilizzo di tale strumento.
Nello specifico i Vigili Urbani lo scorso 28 marzo sono passati con la loro auto in Corso Cairoli a Macerata ed hanno ripreso alcune macchine con tale strumento non omologato dal Ministero dei Trasporti, senza accertare se le stesse fossero in sosta, in fermata o in fase di arresto, ma soprattutto se i loro conducenti fossero o meno all’interno o nei loro pressi
“Omettendo pertanto – spiega l’avvocato Oberdan Pantana che ha assistito il ricorrente – di contestare nell’immediatezza così come prescritto dagli artt. 200 e 201 del Codice della Strada, tali presunte violazioni”.
Il Ministero dei Trasporti con propri pareri ha messo al bando i nuovi dispositivi usati dal Comune di Macerata per scovare auto in doppia fila o in sosta vietata e recapitare verbali a raffica ai proprietari dei mezzi. L’automobilista va cercato subito. La pratica, molto agevole e sbrigativa per la Polizia municipale – dell’immortalare con una telecamera portatile le auto in sosta vietata lungo le strade più trafficate, del successivo rintraccio dei dati dei trasgressori e dell’invio per posta delle multe, giustificando la contestazione differita con la mancanza del destinatario a bordo dell’auto – spiega il ministero, viola l’art. 201 del nuovo codice della strada (il d.lgs. 285/1992). Il codice stradale, infatti, permette la «contestazione non immediata della violazione del divieto di sosta, nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo. I verbali, cioè, possono essere spediti a domicilio, solo se il conducente o l’intestatario della carta di circolazione non sono presenti al momento della scoperta. Ma i sistemi di videosorveglianza, pur essendo adatti a riprendere le violazioni, prosegue il parere «non risultano tuttavia idonei a dimostrare l’assenza del trasgressore, circostanza che può essere accertata solo dall’intervento diretto degli organi di polizia stradale». Dunque, è necessario che una pattuglia dei Vigili accerti di persona se c’è qualcuno al volante o comunque vi sia la sua presenza nelle vicinanze, poiché in tal caso la contestazione dovrà essere immediata altrimenti tale contravvenzione sarà illegittima.
Il Giudice di Pace di Macerata nell’accogliere il ricorso presentato dall’avv. Oberdan Pantana, ha evidenziato l’illegittimità di tale procedura posta in essere dai Vigili di Macerata, motivando la sentenza come segue:
La violazione contestata pare contraddittoria poiché dalla documentazione allegata in atti dalla parte ricorrente emerge che effettivamente la ricorrente era a bordo del veicolo per cui la contestazione doveva essere svolta immediatamente per modo che la stessa potesse avere modo di difendersi, infatti ha dichiarato di essere ferma dietro ad un furgone fermo davanti le strisce pedonali, che effettivamente si vede dal filmato e che era in attesa di sorpassarlo, ma i veicoli della corsia di sinistra non consentivano tale manovra tra cui anche la vettura dei vigili urbani che anziché consentire che la ricorrente si inserisse nella corsia di sorpasso avendo trovato dinanzi a se un veicolo fermo, ha pensato di filmare e contestare senza chiedere alcunché all’utente della strada in difficoltà. Per tali motivi si accoglie il ricorso ed è annullato il verbale emesso dalla Municipale del comune di Macerata”.
Come già in precedenza evidenziato la procedura come utilizzata dalla Polizia Municipale di Macerata è del tutto illegittima, in quanto lo strumento “Street Control” non può sostituire il vigile urbano nella contestazione della violazione. “Pertanto – dice l’avvocato Pantana – sarebbe opportuno che l’amministrazione comunale di Macerata consentisse ai nostri vigili urbani di vigilare nuovamente di persona con fischietto in mano nei tratti di Corso Cairoli e Corso Cavour, ed essere così da deterrente per la commissione di tali possibili violazioni o addirittura di reati gravi al patrimonio o alla persona”.
Comitato di quartiere
Il Popolo di Archi
www.ilpopolodiarchi.altervista.org
25-01-2020 15:31

NOTIZIE CORRELATE


25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. Docente rientra dal lodigiano, disposta chiusura precauzionale dell'Istituto Alberghiero di Villa San Giovanni

Ordinata dal sindaco facente funzioni per il 25 e il 26 febbraio
25-02-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. I Vescovi calabresi: "Evitare il segno della pace durante la Messa"

Pastori delle Chiese di Calabria chiedono ai sacerdoti di sostenere i fedeli con sapienza evangelica
25-02-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Il ghetto dell'Ex Polveriera, purtroppo, esiste ancora"

La nota dell'Osservatorio sul disagio abitativo
25-02-2020 - ATTUALITA'

Valeria, la donna a cui Fabrizio Frizzi donò il midollo 20 anni fa, a Reggio per l'Istituto Nazionale Azzurro

Grazie a questo grande gesto infatti Valeria riuscì a guarire dalla grave malattia

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Operazione Eyphemos. Callipo: "Situazione inquietante. Non si può essere disposti a tutto per vincere le elezioni"

«È davvero inquietante, al di là delle singole posizioni, che un consigliere regionale appena eletto venga ...
CRONACA

Coronavirus, vertice a Catanzaro: "Nessun contagio in Calabria"

Catanzaro. A Catanzaro un vertice per discutere dell’emergenza Coronavirus in Calabria. A convocarlo è stato – d’intesa con il presidente della Calabria Jole Santelli – il prefetto Francesca Ferrandino. ...
ATTUALITA'

"Preghiamo Dio perché ci risparmi ulteriori sofferenze". Il messaggio dell'Arcivescovo Morosini per la Quaresima

Domani, Mercoledì delle Ceneri, inizia la Santa Quaresima. Anche quest’anno accogliamo questo tempo come dono di Dio per ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', Bombardieri: "Spaccato politico inquietante" VIDEO

Reggio Calabria. "Emerge uno ...
CRONACA

Melito di Porto Salvo. Trasferimento e messa in sicurezza del cannone e dell'ancora del piroscafo 'Torino'

Nel pomeriggio di giovedì, i Carabinieri e gli agenti del Corpo della Polizia Locale di Melito Porto Salvo hanno garantito le operazioni di ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, blitz della polizia a Sant'Eufemia d'Aspromonte: 65 arresti VIDEO

Reggio Calabria. È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, finalizzata all’esecuzione di 65 ordinanze di custodia cautelare, di cui 53 in carcere e 12 agli arresti domiciliari, emesse nei confronti dei capi storici, elementi di vertice e affiliatidi una pericolosa locale di ‘ndrangheta operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] - funzionalmente dipendente dalla potente cosca ALVARO imperante a Sinopoli [RC]San Procopio[RC],Cosoleto[RC], Delianuova [RC] e zone limitrofe - ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, diversi reati in materia di armi edi sostanze stupefacenti, estorsioni, favoreggiamento reale, violenza privata, violazioni in materia elettorale, aggravati dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di aver agevolato la ‘ndrangheta, nonché di scambio elettorale politico mafioso. Gli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC], con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, coadiuvati dagli operatori dei Reparti Prevenzione Crimine e di diverse Squadre Mobili del Centro e Nord Italia, stanno eseguendo anche numerose perquisizioni. Impiegati circa 600 agenti della Polizia di Stato. “Eyphemos” è il nome che gli investigatori della Polizia di Stato hanno dato all’operazione nel corso della quale, dalle prime ore di questa mattina, nella provincia di Reggio Calabria, Milano, Bergamo, Novara, Lodi, Pavia, Ancona, Pesaro Urbino e Perugia sono stati eseguiti numerosi arresti e perquisizioni nei confronti di capi e gregaridi un’articolazione della ‘ndrangheta reggina operante a Sant’Eufemia d’Aspromonte [RC] in seno al mandamento tirrenico, alle dipendenzedelpiù affermato e risalente locale di Sinopoli [RC] facente capo alla potente cosca ALVARO che ha anche una sua propaggine in Lombardia, segnatamente nel Pavese, nonché in Australia dove è presente un localedi‘ndrangheta, dipendente direttamente dalla casa-madre calabrese degli ALVARO. Dalle indagini condotte dagli investigatori della Squadra Mobile di Reggio Calabria e del Commissariato di P.S. di Palmi [RC] è emerso che gli esponenti di vertice del locale di Sant’Eufemia d’Aspromonte sedevano ai tavoli in cui venivano prese decisioni importanti che riguardavano illocale australiano. Alcuni di essi si erano perfino recati in passato in Australia per risolvere controversie legate alla spoliazione di un sodale che venne sanzionato per una trascuranzama non espulso dai ranghi della ...
CRONACA

Sant'Eufemia d'Aspromonte. Gli effetti dell'Operazione Eyphemos: nominato il Commissario prefettizio

In data odierna, a seguito dell’esecuzione delle misure cautelari disposte dall’Autorità Giudiziaria nell’ambito dell’Operazione ...
CRONACA

Operazione Eyphemos, Jole Santelli: "Magistratura fa il suo lavoro, sono garantista"

“La magistratura fa il suo lavoro e la politica non può che prenderne atto. Così avverrà anche nel caso dell’operazione “Eyphemos”. Per quanto mi ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos', indagato anche il Senatore Marco Siclari

La Dda di Reggio Calabria ha chiesto l'autorizzazione a procedere alla giunta per le immunità a procedere del senatore di Forza Italia Marco Siclari coinvolto nell'operazione della Procura ...
CRONACA

'Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. Arrestato e posto ai domiciliari il neo consigliere regionale Domenico Creazzo

Con l’accusa di scambio elettorale politico mafioso è stato arrestato e posto ai domiciliari il Sindaco di ...
CRONACA

Ndrangheta: Operazione 'Eyphemos'. La locale eufemiese tra rituali arcaici e modernità. La dipendenza dalla cosca Alvaro

Nei summit monitorati dagli investigatori della Polizia, gli indagati facevano riferimento allecariche eaigradidella ...
CRONACA

'Ndrangheta. Scambio elettorale politico-mafioso, 65 arresti NOMI/LE INTERCETTAZIONI

Alle prime ore della mattinata odierna, al ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
EUREKA
Quiz Show
SUONAVA L'ANNO
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale Stracult Edition

Ore 21.50

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica
Basta vittime 106