Operazione
CRONACA

Confermati i rapporti storici tra le consorterie criminali reggina e pugliese

Operazione "Lampo" del Ros: quando Bellocco diede i gradi di padrino al capo locale di Massafra VIDEO

I Carabinieri del R.O.S., supportati da quelli dei Comandi Provinciali di Taranto, Bari e Pavia, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere e di sequestro preventivo di beni, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di tredici persone, ritenute responsabili di appartenere, a vario titolo, ad un'associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, danneggiamento e rapina con l'aggravante del metodo mafioso, detenzione illecita di armi da fuoco, trasferimento fraudolento di valori.
I provvedimenti (undici di custodia cautelare in carcere, uno di sottoposizione agli arresti domiciliari ed uno all'obbligo di presentazione alla P.G.) scaturiscono da un'attività investigativa avviata nel mese di ottobre 2014 dal R.O.S. con il supporto dell'Arma territoriale di Massafra nei confronti di un gruppo criminale federato all'organizzazione mafiosa denominata Sacra Corona Unita operante nella città di Massafra (TA) e comuni limitrofi, capeggiato dal pregiudicato CAPOROSSO Cataldo, già condannato con sentenza irrevocabile per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso. Lo stesso era emerso nel corso dell'attività quale soggetto legato al noto boss calabrese BELLOCCO Umberto, vecchio "Patriarca" della "'ndrangheta", a capo dell'omonima cosca di Rosarno (RC), da sempre ai massimi vertici del sodalizio, nonché egli stesso tra gli storici fondatori della Sacra Corona Unita.
Le indagini hanno permesso di attualizzare l'operatività del CAPOROSSO in seno al sodalizio criminale pugliese e di dimostrare come lo stesso fosse stato investito con il grado di "padrino" nell'ambito dell'organizzazione direttamente dal richiamato BELLOCCO in virtù del ruolo di quest'ultimo nell'ambito della Sacra Corona Unita. Per tale ragione, il CAPOROSSO ha rivestito il ruolo di referente criminale della consorteria calabrese nel territorio tarantino, con lo specifico mandato di curarne la gestione operativa oltre a quella commerciale ed economica.
Nel corso delle indagini sono emersi chiari ed inequivocabili elementi di reità in ordine all'esistenza di un sodalizio criminale avente connotazioni tipiche mafiose, influente sul territorio di Massafra (TA) ed aree limitrofe i cui sodali hanno dimostrato di essere pienamente consapevoli della loro appartenenza ad una consorteria strutturata gerarchicamente al cui vertice si è posto il citato CAPOROSSO.
Significativi, al riguardo, gli elementi raccolti nel corso delle indagini che hanno consentito all'A.G. di ritenere sussistenti tutti gli elementi tipicamente costitutivi dell'associazione mafiosa armata.
Di particolare interesse, relativamente alla capacità intimidatrice del sodalizio capeggiato dal CAPOROSSO:
- il tentativo di fornire sostegno elettorale, in occasione del rinnovo del Consiglio Regionale della Puglia nell' anno 2015, ad un candidato tarantino, risultato poi non eletto in quelle consultazioni amministrative, con il chiaro intendimento di poter elevare il livello di pervasività del gruppo attraverso un potenziale referente politico;
- il ricorso ad azioni violente di danneggiamento e rapina all'interno del mercato ittico di Taranto, finanche ricorrendo ad una motosega di grosse dimensioni per cagionare danni al magazzino per la vendita di prodotti ittici della Starfish s.r.l. a seguito dei dissidi sorti tra CAPOROSSO e BOCCUNI Michele (altro indagato e per il quale il GIP non ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza dell'appartenenza al medesimo sodalizio criminale necessari all'emissione di misura cautelare) a seguito dell'estromissione del primo dalla citata società;
- il tentativo di recuperare dei preziosi oggetto di furto, unitamente a PUTIGNANO Tommaso, da un esercizio commerciale del luogo, attraverso condotte intimidatorie;
- l'intervento del CAPOROSSO nei confronti di alcuni imprenditori per incidere nel rapporto di lavoro di una conoscente ricorrendo alla propria influenza criminale;
- il recupero di un motociclo asportato ad un parente, semplicemente attraverso l'evocazione del nome del CAPOROSSO e la minaccia di "dare la caccia" agli autori del furto.
Nel corso del procedimento sono emerse, inoltre, fonti di prova utili a dimostrare cointeressenze criminali tra il gruppo riconducibile al CAPOROSSO e quello diretto da PUTIGNANO Tommaso, residente nel vicino comune di Putignano (BA) ove quest'ultimo era, all'epoca delle indagini, sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S..
In particolare è stata documentata l'esistenza di una fiorente attività di traffico e spaccio al dettaglio di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, commercializzata da una fitta rete di pusher, grazie a periodici rifornimenti di stupefacente da un altro gruppo criminale del posto capeggiato da SGARAMELLA Riccardo, detto "Salotto" operante nella vicina città di Andria (BAT).
Attraverso le attività è stata altresì accertata la disponibilità da parte della consorteria di un considerevole patrimonio economico, foraggiato proprio dagli introiti delle attività illecite poste in essere da utilizzare per le quotidiane esigenze organizzative (acquisto di telefonini, schede, ricariche telefoniche, carburante, etc.) e per le eventuali spese legali sostenute degli affiliati.
Sulla scorta delle anzidette risultanze investigative e degli accertamenti patrimoniali condotti sul tenore di vita degli indagati e dei soggetti ad essi vicini rispetto ai redditi dichiarati, contestualmente all'esecuzione delle misure personali, il G.I.P., accogliendo le richieste degli inquirenti, ha disposto anche il sequestro preventivo di un'attività commerciale di onoranze funebri, quattro veicoli e diversi rapporti finanziari bancari e postali attivi, riconducibili al CAPOROSSO Cataldo ed ai suoi familiari.
L'indagine ha confermato l'elevato livello criminale raggiunto dalla consorteria capeggiata dal CAPOROSSO nel territorio jonico e, anche in virtù dell'investitura ricevuta dal reggente della cosca BELLOCCO di Rosarno, la capacità del gruppo da lui diretto di infiltrarsi nei settori economici più redditizi quale quello della compravendita di prodotti ittici nel capoluogo jonico, anche al fine di reinvestire i proventi delle attività illecite, intessendo relazioni criminali con altri esponenti della criminalità organizzata tarantina.


13-11-2017 12:02

NOTIZIE CORRELATE


22-06-2018 - CRONACA

Reggio, arrestato il nipote del boss di 'ndrangheta Giovanni Tegano

Per il reato di violenza privata, aggravato dalle modalità mafiose, commesso in pregiudizio di un giovane reggino
18-06-2018 - CRONACA

Gioia Tauro, 3 arresti per l'omicidio di Francesco Bagalà FOTO/VIDEO

Avvenuto nella notte del 26 dicembre 2012
16-06-2018 - CRONACA

'Ndrangheta Stragista. Al Processo depone il pentito Palmeri: "servizi deviati chiesero di aderire a stagione stragi"

A Reggio la deposizione dell'ex uomo d'onore della mafia
15-06-2018 - CRONACA

'Ndrangheta. La Cassazione conferma l'estraneità di Ernesto Fazzalari all'operazione 'Terramara Closed'

Il presunto boss resta comunque indagato nell'inchiesta

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Reggio, l'area 'Gallico-Camping' ritorna balneabile

Reggio Calabria. L’area di balneazione denominata “Gallico camping” ( numero identificativo IT018080063006) ricadente nel Comune di Reggio Calabria è tornata balneabile. Lo ha comunicato questa mattina alla città ...
CRONACA

Gioia Tauro. Paura per una presunta bomba, in realtà potrebbe essere un dispositivo di segnalazione per navi con immigrati clandestini

Gioia Tauro (Reggio Calabria). Una sospetta apparecchiatura illegale, di quelle utilizzate ...
CRONACA

Aveva aggredito un giocatore del Gallico Catona: Daspo ad un dirigente dell'ASD Siderno

Ferma l’azione del Questore della Provincia di Reggio Calabria dopo il deprecabile episodio del 22 aprile scorso, relativo all’aggressione subita da un giocatore della ...
ATTUALITA'

"La strada provinciale Palmi-Seminara-Melicuccà è in stato di abbandono totale, intervenite urgentemente"

Riceviamo e pubblichiamo: "La strada provinciale Palmi-Seminara–Melicuccà nella città Metropolitana di Reggio Calabria ...
CRONACA

Incidente nella notte a Catanzaro, muore un 20enne

Catanzaro. Tragico incidente stradale questa notte a Catanzaro. In Via stretto Antico, una Ford Fiesta, per cause ancora in corso di accertamento, ha perso il controllo, impattando violentemente contro il guardrail. Nell'incidente sono rimasti coinvolti ...
ATTUALITA'

Votata all'unanimità dalla Conferenza Nazionale delle Presidenti delle CRPO la proposta di modifica alla legge 4/2018. La soddisfazione di Cinzia Nava

Reggio Calabria. La proposta di modifica alla legge 4/2018 ...
ATTUALITA'

Reggio, torna l'Assemblea itinerante del Laboratorio politico Patto Civico

Reggio Calabria. Prosegue il percorso itinerante del Laboratorio politico Patto Civico, iniziato con l’incontro tenutosi lo scorso mese nel salone della Chiesa dell’Itria. La prossima assemblea si ...
CRONACA

Rosarno, 32enne investe con l'auto un uomo che lo aveva filmato mentre gettava rifiuti in un corso d'acqua: arrestato FOTO/VIDEO

Nella notte del 22 Giugno 2018, a Rosarno (RC), su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso nella giornata di ieri 21 giugno 2018 nei confronti di cittadino rosarnese, ANDREACCHIO Alessandro, di 32 anni, poiché ritenuto responsabile dei reati di tentata rapina e tentato omicidio ai danni di un turista di nazionalità svizzera, D. A. di anni 54. I fatti che hanno portato al fermo di indiziato di delitto a carico di ANDREACCHIO risalgono al pomeriggio di ieri 21 giugno quando i militari della Compagnia di Gioia Tauro, a seguito di una telefonata giunta all’utenza di pronto intervento 112, apprendevano che presso il Pronto Soccorso del locale Ospedale Civile era stato trasportato, in codice giallo, un cittadino svizzero che riferiva di essere stato poco prima investito da un giovane italiano mentre si trovava in località Marina di Rosarno. Le immediate attività info – investigative, svolte sotto il costante coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, e sviluppate attraverso l’escussione della vittima e dei testimoni nonché mediante l’analisi tecnica dei dati informativi acquisiti nei momenti successivi ai fatti, consentivano in poco di tempo di accertare che, alle 14.30 circa di ieri, l’ANDREACCHIO, dopo aver minacciato e colpito violentemente il cittadino svizzero allo scopo di sottrargli il telefono cellulare con cui quest’ultimo lo aveva poco prima ripreso mentre scaricava illecitamente rifiuti lungo il margine di un limitrofo corso d’acqua, lo aveva intenzionalmente investito con la sua autovettura, dandosi poi alla fuga e facendo perdere le proprie tracce. La vittima, che era riuscita comunque a riprendere in un video le fasi salienti dell’aggressione e dell’investimento, immagini poi rivelatesi utili ai fini investigativi, a seguito dell’impatto era stata trasportata presso il Nosocomio Civile di Gioia Tauro per le cure del caso, riportando gravi lesioni agli arti superiori. Il fermo, emesso dalla Procura della Repubblica all’esito del grave quadro indiziario delineatosi a carico dell’indagato, è stato eseguito dopo poche ore dall’evento tanto che l’arrestato, a formalità di rito espletate, è stato associato presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria ...
CRONACA

Reggio. Operazione Emme 3, Francesco Malara chiarisce: "dimostrerò la mia estraneità ai fatti"

Riceviamo e pubblichiamo la nota diramata dal Sindaco di Santo Stefano in Aspromonte Francesco Malara: "In data 20/06/2018, mi è stato notificato ...
SPORT

Reggina, ecco l'attaccante: preso Piergiuseppe Maritato

Reggio Calabria. La Reggina di Cevoli inizia lentamente a prendere forma. Dopo gli arrivi di Salandria e Navas, ieri è stata la volta di Piergiuseppe Maritato. L’attaccante, nato a Cetraro, ha firmato un contratto annuale. Maritato, 29 ...
POLITICA

Tilde Minasi: "Le critiche nei confronti di Salvini sono strumentali"

Reggio Calabria. "Fa piacere registrare da più parti (o meglio da un unico lato a voler essere precisi!) critiche, più che costruttive, distruttive, all'indirizzo di Matteo Salvini. Siamo, infatti, ...
CRONACA

Gioia Tauro, arrestato 16enne responsabile di una rapina aggravata ai danni del negozio Splendidi & Splendenti

Gioia Tauro. Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione ed alla ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

EUREKA
Quiz Show
MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
CHISTI SIMU
BORGOITALIA
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15 Film

Antonio - Il Santo dei miracoli

ADNKRONOS ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Degrado di una citta’
    • problema orti
    • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
    • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
    • incivili analfabeti
    • Reggio Calabria impegnata per europa e il lavoro
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    Italpress
    Basta vittime 106
    viola
    idomotica