Treni, via il distanziamento sociale in Emilia Romagna: seguirà il Veneto. E in Calabria?
ATTUALITA'

La nota dell'Associazione Ferrovie in Calabria

Treni, via il distanziamento sociale in Emilia Romagna: seguirà il Veneto. E in Calabria?

Da domani torna la disponibilità del 100% dei posti a sedere su treni e autobus del trasporto regionale in Emilia Romagna, mentre il Veneto si appresta a farlo, a seguito delle prime dichiarazioni del Presidente Zaia di qualche giorno fa. Dalle notizie che ci giungono e da quanto si evince dalla delibera di giunta n.120 del 25/06/2020, chiaramente, l'annullamento del "distanziamento sociale" a bordo dei servizi di trasporto pubblico locale emiliano-romagnolo, non significa un ritorno alla normalità pre-Covid. In particolare, sui mezzi pubblici si potrà derogare all’obbligo del distanziamento interpersonale di 1 metro ma restano l’uso della mascherina per tutti i passeggeri e una adeguata igienizzazione delle mani o, in alternativa, l’uso dei guanti, oltre ad alcune ulteriori misure specifiche: dall’informazione adeguata sulle norme igienico-comportamentali da adottare e il divieto di usare i mezzi in presenza di segni/sintomi di infezioni respiratorie acute (es. febbre, tosse, difficoltà respiratoria). E poi entrata e uscita dei mezzi restano separate e va garantito il ricambio dell’aria in modo costante, attraverso gli impianti di condizionamento e mediante l’apertura prolungata delle porte esterne nelle soste, con pulizia a impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo. Va inoltre prevista una pulizia periodica e una disinfezione dei mezzi con particolare riferimento alle superfici toccate più di frequente e ai servizi igienici, come previsto dal protocollo del ministero della Salute e dell'Istituto Superiore di Sanità.
Insomma, provvedimenti che garantiscono una elevatissimo grado di sicurezza, ovviamente proporzionati ad un momento in cui il Covid-19, grazie anche al distanziamento sociale e al lockdown degli scorsi mesi, batte in ritirata anche nelle Regioni maggiormente interessate dalla diffusione dell'pidemia. E l'Emilia Romagna è stata proprio una di quelle maggiormente colpite, dopo la Lombardia.
Ma del resto, era prevedibile che anche per il trasporto terrestre, si sarebbe giunti a ciò, visto e considerato che già da alcune settimane i voli aerei sono tornati a viaggiare a pieno carico (diversamente, numerose compagnie aeree avrebbero anche rischiato il fallimento). Peraltro, nel caso del trasporto pubblico locale, il fattore di rischio contagio, legato al ritorno della disponibilità del 100% dei posti a sedere, è paragonabile a quello dell'aereo proprio per i tempi di viaggio relativamente minimi rispetto, ad esempio, ad un treno a lunga percorrenza.
E la Calabria? Incredibilmente la Calabria, nonostante sia stata la Regione meno colpita dall'epidemia, e continui per fortuna ad esserlo, non solo continua a mantenere le misure di distanziamento sociale a bordo dei servizi di trasporto pubblico locale, ma gli stessi non sono neanche stati ripristinati al 100%! Nel caso del servizio ferroviario regionale di Trenitalia, l'offerta risulta attualmente ripristinata attorno all'80%, con mancanza di collegamenti fondamentali, anche in ore di punta. Insomma, mentre la vita e le attività lavorative sono tornate pressochè alla normalità, e timidamente inizia anche a ripartire l'economia turistica, treni locali e autobus - ovviamente su indirizzo regionale - continuano a circolare in forma ridotta, per numero di corse e per numero di posti a sedere disponibili.
Emblematico il caso di Ferrovie della Calabria: a bordo dei treni, i posti a sedere occupabili sono solo il 25%, differentemente dal 50% di quelli di Trenitalia! Indubbiamente questa scelta è stata legata alla diversità del materiale rotabile, a scartamento ridotto nel caso di Ferrovie della Calabria, con una sagoma minore e posti a sedere la cui struttura non garantiva la distanza interpersonale di 1 metro anche nel caso dell'occupazione a scacchiera degli stessi. La stessa problematica riguarda anche il trasporto pubblico locale su gomma, di tutti gli operatori calabresi: un bus è ancora occupabile a non più del 25% dei posti a sedere! Idem per i servizi ferroviari turistici, con il Treno della Sila ovviamente impossibilitato a ripartire (e le richieste da parte di gruppi organizzati e singoli continuano a giungere a decine, ogni giorno, alla nostra Associazione ed alle Ferrovie della Calabria), nonostante le vetture siano già state attrezzate con dispenser di igienizzante per mani a bordo treno...ma soprattutto, nonostante si tratti di carrozze storiche tutte dotate di finestrini completamente apribili, così come apribili sono le porte di entrata/uscita anche con treno in corsa (visto che le stesse affacciano sui terrazzini esterni protetti da cancelletti e non al di fuori della carrozza), senza contare i tempi di viaggio minimi sulla tratta Moccone - San Nicola Silvana Mansio.

Sicuramente nel momento di maggiore crisi sanitaria, tutte queste restrizioni non solo erano utili a frenare la diffusione del Covid-19, ma erano necessarie e indiscutibili: ma adesso, probabilmente, non più. A nostro parere, è arrivato il momento di seguire la strada intrapresa dall'Emilia Romagna, e che presto sarà seguita da Veneto ed altre Regioni. Probabilmente la Calabria, vista e considerata la situazione sanitaria decisamente meno preoccupante, e visto e considerato che non esistono casi di treni o bus sovraffollati o comunque mai con un numero di persone elevatissimo come nelle tratte ad alta frequentazione pendolare del centro/nord Italia, ci saremmo aspettati fosse la prima a ripristinare per lo meno l'occupabilità del 100% dei posti a sedere, fermo restando il mantenimento di tutte le altre precauzioni (mascherina obbligatoria, igienizzanti a bordo treno, ricambio aria, contingentamento dei saliti e discesi, sanificazioni), da applicare ovviamente non solo ai treni e bus regionali, ma anche al servizio turistico del Treno della Sila…
Diversamente, rimanendo in questo stato, ne farà le spese la sostenibilità - già di per sè precaria - del sistema di TPL, e soprattutto si crea grave danno all'utenza, costretta a fare la scelta peggiore: l'abbandono del mezzo pubblico in favore dell'auto, con tutte le ben note ricadute ambientali e di incidentalità stradale. Auspichiamo che le istituzioni regionali calabresi prendano al più presto provvedimenti a riguardo, in primis per quanto riguarda il ripristino di tutte le corse ferroviarie e su gomma che ancora risultano sospese.
Roberto Galati
Associazione Ferrovie in Calabria
26-06-2020 19:29
Questa notizia è stata letta 2728 volte

NOTIZIE CORRELATE


25-11-2020 - ATTUALITA'

Un decesso al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria

11 nuovi casi positivi
25-11-2020 - ATTUALITA'

Gratteri: 'Gente capace non accetterà più il rischio di fare il commissario per la sanità in Calabria'

'Oltre a un prefetto serve gente competente'
25-11-2020 - ATTUALITA'

Donna uccisa in Calabria, c'è un uomo sospettato del delitto

Il presunto autore è stato sentito dai Carabinieri che stanno indagando sul caso
25-11-2020 - ATTUALITA'

Giornata Internazionale sulla Violenza di Genere. L'impegno della Polizia di Stato

I numeri dell'attività svolta a Reggio Calabria

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Consigliere comunale positivo al Covid, tutti negativi i tamponi effettuati a Palazzo San Giorgio

Reggio Calabria. Sono risultati tutti negativi i tamponi effettuati questa mattina a Palazzo San Giorgio a consiglieri comunali, assessori, sindaco e dipendenti non ...
ATTUALITA'

Finalmente Maria Antonietta Rositani esce dall'ospedale

Reggio Calabria. Grande commozione al Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria. Dopo un lungo soggiorno vissuto tra le corsie e i reparti del policlinico di Bari e dei Riuniti di Reggio Calabria, Maria Antonietta Rositani torna finalmente a ...
POLITICA

Commissario Sanità. Ricomincia la girandola dei nomi: spunta anche quello dell'ex prefetto di Reggio Varratta

Roma. C'è anche il nome del prefetto Luigi Varratta sul tavolo del Consiglio dei ministri, come possibile commissario alla ...
ATTUALITA'

Sanità. E' Mostarda il nuovo Commissario ad acta della Calabria?

Catanzaro. Il nuovo commissario della sanità in Calabria sarà Narciso Mostarda. Dopo le rinunce di Cotticelli a Gaudio, passando per Zuccatelli, il premier Giuseppe Conte e il ministro della Salute Roberto Speranza ...
ATTUALITA'

Scuola. Il Tar boccia l'ordinanza di Spirlì, l'Ufficio Scolastico Regionale: "pronti a tornare alla didattica in presenza"

Reggio Calabria. Può riprendere l'attività in presenza per scuole dell'infanzia, primarie e ...
CRONACA

'Ndrangheta. Tallini davanti al gip ha negato ogni accusa

Catanzaro. Quattro ore di interrogatorio davanti al gip per Domenico Tallini, ex presidente del consiglio regionale, finito ai domiciliari lo scorso 19 novembre con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa e scambio elettorale ...
ATTUALITA'

Dopo ordinanza del TAR, da giovedì 26 potranno riaprire le scuole dell'infanzia a Reggio. Lunedì anche primaria e prima media

Reggio Calabria. "Esprimiamo soddisfazione per la precisazione del TAR che di fatto rende nuovamente ...
ATTUALITA'

Motta San Giovanni. Scuole chiuse fino al 28 novembre

Motta San Giovanni. Con ordinanza sindacale è stata disposta la sospensione delle attività didattiche in presenza in tutti i plessi scolastici di ogni ordine e grado, scuole paritarie e/o private, ricadenti nel territorio di Motta San ...
ATTUALITA'

Alloggi popolari, "servono le assegnazioni alle famiglie che ne hanno diritto e non la vendita"

Reggio Calabria. In questo periodo di pandemia e di grave crisi economica, il patrimonio degli alloggi popolari per le famiglie a basso reddito e senza una casa ...
ATTUALITA'

Emergenza alluvioni, la Giunta regionale a Crotone: "Ristori e risarcimenti, noi ci siamo"

«In questa fase, che è quella più importante, noi siamo a disposizione. Andranno da subito valutati i danni subiti, casa per casa. I ristori saranno il primo ...
CRONACA

La DIA di Reggio Calabria sequestra beni per due milioni di euro ad un esponente di spicco della cosca Pesce VIDEO

La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, sotto la supervisione del Procuratore Distrettuale di Reggio Calabria, Dott. Giovanni BOMBARDIERI e del Procuratore Aggiunto dott. C. Gaetano PACI, ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni emesso da quel Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di PESCE Vincenzo, 67enne di Rosarno, esponente di spicco dell’omonima cosca egemone unitamente a quella dei BELLOCCO nel comune di Rosarno. PESCE Vincenzo ha riportato 2 condanne definitive per reati di associazione a delinquere semplice e mafiosa commessi negli anni 1980 e 1989 e a seguito dei quali era già stato sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di PS per la durata di tre anni. Più di recente è stato coinvolto nell’Operazione “‘Ndrangheta Banking”, condotta, nel mese di giugno 2014, dal Centro Operativo DIA di Reggio Calabria unitamente ai Carabinieri del R.O.S. di Reggio Calabria e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Reggio Calabria – DDA che aveva portato alla scoperta di un sistema creditizio parallelo attraverso cui le cosche calabresi erogavano prestiti a tassi usurari a imprenditori calabresi e lombardi in difficoltà. Nel citato contesto investigativo era emerso che il PESCE, quale personaggio di spicco dell’associazione di tipo mafioso “PESCE-BELLOCCO”, operava come dominus di fatto dell’impresa individuale “MADULI Biagio Francesco”, a cui favore, forte del rapporto con BARBIERI Vincenzo Carmine, altro imprenditore colluso con la ‘ndrangheta, veniva aggiudicato un appalto indetto dal Comune di Rosarno, relativo ai lavori di manutenzione delle strade comunali per un importo pari ad € 40.000,00, non secondo logiche di libero mercato ma nel rispetto delle dinamiche oligopolistiche tipiche delle organizzazioni di tipo mafioso. Con sentenza del 27 febbraio 2018, emessa dalla Corte di Appello di Reggio Calabria e diventata definitiva in data 16.04.2019, PESCE Vincenzo veniva condannato a 4 anni di reclusione per il reato di intestazione fittizia dei beni con l’aggravante di aver agevolato la ‘ndrangheta . Per la formalizzazione del provvedimento odierno, la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria ha tenuto conto della pericolosità sociale sia “qualificata” per l’appartenenza alla ‘ndrangheta che “generica” in quanto soggetto che vive di proventi illeciti. Inoltre, grazie ai meticolosi accertamenti patrimoniali svolti dagli uomini della DIA reggina, è stata anche accertata la sussistenza in capo al PESCE di una conclamata disponibilità di due aziende intestate a soggetti prestanome al fine di agevolare gli interessi illeciti della ‘ndrangheta nonché una evidente sproporzione tra i redditi dichiarati dello stesso e dal suo nucleo familiare, rispetto agli investimenti effettuati nel tempo. Il patrimonio sottoposto a sequestro consiste in 2 società operanti nel settore costruzioni di edifici e smaltimento rifiuti solidi non pericolosi, nr. 8 immobili, tra cui un capannone con uffici aziendali di rilevanti dimensioni e diversi terreni agricoli, nr. 10 beni mobili registrati di cospicuo valore aziendale, tra cui diverse macchine operatrici semoventi, un rimorchio, un semirimorchio, diversi autocarri ed una autovettura e rapporti finanziari aziendali. Il valore complessivo dei beni sottoposti a confisca è stimato in circa due milioni di euro. Tale operazione si inquadra nella sempre più stringente attività di contrasto posta in essere dal personale della DIA reggina, sotto il coordinamento della locale Procura Distrettuale, alle pervasive attività di infiltrazione della ‘ndrangheta nei principali settori dell’economia e nel caso in questione nei delicati comparti dello smaltimento dei rifiuti e ...
ATTUALITA'

'Ndrangheta. Gratteri: "Mafie usano sicari in franchising"

«Nell'ambito delle mafie nostrane, invece, si è verificato in più occasioni l'abituale scambio di sicari. Il più delle volte tra famiglie della stessa organizzazione ma a volte anche tra organizzazioni ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
EUREKA
Quiz Show
E' TUTTO CINEMA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.30

Strettamente Personale

Ore 21.40

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Servizio zero
  • La dimenticata utilita’  dell’acqua
  • Rifiuti
  • La strafottenza dell’amministrazione comunale
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica