Irreperibile da 3 anni, il boss Mancuso era a Nicotera per sfuggire alla sorveglianza: è il leader della
CRONACA

in passato ha già scontato 19 anni di carcere duro

Irreperibile da 3 anni, il boss Mancuso era a Nicotera per sfuggire alla sorveglianza: è il leader della "generazione degli 11"

LIMBADI (VIBO VALENTIA) - Si era reso irreperibile da circa 3 anni, ma come ogni boss che si rispetti stava trascorrendo la latitanza nel suo territorio, dove ci sente più forti pur avendo sempre il fiato della giustizia sul collo. E infatti si trovava tranquillamente fuori dalla "tana" Luigi Mancuso quando è scattato il blitz dei carabinieri, individuato dopo mesi di serrati pedinamenti e fermato a Nicotera mentre era a bordo di un’auto insieme ad un altro pregiudicato, a sua volta denunciato per favoreggiamento della latitanza.
È un gran colpo quello messo assegno nel tardo pomeriggio di ieri dalle forze congiunte dei carabinieri del ROS del Comando Provinciale di Vibo Valentia, della Compagnia di Tropea e della Stazione di Limbadi, ponendo fine all’irreperibilità di Luigi Mancuso, 63 anni, uno dei più anziani boss rimasti all’interno dell’omonimo storico clan, egemone non soltanto nel Vibonese, ma rinomato in tutta Europa per la sua affidabilità criminale e per lo spessore dei suoi elementi, considerati tra i più potenti e sanguinari della ‘ndrangheta.

Luigi è il più piccolo della cosiddetta “generazione degli 11”, vale a dire degli undici fra fratelli e sorelle nati dal capostipite Giuseppe Mancuso (cl. 1901), la formazione dei Mancuso che negli anni ha ereditato il bastone del comando dai defunti boss Giuseppe e Ciccio, ritenuti fra i principali capi dell’intera criminalità organizzata calabrese. Ecco perché il latitante oggi arrestato è considerato una delle principali figure di ‘ndrangheta.

Luigi Mancuso, si era reso irreperibile dall’ottobre del 2014 pur non essendo stato effettivamente emesso nei suoi confronti alcun provvedimento giudiziario. Eppure, in via preventiva, il boss si era già allontanato da casa 3 anni fa per evitare di essere rintracciato e controllato dalle forze dell’ordine. Su di lui, infatti, pendeva un decreto di sorveglianza speciale costante, essendo stato scarcerato nel 2012 dopo ben 19 anni di ininterrotta detenzione. La decisione era arrivata dalla Corte d’Assise d’Appello di Messina, chiamata a rideterminare la pena comminata per Luigi Mancuso dopo l’annullamento con rinvio della Cassazione che aveva trasferito la competenza dal tribunale di Reggio Calabria a quello di Messina. Sul boss pendevano diverse condanne: da quella del processo “Tirreno” (imbastito dalla Procura antimafia di Reggio) a quello denominato “Count down” (curato dalla Dda di Milano) per associazione mafiosa e traffico di stupefacenti.

Luigi Mancuso è stato in carcere ininterrottamente dal 3 giugno 1993 al 21 luglio 2012, in regime di carcere duro. Fu proprio nell’estate di 5 anni fa che il boss fece ritorno nella sua Limbadi, non appena uscito dal carcere di Napoli - Secondigliano. Dal 2014 in poi, però, del boss nessuna notizia, pur avendo l’obbligo di non far perdere le sue tracce. E poter quindi essere rintracciato dalla Giustizia in qualunque momento. Luigi, infatti - pur essendo il fratello più piccolo del clan fondato dal patriarca Ciccio Mancuso deceduto negli anni ‘90 – è da sempre ritenuto il vero leader del “casato” di famiglia.
Il boss in precedenza era uscito indenne sia dall’operazione “Dinasty”, sia da altri processi per gli omicidi dei fratelli Evolo di Paravati, per i quali era stato accusato dai collaboratori di giustizia. Nel processo “Tirreno”, invece, Luigi Mancuso era stato assolto in Appello per l’omicidio di Vincenzo Chindamo ed il ferimento del fratello Antonio, esponenti della locale di ‘ndrangheta di Laureana di Borrello. Un’altra assoluzione ottenuta nel corso del procedimento penale ha evitato a Mancuso l’aggiunta a suoi carico del duplice omicidio dei fratelli Antonio e Michele Versace ed il ferimento di Biagio Rao, avvenuti a Polistena nel 1991. Nonostante le tante assoluzioni, Luigi Mancuso viene considerato uno dei più feroci e sanguinari boss della ‘ndrangheta, ma soprannominato “u Signurinu” per la ricercatezza nel vestire, sin dalla giovane età.
13-08-2017 11:34

NOTIZIE CORRELATE


17-10-2017 - CRONACA

Processo "Saggio Compagno", inflitti quasi 300 anni di reclusione alle cosche della Piana di Gioia Tauro

34 condanne e 8 assoluzioni, 20 anni per il boss Giuseppe Ladini
16-10-2017 - CRONACA

Focus 'ndrangheta: blitz agli imbarchi di Villa San Giovanni, sequestrati 1250 kg di prodotti ittici

Posti di blocco presso gli imbarchi/sbarchi dei traghetti da Villa San Giovanni
16-10-2017 - CRONACA

Carabinieri arrestano 3 rumeni scassinatori di bancomat Poste italiane

diversi gli episodi contestati
14-10-2017 - CRONACA

Controlli della Polizia a Cinquefrondi, arrestato 26enne

L'uomo è stato ristretto presso la casa circondariale di Reggio Calabria
14-10-2017 - CRONACA

Carabinieri sventano suicidio: salvato giovane catanzarese in bilico sul ponte di Catanzaro

un 30enne voleva buttarsi giù dal viadotto Bisantis

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Reggio, perdita nella condotta dell'acquedotto Calopinace: possibili disservizi idrici in centro città

Reggio Calabria. I tecnici della Sorical hanno riscontrato una perdita della condotta in acciaio DN 300 dell’Acquedotto Colapinace, precisamente in ...
CRONACA

Reggio, arma nascosta tra posate e bicchieri: arrestato marito della titolare di un noto ristorante

REGGIO CALABRIA. I finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, durante l’esecuzione di una perquisizione delegata dalla locale A.G, hanno ...
CRONACA

Reggio, DASPO urbani nei confronti di tre prostitute

Reggio Calabria. “Tolleranza zero e lotta al degrado urbano. I presidi di legalità rappresentati dal personale della Polizia di Stato in servizio di controllo del territorio sono lo strumento attraverso il quale procedere alla ...
CRONACA

Ritenuto responsabile di lesioni ai danni di extracomunitari della tendopoli di San Ferdinando: 25enne ai domiciliari

Nella mattina del 15 ottobre 2017, a Rosarno (RC), su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale ...
ATTUALITA'

Reggio, Mary Caracciolo: "il Palloncino chiuso da mesi, a farne le spese sono gli atleti"

Riceviamo e pubblichiamo: Appaiono davvero risibili gli interventi dell’Amministrazione comunale in tema di sport e impianti sportivi. Emblematico è il trattamento di ...
POLITICA

Nuovi Ospedali Calabresi, Oliverio: "Calabresi danneggiati da anni di ritardi"

CATANZARO. Immediata la risposta del Presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, alla lettera del Sottosegretario allo Sviluppo Economico, Antonio Gentile, in merito alle domande e alle ...
ATTUALITA'

Dopo la vile aggressione di un docente, il Liceo Rechichi fa quadrato con le istituzioni

Cinquefrondi. Commozione e partecipazione per "Ripartiamo dalla musica. Uniti per la cultura, insieme per la legalità", la manifestazione che il Liceo Statale ...
ATTUALITA'

Reggio, disservizi idrici all'Istituto scolastico Frangipane: programmato nuovo intervento risolutivo

L'Ufficio Stampa del Comune di Reggio Calabria comunica che in merito ai disservizi idrici riscontrati presso l’Istituto scolastico Frangipane, ...
ECONOMIA

Porto di Gioia Tauro, dagli ultimi dati trimestrali si evidenzia un calo preoccupante dei volumi

GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA). A seguito della richiesta del SUL, la MCT ha consegnato i dati trimestrali, si evidenzia un calo di volumi preoccupante che mina la ...
POLITICA

Il PCI presenta il documento programmatico anche in Calabria: "noi alternativi al PD"

REGGIO CALABRIA. Come è noto il PCI nazionale ha, da pochi mesi, approvato il Documento Programmatico intitolato, in maniera estremamente significativa "più Stato meno ...
ATTUALITA'

Regione, il consigliere Magno: 'necessaria un'altra corsa di Frecciargento che colleghi la Calabria a Roma'

Reggio Calabria. E’ quanto chiede il consigliere regionale Mario Magno in un ordine del giorno presentato a Palazzo Campanella con il quale ...
ATTUALITA'

Reggio, Castorina e Marra: "120 mila euro per la bonifica di piazza Modenelle ad Arghillà"

Reggio Calabria. Sui lavori di bonifica ad Arghillà per piazza Modenelle, il Capogruppo del Pd Antonino Castorina e il Consigliere Comunale Enzo Marra, referente ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RASSEGNA STAMPA
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
SU IL SIPARIO!
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 20

E' tutto cinema

Ore 21.15

Chisti Simu
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • L’Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
  • Questione migranti, nota all’amministrazione Falcomata’
  • Il Comune non risarcisce i danni e promuove appello anche alla sentenza di primo grado
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
viola
idomotica
differenziamola
arte