Emergenza maltempo, flagellata la media Tirrenica. A Santa Trada, automobilista tratto in salvo dai Vigili del fuoco [ FOTO /  VIDEO ]
CRONACA

A Caulonia, un fulmine ha centrato la Chiesa matrice. A Reggio cittÓ, chiusure temporanee a pedoni e auto di tratti di via Marina "alta" e "bassa"

Emergenza maltempo, flagellata la media Tirrenica. A Santa Trada, automobilista tratto in salvo dai Vigili del fuoco FOTO / VIDEO

Reggio Calabria. Non era sicuramente previsto, a pochissimi giorni da un torrido caldo che ha fatto registrare tra i 41 e i 42 gradi centigradi. Ma dopo alcune ore di tempo incerto e cielo plumbeo, intorno alle 9,30 di stamattina s’è scatenato un improvviso nubifragio, durato per poco meno di mezz’ora. Alle 10, Reggio città e varie zone della provincia sembravano un pantano, quasi avesse piovuto senza interruzione per giorni…

Rilevanti le difficoltà nel capoluogo di provincia.
Quanto al Lungomare, in itinere la chiusura al traffico di corso Matteotti (la via Marina “Alta”) e l’interdizione al transito pedonale del lungomare Falcomatà lungo il marciapiede lato monte e, sempre stesso lato, temporaneamente inibito il parcheggio: questo anche per evitare che le condizioni meteo, sommandosi alla difficilissima situazione del patrimonio arboreo che già nei giorni scorsi aveva comunque registrato diversi crolli di alberi e rami, possano far insorgere un fattore di più alto rischio.
Danni sono stati registrati anche in diversi Lidi.

Nella zona Sud della città, dalle parti di viale Europa e viale Aldo Moro, ampi i tratti in cui, più che in automobile, pareva d’andare a nuoto. In diversi punti, praticamente impossibile per diverse ore anche solo attraversare la strada…


Scenograficamente, per dir così…, la cosa più significativa concerne la notevole tromba d’aria che nella stessa mezz’ora s’è scatenata nell’area dello Stretto: un ciclone che, per fortuna, ha avuto luogo nello specchio di mare fra Reggio e Messina senza lambire l’abitato e s’è distinto per la breve durata.

Sulla Jonica, invece, alta tensione a Caulonia: nel centro dell’Alto Jonio reggino, sono diversi i territori interessati a smottamenti, in alcuni casi anche gravi. Vigili del fuoco in azione, con apprensione della comunità locale, per via di un fulmine che ha centrato in pieno la Chiesa matrice. Un incendio sprigionatosi nel sottotetto è stato domato da una squadra di pompieri di Siderno.

L’angolo del Reggino più duramente segnato dall’accenno d’alluvione di stamane è invece la media Tirrenica, dove Bagnara – tutto sommato – l’ha scampata bella, ma la Statale “18” nel tratto che conduce a Scilla è stata chiusa al traffico veicolare a causa dell’ennesimo, notevole smottamento del costone.
E proprio Marinagrande, Chianalea e le zone collinari scillesi hanno riportato le conseguenze più serie: parti di spiaggia sono letteralmente devastate, molte strade nel cuore di Scilla risultano ridotte a una poltiglia di fango, nella zona alta del territorio comunale scillese si registrano circa 120 millimetri di pioggia caduti in poco più di 20 minuti.

In tutto questo, “ovviamente” allertata la Protezione civile (guidata in Calabria da Carlo Tansi): a metà mattina sono partiti i mezzi meccanici della Prociv, scopo cruciale: rimuovere il fango che a Scilla ha intasato un po’ tutti i canali, invadendo alcune strade maestre e prendendone praticamente “in ostaggio” alcune minori, non consentendo neppure il transito.
E nello splendido centro balneare tirrenico è arrivato anche l’Esercito, proprio per agevolare la “liberazione” del cuore di Scilla da fango e detriti.

E se diversi motocicli e qualche veicolo sono stati trascinati via da acqua e forte vento, in particolare a Santa Trada un uomo a bordo di una vettura appunto trascinata via dalla furia degli elementi è stato salvato in maniera miracolosa e provvidenziale dai Vigili del fuoco.

Cosa non trascurabile, in seguito alle mutate condizioni meteorologiche la temperatura media a Reggio e provincia è crollata di 10/15 gradi centigradi (secondo le differenti zone).
Mario Meliad˛
16-07-2017 15:00
SELECT news.id, news.titolo, news.cappello, news.titolo_medio, news.titolo_breve, news.titolo_brevissimo, news.data, news.testo, news.foto, news.foto_sfocata, MATCH(news.keywords) AGAINST ('+reggiocalabria +maltempo +danni +scilla +bagnara +meliado +crolli +frane +fango +esercito +prociv +') AS match1, MATCH(news.titolo) AGAINST ('+reggiocalabria +maltempo +danni +scilla +bagnara +meliado +crolli +frane +fango +esercito +prociv +') AS match2, news_categorie.categoria AS categoria_descr FROM news, news_categorie WHERE news.id_categoria = news_categorie.id AND ( MATCH(news.keywords) AGAINST ('+reggiocalabria +maltempo +danni +scilla +bagnara +meliado +crolli +frane +fango +esercito +prociv +') OR MATCH(news.titolo) AGAINST ('+reggiocalabria +maltempo +danni +scilla +bagnara +meliado +crolli +frane +fango +esercito +prociv +') ) AND news.status = 1 AND news.id != '53395' ORDER BY news.data DESC LIMIT 5
The used table type doesn't support FULLTEXT indexes