'Ndrangheta. Confisca di beni per 350 mila euro a boss
CRONACA

Eseguita dalla Guardia di Finanza nel crotonese

'Ndrangheta. Confisca di beni per 350 mila euro a boss

CROTONE. A seguito di complesse indagini patrimoniali - coordinate dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Dott. Nicola Gratteri, dal Procuratore Aggiunto presso la D.D.A., Dott. Vincenzo Luberto e dal Sostituto Procuratore della D.D.A. di Catanzaro, Dott. Domenico Guarascio - la Guardia di Finanza di Crotone ha sottoposto a confisca un patrimonio di circa 350.000 euro, nei confronti di CERAUDO Paola, moglie di COMBERIATI Vincenzo ritenuto a capo della cosca di ‘ndrangheta di Petilia Policastro.
L’attività è stata posta in essere ai sensi della normativa di prevenzione antimafia italiana, di cui al D. Lgs. 159/2011, riconosciuta come la più avanzata al mondo per contrastare le mafie nella loro opera di accumulazione illecita di ricchezze. Le misure di prevenzione si applicano nei confronti di quei soggetti che, sulla base di elementi di fatto, si ritiene siano abitualmente dediti a traffici delittuosi, ovvero, che per la loro condotta ed il loro tenore di vita, debbano ritenersi che vivano abitualmente, anche in parte, con in proventi di attività delittuosa.
In data odierna, le Fiamme Gialle di Crotone hanno dato esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale, emessa dalla Corte di Appello di Catanzaro - Sezione Misure di Prevenzione - su ricorso in appello presentato della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, nella persona del Sost. Proc. della Repubblica Dott. Domenico GUARASCIO, avverso il decreto emesso dal Tribunale di Crotone - Sezione misure di prevenzione - nell’ottobre 2015, di rigetto della proposta di applicazione della misura di prevenzione patrimoniale nei confronti del COMBERIATI.
A tale importante risultato le Fiamme Gialle sono pervenute ponendo in essere lunghe, complesse, articolate e precise indagini di polizia giudiziaria ed economico finanziaria mediante pedinamenti, osservazioni, accertamenti bancari e l’incrocio delle informazioni acquisite con i dati rilevati dalle banche dati in uso al Corpo della Guardia di Finanza. Tutto il procedimento, espressione della specialità della Guardia di Finanza in questo campo, è stato costantemente seguito e supportato dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catanzaro.
Nello specifico, l’esecuzione del provvedimento, da parte dei Finanzieri calabresi, ha portato alla confisca, di una lussuosa villa e 17 terreni ubicati in Petilia Policastro e Mesoraca. Prosegue quindi incessante l’attività dei Finanzieri Crotonesi e della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro a contrasto della criminalità organizzata di matrice ‘ndranghetista che si arricchisce a scapito della Calabria e dei calabresi.
13-09-2017 08:06

NOTIZIE CORRELATE


24-06-2018 - CRONACA

Il bilancio della Guardia di Finanza, in 17 mesi scoperti ben 247 evasori

Accertata una base imponibile di oltre 1,1 miliardi di euro
22-06-2018 - CRONACA

Falsi disabili tra i dipendenti per ottenere finanziamenti europei, scoperta truffa milionaria in Calabria

Coinvolti vertici di call center e dirigenti regionali
19-06-2018 - CRONACA

La Guardia di Finanza salva 45 persone al largo della costa ionica calabrese

Dal Reparto Operativo Aeronavale
14-06-2018 - CRONACA

Maglie "taroccate" dei Mondiali di Calcio, maxi sequestro in tutta Italia

Operazione della Guardia di Finanza di Torino
13-06-2018 - CRONACA

Reggio, la Guardia Costiera soccorre bagnanti in difficoltà

Tratte in salvo cinque persone

ULTIME NEWS

CRONACA

Omicidio Vinci, volevano che i vicini cedessero loro il terreno: al rifiuto, la risposta fu l'autobomba DETTAGLI/FOTO

Limbadi (Vibo Valentia). Un'azione messa in atto per fare cedere la famiglia Vinci-Scarpulla alle loro richieste estorsive: è questo, secondo la Dda di Catanzaro, il movente dell'attentato, messo in atto con una bomba collocata sotto la loro automobile ed azionata con un radiocomando a distanza, in cui il 9 aprile scorso a Limbadi fu ucciso Matteo Vinci, di 42 anni, e gravemente ferito il padre Francesco, di 70. Le motivazioni dell'attentato vengono indicate nel provvedimento col quale la Dda di Catanzaro ha disposto il fermo delle sei persone, appartenenti alla famiglia Mancuso-Di Grillo, eseguito dai carabinieri di Vibo Valentia e del Ros, nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Matteo Vinci ed il ferimento del padre: Domenico Di Grillo, di 71 anni, e la moglie, Rosaria Mancuso, di 63; le figlie Rosina e Lucia Di Grillo, di 37 e 29 anni; Vito Barbara, di 28, marito di Lucia Di Grillo, e Salvatore Mancuso, di 46, fratello di Rosaria Mancuso. Oggetto delle richieste estorsive rivolte dai Mancuso-Di Grillo alla famiglia Vinci sarebbe stata la cessione di un terreno limitrofo ad alcuni fondi di loro proprietà. La resistenza da parte della famiglia Vinci nel non volere cedere il terreno, prolungatasi per anni ed accompagnata da varie minacce ed intimidazioni, sarebbe stata la causa scatenante della reazione da parte della famiglia Mancuso-Di Grillo, con la messa in atto dell'attentato compiuto la sera del 9 aprile. I fermi sono scaturiti dalle indagini dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia e del ROS. Gli indagati, oltre all’azione omicidiaria del 9 aprile, devono rispondere anche del tentativo di omicidio perpetrato ai danni di Francesco Vinci il 30 ottobre 2017 a Limbadi, in cui lo stesso era stato vittima, sotto la minaccia di una pistola, di una feroce aggressione con un forcone e un’ascia. Le indagini, svelando gli interessi criminali dei fermati, hanno consentito agli inquirenti di appurare che i tutti i violenti fatti criminali perpetrati rientravano in un feroce piano estorsivo dei MANCUSO ai danni dei VINCI, in atto dal 2014, finalizzato all’acquisizione della vasta proprietà terriera dei VINCI, confinante con quella dei MANCUSO, determinati all’acquisizione ad ogni costo della proprietà tanto da ricorrere per il raggiungimento dello scopo a qualsiasi mezzo tra cui l’eliminazione fisica di tutti coloro che avessero intralciato il loro disegno criminale. Nel complesso le attività svolte hanno consentito, durante la fase investigativa, di procedere all’arresto per detenzione di armi e munizioni di due degli odierni fermati, Domenico DI GRILLO nell’immediatezza dell’attentato omicidiario del 9 aprile scorso, trovato in possesso di un fucile da caccia con 40 proiettili acclusi, e Rosaria MANCUSO con una pistola ed un fucile automatico con oltre 200 proiettili di vario calibro, armi nella effettiva ...
CRONACA

Omicidio Vinci, quando Salvatore Mancuso disse a Klaus Davi: "la 'ndrangheta non morirà mai" VIDEO

Limbadi (Vibo ...
ATTUALITA'

'Ndrangheta. Autobomba di Limbadi, arrestati i vicini di casa di Matteo Vinci NOMI/FOTO/VIDEO

Limbadi (Vibo Valentia). ...
CRONACA

'Ndrangheta, omicidio Vinci: i Carabinieri eseguono 6 fermi contro esponenti cosca Mancuso VIDEO

Limbadi (Vibo ...
CRONACA

Intimidazione a Grotteria. Croci in portone d'ingresso abitazione noto avvocato penalista

Grotteria (Reggio Calabria). Persone non identificate, a Grotteria, nella Locride, hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso ...
ATTUALITA'

Oggi sul tema delle dipendenze grava un deficit di considerazione istituzionale

di Guido Leone*. Vi drogate?Siete alcolisti o vittime del gioco o di internet? Magari siete anche giovani o giovanissimi? Problemi vostri, anzi affari vostri, ché nemmeno più le ...
CRONACA

Cadavere in decomposizione trovato sul greto di un fiume

San Pietro in Guarano (Cosenza). Un cadavere in avanzato stato di decomposizione è stato trovato sul greto del fiume Crati nel territorio di San Pietro in Guarano. Le condizioni del corpo, ormai in putrefazione, non hanno consentito al ...
ATTUALITA'

Trame.8. Tizian: "politica sostenga progetto del tribunale dei minori di Reggio"

Lamezia Terme (Catanzaro). Dalla riflessione sul terzo scioglimento del consiglio comunale lametino alle ramificazioni della ‘ndrangheta in Emilia scovate grazie alle inchieste di un gruppo ...
ATTUALITA'

Sanità in Calabria, l'ANISAP: "i tagli di Scura rischiano di affossare gli ambulatori, intervenga la magistratura"

Reggio Calabria. "Aggiotaggio? Ci vuole una commissione di inchiesta. Scura con le sue decisioni ha abbassato drasticamente ...
POLITICA

Accoglienza, l'europarlamentare Ferrara in visita a Riace: "un modello da replicare altrove"

Riace (Reggio Calabria). Nella giornata di ieri, l’eurodeputata del MoVimento 5 stelle, Laura Ferrara ha incontrato il sindaco di Riace, Mimmo Lucano. Una visita nel ...
CRONACA

Imbrattato con delle croci il portone dello studio di un avvocato

Reggio Calabria. Ignoti hanno tracciato, usando una bomboletta spray di colore nero, due croci sul portone d'ingresso dello studio legale dell'avvocato penalista e civilista, Domenico Lupis. A denunciare l'atto ...
CRONACA

Distrutto dalle fiamme escavatore di un'azienda

Catanzaro. Un incendio, sulle cui cause sono ancora in corso accertamenti, ha danneggiato nella notte un escavatore parcheggiato all'interno del piazzale dell'azienda Gts a Catanzaro. Le fiamme hanno avvolto completamente la cabina di guida del mezzo ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
EUREKA
Quiz Show
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 22.30

Suonava l'anno
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
  • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
  • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
  • incivili analfabeti
  • Reggio Calabria impegnata per europa e il lavoro
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
viola
idomotica
Italpress
Basta vittime 106