Carcassa di Capretto sull'auto. Unanime indignazione per l'intimidazione a Don Ennio Stamile
CRONACA

I Carabinieri indagano sul gesto indirizzato al Referente di Libera Calabria

Carcassa di Capretto sull'auto. Unanime indignazione per l'intimidazione a Don Ennio Stamile

Cetraro (Cosenza). Grande l'indignazione per l'atto intimidatorio commesso, nella notte tra sabato e domenica, ai danni di Don Ennio Stamile, parroco antimafia, referente di "Libera" in Calabria. Qualcuno ha lasciato sulla sua auto un capretto morto, in un sacco della spazzatura.
Il fatto è accaduto mentre il coordinatore regionale di Libera stava cenando a Cetraro con i capo scout del territorio. Il parroco ha chiamato immediatamente i carabinieri che hanno avviato le indagini ed esaminato la carcassa dell’animale. Informati della grave intimidazione, per esprimere vicinanza al parroco, sono arrivati il sindaco di Cetraro, Angelo Aita, e il consigliere regionale Giuseppe Aieta.
Dopo aver appreso il fatto, il presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio, ha immediatamente contattato telefonicamente il sacerdote per esprimergli la propria incondizionata solidarietà e vicinanza e quella della Giunta regionale. “Mi auguro -ha detto Oliverio- che i responsabili di questo ennesimo, vile atto intimidatorio siano al più presto individuati e consegnati all’autorità giudiziaria. Il lavoro di responsabilizzazione e sensibilizzazione che don Ennio e Libera stanno svolgendo a Cetraro, sul Tirreno cosentino e in tutta la Calabria è importante e prezioso. Nei prossimi giorni incontrerò don Ennio per concordare, insieme a lui, iniziative e azioni a sostegno della sua opera e di quanti sono al suo fianco e collaborano con lui. Le popolazioni di Cetraro e dell’intero comprensorio non possono essere lasciate da sole a combattere un nemico subdolo che, attraverso azioni violente e criminali, vorrebbe far ripiombare queste comunità nella paura e nel terrore”. “Sono certo -ha concluso Oliverio- che don Ennio non si lascerà intimorire e che lo Stato e le istituzioni democratiche faranno quadrato intorno a lui e all’intera comunità cetrarese. In tal senso colgo l’occasione per ringraziare quanti, cittadini e istituzioni, si prodigano quotidianamente e con coraggio a Cetraro, nell’Alto Tirreno cosentino e in Calabria, per combattere e debellare la malapianta della criminalità organizzata e per affermare percorsi di legalità e democrazia”.

Occhiuto e Santelli. “Don Ennio Stamile non è solo un prete coraggioso, ma è anche uno straordinario esempio per i giovani. A lui vanno i nostri più sinceri sentimenti di solidarietà per la grave intimidazione subita”. Lo affermano, in una dichiarazione, i deputati di Forza Italia Roberto Occhiuto e Jole Santelli. “Si tratta – aggiungono – di un atto vile e infame, che tutta la comunità calabrese deve respingere con la fermezza della verità e non con la menzogna della retorica”.

Irto. “L’ultima macabra intimidazione consumata ai danni di don Ennio Stamile indigna tutti i calabresi onesti che ripudiano la ‘ndrangheta e che si riconoscono pienamente nel pensiero e nelle azioni di Libera e del suo referente regionale”. Lo afferma il presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, dopo il ritrovamento di un capretto sgozzato attaccato all’automobile del sacerdote, a Cetraro. “Già in passato – aggiunge – don Ennio era stato il destinatario di gravi atti intimidatori. Segno,questo, del malessere con cui le forze criminali subiscono la sua opera di evangelizzazione e di impegno civile portata avanti con determinazione, non solo sul Tirreno cosentino ma in tutta la regione. Il fatto poi che da due anni don Ennio ricopra il ruolo di coordinatore di Libera in Calabria carica l’accaduto di maggiore gravità sul piano simbolico. Colpire don Ennio, infatti, significa non solo tentare di condizionare una personalità fortemente esposta sul fronte dell’antimafia, ma lanciare un messaggio di aperta sfida all’intera comunità calabrese che non accetta il giogo mafioso e che lavora ogni giorno per costruire un futuro di libertà e democrazia”. “A don Ennio Stamile – dice ancora il presidente Irto – rivolgo un forte messaggio di solidarietà e vicinanza, stringendo in un unico abbraccio ideale anche don Luigi Ciotti e tutti i volontari che, sotto le insegne di Libera, si oppongono alle mafie e danno un contributo straordinario per il progresso della Calabria”.

Tassone. “Solidarietà a don Ennio Stabile, parroco e referente di Libera in Calabria, che è stato vittima di un atto intimidatorio in piena regola”. Lo afferma, in una dichiarazione, Mario Tassone, segretario nazionale del Nuovo Cdu. “La notte scorsa – aggiunge – qualcuno ha infilato nella sua auto una testa di capretto. Prendere di mira un uomo che incarna la religione, quindi la solidarietà, l’aiuto e i valori puri e semplici, significa non avere nessun rispetto e nessuna pietà”. “L’augurio – dice ancora Tassone – è che i responsabili del gesto siano identificati al più presto, con la certezza che non sarà un gesto tanto vile a impedire a don Ennio Stabile di portare avanti la sua missione”.

Don Ciotti. “Ancora una grave atto intimidatorio che sollecita le nostre coscienze ad essere più vigili e che ci richiama a sentire sempre prepotente dentro di noi il morso del più, del dare e impegnarci di più. La strada da percorrere nella lotta alla criminalità organizzata ed alle illegalità è ancora lunga ed ognuno, la politica, le istituzioni, i cittadini, é chiamato a fare la propria parte”. Lo sostiene, in una nota, don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera, in relazione all’ intimidazione compiuta ai danni di don Ennio Stamile, coordinatore Libera Calabria. “Resistere – aggiunge don Ciotti – vuol dire esserci, fare, assumerci la nostra quota di responsabilità. Perchè il problema più grave non è tanto chi fa il male, ma quanti guardano e lasciano fare. Siamo vicini a Don Ennio e andiamo avanti, senza paura e senza alcuna esitazione, consapevoli che il nostro impegno non subirà alcun cedimento”.

Cgil Calabria. “L’atto mafioso compiuto verso don Ennio Stamile, coordinatore di Libera Calabria è un atto da intendersi contro tutta la comunità che cerca ogni giorno di battersi contro la ‘ndrangheta, per l’affermazione della legalità e della crescita sociale e civile”. Ad affermarlo è la CGIL Calabria che si dichiara “vicina a Don Ennio Stamile e a Libera Calabria”. “Conosciamo da anni Don Ennio, è un punto di riferimento per noi e di tante libere associazioni, di cittadini, di forze sociali, politiche, ed è per questo che da anni conduciamo insieme battaglie comuni su legalità, sviluppo e lavoro, tra le ultime la partecipazione alla manifestazione unitaria Cgil Uil Calabria del 16 novembre e quella recente sul codice antimafia. L’atto intimidatorio non fermerà Don Ennio nelle tante battaglie comuni che continueremo a fare insieme per il riscatto sociale della nostra terra. L’atto intimidatorio non va sottovalutato. Riteniamo sia indispensabile una reazione ed iniziativa della società civile e della politica contro tale atto. Occorre attivare tutte le forme cautelative, pertanto chiediamo alla Prefettura di compiere gli atti necessari per la sicurezza di Don Ennio e di Libera Calabria”.

Falcomatà. “Solidarietà e piena vicinanza al coordinatore di Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie della Calabria, Don Ennio Stamile, vittima nella serata di ieri di un vile atto intimidatorio”. È quanto dichiara il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatá. “La comunità calabrese – aggiunge – è ormai ampiamente consapevole dell’opera meritoria di contrasto alla criminalità organizzata, in termini culturali e di impegno civico, promossa da Libera sul nostro territorio. Poche settimane fa, alla presenza di don Ennio a Reggio Calabria, abbiamo presentato l’adesione di otto nuove imprese alla rete di ‘Reggio Libera Reggio’, un’iniziativa concreta, segno di speranza e di rinascita, che in questi anni ha generato sul nostro territorio un benefico effetto moltiplicatore”. “La Reggio onesta, la Calabria onesta – conclude Falcomatà – sono schierate dalla parte di Libera. A Don Ennio ed alle tante associazioni che ogni giorno contribuiscono a rendere viva e vitale la rete antimafia di Libera, va la vicinanza dell’Amministrazione comunale e metropolitana di Reggio Calabria”.

Bruno Bossio. “L’inquietante atto intimidatorio perpetrato oggi ai danni di Don Ennio Stamile non deve essere assolutamente sottovalutato, sia per la qualità della vittima sia per il contesto territoriale in cui si è verificato”. Lo sostiene, in una nota, la deputata del Pd Enza Bruno Bossio. “Don Ennio Stamile – aggiunge – è non solo il coordinatore regionale di ‘Libera’, la nota associazione antimafia fondata da Don Luigi Ciotti, ma anche un sacerdote assai impegnato da anni a Cetraro (ad esempio nel noto premio ‘G. Losardo’) e in Calabria, animatore instancabile di numerose iniziative che vedono protagonisti quotidianamente centinaia di giovani. Tra l’altro deve far riflettere come quello di oggi è solo l’ennesimo atto perpetrato ai danni di persone che proprio in quei territori svolgono una importante funzione di animazione culturale e sociale. Com’è noto, le forze della criminalità organizzata, così tristemente presente nel territorio dell’Alto Tirreno cosentino, da sempre sono avversarie di tutto ciò che può sottrarre ala loro nefasta influenza soprattutto le giovani generazioni. È in ragione di ciò che, nell’esprimere a Don Ennio la mia più affettuosa solidarietà e vicinanza, chiedo alle forze dell’ordine e alla magistratura il massimo impegno per individuare moventi, mandanti ed esecutori del vile gesto intimidatorio”. “Pur essendo a fine legislatura, inoltre – conclude Enza Bruno Bossio – credo che la Commissione parlamentare antimafia debba svolgere, sul territorio di Cetraro e dell’Alto Tirreno cosentino, una serie di approfondimenti, per come ho chiesto alla presidente Rosi Bindi appena appresa la notizia”.

Fittante. “Apprendo del vile atto compiuto ai tuoi danni. Ti sono vicino”. Ad affermarlo è Costantino Fittante – Presidente Centro “Riforme-Democrazia-Diritti” Lamezia in merito all’atto intimidatorio a don Ennio Stamile. “Ogni giorno, di fronte ad atti come questo, siamo chiamati ad intensificare l’impegno per la legalità contro ogni forma di condizionamento mafioso, sopraffazione, violenza, corruzione. Sarai come sempre presente e attivo, giuda dei tanti che vogliono impegnarsi nella lotta di liberazione dalle mafie”.

Uil Calabria. "La Uil Calabria è vicina a don Ennio Stamile. La vile intimidazione cui è stato fatto oggetto non può lasciare il segno, non può fermare l'opera riformatrice e liberatrice di don Ennio Stamile e di Libera. Al coordinatore regionale dell'associazione antimafia, che ha condiviso con Cgil e Uil l'appello per il lavoro lanciato il 16 novembre dall'agorà della Cittadella regionale, diciamo - scrive in una nota il Segretario Regionale Santo Biondo - senza tentennamenti, che siamo dalla sua parte e dalla parte di coloro che lavorano per cambiare il destino di una terra maltrattata, vilipesa e offesa da una criminalità organizzata becera e senza scrupoli. Chi ha compiuto questo gesto ignobile e meschino, lo ha fatto nascondendosi nel buio, quelle stesse tenebre in cui, vorrebbe ricacciare l'intero territorio calabrese. A costoro la Uil Calabria dice con chiarezza che non potranno mai averla vinta, che non riusciranno nel loro intento. Allo Stato, invece, chiediamo uno sforzo straordinario di attenzione verso una terra che non può essere lasciata nelle mani di una isolata e violenta minoranza. La democrazia, la legalità deve vincere e questa terra, finalmente libera da prepotenti e criminali, deve ripartire grazie allo sforzo dello Stato e degli uomini e donne calabresi che come don Ennio Stamile, sognano una terra libera dalla ndrangheta e dal malaffare".
08-01-2018 09:46

NOTIZIE CORRELATE


26-03-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. La giunta comunale delibera l'istituzione di un fondo di mutuo soccorso

Il Fondo di mutuo soccorso sarà destinato alla gestione dell'emergenza ed alla programmazione del dopo emergenza
25-03-2020 - ATTUALITA'

Emergenza Coronavirus. Caronte & Tourist dona 500mila euro al Dipartimento della Protezione Civile Sicilia e Calabria

"un contributo oltre il nostro lavoro e il nostro impegno quotidiano in mare"
23-03-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. L'Università Mediterranea dona un ventilatore polmonare al Grande Ospedale Metropolitano

Già nelle ultime settimane impegnata in un'opera di sanificazione degli edifici pubblici
23-03-2020 - ATTUALITA'

Emergenza coronavirus: Arpacal dona dispositivi di protezione al G.O.M. di Reggio Calabria

dispositivi individuali di protezione (DPI) per il personale sanitario che sta lottando in prima linea contro il coronavirus

ULTIME NEWS

POLITICA

'4,3 miliardi del Governo? Una messa in scena umiliante per i cittadini'

I 4.3 miliardi del governo? Una messa in scena umiliante per i cittadini. I 4,3 miliardi di trasferimenti annunciati dal governo non sono altro che un anticipo delle risorse ordinarie che ogni anno lo Stato ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Un altro decesso al Gom: un 80enne già ricoverato per un ictus

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che nella giornata di oggi è deceduto un uomo di 80 anni. Il ...
ATTUALITA'

Coronavirus. In Calabria 555 casi positivi (+61 rispetto a ieri)

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 5968 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 555 (+61 rispetto a ieri), quelle negative sono 5413. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: - ...
ATTUALITA'

Melito Porto Salvo. Altri casi positivi nella casa di riposo: la Regione "chiude" la cittadina

Melito Porto Salvo (Reggio Calabria). Altri due anziani ospiti della casa di riposo di Melito Porto Salvo in cui risiedeva l’89enne deceduto per le complicazioni da ...
CRONACA

'Ndrangheta. Detenuto scrive a Klaus Davi: "Ci stanno uccidendo"

Il detenuto Carmelo Murina, condannato in via definitva per associazione mafiosa di stampo 'Ndranghetistico e recluso a Melfi (PZ), ha scritto una lunga lettera a Klaus Davi che l’ha pubblicata sul suo profilo Facebook ...
ATTUALITA'

Bimbo salvato a Polistena: "Encomio Solenne al maresciallo Roberto Caruso ed al Vicebrigadiere Vincenzo Elia"

“Ho conferito un Encomio Solenne al maresciallo ordinario Roberto Caruso, comandante della stazione dei carabinieri di San Giorgio ...
ATTUALITA'

"Le finestre ed i balconi ai tempi del Coronavirus"

In questi giorni il mondo intero sta vivendo una situazione alquanto inaspettata e sconvolgente, che minuto dopo minuto minaccia la vita di ognuno di noi. Si chiama Coronavirus il protagonista di questa battaglia silente, che si introduce nel nostro corpo e ...
ATTUALITA'

Emergenza Coronavirus, Marino: 'Disponibili per le imprese oltre 8 milioni di euro di fondi europei, la Regione li utilizzi subito'

“L’emergenza coronavirus ha determinato il quasi totale blocco delle ...
CRONACA

Reggio Calabria. Tenta di sfuggire alla Polizia in sella ad una bici elettrica: sorpreso con droga, arrestato 21enne

L’intensificazione dei servizi di controllo del territorio attuata attraverso i protocolli operativi strutturati per ogni ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Hermes Servizi Metropolitani continua a garantire i propri servizi ai contribuenti"

Reggio Calabria. “La Hermes continua a garantire i propri servizi ai contribuenti”; in questo momento di grande difficoltà per Reggio ...
CRONACA

Gioia Tauro. Intercettati al Porto due importanti carichi di materiale medico e sanitario VIDEO

I funzionari ...
CRONACA

Maxi sequestro di cocaina a Gioia Tauro. Arrestato Rocco Molè VIDEO

Nella giornata del 25 marzo u.s., gli investigatori dellaSquadra Mobile di ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

BORGOITALIA
SU IL SIPARIO!
MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
STRETTAMENTE PERSONALE
Stracult Edition
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

L'Altra Messina
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • EMERGENZA VIRUS MA ANCHE RIFIUTI
  • sdegno su donazione di Silvio Berlusconi
  • Senza acqua ma con il virus
  • Accumulo rifiuti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica
Basta vittime 106