Inchiesta sull'affidamento dell'elisoccorso: arrestati dirigenti dell'Asp, della Regione Calabria e due manager
CRONACA

Operazione "La Punta"

Inchiesta sull'affidamento dell'elisoccorso: arrestati dirigenti dell'Asp, della Regione Calabria e due manager

Nella giornata odierna i finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro, nell’ambito dell’operazione denominata “La Punta”, hanno eseguito, in calabria, lombardia e veneto, misure cautelari personali nei confronti di un dirigente dell’a.s.p. di Catanzaro, un dirigente della Regione Calabria e due manager dellaBabcock mission critical services italia spa”, tutti indagati per concorso in “turbata libertà del procedimento di scelta del contraente”.
Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catanzaro su richiesta del procuratore aggiunto dott. Vincenzo Capomolla e del sostituto procuratore dott. Vito Valerio della procura della repubblica di Catanzaro, diretta dal Procuratore della repubblica dott. Nicola Gratteri. In particolare, le complesse attività investigative delegate alla Guardia di finanza, condotte anche con l’ausilio di articolate indagini tecniche, hanno consentito di riscontrare la sussistenza di accordi collusivi tra gli indagati tesi ad alterare il contenuto del capitolato tecnico della gara d’appalto, del valore di oltre 100 milioni di euro, prevista per l’affidamento del servizio di elisoccorso sanitario hems (acronimo di helicopter emergency medical service) nella Regione Calabria, in favore della multinazionale.
Le indagini svolte dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria - gruppo tutela spesa pubblica di Catanzaro, diretti da questo ufficio, hanno permesso di accertare che i due pubblici ufficiali indagati, incaricati di predisporre il capitolato tecnico della nuova gara d’appalto, hanno reiteratamente intrattenuto contatti ed incontri con il management della “Babcock mcs italia spa” finalizzati a concordare la linea da seguire per incorporare, nel redigendo capitolato, i requisiti voluti dalla societa’, cosi’ da confezionare un bando su “misura”, in spregio dei principi di imparzialita’ dettati dal legislatore in materia di appalti. peraltro, nel tentativo di meglio dissimulare il perfezionamento dell’accordo delittuoso, gli indagati si sono adoperati affinché venisse nominato, a supporto del gruppo di lavoro incaricato di redigere il capitolato, un esperto aeronautico “vicino” alla stessa multinazionale. in particolare, sono stati raggiunti dall’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari:
Ciccone Eliseo, di 65 anni, dirigente medico dell’azienda sanitaria provinciale di catanzaro, responsabile della centrale operativa suem (servizio urgenza emergenza medica) 118 nonché coordinatore e responsabile del servizio di elisoccorso calabrese;
Lopresti Salvatore, di 58 anni, dirigente del settore n. 12 “reti dell’emergenza/urgenza e tempo-dipendenti e trasporto sanitario” del dipartimento tutela della salute e politiche sanitarie della regione calabria, in qualita’ di coordinatore del gruppo di lavoro incaricato di predisporre il capitolato tecnico della gara per l’elisoccorso alla stazione unica appaltante nonche’ presidente della commissione di valutazione delle candidature presentate per ricoprire l’incarico di
tecnico esperto aereonautico;
Mazzei Monica, di 50 anni, direttore vendite e flotta per l’italia ed il sud europa della “Babcock mcs italia spa”;
Bertola leano, di 38 anni, direttore commerciale hems e off shore della “Babcock mcs italia spa”.
Il perfezionamento delle condotte illecite e’ stato reso possibile grazie anche al concorso di un’altra dipendente della Babcock, segretaria di Bertola, Corideo Sara, di 26 anni, assistente commerciale della societa’, incaricata di gestire la partecipazione alle gare d’appalto, indagata a piede libero.
I provvedimenti cautelari eseguiti si sono quindi sostanziati in 4 arresti domiciliari nei confronti dei dirigenti pubblici e privati, nella notifica di un’informazione di garanzia nei confronti dell’altra dipendente della societa’ e nell’esecuzione di numerose perquisizioni, tuttora in corso in Calabria, Lombardia e Veneto mediante un massiccio impiego di finanzieri, che hanno consentito di sequestrare documentazione, computer e telefoni cellulari utili allo sviluppo delle indagini. le fiamme gialle, tra l’altro, stanno anche perquisendo in lombardia, presso due sedi della “babcock mcs italia spa”, gli uffici dei due manager della multinazionale.
L’operazione odierna è un ulteriore sviluppo dell’indagine condotta da questa procura della repubblica che ha già consentito nello scorso mese di luglio, per quanto attiene ai progetti co-finanziati dall’unione europea, di eseguire un provvedimento cautelare personale nei confronti di dirigenti e funzionari dell’asp di Catanzaro per essersi appropriati complessivamente di circa 300 mila euro di risorse inerenti a un progetto di matrice comunitaria denominato “stop and go” (operazione “stop and go”) e, per quanto concerne la corruzione in atti giudiziari, nel mese di settembre sempre dello scorso anno ha portato all’interdizione dai pubblici uffici di un dirigente e di due funzionari dell’asp di Catanzaro.




06-02-2018 12:26
Questa notizia è stata letta 2781 volte

NOTIZIE CORRELATE


27-10-2020 - ATTUALITA'

Fondi Covid19, Spirlì: "La Regione ha fatto fino in fondo la sua parte"

Alla Regione Calabria sono stati accreditati 45.085.876 euro
27-10-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria. Cimiteri aperti: consentita l'entrata in sicurezza seguendo il protocollo

Da mercoledì 28 ottobre 2020 e sino a tutto mercoledì 4 novembre 2020

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, l'Asp comunica: sottoposte a test 824 persone, 136 sono positive

Reggio Calabria. La Direzione Sanitaria dell'ASP comunica che giorno 27 ottobre 2020, sul Territorio Provinciale, sono stati sottoposti allo screening per ...
ATTUALITA'

Coronavirus. La situazione in Calabria

E' record di positivi al Coronavirus in Calabria. Nelle ultime 24 ore nella regione è stato registrato il più alto numero di contagi, + 234, dall'inizio della pandemia. Si allunga anche la scia dei decessi, + 3 per un totale di 111 vittime dall'inizio della ...
POLITICA

Reggio Calabria. Filomena Iatì commenta l'ingresso in Consiglio come supplente di Angela Marcianò

Reggio Calabria. "Il 26 ottobre, con la prima seduta del Consiglio comunale del cosiddetto “secondo tempo” alla Giunta Falcomatà, è ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, il Gom comunica: un decesso e 12 nuovi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” comunica che nella giornata di oggi si è registrato il decesso di un paziente ricoverato nella U.O.C. di ...
ATTUALITA'

Decreto Ristori. Disco verde anche a pacchetto giustizia

Con il Dl Ristori sono state approvate in Cdm anche tutte le norme del cosiddetto pacchetto giustizia contenute negli articoli 22 e 23 del provvedimento. LA BOZZA Le pene detentive di durata non superiore a diciotto mesi potranno essere eseguite ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Altre 6 settimane di cassa integrazione, stop licenziamenti fino al 31 gennaio

Per tutte le imprese "abbiamo garantito altre 6 settimane di cassa integrazione Covid-19 utilizzabili dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 o, in alternativa, ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Il ministro De Micheli: "Indennizzi anche a Taxi e Ncc"

"Ci sono anche i tassisti e i titolari di noleggio con conducente tra le categorie destinatarie dei ristori stanziati dal Governo nel Decreto approvato oggi a sostegno delle attività chiuse o danneggiate ...
ATTUALITA'

Decreto ristori. Via libera del Consiglio dei ministri: la bozza del provvedimento

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto ristori. BOZZA DEL DL RISTORI: - 32 articoli, fondi tamponi medici base - E' di 32 articoli la bozza del decreto ristori sul ...
ATTUALITA'

Poste Italiane. Presentati i primi tricicli elettrici utilizzati per il recapito della corrispondenza a Reggio Calabria VIDEO

Poste Italiane rafforza la flotta green e continua a viaggiare a energia pulita. A Reggio Calabria da qualche giorno sono in circolazione i primi 5 motocicli elettrici dei quali si sta dotando l’azienda, mentre nell’intera regione sono complessivamente 25 i motocicli Euro 4 già in uso da qualche mese per rendere ecologica, agevole e sicura la consegna dei pacchi nelle varie città. I nuovi tricicli sono alimentati elettricamente al 100%, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza e i pacchi giornalieri con una sola ricarica. La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce. Il rinnovo della flotta aziendale con l’obiettivo di ridurre del 40% le emissioni inquinanti, è parte del programma di “dieci impegni” per i Comuni Italiani con meno di 5.000 abitanti promosso dall’Amministratore Delegato Matteo Del Fante in occasione dell’incontro con i “Sindaci d’Italia” lo scorso ottobre a Roma, ed è coerente con la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio, con l’attenzione che da sempre l’Azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate. L’effettiva realizzazione di tali impegni è consultabile sul portale web www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. «Ogni giorno abbiamo circa 33.500 mezzi che girano per il paese – ha dichiarato Matteo Del Fante – per cui abbiamo molto a cuore il tema della sostenibilità. Ci siamo dati l’obiettivo di ridurre di circa il 40% le emissioni entro il 2022 passando da circa l’11% di mezzi green ad oltre il 50%. Anche i nostri nuovi Centri di Recapito, come quelli di Bologna e Cazzago Brabbia – ha concluso l’AD di Poste – sono pensati e realizzati in base a standard energetici di altissimo livello». Il piano “green” di Poste Italiane è in linea con l’ESG - il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale approvato dal Consiglio di Amministrazione ad agosto 2018 - che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ...
CRONACA

Reggio Calabria. Fata Morgana: confiscato il patrimonio di Giuseppe Chirico, vicino alle cosche Tegano e Condello VIDEO

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Capo, Dott. Giovanni Bombardieri, hanno dato esecuzione alla confisca di un ingente patrimonio, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro, nonché la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. nei confronti di Giuseppe Chirico, imprenditore affermatosi nel settore della grande distribuzione alimentare con pratiche illecite e operante in stretti rapporti con le cosche di ’Ndrangheta “Tegano” e “Condello”, influenti nel mandamento “Reggio Calabria città”. Il provvedimento conferma quanto precedentemente disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino – presieduta dalla Dott.ssa Ornella Pastore – su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica – D.D.A., Dott. Stefano Musolino, con cui erano state applicate la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di beni, nonché quella personale nei confronti del medesimo soggetto. Più in particolare, il Chirico era emerso nel corso delleindagini condotte nell’ambito dell’operazione “Fata Morgana” (i cui sviluppi sono poi confluiti nel più vasto processo “Gotha”), in quanto, con il costante appoggio assicuratogli dalle potenti cosche del quartiere “Gallico”di Reggio Calabria, lo stesso aveva posto in essere tutta una serie di gravi condotte delittuose che gli avevano consentito di imporre e interporre illecitamente le proprie attività commerciali (in particolare quelle della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”) nel settore della grande distribuzione alimentare, anche all’interno del centro commerciale “Perla dello Stretto” di Villa San Giovanni (RC). Per quanto sopra, il G.I.C.O. e la Compagnia Reggio Calabria erano stati delegati dalla locale D.D.A. all’effettuazione di indagini patrimoniali e di contesto finalizzate a individuare l’intero patrimonio del proposto e del suo nucleo familiare, i cui esiti avevano consentito all’A.G. inquirente di avanzare alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale reggino una proposta di applicazione di misure di prevenzione personali e patrimoniali nei confronti dello stesso. In tal modo, le investigazioni economico-patrimoniali avevano consentito di accertare la sussistenza di una significativa sproporzione tra il profilo reddituale e il profilo patrimoniale del nucleo familiare del soggetto d’interesse anche a cagione della derivazione illecita dei redditi accumulati in qualità di “imprenditore mafioso”ricoperto da quest’ultimo, motivo per cui si era potuto sostenere come l’intero patrimonio accumulato dal Chirico derivasse dalle attività illecite dallo stesso perpetrate sotto il manto di due delle più potenti cosche reggine. Alla luce di tali risultanze, in aderenza alle ipotesi investigative delle Fiamme Gialle e della locale D.D.A., nel corso del 2017, erano state applicate nei confronti del proposto la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. e la misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di un terreno, di un veicolo, di 17 rapporti finanziari e della società “So.R.Al. – Società Reggina Alimentari di Chirico Giuseppe & C. S.a.s.”, incluse la totalità delle partecipazioni sociali e la totalità del complesso aziendale di quest’ultima, comprendente 28 tra terreni e fabbricati, 2 veicoli e 5 rapporti finanziari, per un valore complessivo di oltre 26 milioni di euro. Con l’odierno provvedimento sono intervenute la conferma dell’applicazione del provvedimento personale in questione, nonché la confisca dei beni precedentemente sequestrati, i quali sono stati così acquisiti al patrimonio dello Stato in via definitiva, con conseguente sottrazione degli stessi alla disponibilità di ambienti della criminalità organizzata reggina. Il servizio in parola testimonia ancora una volta l’elevata attenzione mantenuta dai militari in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, che, nel solco delle precise indicazioni dell’Autorità Giudiziaria reggina, continua a essere rivolta all’individuazione e alla conseguente aggressione dei patrimoni e delle disponibilità finanziarie illecitamenteaccumulati dalle consorterie criminali di stampo mafioso, allo scopo di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, con l’intento di ripristinare adeguati livelli di legalità, ...
POLITICA

Saverio Pazzano: 'Abbiamo chiesto la convocazione straordinaria di un Consiglio Comunale sull'emergenza Covid in città"

Reggio Calabria. È del tutto evidente che alla situazione sanitaria si sta aggiungendo una “pandemia ...
CRONACA

Reggio Calabria. 'Ndrangheta: processo "Ares", 54 condanne e 5 assoluzioni

Reggio Calabria. Si é concluso con 54 condanne e cinque assoluzioni il processo, celebrato col rito abbreviato davanti al Gup di Reggio Calabria, Domenico Armaleo, nato dall'operazione antimafia ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

ASPETTANDO IL TG
E' TUTTO CINEMA
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
SUONAVA L'ANNO
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.30

Strettamente Personale

Ore 21.40

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
  • L’ascensore del G. O. M.
  • Limite di velocita’
  • Mancanza di acqua
  • Spazzatura a Santa Caterina
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress