Operazione 'Stammer' contro narcotraffico dei clan: chiesti 448 anni carcere
CRONACA

I cartelli calabresi del narcotraffico avrebbero trattato con i colombiani sino ad 8 mila chili di cocaina, arrivata via mare

Operazione 'Stammer' contro narcotraffico dei clan: chiesti 448 anni carcere

Pene per complessivi 448 anni di reclusione sono stati chiesti dal pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, Camillo Falvo, per 39 imputati del processo con rito abbreviato nato dall'operazione "Stammer" contro il narcotraffico internazionale di cocaina dal Sud America scattata nel gennaio dello scorso anno.
Le richieste di condanna piu' pesanti, dai 15 ai 20 anni di reclusione, sono state chieste per gli esponenti dei clan Fiare' di San Gregorio d'Ippona, Pititto di Mileto e Ventrici di San Calogero, tutti in provincia di Vibo Valentia. Imputati anche esponenti dei clan di Rosarno (Reggio Calabria), Mesoraca (Crotone) e Lamezia Terme (Catanzaro). I cartelli calabresi del narcotraffico - con basi in mezza Italia - avrebbero trattato con i colombiani sino ad 8 mila chili di cocaina, arrivata via mare ed anche via aerea.

L’operazione antidroga denominata “STAMMER”, condotta, sotto l’egida della Procura di Catanzaro, dalle Fiamme Gialle della Sezione G.O.A. del GICO di Catanzaro, con la cooperazione della National Crime Agency inglese (N.C.A.) e della Polizia Colombiana, e l’indispensabile supporto del II Reparto del Comando Generale e della D.C.S.A. per le numerose attività rogatoriali, ha dimostrato come i trafficanti calabresi ricevevano disponibilità liquide anche da soggetti insospettabili, incensurati, personaggi celati dietro una facciata di liceità, spesso legata ad attività commerciali che vanno dalla ristorazione alle strutture ricettive turistico alberghiere, alle concessionarie di automobili, caseifici, bar e tabacchi, con partecipazioni anche in cantieri navali e aziende agricole, che non disdegnavano di fare affari con le potenti ‘ndrine vibonesi, tramite delle “puntate” per l’acquisto all’ingrosso della cocaina.
Il denaro destinato ai “Cartelli” veniva consegnato dai calabresi direttamente a cittadini colombiani e libanesi da anni residenti in Italia, ai quali veniva affidato il recapito in Sudamerica. L’inchiesta svolta dalle unità specializzate del Nucleo P.T./G.I.C.O. ha, così, consentito di identificare tutti i soggetti coinvolti, ognuno con un ruolo ben preciso: dai finanziatori ai mediatori, dai traduttori a coloro che avevano il compito di ospitare gli emissari dei narcos colombiani, più volte giunti nel nostro Paese ed ospitati per lunghi periodi nel vibonese.
L’intera operazione ha permesso di infliggere all’organizzazione rilevanti perdite economiche, sia sotto il profilo dei capitali investiti che dei mancati guadagni: la droga complessivamente sequestrata, una volta lavorata ed immessa in commercio, avrebbe fruttato all’organizzazione oltre 1 miliardo e 600 milioni di euro (€. 1.600.000.000) una volta raggiunte le piazze di spaccio.
Attraverso articolazioni investigative in seno al Nucleo P.T./GI.C.O., infatti, si è proceduto a verificare per ciascun soggetto la presenza di sproporzione tra i redditi dichiarati e le possidenze intestate procedendo, al fine di scongiurare la dispersione dei patrimoni, al sequestro dei beni non giustificati. Affari d’oro che i clan avrebbero protetto anche con la forza, come testimoniato dalle armi a disposizione di alcuni dei fermati, personaggi che in più circostanze ostentavano disponibilità di kalashnikov e pistole di diverso calibro.

Clan calabresi assolutamente a loro agio nel contrattare direttamente con i “Cartelli Sudamericani” l’importazione di 8.000 chili di cocaina: partita questa che verrà sequestrata in Colombia, già stoccata e nascosta in una piantagione di banane non distante dal porto di Turbo, mentre in Italia, nel porto di Livorno, le Fiamme Gialle sequestravano il cosiddetto “carico di prova”, consistente in 63 chilogrammi di cocaina pura, occultata all’interno di cartoni contenenti banane.
Nel corso dell’indagine è stato possibile ricostruire un progetto, poi non realizzato, di trasporto di ingenti quantitativi di cocaina a mezzo aereo utilizzando come scalo d’arrivo l’aeroporto internazionale di Lamezia Terme oltre che l’impiego di motonavi con locali tecnici opportunamente modificati per accogliere il carico, da esfiltrare una volta arrivato a destinazione mediante l’impiego di sommozzatori all’interno di un’area portuale italiana. Il sodalizio criminale, non solo poteva contare sulle descritte entrature nel florido mercato sud americano per l’approvvigionamento della cocaina a prezzi assolutamente concorrenziali, ma era capace di tessere continui collegamenti con le floride “piazze” spagnole ed olandesi.

Lucia Laface
13-03-2018 10:09

NOTIZIE CORRELATE


19-11-2018 - CRONACA

'Ndrangheta. Processo "Atlantide": 5 condanne e un'assoluzione

Cade l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa per l'ex responsabile del Sert di Polistena Elio De Leo
01-11-2018 - CRONACA

'Ndrangheta, processo "Aemilia": 2 anni a Vincenzo Iaquinta e 19 al padre. Lo sfogo del calciatore: "Sentenza vergognosa. Ridicoli"

Per l'ex attaccante della Juventus e della Nazionale campione del Mondo la Dda aveva chiesto sei anni
20-07-2018 - CRONACA

'Ndrangheta, "Kalanè". Accusati di omicidio e due tentati omicidi: il Gup assolve gli imputati al processo

Sul banco degli accusati anche l'ex pentito Giuseppe Greco morto un mese fa in carcere
03-07-2018 - CRONACA

Caso Miramare. Il Sindaco e buona parte della Giunta di Reggio Calabria rischiano il processo

Dovranno comparire dinnanzi al giudice dell'udienza preliminare il prossimo 17 settembre
20-06-2018 - POLITICA

"Bandafalò". Ennesimo rinvio al processo d'appello, continua l'attesa per Giovanni Siclari

Eletto un anno fa resta però sospeso dall'incarico di Sindaco di Villa San Giovanni

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio, confiscati beni ad esponente della cosca Alampi

Militari del Nucleo Investigativo reggino hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro di beni riconducibili al patrimonio di PALUMBO MATTEO (Reggio Calabria, cl. 70), soggetto indiziato di appartenere alla cosca “ALAMPI”, attiva nel ...
CRONACA

Confisca di beni ad esponente della cosca Iamonte

Ieri mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione al decreto di sequestro di beni mobili e finanziari riconducibili al patrimonio di COSTARELLA Andrea Domenico (Melito Porto Salvo, cl. 79), soggetto indiziato di ...
ATTUALITA'

Carabinieri, dopo oltre 34 anni di permanenza nell'Arma il luogotenente Benedetto lascia il servizio

Dopo oltre 34 anni di permanenza nell’Arma dei Carabinieri, oggi il luogotenente Filippo Benedetto lascia il servizio attivo. Arruolatosi ...
CRONACA

E' morto Antonio Megalizzi, il giornalista di origini calabresi ferito nell'attentato di Strasburgo

E' morto Antonio Megalizzi, il giornalista 29enne ferito martedì sera nell'attentato di Strasburgo. La notizia della morte del cronista, ...
ATTUALITA'

Lazzaro, strada per Comunia: i vigili del Fuoco certificano il movimento franoso probabilmente per infiltrazioni di acqua

Dal rapporto d’intervento di soccorso dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria acquisito a seguito di richiesta ...
ATTUALITA'

"Il Comune non rispetta i patti sottoscritti e non paga le spettanze dei Centri socioeducativi per minori disabili"

Reggio Calabria. Come ogni anno ormai, è consuetudine di questa Amministrazione Comunale non erogare nel periodo natalizio ...
CRONACA

Morte Megalizzi, Siclari (FI): "Lacrime e una promessa, non vinceranno loro"

Reggio Calabria. "Voglio esprimere tutto il mio dolore, da padre, da calabrese, da italiano, da europeo e da uomo delle istituzioni, per la morte di Antonio, giornalista, mio conterraneo, ucciso durante ...
CRONACA

Falcomatà: "Profondo cordoglio per la morte di Antonio. Reggio Calabria è in lutto"

Reggio Calabria. "È un momento di tristezza e di profondo cordoglio. Reggio Calabria è in lutto. La Città si unisce al dolore della famiglia Megalizzi ed esprime la ...
SPORT

Basket, Tonino Zorzi presenta il libro "La mia Itaca"

Reggio Calabria. Sarà un pomeriggio di grandi emozioni quello che gli amanti del basket si apprestano a vivere a Reggio Calabria lunedì prossimo, 17 dicembre, nella sala Monteleone del Consiglio Regionale (inizio previsto per le 16.00). ...
CRONACA

Calcio Lega Pro, a gennaio 2019 prenderà il via il "Progetto 3P"

Reggio Calabria. Con l’avvio del girone di ritorno del Campionato Nazionale di Lega Pro nel mese di gennaio 2019 prenderà l’avvio una nuova edizione del Progetto 3P (Patto-Passione-Partecipazione) fortemente ...
ATTUALITA'

Bovini vaganti nei territori della piana, continua l'impegno della Prefettura

Reggio Calabria. Resta alto l’impegno della Prefettura sulla problematica relativa alla presenza di animali vaganti nei territori della piana. Nelle giornate del 7 e del 10 dicembre scorsi, nel ...
ATTUALITA'

Reggio, Confesercenti: "Corso Garibaldi incantevole ma le altre vie del Centro Storico sono abbandonate"

Vogliamo fare un plauso all’Amministrazione Comunale che quest’anno consegna alla città, per il Natale, un Corso Garibaldi addobbato ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SU IL SIPARIO!
E' TUTTO CINEMA
SMASHITS
I migliori videoclip musicali del momento con il brio del Vj Filippo Lopresti
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
Hermes
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Nuova piscina comunale.
  • Schifo in piazza zerbi
  • Mancata pulizia caditoia
  • Certi cittadini campioni di incivilta’
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
Basta vittime 106
idomotica