Memoria, Lollò Cartisano e quell'esercizio costante del ricordo
CRONACA

Ogni anno, lungo i sentieri dell'Aspromonte, in cammino per non dimenticare le vittime della ndrangheta

Memoria, Lollò Cartisano e quell'esercizio costante del ricordo

Bovalino (Reggio Calabria). Non trovò più la libertà dopo il sequestro, Adolfo Cartisano, detto Lollò, diviso tra la passione per il calcio e quella della fotografia. Rapito a Bovalino nel luglio del 1993, non fece più ritorno a casa. Siamo nella Bovalino, soffocata dal dominio di ndrine locali, ostaggio delle famiglie mafiose di Africo, Natile di Careri, Platì e San Luca in provincia di Reggio Calabria. Finito nel mirino del racket, ricco certamente di coraggio, Lollò non si piegò e subito denunciò.
Era il 22 luglio del 1993, quando stordita la moglie Mimma Brancatisano e poi legata ad un albero sulla via per l’Aspromonte, i rapitori sequestrarono Lollò davanti alla sua casa al mare a Bovalino. Nonostante il pagamento del riscatto, duecento milioni di lire non ritenute sufficienti, Lollò non sarebbe mai stato liberato e la sua morte ascritta ad un colpo alla nuca che invece di tramortirlo, lo avrebbe ucciso. L’ultimo dei terribili sequestri di ndrangheta, l’ultimo dei 18, con inizio nell’ottobre del 1979 con quello del tredicenne Alfredo Battaglia, che l’organizzazione mafiosa calabrese abbia compiuto solo a Bovalino prima di divenire la holding internazionale del traffico di stupefacenti che oggi è. Tra le persone condannate in Cassazione per il sequestro di Lollò, dopo l’arresto nel 1994 di Carmelo Modafferi e dei figli Santo e Leo Pasquale, anche Santo Glicora, latitante da 13 anni, originario di Bova Marina, inserito nella lista dei 100 ricercati più pericolosi d’Italia e genero di Carmelo Modafferi, arrestato nel 2010 a Platì dai carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria. Vibrante è stata la protesta dei familiari delle persone condannate anche durante le prime udienze del processo di revisione a Catanzaro.
Lollò ed altre vittime innocenti, che domani saranno ancora ricordate a Locri in occasione della XXII edizione della giornata nazionale della memoria e dell’impegno promossa da Libera, sono ricordate ogni anno lungo il sentiero che giunge fino a Pietra Cappa, nel cuore dell’Aspromonte. Questo luogo da quattordici anni non custodisce più il segreto della morte di Lollò Cartisano, i cui resti sono stati trovati lì dove da allora ora c’è una lapide e che ogni anno è la tappa finale dei “Sentieri della memoria”, la marcia promossa da Libera per ricordare ogni 22 luglio, il giorno del ritrovamento dei resti di Lollò avvenuto nel 2003. Un ritrovamento reso possibile dalle indicazioni precise fornite da un pentito in una lettera con cui rispose agli incessanti appelli della figlia Deborah, oggi referente Libera Locride, che invocava di conoscere almeno il luogo in cui poter piangere i resti del padre.
Convergono proprio lì nel segno della storia di Lollò, un tempo l’unica e oggi l’ultima tappa del percorso sempre più lungo e condiviso, i sentieri della memoria. I familiari, la figlia Deborah, anche lei fotografa, con il supporto di Libera, hanno creduto per primi in questo meraviglioso afflato di memoria e di impegno, per non dimenticare. Oggi non sono più soli perché ci sono anche i familiari di Celestino Maria Fava, Gialuca Congiusta, Giuseppe Tizian, Vincenzo Grasso, Rocco Gatto, Giuseppe Luzza, Massimiliano Carbone, Antonino Marino, Demetrio Quattrone, Renato Vettrice e tutti i calabresi onesti, uccisi dalla ndrangheta. Un afflato cresciuto nel tempo e che oggi anima un appuntamento atteso ogni anno. Qui in Calabria, terra piena di ferite mortali, l’esercizio della memoria è costante.
Anna Foti
20-03-2017 17:08

NOTIZIE CORRELATE


20-04-2018 - CRONACA

Reggio. Impressionante incidente nella zona sud: auto si ribalta su aiuola FOTO

Mezzo recuperato con una gru dei vigili del fuoco
20-04-2018 - CRONACA

'Ndrangheta. Omicidio Congiusta, ergastolo annullato per Tommaso Costa

La Cassazione ha assolto senza rinvio la condanna all'ergastolo inflitta dalla Corte d'assise d'appello di Reggio Calabria
20-04-2018 - CRONACA

Locri, la Finanza scopre e denuncia falsa invalida e i due figli dipendenti pubblici

I due figli (medico Asp e dipendente pubblico) avrebbero beneficiato dello "status" della madre: denunciati anche loro
20-04-2018 - CULTURA

Reggio, "all day in the castle": il Castello Aragonese aperto il 23 e 25 aprile

Per San Giorgio e per la Festa della Liberazione

ULTIME NEWS

SPORT

La Reggina batte l'Akragas e festeggia la salvezza. Ma quanti cori contro Maurizi...

REGGIO CALABRIA – Missione compiuta. Adesso c’è anche il conforto della matematica. La Reggina batte il già retrocesso Akragas per 2 a 0 e taglia così il ...
CRONACA

Trovati in casa fucile, pistola e munizioni: arrestati due fratelli

Vibo Valentia. Due fratelli sono stati arrestati dai carabinieri a Nicotera Marina al termine di una perquisizione domiciliare. Nell'abitazione in uso ai due, i militari della Compagnia di Tropea hanno trovato una ...
ATTUALITA'

Vivere il Cristianesimo nel 2018

È davvero possibile essere cristiani in una società che in gran parte ha perso i basilari principi e valori morali? Al di là della semplice definizioni di appartenenza, sono la realtà della vita e la quotidianità che risponde in maniera affermativa o meno ...
CRONACA

"Reale 6", scambio elettorale politico-mafioso: tutti assolti

“Assoluzione piena perché il fatto non costituisce reato” per quattro imputati finiti a processo nell’ambito dell’inchiesta della DDA reggina “Reale 6”. I giudici del Tribunale di Locri hanno ...
CRONACA

Polizia, intensificati i controlli per le festività di San Giorgio e del 25 aprile

REGGIO CALABRIA - “Per la sicurezza della città e della Provincia sono state intensificate tutte le misure di vigilanza e di controllo anche agli obiettivi c.d. sensibili. Per ...
AMBIENTE

Erosione costiera a Villa San Giovanni, ci sono i presupposti per chiedere lo stato di calamità naturale

VILLA SAN GIOVANNI – “La condizione di emergenza, che caratterizza in modo così grave il territorio comunale, costituisce una ...
CRONACA

Coltivava droga in casa, un arresto

MIRTO CROSIA (COSENZA). Aveva ricavato due vani nel sottotetto di casa. Ed era lì che coltivava marijuana. Un uomo di 49 anni per questo motivo è stato arrestato dai carabinieri a Mirto Crosia. Per lui l'accusa è di produzione e detenzione di sostanza ...
ATTUALITA'

Sanità, violazioni allarmanti. Siclari: "Scura, Oliverio e Lorenzin fermatevi"

REGGIO CALABRIA - Il Commissario Scura continua ad aggredire il Sistema Sanitario della nostra Regione con l’intento di distruggere anche gli ultimi presidi sanitari che ancora resistono e ...
CRONACA

'Ndrangheta, sequestro milionario di beni ad imprenditore ritenuto organico ai clan di Cittanova FOTO/VIDEO

Cittanova (Reggio Calabria). Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è stimato in circa 22 milioni di euro. La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito un decreto di sequestro emesso dal locale Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti del detenuto GIOVINAZZO Girolamo, 45 anni, di Cittanova (RC), detto Jimmy, ritenuto organico alla cosca RASO-GULLACE-ALBANESE di Cittanova (RC), a cui risulta legato anche da vincoli di parentela, avendo sposato POLITI Francesca, nipote del defunto capo cosca RASO Girolamo. Il GIOVINAZZO, unitamente alla moglie e ad altri 40 sodali, nel luglio 2016, è stato colpito da un provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, poiché coinvolto nell’operazione “ALCHEMIA” della Procura Distrettuale Antimafia reggina, che ha interessato gli elementi affiliati alle cosche “RASO-GULLACE-ALBANESE” di Cittanova (RC) e “PARRELLO-GAGLIOSTRO” di Palmi (RC), per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni e reati contro la Pubblica Amministrazione. Le indagini avevano consentito di evidenziare il grande interesse degli appartenenti alle citate consorterie della ‘ndrangheta verso diversi settori “strategici”, quali il movimento terra, l’edilizia, l’import-export di prodotti alimentari, la gestione di sale giochi e di piattaforme di scommesse on‑line, la lavorazione dei marmi, autotrasporti, smaltimento e trasporto di rifiuti speciali. In tale contesto criminale, il ruolo del GIOVINAZZO era quello di “portavoce” ed uomo di fiducia di RASO Girolamo, con il compito di mantenere i rapporti con i sodali (tra cui Carmelo GULLACE, posto in posizione apicale), con esponenti di cosche contigue e, contemporaneamente, con il mondo politico ed imprenditoriale, nonché con funzionari pubblici, allo scopo di ottenere commesse di lavori o appalti, contributi comunitari ed altre provvidenze. GIOVINAZZO, tuttora incensurato nonostante i numerosi procedimenti penali avviati nei suoi confronti, anche in altre vicende giudiziarie (emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, occultamento/distruzione di scritture contabili, falso, truffa aggravata, bancarotta fraudolenta, associazione a delinquere), era sostanzialmente il “volto pulito della cosca” e, per questo motivo, intestatario/titolare di numerose attività imprenditoriali, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione e di reati contro la P.A. (corruzione di funzionari pubblici). L’ordinanza restrittiva dell’operazione “ALCHEMIA” è stata confermata anche nei successivi gradi di giudizio cautelare e, in relazione ai fatti contestati, il GIOVINAZZO è stato rinviato a giudizio nel luglio 2017. Alla luce dei suddetti elementi, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione lo ha ritenuto portatore sia di pericolosità sociale qualificata, per la contiguità con un’organizzazione criminale di stampo mafioso, che di pericolosità generica, in ragione della sua “inclinazione” a delinquere, evidenziando, inoltre, come la crescita della sua attività imprenditoriale sia stata concretamente agevolata nell’avvio e, soprattutto, nell’espansione, dal ricorso sistematico a pratiche imprenditoriali illecite. In virtù di quanto sopra, il patrimonio a lui riconducibile è stato ritenuto il frutto o il reimpiego di proventi di attività illecita, stante anche la significativa sproporzione tra i redditi dichiarati e le effettive disponibilità a lui riconducibili, emerse dagli accertamenti svolti dalla DIA reggina. Con l’odierno provvedimento è stato, dunque, sottoposto a sequestro un consistente asset immobiliare e mobiliare, ricomprendente beni aziendali e personali, costituito da: 8 società, per l’intero capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale (di cui 5 società di capitali, 2 società di persone ed una ditta individuale) con sede tra Cittanova (RC), Roma e Pomezia (RM), operanti nei settori turistico-alberghiero, ristorazione, agricolo (produzione di olio), lavorazione del legname e trasporto rifiuti. Tra di esse, anche la nota struttura alberghiera di lusso “Uliveto Principessa Park Hotel” di Cittanova (RC); 16 terreni ubicati a Cittanova (RC) per un’estensione complessiva di oltre 13 ettari e 2 capannoni ad uso industriale, per una superficie complessiva di circa 3.000 mq; disponibilità finanziarie e titoli comunitari ARCEA, riconducibili al GIOVINAZZO, alla moglie POLITI Francesca ed ai loro ...
CRONACA

Sequestro di persona e violenza sessuale aggravata, arrestato extracomunitario nel reggino FOTO

Personale della ...
CRONACA

'Ndrangheta: tremano i clan di Rosarno, il figlio di Giuseppe Pesce detto "Pecora" vuota il sacco

Non si sa ancora quale dei due figli di Giuseppe Pesce detto “Pecora”, se Francesco o Antonino (nella foto), stia vuotando il sacco. Ma è sicuro ...
CRONACA

Villa San Giovanni, in manette un 22enne destinatario di un mandato di cattura

A seguito delle direttive ministeriali volte all’intensificazione dei servizi di vigilanza e controllo all’interno delle stazioni e sui convogli per garantire la sicurezza dei viaggiatori ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

ASPETTANDO IL TG
10 DOMANDE
ATLETI
EUREKA
Quiz Show
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 19

Basket: Partita Viola Rc

Ore 21.15

Fuorigioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Agevolazioni per gli invalidi per pagamento TARI
  • Via Vallone Cilea abbandonata
  • L' Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
Italpress
idomotica
viola