Irreperibile da 3 anni, il boss Mancuso era a Nicotera per sfuggire alla sorveglianza: è il leader della
CRONACA

in passato ha già scontato 19 anni di carcere duro

Irreperibile da 3 anni, il boss Mancuso era a Nicotera per sfuggire alla sorveglianza: è il leader della "generazione degli 11"

LIMBADI (VIBO VALENTIA) - Si era reso irreperibile da circa 3 anni, ma come ogni boss che si rispetti stava trascorrendo la latitanza nel suo territorio, dove ci sente più forti pur avendo sempre il fiato della giustizia sul collo. E infatti si trovava tranquillamente fuori dalla "tana" Luigi Mancuso quando è scattato il blitz dei carabinieri, individuato dopo mesi di serrati pedinamenti e fermato a Nicotera mentre era a bordo di un’auto insieme ad un altro pregiudicato, a sua volta denunciato per favoreggiamento della latitanza.
È un gran colpo quello messo assegno nel tardo pomeriggio di ieri dalle forze congiunte dei carabinieri del ROS del Comando Provinciale di Vibo Valentia, della Compagnia di Tropea e della Stazione di Limbadi, ponendo fine all’irreperibilità di Luigi Mancuso, 63 anni, uno dei più anziani boss rimasti all’interno dell’omonimo storico clan, egemone non soltanto nel Vibonese, ma rinomato in tutta Europa per la sua affidabilità criminale e per lo spessore dei suoi elementi, considerati tra i più potenti e sanguinari della ‘ndrangheta.

Luigi è il più piccolo della cosiddetta “generazione degli 11”, vale a dire degli undici fra fratelli e sorelle nati dal capostipite Giuseppe Mancuso (cl. 1901), la formazione dei Mancuso che negli anni ha ereditato il bastone del comando dai defunti boss Giuseppe e Ciccio, ritenuti fra i principali capi dell’intera criminalità organizzata calabrese. Ecco perché il latitante oggi arrestato è considerato una delle principali figure di ‘ndrangheta.

Luigi Mancuso, si era reso irreperibile dall’ottobre del 2014 pur non essendo stato effettivamente emesso nei suoi confronti alcun provvedimento giudiziario. Eppure, in via preventiva, il boss si era già allontanato da casa 3 anni fa per evitare di essere rintracciato e controllato dalle forze dell’ordine. Su di lui, infatti, pendeva un decreto di sorveglianza speciale costante, essendo stato scarcerato nel 2012 dopo ben 19 anni di ininterrotta detenzione. La decisione era arrivata dalla Corte d’Assise d’Appello di Messina, chiamata a rideterminare la pena comminata per Luigi Mancuso dopo l’annullamento con rinvio della Cassazione che aveva trasferito la competenza dal tribunale di Reggio Calabria a quello di Messina. Sul boss pendevano diverse condanne: da quella del processo “Tirreno” (imbastito dalla Procura antimafia di Reggio) a quello denominato “Count down” (curato dalla Dda di Milano) per associazione mafiosa e traffico di stupefacenti.

Luigi Mancuso è stato in carcere ininterrottamente dal 3 giugno 1993 al 21 luglio 2012, in regime di carcere duro. Fu proprio nell’estate di 5 anni fa che il boss fece ritorno nella sua Limbadi, non appena uscito dal carcere di Napoli - Secondigliano. Dal 2014 in poi, però, del boss nessuna notizia, pur avendo l’obbligo di non far perdere le sue tracce. E poter quindi essere rintracciato dalla Giustizia in qualunque momento. Luigi, infatti - pur essendo il fratello più piccolo del clan fondato dal patriarca Ciccio Mancuso deceduto negli anni ‘90 – è da sempre ritenuto il vero leader del “casato” di famiglia.
Il boss in precedenza era uscito indenne sia dall’operazione “Dinasty”, sia da altri processi per gli omicidi dei fratelli Evolo di Paravati, per i quali era stato accusato dai collaboratori di giustizia. Nel processo “Tirreno”, invece, Luigi Mancuso era stato assolto in Appello per l’omicidio di Vincenzo Chindamo ed il ferimento del fratello Antonio, esponenti della locale di ‘ndrangheta di Laureana di Borrello. Un’altra assoluzione ottenuta nel corso del procedimento penale ha evitato a Mancuso l’aggiunta a suoi carico del duplice omicidio dei fratelli Antonio e Michele Versace ed il ferimento di Biagio Rao, avvenuti a Polistena nel 1991. Nonostante le tante assoluzioni, Luigi Mancuso viene considerato uno dei più feroci e sanguinari boss della ‘ndrangheta, ma soprannominato “u Signurinu” per la ricercatezza nel vestire, sin dalla giovane età.
13-08-2017 11:34

NOTIZIE CORRELATE


13-12-2017 - CRONACA

Reggio, arrestato 35enne per furto di autovettura dopo un inseguimento con i Carabinieri FOTO

Il veicolo era stato rubato poco prima a Condera, forzato con il metodo dello 'spadino'
13-12-2017 - CRONACA

'Ndrangheta: a Buccinasco affissi nella notte poster con boss Papalia in versione drag queen

I poster fanno parte di una campagna di crowdfunding promossa da Klaus Davi e Alberto Micelotta
12-12-2017 - CRONACA

'Ndrangheta, Operazione Terramara-Closed: il plauso del Prefetto Michele Di Bari

"Esprimo tutto il mio compiacimento alle Forze di Polizia ed alla Magistratura"
12-12-2017 - CRONACA

'Ndrangheta. Pietro Labate querela Klaus Davi

Il massmediologo: "troppe intimidazioni, sono psicologicamente provato"
12-12-2017 - CRONACA

'Ndrangheta: Operazione Terramara-Closed NOMI/DETTAGLI/INTERCETTAZIONI

Operazione condotta dalle prime ore di questa mattina

ULTIME NEWS

CRONACA

La morte del Capitano De Grazia: "Si indaghi per omicidio" VIDEO

REGGIO CALABRIA. 22 anni fa, il 12 dicembre del 1995, moriva all’età ...
CRONACA

Melito Porto Salvo: estorsione aggravata da minacce di morte, due arresti e due denunce

I Finanzieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, a seguito di un’articolata attività investigativa, hanno arrestato in flagranza di reato due soggetti e denunciato ...
CRONACA

Bianco, arrestato latitante: era evaso durante un permesso premio FOTO

I Carabinieri della Compagnia di Bianco e della Stazione di Palizzi ...
ATTUALITA'

Reggio, consegnati i lavori per il campo di Ciccarello FOTO

Reggio Calabria. «Chiunque abbia giocato a calcio in questa città ha calcato ...
ATTUALITA'

Reggio, operazioni di potatura del verde pubblico tra il 14 e il 23 dicembre: limitazioni al traffico

Reggio Calabria. Per lavori di potatura al verde pubblico comunale si dispone il divieto di sosta con zona rimozione ambo i lati e l’interdizione del ...
ATTUALITA'

Reggio, Istituto Comprensivo San Sperato Cardeto: parte il progetto 'Amico bullo non ti bollo'

Una scuola al passo con i tempi intenta a promuovere le competenze di cittadinanza attiva e democratica di ogni singolo studente ma anche a sviluppare i comportamenti ...
CRONACA

'Ndrangheta. Le mani dei clan su Taurianova: 48 arresti. C'è anche l'ex Sindaco Romeo FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. ...
ATTUALITA'

Costituito in Calabria il coordinamento regionale contro il gioco d'azzardo patologico

Nell’ambito della campagna nazionale contro i rischi del gioco d´azzardo “mettiamoci in gioco” si è costituito il coordinamento regionale sul GAP (Gioco ...
ATTUALITA'

Reggio, CasaPound rinnova il suo impegno a donare un sorriso anche ai bambini meno fortunati

Reggio Calabria. “Sabato 16 e domenica 17 dicembre torna presso il negozio Mega Toys, sito in Viale Calabria, per il secondo anno consecutivo la raccolta giocattoli ...
ATTUALITA'

"Casa a 1 euro": progetto rivoluzionario a Cinquefrondi

L'Amministrazione Comunale dall'inizio del mandato ha avuto l’obiettivo di recuperare e valorizzare il centro storico di Cinquefrondi. Vari sono stati gli interventi già eseguiti ed a questi si aggiunge il rifacimento totale di ...
ATTUALITA'

Operazione Terramara-Closed: l'Amministrazione comunale di Taurianova ringrazia le Forze dell'Ordine

Taurianova. L’Amministrazione comunale di Taurianova esprime grande apprezzamento per la maxi operazione interforze “Terramara – ...
CRONACA

Regione. Viscomi: 'Assunti in Giunta importanti provvedimenti riguardanti il personale regionale'

CATANZARO. Nell’ultima seduta di Giunta, su proposta del Vicepresidente Antonio Viscomi, sono stati approvati due importanti provvedimenti relativi al ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SUMMER BOX
RASSEGNA STAMPA
EUREKA
Quiz Show
PIANETA DILETTANTI
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

15.30

Civitas 0965797635

21.15 Viola A2.0

22.15 Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • L’Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
  • Questione migranti, nota all’amministrazione Falcomata’
  • Il Comune non risarcisce i danni e promuove appello anche alla sentenza di primo grado
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
differenziamola
arte
idomotica
Natale Corso Sud 2017