Disastro ambientale a Lazzaro. Brucia la vasta area di Comunia e con essa la discarica
ATTUALITA'

La denuncia dell'Ancadic

Disastro ambientale a Lazzaro. Brucia la vasta area di Comunia e con essa la discarica

Da domenica 2 agosto u.s. un devastante incendio si è registrato nel territorio di Lazzaro e Motta San Giovanni in concomitanza con altri incendi verificatesi in territori confinanti. L’incendio che è durato due giorni, ma ancora i focolai perdurano, ha completamente carbonizzato soprattutto l’intera area di Comunia della frazione Lazzaro del Comune di Motta San Giovanni, interessando l’impianto di compostaggio bruciando grossi quantitativi di rifiuti depositati a cielo aperto in diversi punti nell’area di compostaggio incomprensibilmente ancora non smaltiti in impianti autorizzati, nonostante le nostre ripetute richieste.
Anche l’area esterna all’isola ecologica non è stata risparmiata dalle fiamme che hanno bruciato anche i rifiuti contenuti nei cassoni situati all’interno della struttura.

La discarica è stata completamente carbonizzata le fiamme hanno bruciato parte della geomembrana e tubazioni, bruciati alcuni alberi di ulivo nell’area circostante alla stessa.
Fiamme anche nelle tre grosse discariche abusive nelle vicinanze del cimitero lungo la strada per Comunia che dopo vent’anni nonostante ben due ordinanze sindacali non si è provveduto alla bonifica dei siti potenzialmente inquinati. Bruciati anche i pali in legno che sostengono la linea aerea elettrica e telefonica.



Le fiamme hanno anche interessato il sito in frana nelle vicinanze del cimitero costituito da rifiuti aumentando il rischio per la circolazione stradale atteso che a seguito di una frana verificatesi alcuni anni addietro a margine del tratto viario si è creato il vuoto ed alto è il rischio che i mezzi possono finire nel sottostante vallone. E’ superfluostilare l’elenco di ciò che è stato bruciato, in poche parole il fuoco ha fatto piazza pulita.



Il fumo e le ceneri hanno invaso le abitazioni rendendo l’aria irrespirabile, creando alle persone disagi appesantiti da queste giornate di caldo torrido e preoccupazione per possibili danni alla loro salute dovendo respirare sostanze nocive. Più volte abbiamo chiesto la bonifica dei siti potenzialmente inquinati ma la nostra è rimasta una voce nel deserto. Sono stati immediatamente interessate le istituzioni competenti.
Esterniamo il nostro apprezzamento e ringraziamento ai Vigili del Fuoco, alla Protezione Civile e a tutti coloro che per due giorni con l’utilizzo anche dei mezzi aerei sono stati impegnati a domare un devastante incendio che ha messo in pericolo anche le tante abitazioni di Lazzaro e Motta San Giovanni.
Vincenzo Crea
Ancadic


04-08-2020 10:58

NOTIZIE CORRELATE


26-10-2020 - ATTUALITA'

Pon inclusione. Attivato a Lazzaro sportello informativo per le politiche sociali

Aperto il martedì dalle 9 alle 12 e il giovedì dalle 15 alle 17
24-10-2020 - CRONACA

Emergenza rifiuti. Calabria, incendio in un impianto nel catanzarese

In località Fiasco Baldaia, nel comune di Squillace
23-10-2020 - CRONACA

Crotone. Incendiano cumuli di rifiuti: due persone denunciate

Intervento dei carabinieri nella periferia di Crotone
20-10-2020 - ATTUALITA'

Lazzaro. Emergenza epidemiologica e trasporto scolastico, Ancadic: "Ci vuole maggiore attenzione"

Prima di salire sul mezzo non viene misurata la temperatura corporea con gli appositi termo scanner

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, l'Asp comunica: sottoposte a test 824 persone, 136 sono positive

Reggio Calabria. La Direzione Sanitaria dell'ASP comunica che giorno 27 ottobre 2020, sul Territorio Provinciale, sono stati sottoposti allo screening per ...
ATTUALITA'

Coronavirus. La situazione in Calabria

E' record di positivi al Coronavirus in Calabria. Nelle ultime 24 ore nella regione è stato registrato il più alto numero di contagi, + 234, dall'inizio della pandemia. Si allunga anche la scia dei decessi, + 3 per un totale di 111 vittime dall'inizio della ...
POLITICA

Reggio Calabria. Filomena Iatì commenta l'ingresso in Consiglio come supplente di Angela Marcianò

Reggio Calabria. "Il 26 ottobre, con la prima seduta del Consiglio comunale del cosiddetto “secondo tempo” alla Giunta Falcomatà, è ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, il Gom comunica: un decesso e 12 nuovi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” comunica che nella giornata di oggi si è registrato il decesso di un paziente ricoverato nella U.O.C. di ...
ATTUALITA'

Decreto Ristori. Disco verde anche a pacchetto giustizia

Con il Dl Ristori sono state approvate in Cdm anche tutte le norme del cosiddetto pacchetto giustizia contenute negli articoli 22 e 23 del provvedimento. LA BOZZA Le pene detentive di durata non superiore a diciotto mesi potranno essere eseguite ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Altre 6 settimane di cassa integrazione, stop licenziamenti fino al 31 gennaio

Per tutte le imprese "abbiamo garantito altre 6 settimane di cassa integrazione Covid-19 utilizzabili dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 o, in alternativa, ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Il ministro De Micheli: "Indennizzi anche a Taxi e Ncc"

"Ci sono anche i tassisti e i titolari di noleggio con conducente tra le categorie destinatarie dei ristori stanziati dal Governo nel Decreto approvato oggi a sostegno delle attività chiuse o danneggiate ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Via libera del Consiglio dei ministri: la bozza del provvedimento

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto ristori. BOZZA DEL DL RISTORI: - 32 articoli, fondi tamponi medici base - E' di 32 articoli la bozza del decreto ristori sul ...
ATTUALITA'

Poste Italiane. Presentati i primi tricicli elettrici utilizzati per il recapito della corrispondenza a Reggio Calabria VIDEO

Poste Italiane rafforza la flotta green e continua a viaggiare a energia pulita. A Reggio Calabria da qualche giorno sono in circolazione i primi 5 motocicli elettrici dei quali si sta dotando l’azienda, mentre nell’intera regione sono complessivamente 25 i motocicli Euro 4 già in uso da qualche mese per rendere ecologica, agevole e sicura la consegna dei pacchi nelle varie città. I nuovi tricicli sono alimentati elettricamente al 100%, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza e i pacchi giornalieri con una sola ricarica. La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce. Il rinnovo della flotta aziendale con l’obiettivo di ridurre del 40% le emissioni inquinanti, è parte del programma di “dieci impegni” per i Comuni Italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” lo scorso ottobre a Roma, ed è coerente con la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio, con l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul portale web www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. «Ogni giorno abbiamo circa 33.500 mezzi che girano per il paese – ha dichiarato Matteo Del Fante – per cui abbiamo molto a cuore il tema della sostenibilità. Ci siamo dati l’obiettivo di ridurre di circa il 40% le emissioni entro il 2022 passando da circa l’11% di mezzi green ad oltre il 50%. Anche i nostri nuovi Centri di Recapito, come quelli di Bologna e Cazzago Brabbia – ha concluso l’AD di Poste – sono pensati e realizzati in base a standard energetici di altissimo livello». Il piano “green” di Poste Italiane è in linea con l’ESG - il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale approvato dal Consiglio di Amministrazione ad agosto 2018 - che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ...
CRONACA

Reggio Calabria. Fata Morgana: confiscato il patrimonio di Giuseppe Chirico, vicino alle cosche Tegano e Condello VIDEO

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Capo, Dott. Giovanni Bombardieri, hanno dato esecuzione alla confisca di un ingente patrimonio, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro, nonché la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. nei confronti di Giuseppe Chirico, imprenditore affermatosi nel settore della grande distribuzione alimentare con pratiche illecite e operante in stretti rapporti con le cosche di ’Ndrangheta “Tegano” e “Condello”, influenti nel mandamento “Reggio Calabria città”. Il provvedimento conferma quanto precedentemente disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino – presieduta dalla Dott.ssa Ornella Pastore – su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica – D.D.A., Dott. Stefano Musolino, con cui erano state applicate la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di beni, nonché quella personale nei confronti del medesimo soggetto. Più in particolare, il Chirico era emerso nel corso delleindagini condotte nell’ambito dell’operazione “Fata Morgana” (i cui sviluppi sono poi confluiti nel più vasto processo “Gotha”), in quanto, con il costante appoggio assicuratogli dalle potenti cosche del quartiere “Gallico”di Reggio Calabria, lo stesso aveva posto in essere tutta una serie di gravi condotte delittuose che gli avevano consentito di imporre e interporre illecitamente le proprie attività commerciali (in particolare quelle della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”) nel settore della grande distribuzione alimentare, anche all’interno del centro commerciale “Perla dello Stretto” di Villa San Giovanni (RC). Per quanto sopra, il G.I.C.O. e la Compagnia Reggio Calabria erano stati delegati dalla locale D.D.A. all’effettuazione di indagini patrimoniali e di contesto finalizzate a individuare l’intero patrimonio del proposto e del suo nucleo familiare, i cui esiti avevano consentito all’A.G. inquirente di avanzare alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino una proposta di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali nei confronti dello stesso. In tal modo, le investigazioni economico-patrimoniali avevano consentito di accertare la sussistenza di una significativa sproporzione tra il profilo reddituale e il profilo patrimoniale del nucleo familiare del soggetto d’interesse anche a cagione della derivazione illecita dei redditi accumulati in qualità di “imprenditore mafioso”ricoperto da quest’ultimo, motivo per cui si era potuto sostenere come l’intero patrimonio accumulato dal Chirico derivasse dalle attività illecite dallo stesso perpetrate sotto il manto di due delle più potenti cosche reggine. Alla luce di tali risultanze, in aderenza alle ipotesi investigative delle Fiamme Gialle e della locale D.D.A., nel corso del 2017, erano state applicate nei confronti del proposto la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. e la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di un terreno, di un veicolo, di 17 rapporti finanziari e della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”, incluse la totalità delle partecipazioni sociali e la totalità del complesso aziendale di quest’ultima, comprendente 28 tra terreni e fabbricati, 2 veicoli e 5 rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro. Con l’odierno provvedimento sono intervenute la conferma dell’applicazione del provvedimento personale in questione, nonché la confisca dei beni precedentemente sequestrati, i quali sono stati così acquisiti al patrimonio dello Stato in via definitiva, con conseguente sottrazione degli stessi alla disponibilità di ambienti della criminalità organizzata reggina. Il servizio in parola testimonia ancora una volta l’elevata attenzione mantenuta dai militari in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, che, nel solco delle precise indicazioni dell’Autorità Giudiziaria reggina, continua a essere rivolta all’individuazione e alla conseguente aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamenteaccumulati dalle consorterie criminali di stampo mafioso, allo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, ...
POLITICA

Saverio Pazzano: 'Abbiamo chiesto la convocazione straordinaria di un Consiglio Comunale sull'emergenza Covid in città"

Reggio Calabria. È del tutto evidente che alla situazione sanitaria si sta aggiungendo una “pandemia ...
CRONACA

Reggio Calabria. 'Ndrangheta: processo "Ares", 54 condanne e 5 assoluzioni

Reggio Calabria. Si é concluso con 54 condanne e cinque assoluzioni il processo, celebrato col rito abbreviato davanti al Gup di Reggio Calabria, Domenico Armaleo, nato dall'operazione antimafia ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

BORGOITALIA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
I BASTALDI
REGGIOTV SALUTE
Ogni giorno al TG
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.30

Strettamente Personale

Ore 21.40

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
  • L’ascensore del G. O. M.
  • Limite di velocita’
  • Mancanza di acqua
  • Spazzatura a Santa Caterina
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress