Saline Joniche, ancora un vasto incendio nell'area portuale (FOTO)
CRONACA

A segnalarlo il Responsabile del Comitato spontaneo 'Torrente Oliveto' e Referente unico dell'ANCADIC

Saline Joniche, ancora un vasto incendio nell'area portuale (FOTO)

REGGIO CALABRIA – Riceviamo e pubblichiamo - Non sono bastati i danni provocati all’ambiente, quindi potenzialmente anche alla salute dell’uomo, dall’incendio del 25 luglio u.s. che si è sviluppato nella vasta area della liquichimica di Saline J, si è sentito il bisogno di aggiungerne altri. L’ennesimo incendio si è registrato lo scorso martedì 1 agosto nella vasta area lato monte della banchina di levante del Porto di Saline e ha interessato anche la scarpata ferroviaria.
Le fiamme hanno bruciato tutto ciò che era presente sul suolo, tubazioni di polietilene, alcuni pali di legno che sostenevano cavi della telecom, traverse ferroviarie, in poche parole hanno fatto “piazza pulita”.
Visto che nella mattinata dello scorso 2 agosto il fuoco ancora bruciava i pali di legno a sostegno dei cavi telecom, le vecchie traverse ferroviarie, ricordiamo che queste sono state impregnate con olio di catrame che contiene sostanze cancerogene (olio di creosoto) ed in considerazione che i miasmi rendevano l’aria irrespirabile, intorno alle ore 7,00 ho richiesto telefonicamente l’intervento dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Reggio Calabria.
C’è da sottolineare che l’area portuale e l’attigua vasta area della liquichimica sono in stato di forte degrado, tenuto conto che sulla strada che conduce al Porto di Saline, in entrambi i lati ricade della vegetazione arbustiva e arborea che reca pregiudizio alla circolazione stradale, soprattutto di notte, tra la vegetazione, salendo sulla destra a circa 100 metri dal viadotto della Ss 1016, insiste un deposito incontrollato di pneumatici di mezzi anche pesanti fuori uso, che in prossimità del viadotto della Ss 106 , esattamente ove insiste il vecchio semaforo stradale è ubicata una cabina ENEL -20.000 volt- ricoperta in gran parte dalla vegetazione che in caso di incendio potrebbe subire e recare gravi danni, ho provveduto a richiedere l’intervento delle articolazioni comunali acchè provvedessero al decespugliamento laterale lungo la strada anche per evitare altri possibili incendi.
Vincenzo CREA - Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto” e Referente unico dell’ANCADIC
16-08-2017 14:07

NOTIZIE CORRELATE


13-06-2017 - ATTUALITA'

Saline Joniche, a Palazzo Campanella istituito il tavolo tecnico-politico sul futuro dell'area

Irto: "Abbiamo il compito di individuare assieme qual è il progetto per Saline Joniche che deve essere sostenibile e concretamente realizzato"
27-01-2017 - AMBIENTE

Centrale Saline Joniche, la Sei chiede di interrompere il processo di risarcimento a carico degli attivisti No carbone

La nota del coordinamento dell'Area Grecanica NO Carbone
10-10-2016 - ATTUALITA'

Centrale a carbone, le associazioni dell'Area grecanica chiedono impegni precisi sull'abbandono del progetto

A preoccupare anche la riforma costituzionale che esautorerebbe la Regione in materia d'energia accentrando ogni competenza in capo allo Stato
07-10-2016 - CRONACA

Greenpeace in azione a Saline Joniche: climber scalano la ciminiera dell'ex Liquichimica e scrivono "Stop Carbone" FOTO/VIDEO

Due squadre di climber hanno scalato la ciminiera dell'impianto tracciando la scritta “STOP CARBONE”, lunga circa 70 metri

ULTIME NEWS

CRONACA

Omicidio Vinci, volevano che i vicini cedessero loro il terreno: al rifiuto, la risposta fu l'autobomba DETTAGLI/FOTO

Limbadi (Vibo Valentia). Un'azione messa in atto per fare cedere la famiglia Vinci-Scarpulla alle loro richieste estorsive: è questo, secondo la Dda di Catanzaro, il movente dell'attentato, messo in atto con una bomba collocata sotto la loro automobile ed azionata con un radiocomando a distanza, in cui il 9 aprile scorso a Limbadi fu ucciso Matteo Vinci, di 42 anni, e gravemente ferito il padre Francesco, di 70. Le motivazioni dell'attentato vengono indicate nel provvedimento col quale la Dda di Catanzaro ha disposto il fermo delle sei persone, appartenenti alla famiglia Mancuso-Di Grillo, eseguito dai carabinieri di Vibo Valentia e del Ros, nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Matteo Vinci ed il ferimento del padre: Domenico Di Grillo, di 71 anni, e la moglie, Rosaria Mancuso, di 63; le figlie Rosina e Lucia Di Grillo, di 37 e 29 anni; Vito Barbara, di 28, marito di Lucia Di Grillo, e Salvatore Mancuso, di 46, fratello di Rosaria Mancuso. Oggetto delle richieste estorsive rivolte dai Mancuso-Di Grillo alla famiglia Vinci sarebbe stata la cessione di un terreno limitrofo ad alcuni fondi di loro proprietà. La resistenza da parte della famiglia Vinci nel non volere cedere il terreno, prolungatasi per anni ed accompagnata da varie minacce ed intimidazioni, sarebbe stata la causa scatenante della reazione da parte della famiglia Mancuso-Di Grillo, con la messa in atto dell'attentato compiuto la sera del 9 aprile. I fermi sono scaturiti dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia e del ROS. Gli indagati, oltre all’azione omicidiaria del 9 aprile, devono rispondere anche del tentativo di omicidio perpetrato ai danni di Francesco Vinci il 30 ottobre 2017 a Limbadi, in cui lo stesso era stato vittima, sotto la minaccia di una pistola, di una feroce aggressione con un forcone e un’ascia. Le indagini, svelando gli interessi criminali dei fermati, hanno consentito agli inquirenti di appurare che i tutti i violenti fatti criminali perpetrati rientravano in un feroce piano estorsivo dei MANCUSO ai danni dei VINCI, in atto dal 2014, finalizzato all’acquisizione della vasta proprietà terriera dei VINCI, confinante con quella dei MANCUSO, determinati all’acquisizione ad ogni costo della proprietà tanto da ricorrere per il raggiungimento dello scopo a qualsiasi mezzo tra cui l’eliminazione fisica di tutti coloro che avessero intralciato il loro disegno criminale. Nel complesso le attività svolte hanno consentito, durante la fase investigativa, di procedere all’arresto per detenzione di armi e munizioni di due degli odierni fermati, Domenico DI GRILLO nell’immediatezza dell’attentato omicidiario del 9 aprile scorso, trovato in possesso di un fucile da caccia con 40 proiettili acclusi, e Rosaria MANCUSO con una pistola ed un fucile automatico con oltre 200 proiettili di vario calibro, armi nella effettiva ...
CRONACA

Omicidio Vinci, quando Salvatore Mancuso disse a Klaus Davi: "la 'ndrangheta non morirà mai" VIDEO

Limbadi (Vibo ...
ATTUALITA'

'Ndrangheta. Autobomba di Limbadi, arrestati i vicini di casa di Matteo Vinci NOMI/FOTO/VIDEO

Limbadi (Vibo Valentia). ...
CRONACA

'Ndrangheta, omicidio Vinci: i Carabinieri eseguono 6 fermi contro esponenti cosca Mancuso VIDEO

Limbadi (Vibo ...
CRONACA

Intimidazione a Grotteria. Croci in portone d'ingresso abitazione noto avvocato penalista

Grotteria (Reggio Calabria). Persone non identificate, a Grotteria, nella Locride, hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso ...
ATTUALITA'

Oggi sul tema delle dipendenze grava un deficit di considerazione istituzionale

di Guido Leone*. Vi drogate?Siete alcolisti o vittime del gioco o di internet? Magari siete anche giovani o giovanissimi? Problemi vostri, anzi affari vostri, ché nemmeno più le ...
CRONACA

Cadavere in decomposizione trovato sul greto di un fiume

San Pietro in Guarano (Cosenza). Un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato trovato sul greto del fiume Crati nel territorio di San Pietro in Guarano. Le condizioni del corpo, ormai in putrefazione, non hanno consentito al ...
ATTUALITA'

Trame.8. Tizian: "politica sostenga progetto del tribunale dei minori di Reggio"

Lamezia Terme (Catanzaro). Dalla riflessione sul terzo scioglimento del consiglio comunale lametino alle ramificazioni della ‘ndrangheta in Emilia scovate grazie alle inchieste di un gruppo ...
ATTUALITA'

Sanità in Calabria, l'ANISAP: "i tagli di Scura rischiano di affossare gli ambulatori, intervenga la magistratura"

Reggio Calabria. "Aggiotaggio? Ci vuole una commissione di inchiesta. Scura con le sue decisioni ha abbassato drasticamente ...
POLITICA

Accoglienza, l'europarlamentare Ferrara in visita a Riace: "un modello da replicare altrove"

Riace (Reggio Calabria). Nella giornata di ieri, l’eurodeputata del MoVimento 5 stelle, Laura Ferrara ha incontrato il sindaco di Riace, Mimmo Lucano. Una visita nel ...
CRONACA

Imbrattato con delle croci il portone dello studio di un avvocato

Reggio Calabria. Ignoti hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso dello studio legale dell'avvocato penalista e civilista, Domenico Lupis. A denunciare l'atto ...
CRONACA

Il bilancio della Guardia di Finanza, in 17 mesi scoperti ben 247 evasori

Catanzaro. La scoperta di 247 evasori totali, con una base imponibile complessiva di oltre 1,1 miliardi di euro; l'arresto di 45 persone accusate di corruzione, concussione e peculato, con la denuncia di oltre ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

VIOLA REGGIO CALABRIA
ASPETTANDO IL TG
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
EUREKA
Quiz Show
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 22.30

Suonava l'anno
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
  • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
  • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
  • incivili analfabeti
  • Reggio Calabria impegnata per europa e il lavoro
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress
viola