Scuola. Mobilità 2021/2022, si va verso la conferma del vincolo quinquennale per tutti i neo assunti
ATTUALITA'

Anief pronta ad avviare azioni legali per i propri iscritti

Scuola. Mobilità 2021/2022, si va verso la conferma del vincolo quinquennale per tutti i neo assunti

Ultime speranze appese all’emendamento richiesto da ANIEF al decreto Milleproroghe. In caso di rigetto, il giovane sindacato è pronto attraverso i propri legali a far ottenere il diritto a chi presenterà la domanda ai trasferimenti per via giudiziaria, anche su tutti i posti vacanti e disponibili, dopo i successi già ottenuti. Partecipa al webinar di presentazione o chiedi una consulenza allo sportello sindacale.
Quasi pronta l’ordinanza ministeriale sulla mobilità per l’a.s. 2021/2022, che sarà presentata nei prossimi giorni ai sindacati. Anief pronta ad avviare azioni legali per i propri iscritti che presenteranno la domanda al fine di favorire i trasferimenti rispetto ai posti limitati e ai vincoli di permanenza di cinque anni per neo assunti e sui posti di sostegno, peraltro dichiarati illegittimi da diverse sentenze. Possibile ricorrere per ottenere la corretta valutazione dei titoli e dei servizi nonché per il diritto alla precedenza nella mobilità interprovinciale ai docenti che assistono genitori con disabilità grave. Avvia la preadesione gratuita ai ricorsi con i legali ANIEF.

Marcello Pacifico (Anief): “Difenderemo il diritto dei docenti a conciliare il diritto al lavoro con quello alla famiglia. Non ha senso riproporre norme censurate dai giudici e ripensate più volte dal legislatore in quanto inutili e discriminatorie. Esporremo ancora una volta al Ministero le nostre richieste in occasione dell’incontro sulla nuova ordinanza ministeriale, ma se non arriveranno risposte sarà battaglia nelle aule dei tribunali. Il vincolo non solo danneggia i neo assunti ma scoraggia persino i precari a proporsi per la ‘Chiamata veloce’ che per molti aprirebbe le porte del ruolo. Non possiamo accettare l’idea di barattare il diritto all’assunzione con l’esilio”.



Nei prossimi giorni l’incontro al Ministero sull’ordinanza per i trasferimenti
È imminente la pubblicazione dell’ordinanza con cui il nuovo Ministro dell’Istruzione darà avvio ai trasferimenti per l’anno scolastico 2021/2022 e che presto sarà presentata ai sindacati, sempre che il Parlamento non ascolti il giovane sindacato e approvi un emendamento specifico al milleproroghe. L’ANIEF parteciperà all’incontro per esporre, ancora una volta, le proprie richieste di risoluzione delle numerose criticità che permangono sulle regole della mobilità.
Tra queste, la più urgente è senza dubbio il vincolo quinquennale di permanenza nella sede di assunzione per tutti i neo immessi in ruolo dal il 1° settembre 2020 e la limitazione dei posti vacanti assegnati alla mobilità prima delle prossime immissioni in ruolo. La norma, introdotta dall’articolo 1, commi 17-octies e 17-nonies della legge n. 159/2019, estende a tutti gli insegnanti assunti nell’a.s. 2020/21 il blocco quinquennale, a dispetto di quelli assunti negli anni precedenti, negando anche il diritto all’assegnazione provvisoria nel silenzio delle altre organizzazioni sindacali firmatarie di contratto. A tale vincolo, ricordiamo, non sfuggono nemmeno i docenti che per lavorare usufruiranno della “Call veloce” o della possibilità di inserirsi in coda nelle GMRE in altra regione. Ed è per questo motivo, non a caso, che lo scorso settembre si è registrato il clamoroso fallimento delle assunzioni da ‘Chiamata veloce’, con i precari scoraggiati dalla prospettiva di un “esilio” di ben cinque anni.



Il blocco quinquennale sul sostegno, la mancata valutazione del servizio presso la scuola paritaria e di quello pre-ruolo per intero nelle graduatorie interne di istituto
In applicazione dell’art. 23, comma 7 del Contratto collettivo nazionale integrativo vigente firmato dalle altre OO.SS. rappresentative nel 2019, e che scadrà il prossimo anno, rimane purtroppo confermato il blocco quinquennale su posti di sostegno per tutti gli insegnanti, indipendentemente dalla data di assunzione, nonostante le numerose sentenze ottenute dai legali Anief presso i tribunali del lavoro che lo hanno annullato e avverso il quale bisogna continuare a ricorrere in tribunale.
Continua a permanere anche la mancata valutazione del servizio nella scuola paritaria, in applicazione dell’allegato 2 e relative note esplicative del Contratto. Questo a danno di quei docenti che hanno svolto servizio per anni nelle scuole paritarie e in barba a numerose sentenze ottenute dai legali Anief presso i tribunali del lavoro. Sentenze che hanno già permesso a tanti docenti di far ritorno nella loro regione. Stessa situazione anche sulla valutazione per intero, e non dimezzata come oggi avviene, del servizio prestato da precari ai fini della valutazione del punteggio nelle graduatorie interne di istituto per l’individuazione dei perdenti posto.
Infine, permane ancora il mancato riconoscimento della precedenza nella mobilità interprovinciale ai docenti che assistono un genitore con disabilità grave, ai quali la normativa riconosce una corsia preferenziale solo per i movimenti all’interno della provincia di servizio.



La posizione di Anief
Per il giovane sindacato, la scelta di bloccare per cinque anni qualsiasi forma di mobilità del personale docente neoassunto è priva di senso. Non soltanto la politica è rimasta sorda alle migliaia di insegnanti ingabbiati dalla legge n. 107/2015 a seguito di scelte contrattuali sbagliate e dell’adozione di uno sconosciuto algoritmo, ma addirittura si tratta ancora una volta il personale in maniera diversa in base all’anno di assunzione. Una storia, quella del vincolo quinquennale, che rappresenta un deja-vu per il personale docente. Ricordiamo, infatti, che il blocco quinquennale era già stato introdotto nel biennio 2011/2012 e 2012/2013, nella provincia di assunzione e con esclusione dal blocco per l’assegnazione provvisoria fino all’ottavo anno di vita del bambino.
La norma, pensata per contenere l’assunzione di docenti del Sud nelle regioni settentrionali in seguito alla riapertura delle graduatorie ad esaurimento a pettine ottenuta dall’Anief, fu abrogata per l’evidente incostituzionalità dall’articolo 15, comma 10-bis della legge n. 128/2013, dopo le pressanti denunce, le ripetute richieste emendative e i ricorsi presentati da Anief.
Fu così ripristinata la possibilità di trasferimento, assegnazione provvisoria o utilizzazione in altra provincia dopo tre anni di effettivo servizio nella provincia di titolarità, riportando la norma sulla mobilità a quanto previsto fino all’anno scolastico 2010/2011.
Il vincolo di permanenza quinquennale torna sulla scena con l’attuale legislatura, che nella sua versione a maggioranza giallo-verde l’ha inizialmente ripristinato soltanto per il personale ex-FIT assunto a partire dal 1° settembre 2019 (ad eccezione del personale avente diritto individuato entro il 31 dicembre 2018), salvo poi estenderlo – nel successivo assetto di maggioranza giallo-rossa – a tutti i neo-assunti, indipendentemente dal percorso di reclutamento e senza riflettere sulle conseguenze di tale blocco sulle future immissioni in ruolo, segnando così il fallimento della “Call veloce”.
L’incostituzionalità del vincolo quinquennale, che nell’attuale formulazione si applica sia ai trasferimenti che alle assegnazioni provvisorie, è palese e il sindacato sarà costretto a ricorrere alla Consulta. Inoltre, le norme introdotte dalla legge n. 159/2019 sono in evidente contrasto con il Decreto Legislativo n. 151/2001, Testo Unico in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità, che contiene disposizioni importanti per la tutela e il sostegno della famiglia.



Il commento del Presidente Anief
“Abbiamo chiesto più volte – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief –, durante l’attuale legislatura, di cancellare il blocco quinquennale alla mobilità, norma per noi illegittima e dannosa. Gli emendamenti purtroppo sono stati finora respinti, insieme a quelli che avrebbero riaperto una mobilità straordinaria su tutti i posti vacanti per i docenti ingabbiati dalla Legge 107/2015. Esporremo ancora una volta al Ministero le nostre richieste in occasione dell’incontro sulla nuova ordinanza ministeriale, ma se non arriveranno risposte sarà battaglia nelle aule dei tribunali. Il vincolo non solo danneggia i neo assunti ma scoraggia persino i precari a proporsi per la ‘Chiamata veloce’ che per molti aprirebbe le porte del ruolo. Non possiamo accettare l’idea di barattare il diritto all’assunzione con l’esilio”, conclude il presidente Anief.



I ricorsi
In attesa della pubblicazione dell'ordinanza ministeriale sulla mobilità è possibile preaderire gratuitamente ai ricorsi DA QUESTO LINK.


16-02-2021 13:15

NOTIZIE CORRELATE


29-07-2021 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. Aiutateci a ritrovare Lerri

L'appello
29-07-2021 - ATTUALITA'

"La Procura della Repubblica di Cosenza ha iniziato ad audire il personale del Pronto Soccorso dell'Ospedale Annunziata"

"È la riprova che gli esposti che il SUL Calabria ha presentato cominciano ad essere oggetto dell'agenda della Procura"
29-07-2021 - ATTUALITA'

Ristrutturazione e messa in sicurezza dell'aeroporto di Reggio Calabria, attivata la procedura di gara

L'affidamento dell'appalto è previsto per il mese di ottobre

ULTIME NEWS

POLITICA

Primo addio nel 'nuovo' M5S, lascia la senatrice Botto

Primo addio nel M5S dell'era Conte. A lasciare, a Palazzo Madama è la senatrice ligure Elena Botto, che passa al Misto. "Questo è un post difficile, un post di addio. Me ne vado dal Movimento 5 Stelle che, ormai da troppo ...
POLITICA

Giustizia: il dossier della riforma Cartabia atteso in Cdm

Un passaggio sul dossier della riforma Cartabia, a quanto si apprende da diverse fonti di maggioranza, è atteso nel Consiglio dei ministri che a breve dovrebbe iniziare a Palazzo Chigi. "Stanno cercando di chiudere, stanno cercando ...
SANITA'

Gimbe, in 7 giorni il dato dei morti cresce del 46%, è la quarta ondata

Dai casi ai decessi, passando per i ricoveri, cresce l'epidemia e "di fatto siamo entrati nella 4/a ondata". Dopo 15 settimane di calo, tornano a salire le vittime: 111 nell'ultima settimana, sono ...
SPORT

Italia bronzo nel fioretto a squadre donne

Per l'Italia secondo oro, settimo argento e decimo bronzo, per un totale di 19 presenze sul podio di Tokyo 2020. L'ultimo arriva dal fioretto donne dove l'Italia ha conquistato la medaglia di bronzo nella prova a squadre. Nella finale per il terzo posto ha ...
SANITA'

Vaccini: Gimbe, in Calabria 17,6% over 60 senza nessuna dose

La popolazione over 60 che, in Calabria, non ha ricevuto nessuna dose di vaccino è pari a 17,6% contro una media nazionale dell'11,5%. E' quanto evidenzia il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe relativo alla ...
CRONACA

Oppido Mamertina. I Carabinieri del Nas scoprono una casa di cura abusiva all'interno di una parrocchia VIDEO

I Carabinieri del Nas di Reggio Calabria a seguito di ispezione presso una struttura ricettiva per anziani nel comune di Oppido Mamertina, hanno deferito in stato di libertà un parroco, responsabile di aver aperto una casa di cura senza autorizzazione omettendo, contestualmente, la comunicazione all’autorità di P.S. degli alloggiati all’interno della stessa. L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, Sostituto Procuratore Dott. Rocco Cosentino, ha permesso di appurare che presso la Parrocchia Santa Maria Assunta del comune aspromontano, il sacerdote aveva allestito una vera e propria casa di cura per anziani non autosufficienti, senza alcuna autorizzazione ed in un immobile con gravi carenze igienico sanitarie, assolutamente non idoneo per l’accoglienza di soggetti con gravi patologie. In particolare, i militari del NAS, supportati dalla Stazione Carabinieri di Castellace e dal personale del dipartimento di prevenzione dell’ASP di Reggio Calabria, hanno accertato la presenza di n. 6 anziani ospiti, di cui due su sedia a rotelle, alloggiati in stanze obsolete con mura impregnate di umidità, distacco di calcinacci e mobili fatiscenti, ponendo a serio rischio la loro stessa incolumità. Inoltre, gli anziani dormivano su letti i cui materassi erano rivestiti da sacchi neri (per i rifiuti) utilizzati al posto delle c.d. “traverse”. L’attività, che rendeva al sacerdote circa euro 6.000 al mese, è stata immediatamente sospesa dal Comune di Oppido Mamertina e gli anziani trasferiti presso strutture ...
CRONACA

Guardia Costiera. I risultati dell'Operazione "No Driftnets" contro la pesca illegale

Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno dei principali obiettivi del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, che ...
POLITICA

Calabria. Elezioni regionali, Luigi de Magistris: "Alleanze solo con chi non fa parte del sistema"

"Da più parti ci chiedono che ci sia di vero di una eventuale nostra convergenza con la forza politica che fa capo all’ex presidente della ...
ATTUALITA'

Protocollo di Intesa inter-istituzionale tra l'Università 'Mediterranea' di Reggio e l'Associazione dei Comuni dell'Area Grecanica

Oggi 28 luglio 2021, nell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, ...
SPETTACOLO

Due reggini in lizza per il titolo di Mister Italia 2021

Ci sono anche due ragazzi reggini tra i novanta bellissimi pre-finalisti nazionali del concorso di Mister Italia 2021. Emanuele Donzella, 22 anni di Scilli, 1,92 di altezza, muratore con il sogno nel cassetto di sfondare nel mondo della moda, e ...
CRONACA

Allacci abusi sulla rete Sorical, distacchi e prime segnalazioni alle autorità

Continua a ritmo serrato la campagna di individuazione di allacci abusivi sugli impianti della Sorical. Su sollecitazione dei sindaci dei Comuni di Gimigliano Tiriolo, Settingiano, Amato e Miglierina ...
CRONACA

Cinquefrondi. Detenzione abusiva di arma da fuoco e munizioni, arrestato 48enne

Un importante risultato è stato ottenuto dagli Agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Polistena, impiegati nei servizi straordinari di controllo del ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

STRETTAMENTE PERSONALE
Stracult Edition
SPORT HEROES
Di Giusva Branca
I BASTALDI
PIANETA DILETTANTI
CALABRIA VERDE
Liquore Tedesco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Aeroplani di carta
TEDESCO LIQUORI SHOP
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La citta’ piu’ bella
  • Rifiuti e roghi
  • Vasto incendio al Pantano di Saline Joniche
  • ……Reggio Calabria muore e ne siamo tutti consapevoli quindi responsabili
  • Disservizio I
  • interruzione servizio idrico
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica
ISTITUTO DE BLASI