Truffa all'Inps nella Piana di Gioia Tauro, otto persone denunciate: ci sono anche medici e un avvocato
CRONACA

Indagini partite dopo che i carabinieri hanno scoperto la falsa assunzione donna come bracciante agricola

Truffa all'Inps nella Piana di Gioia Tauro, otto persone denunciate: ci sono anche medici e un avvocato

Taurianova (Reggio Calabria). Al termine di attività investigativa condotta dai militari della Stazione di San Martino della Compagnia Carabinieri di Taurianova, coordinata dalla Procura Ordinaria presso il Tribunale di Palmi, sono state deferite in stato di libertà otto persone, tra cui alcuni professionisti locali, poiché ritenuti responsabili a vario titolo e in concorso tra loro dei gravi reati di falsità ideologica e falsità materiale commessa da pubblico ufficiale, truffa ai danni dello Stato e false attestazioni e certificazioni in servizio.
L’articolata indagine, svolta anche attraverso attività tecnica di monitoraggio, ha permesso di ricostruire alcune condotte illecite perpetrare dagli indagati soprattutto al fine di ottenere elargizioni pubbliche nell’ambito previdenziale e assistenziale.
In particolare, nel contesto di mirati accertamenti, erano emerse le sospette condotte di una 45enne taurianovese, la quale, una volta monitorata, ha fatto scoprire agli investigatori un sistema di fittizia assunzione della donna come bracciante da parte di una locale ditta agricola. Il titolare dell’azienda, un 40enne di Rizziconi, inducendo in errore l’I.N.P.S. attraverso falsa documentazione, attestava un inesistente rapporto di lavoro dipendente al fine di ottenere illeciti compensi previdenziali e assistenziali. La donna infatti, senza mai prestare la sua manodopera nel lavoro agricolo, ha ottenuto cospicue indennità di disoccupazione per malattia e maternità dall’Ente Pubblico, nonché altre prestazioni sociali. In tale accordo è stato coinvolto anche il cognato della donna, un rizziconese cl. 1978, come intermediario, nonché un medico dell’Ospedale di Polistena, il quale, in più di una occasione, al fine di giustificare le assenze per malattie della finta bracciante, ha falsamente attestato l’ingresso della stessa al Pronto Soccorso, diagnosticando inesistenti patologie, tra l’altro su esplicita richiesta e indicazione dei due cognati. L’intervento del medico veniva richiesto anche quando la donna non veniva trovata in abitazione durante le visite fiscali disposte nei periodi di assenza per malattia. Tale fittizio rapporto lavorativo, almeno dal 2012 al 2016, ha causato un ingiusto profitto nella percezione delle indennità previdenziali e assistenziali di oltre 27.000 euro a danno dell’I.N.P.S..
Nella rete investigativa sono finiti anche un avvocato del foro di Palmi, un impiegato della Federazione Nazionale Agricoltura di Laureana di Borrello e un medico di famiglia, i quali, grazie a connivenze e conoscenze, hanno falsamente attestato visite mediche e patologie al fine di istruire favorevolmente istanze di riconoscimento di pensioni di invalidità.
Altri due medici dell’Ospedale di Polistena sono accusati di aver falsamento attestato la loro presenza in servizio, infatti, in accordo tra loro, attraverso una fraudolenta timbratura del badge, celavano la loro ingiustificata assenza dall’Ospedale, inducendo in errore l’Amministrazione nel pagamento della loro retribuzione; i due risponderanno in concorso di truffa aggravata e falsa attestazione in servizio.
Tutti i soggetti sono indagati in stato di libertà e risponderanno delle accuse avanzate nel corso del processo presso il Tribunali di Palmi.
31-01-2018 17:30
Questa notizia è stata letta 7734 volte

NOTIZIE CORRELATE


20-05-2022 - ATTUALITA'

Regione Calabria. Nuovi ristori covid per pescatori: chiesta al Ministero una rimodulazione del piano Feamp

Il Ministero intende valutare in maniera complessiva tutte le richieste avanzate anche da altre Regioni
20-05-2022 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. Rifacimento strade, in corso i lavori su Viale Umberto Boccioni

Sul cantiere presente l'assessore Albanese, insieme a dirigenti e tecnici comunali, per seguire da vicino tutte le operazioni

ULTIME NEWS

CULTURA

Capitale del libro. Al Salone del libro, passaggio di consegne tra Vibo Valentia e Ivrea

Numeri da record per lo stand della Calabria, con visitatori non solo da ogni angolo d'Italia ma anche d'Europa, riuscendo ad attirare un turismo culturale che intriga in ...
CRONACA

Rosarno. Tragico incidente sulla statale "Jonio-Tirreno": un morto e tre feriti

Un morto e tre feriti: è il bilancio di un incidente avvenuto nel pomeriggio sulla statale 682 "Jonio-Tirreno" in località San Fili nel territorio del comune di Rosarno. La ...
ATTUALITA'

Coronavirus. 925 nuovi casi positivi in Calabria

Sono 925 i nuovi contagi da Covid in Calabria (ieri 953) ma con un numero di tamponi inferiore il che porta ad un aumento del tasso di positività dal 15,79 al 17,34%. Sette le vittime che portano il totale da inizio pandemia a 2.579. In lieve aumento - ...
ATTUALITA'

"Una città a misura di diritti": Metrocity e Comune a confronto con Arcigay e Agedo

Il consigliere metropolitano delegato alle Pari opportunità, Filippo Quartuccio, e gli assessori comunali al Welfare ed alle Politiche di genere, Demetrio Delfino ed Angela Martino, ...
CULTURA

Salone del Libro di Torino, Princi: "Molto onorati per la visita del Ministro Bianchi"

“È per questo fermento culturale – continua Giusi Princi - che abbiamo ricevuto gli apprezzamenti anche del ministro dell’Istruzione Bianchi, ieri a lungo in ...
CULTURA

Giudecche, il 31 Maggio un convegno a Santa Maria del Cedro con Occhiuto e Orsomarso

Il prossimo 31 maggio, promosso dalla Regione, assessorato al Turismo, Marketing territoriale e Mobilità, guidato da Fausto Orsomarso, si svolgerà a Santa Maria del Cedro, in ...
ATTUALITA'

Protocollo Stazione Villa San Giovanni, Dolce: "Riqualificazione e sviluppo di un nodo trasportistico fondamentale"

“La sottoscrizione del Protocollo d’intesa con l’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto e Rete ...
CRONACA

Operazione Transilvania, raggiri e truffe ad anziani nel reggino DETTAGLI

Vince la strategia della cooperazione: i carabinieri del Comando ...
ATTUALITA'

Salone Internazionale del Libro di Torino, inaugurato lo stand della Calabria

“L’editoria in Calabria è un settore tutt’altro che marginale nell’economia regionale, non soltanto in termini di fatturato ma soprattutto di incidenza nel dibattito ...
CRONACA

Operazione Transilvania. Estorsioni e raggiri ad anziani, sgominata banda internazionale con base operativa nel reggino VIDEO

Un'associazione a delinquere finalizzata al compimento di una pluralità di gravi reati come la circonvenzione di incapaci, estorsione, ricettazione e riciclaggio dei proventi illeciti è stata sgominata dai carabinieri del reparto operativo del Comando provinciale di Reggio Calabria e dall'Europol che hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip, su richiesta della Procura di Locri, nei confronti di 16 persone. Per dieci è stato disposto il carcere e per 6 i domiciliari. Il blitz è scattato in Italia, Romania, Olanda e Germania. Nel reggino sono state eseguite 3 ordinanze e le forze di polizia dei rispettivi Paesi hanno eseguito 13 mandati di arresto europeo. Il vertice dell'organizzazione si trova in Romania con basi operative in Calabria e, in particolare, nei territori di Reggio e dei Comuni di Bianco, Melito di Porto Salvo, Siderno, Rosarno, Bovalino e con un'articolazione anche in Sicilia, nel Comune di Milazzo. Le vittime erano anziani tra i 70 e i 90 anni che spesso versavano in condizione di solitudine, che venivano indotti o costretti, con raggiri o minacce, alla dazione di cospicue somme di denaro. Soldi che venivano consegnati a giovani donne, che provvedevano poi a rimetterle ai vertici dell'organizzazione delinquenziale. L'operazione, denominata "Transilvania", è nata da un'indagine avviata nel 2018 dopo la denuncia di un anziano originario di un paese della Locride. Ai carabinieri aveva segnalato di essere stato circuito da una giovane donna di nazionalità romena la quale, fingendosi innamorata di lui, lo aveva indotto, nell'arco di un anno, a consegnarle, con dazioni dirette di danaro contante e versamenti con "Money Transfer" all'estero, la somma complessiva di 20mila euro. Secondo gli investigatori, i proventi illeciti non sono inferiori a 760mila euro, di cui 179mila euro sarebbero stati tracciati, mediante il trasferimento in Romania. Una volta estorto il denaro, infatti, gli indagati lo inviavano attraverso "Money transfer". Le indagini dei carabinieri e dell'Europol sono consistite in accertamenti di natura finanziaria, intercettazioni telefoniche, videoriprese, audizione delle persone ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Giustizia riparativa, siglato il protocollo per l'avvio del Mandela's Office

È stato siglato questa mattina, nel Salone dei Lampadari “Italo Falcomatà” di Palazzo San Giorgio, il protocollo d’intesa per ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria, Piana di Gioia Tauro e Costa Viola: i grandi esclusi dall'accordo di programma quadro turismo della Regione Calabria

La Cgil sezione Reggio Calabria – Locri interviene per sottolineare la propria ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
PIANETA DILETTANTI
AEROPLANI DI CARTA
Liquore Tedesco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.30

Spinoza Tv

Ore 22

Film
TEDESCO LIQUORI SHOP
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • autobus regionali non passano da paese. PORTO CITTà METROPOLITANA, ISOLATO DA MEZZI PUBBLICI
  • Lampione non funzionante
  • Indignata con l’asp di Reggio Calabria
  • stato di abbandono totale
  • Siamo il Sud del Mondo
  • Fogna
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
ISTITUTO DE BLASI
idomotica
Italpress