Piana di Gioia Tauro: allarmanti le condizioni dei braccianti agricoli tra sfruttamento e pandemia
ATTUALITA'

L'allarme di Medu

Piana di Gioia Tauro: allarmanti le condizioni dei braccianti agricoli tra sfruttamento e pandemia

Nell’anniversario dell’undicesimo anno dalla rivolta di Rosarno, le condizioni di vita e di lavoro dei braccianti agricoli stranieri impiegati nella raccolta agrumicola nella Piana di Gioia Tauro appaiono quanto mai drammatiche, non solo per il persistere dei fenomeni di grave sfruttamento lavorativo, ma per la crescente precarietà delle condizioni socio-abitative e di salute. La pandemia da Coronavirus ha trovato terreno fertile presso gli insediamenti precari dove la promiscuità abitativa e le pessime condizioni igienico-sanitarie hanno favorito una rapida diffusione del contagio. E d’altra parte il sistema sanitario locale, più volte commissariato e gravemente carente in termini di risorse umane ed economiche, non è riuscito a pianificare e mettere in atto misure efficaci - in termini di screening e contenimento del virus - a tutela della salute della popolazione degli insediamenti precari e di tutta la collettività. Mancanza di informazione sul virus e sulle modalità per la prevenzione e il contenimento, assenza di misure di supporto al reddito, necessità legate alla sopravvivenza, hanno contribuito a rendere nel complesso inefficaci le poche misure sanitarie adottate.
Il team della clinica mobile di MEDU è tornato ad operare nella Piana per il settimo anno consecutivo nel mese di ottobre 2020, fornendo assistenza sanitaria e supporto legale ai lavoratori agricoli che vivono presso la tendopoli ufficiale di San Ferdinando, il campo container di Rosarno e i casolari abbandonati nelle campagne dei comuni limitrofi. Si stima che siano presenti oltre 1500 persone, con un’affluenza in aumento nel corso dell’ultimo mese. Solo presso la tendopoli di San Ferdinando si contano più di 700 persone tra tende ufficiali e baracche che vengono costruite di giorno in giorno dai nuovi arrivati. In assenza di un servizio di smaltimento dei rifiuti, il panorama è caratterizzato, ancor più che negli anni passati, da cumuli di rifiuti all’esterno e all’interno dell’insediamento. Nei casolari in campagna, la situazione non è di certo migliore, in assenza di accesso a luce, acqua e servizi igienici.

La popolazione è costituita anche quest’anno da giovani uomini, per lo più richiedenti asilo e rifugiati provenienti dai paesi dell’Africa subsahariana occidentale e con un’età media di circa 30 anni. L’88% dei 100 pazienti visitati da MEDU nel corso dei primi mesi di intervento (ottobre-dicembre) era regolarmente soggiornante, ma poco più della metà delle persone che hanno fornito informazioni sulla condizione lavorativa (54) ha affermato di essere in possesso di un contratto di lavoro (55%) nella maggior parte dei casi di breve durata. Inoltre, solo una minima percentuale (13%) ha dichiarato di ricevere una regolare busta paga. Il lavoro grigio resta di fatto la norma tra i lavoratori con un contratto: il datore di lavoro spesso corrisponde una parte della retribuzione in nero e dichiara in busta paga un numero di giornate lavorative nettamente inferiore rispetto a quelle effettivamente svolte.
Tra ottobre e novembre 2020, le autorità locali hanno predisposto due zone rosse a causa dell’elevato numero di persone risultate positive al Covid-19 presso gli insediamenti precari. La prima zona rossa ha riguardato il campo container di Rosarno, dove sono state condotte attività di screening e sono state allestite delle tende per l’isolamento dei casi positivi. In seguito, anche la tendopoli di San Ferdinando è stata isolata, ma con misure del tutto inefficaci, senza prevedere attività di sorveglianza epidemiologica dei casi positivi, né alberghi Covid o un’area dedicata all’isolamento. Ciò ha determinato una crescente tensione tra i braccianti, impossibilitati a tutelare adeguatamente la propria salute e a provvedere al proprio sostentamento, data l’impossibilità di raggiungere i luoghi di lavoro e di accedere ad ammortizzatori sociali.
Alle problematiche descritte, si aggiungono i ripetuti incidenti stradali che non di rado coinvolgono i braccianti nel percorso in bicicletta verso i luoghi di lavoro. Solo nel mese di dicembre, tre incidenti stradali, di cui uno costato la vita a Gassama Gora un uomo di 34 anni, hanno coinvolto i braccianti della Piana. L’assenza di trasporti pubblici e di illuminazione stradale rappresentano infatti un ulteriore fattore di rischio quotidiano, che si aggiunge ai rischi legati alle condizioni di vita - diffusione del contagio e di altre patologie correlate alle condizioni abitative ed igienico-sanitarie, incendi, etc. - e alle condizioni di lavoro, caratterizzate spesso da orari e ritmi eccessivi e dall’assenza di dispositivi di sicurezza. Dall’inizio della stagione agrumicola, MEDU supporta il progetto “Luci su Rosarno”, che coinvolge diverse realtà operanti nel territorio della Piana nella distribuzione di luci per le biciclette. Si tratta di un’azione efficace, ma di certo non risolutiva.

MEDU torna a ribadire l’urgenza di un’azione interistituzionale che restituisca dignità e legalità al territorio, ai lavoratori impiegati in agricoltura e all’intera popolazione. Occorre innanzitutto, in questa fase di emergenza sanitaria, adottare misure efficaci e straordinarie, a tutela della salute individuale e collettiva. Azioni capillari di screening, predisposizione di alberghi Covid per l’isolamento dei casi positivi, pianificazione di un piano di vaccinazione che raggiunga tutta la popolazione, inclusa quella degli insediamenti precari, ammortizzatori sociali o misure di supporto al reddito per le persone costrette all’isolamento. Servono poi interventi decisi e di lungo periodo, volti a contrastare illegalità e sfruttamento sul lavoro. Intensificare i controlli presso le aziende agricole, incentivare le aziende che garantiscono il rispetto dei diritti sul lavoro e dell’ambiente, promuovere le eccellenze locali, potenziare i servizi che permettono l’incontro legale tra domanda e offerta di lavoro. Sono solo alcune delle misure necessarie e improrogabili che, se adeguatamente pianificate e coraggiosamente implementate, possono prevenire il sorgere di nuovi ghetti della vergogna e dell’esclusione. Nuove baracche stanno sorgendo di giorno in giorno e, con ogni probabilità, come avvenuto più volte nel recente passato, una nuova e più estesa baraccopoli prenderà il posto della tendopoli ufficiale. È tempo di dichiarare un nuovo fallimento delle istituzioni e della politica o di dimostrare che un nuovo corso è possibile e necessario?
13-01-2021 11:32

NOTIZIE CORRELATE


20-01-2021 - ATTUALITA'

Coronavirus. 103 nuovi casi positivi confermati dall'Asp di Reggio Calabria

Il bollettino del 19 Gennaio
20-01-2021 - ATTUALITA'

Emergenza rifiuti. "La discarica di Melicuccà non risolverà nulla" VIDEO

"Porterà solo danni economici ed ambientali". La denuncia di Pino Ippolito Armino
20-01-2021 - ATTUALITA'

Rosarno e l'ospedale fantasma, sabato 23 pronto un flash mob

7° flash mob nei pressi della struttura ospedaliera

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Vaccini anticovid: Calabria al 52,3% somministrazioni, regione sempre ultima

Sono 20.553 le dosi di vaccino anti Covid somministrate in Calabria sulle 39.280 disponibili secondo il dato aggiornato alle 11.04 sul sito dell'Agenzia italiana del farmaco. Un rapporto del 52,3% che fa ...
ATTUALITA'

Vaccino anticovid Pfizer Italia, altri tagli: è allarme per le regioni

"Siamo molto preoccupati dal fatto che anche la prossima settimana ci sarà un nuovo taglio delle dosi del vaccino Pfizer. Dal 25 gennaio non si tornerà in regola". Lo sottolinea Luigi Icardi, ...
CRONACA

Reggio Calabria. Arrestato un 38enne per furto di autovettura e resistenza a Pubblico Ufficiale

Reggio Calabria. Il tempestivo intervento da parte degli Agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico consente di incidere ...
POLITICA

"Non rinviare le elezioni è scelta scriteriata", Spirlì sulle provinciali a Reggio e Cosenza

«La scelta del sindaco metropolitano di Reggio Calabria e del presidente della Provincia di Cosenza di non rinviare le elezioni provinciali è, semplicemente, ...
ATTUALITA'

A2, giovedì chiusa la rampa in ingresso della carreggiata sud dello svincolo di Catona/Arghillà

Per l’avanzamento dei lavori di restyling, avviati da Anas lungo l’A2 DIR RC tra lo svincolo di Campo Calabro e Santa Caterina, si rendono necessarie delle ...
POLITICA

Regionali. De Magistris: "la mia è una candidatura di rottura e dico no ai partiti che hanno affossato la Calabria" VIDEO

Una candidatura "di rottura rivoluzionaria ma di governo". Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris scioglie la riserva e annuncia la sua candidatura a presidente della Regione Calabria in occasione delle consultazioni fissate per l'11 aprile. Una regione che conosce bene per avere esercitato le funzioni di sostituto procuratore di Catanzaro dall'inizio degli anni 2000. E da subito avvia i primi contatti per definire i contorni della sua scesa in campo arrivando da Napoli a Cosenza. "Non mi farò includere in uno schieramento liturgico della politica tradizionale, non sono un candidato di centrosinistra" mette subito in chiaro il sindaco di Napoli. E non è un caso che il suo primo incontro sia con l'altro candidato sceso ufficialmente in campo, il geologo Carlo Tansi, anche lui a capo di tre liste civiche. Un incontro per verificare le possibili convergenze. Ma nei prossimi giorni e settimane, de Magistris intende soprattutto incontrare la gente, "le donne, gli uomini, le storie di questa terra che ben conosco, della Calabria vera che mi ha sempre appassionato. Quelli ...
AMBIENTE

Stretto di Messina, è record mondiale di rifiuti sul fondale marino

Va allo Stretto di Messina il record mondiale di rifiuti sul fondale marino, con una densità che in alcuni punti supera il milione di oggetti per chilometro quadrato. Lo indica uno studio pubblicato sulla rivista ...
ATTUALITA'

Nuovo Parco Urbano in contrada Maldariti: "Una zona per bambini e famiglie della zona sud di Reggio"

Reggio Calabria. Un nuovo parco urbano per la zona sud della Città. Un nuovo spazio recuperato all'incuria, nella zona residenziale di contrada ...
ATTUALITA'

'Volontariato' per il sistema informatico di Hermes? Richiesta di chiarimenti al vicesindaco Perna

Apprendiamo da un organo di stampa che nei giorni scorsi il vicesindaco Perna ha invitato i giornalisti delle varie testate reggine per una chiacchierata ...
ATTUALITA'

Klaus Davi: "Stop Cts a elezioni dimostra che Falcomatà avrebbe messo i reggini in pericolo"

«Lo stop del Comitato Tecnico Scientifico alle elezioni metropolitane indette da Giuseppe Falcomatà non solo mette a nudo le sue puerili e ostinate ambizioni ...
ATTUALITA'

Giornata della Memoria 2021, continuano gli incontri dell'Istituto Ugo Arcuri

Anche quest'anno, in periodo di restrizioni causa pandemica, l'istituto "Ugo Arcuri" per la Storia Contemporanea e dell'Antifascismo in Calabria, non rinuncia ad incontrare, in ...
ATTUALITA'

Alluvioni Crotone e Cosenza, attivati gli interventi della Regione: al via i sopralluoghi della Prociv

È entrata nella fase operativa l’attività della Regione Calabria in merito agli interventi legati all’alluvione che, nel novembre ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
E' TUTTO CINEMA
SPORT HEROES
Di Giusva Branca
RASSEGNA STAMPA
Liquore Tedesco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.30

Strettamente Personale

Ore 21.45

Film
TEDESCO LIQUORI SHOP
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Spazzatura
  • Servizio zero
  • La dimenticata utilita’  dell’acqua
  • Rifiuti
  • La strafottenza dell’amministrazione comunale
  • disservizio idrico
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress