Traffico internazionale di droga tra Albania e Italia, arresti anche in Calabria
CRONACA

Nel complesso sono stati sequestrati oltre 2300 chilogrammi di droga tra marijuana, cocaina ed eroina

Traffico internazionale di droga tra Albania e Italia, arresti anche in Calabria

Nella nottata odierna in Albania ed in Italia il Centro Operativo D.I.A. di Bari, con l’ausilio in fase esecutiva dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, dei Centri e Sezioni Operativi D.I.A. di Roma, Napoli, Reggio Calabria, Catania, Lecce, Catanzaro, Salerno e Bologna, nonché di Interpol, dell’Ufficio di Collegamento Interforze di Tirana e della Polizia Albanese, nell’ambito dell’Operazione SHEFI condotta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Bari, ha eseguito una misura cautelare personale nei confronti di 43 persone responsabili, a vario titolo, del reato di traffico internazionale di ingentissimi quantitativi di sostanze stupefacenti.
I provvedimenti restrittivi sono il risultato di complesse e articolate indagini effettuate dal Centro Operativo D.I.A. di Bari, tra maggio 2016 e gennaio 2017, che hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di soggetti, sia italiani che di etnia albanese, appartenenti a due potenti e distinte organizzazioni criminali, operanti in Bari e provincia, con ramificazioni, oltre che in Albania, in Sicilia, Campania, Calabria e Abruzzo.
Le indagini hanno consentito di accertare che entrambe le organizzazioni criminali avevano una comunanza di interessi in Italia con organizzazioni delinquenziali pugliesi deputate a compiti logistici ed in Albania con organizzazioni criminali di quello Stato deputate alla produzione, al confezionamento, allo smistamento ed al trasferimento dello stupefacente sull’asse Albania-Puglia-Territorio Nazionale.
Nel complesso sono stati sequestrati oltre 2300 chilogrammi di droga tra marijuana, cocaina ed eroina sottraendo alle associazioni criminali proventi stimati in oltre 15 milioni di euro per un totale di circa 7 milioni di dosi singole ricavabili dallo spaccio al dettaglio.
Gli Investigatori della D.I.A., relativamente agli ingentissimi quantitativi di sostanza stupefacente, hanno monitorato l’approvvigionamento sempre avvenuto in Albania, il trasporto internazionale sempre avvenuto “via mare” utilizzando natanti appositamente equipaggiati sull’asse “Albania-Puglia”, lo sbarco sempre avvenuto in stretta sinergia con le organizzazioni criminali pugliesi, i depositi ubicati in Bari e Provincia, il trasporto sull’asse “Puglia-territorio nazionale” effettuato “via terra” da corrieri italiani con “veicoli staffetta”, i destinatari identificati in soggetti domiciliati, oltre che in Puglia, in Sicilia, Campania, Calabria e Abruzzo.
La D.I.A, nel quartiere Carrassi della città di Bari ove è stato localizzato un deposito per lo stoccaggio dello stupefacente, ha individuato un cittadino albanese, considerato al vertice di una delle due organizzazioni criminali, in grado di avvalersi di pluripregiudicati italiani, alcuni dei quali condannati per associazione di tipo mafioso, impiegati quali custodi e corrieri “all’ingrosso” dello stesso stupefacente proveniente dall’Albania.
Le complesse indagini, effettuate con intercettazioni telefoniche, ambientali, video-riprese e servizi di osservazione pedinamento e controllo, hanno permesso, tra l’altro, di arrestare “in mare” a Polignano – con il prezioso supporto del Reparto Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari - due scafisti provenienti dall’Albania con oltre una tonnellata di stupefacente, fermare a Bari Carrassi un corriere italiano con un furgone carico di oltre mille chili di marijuana sbarcata poco prima a Torre a Mare dall’Albania, intercettare in autostrada a Grottaminarda ed a Vasto due corrieri italiani mentre trasportavano 13 chili di stupefacente destinato a Salerno ed a Tortoreto (Te), arrestare due corrieri albanesi con 8 chili di stupefacente a Scicli (Rg) dopo essere scesi da un autobus proveniente da Bari, individuare un altro deposito a Mola di Bari all’interno del quale sono stati sequestrati oltre cinquanta chili di droga, ivi compreso un panetto di cocaina purissima.
Il Giudice per le Indagini Preliminari, dott. Roberto Oliveri del Castillo, accogliendo le risultanze investigative della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nel riconoscere - tra l’altro - la sussistenza dell’aggravante della “transnazionalità” del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, ha evidenziato come “la disponibilità e l’importazione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente, denotava l’inserimento dei personaggi coinvolti nei reati in contesti associativi di primissimo spessore. E’, infatti, noto che per poter disporre di diversi chili di sostanza stupefacente si devono avere canali di approvvigionamento ben collaudati ed efficienti che solo i narcotrafficanti di rilievo posseggono. Così come è altrettanto noto, che per ottenere importare grossi quantitativi addirittura superiori ai mille chilogrammi di marijuana “all’ingrosso” bisogna avere credenziali nel mondo della criminalità e avere la disponibilità di contante derivante da attività di spaccio. In altri termini, si tratta di professionisti del traffico di stupefacente.”
L’esecuzione simultanea dell’importante operazione internazionale della D.I.A. in Albania ed in Italia è stata resa possibile anche grazie alla Squadra Investigativa Comune, organismo di cooperazione giudiziaria e di polizia, istituita il 10 luglio 2017 a Tirana tra la Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, la Procura per i Reati Gravi Albanese ed Eurojust (Organismo – con sede all’Aja - che sostiene la cooperazione giudiziaria nella lotta contro le forme gravi di criminalità trasnazionale).
La S.I.C., che consente al personale della Direzione Investigativa Antimafia di Bari ed al personale della Polizia Albanese di effettuare approfondimenti investigativi, riguardanti i crimini transnazionali, in maniera coordinata direttamente all’estero e senza attivare le complesse procedure rogatoriali, ha operato avvalendosi del fondamentale ruolo di coordinamento internazionale assicurato dalla Direzione Nazionale Antimafia ed Antiterrorismo.
I provvedimenti cautelari - nei confronti di 20 italiani, 21 albanesi e 2 Rumeni - sono stati eseguiti in Albania (in esecuzione di un mandato d’arresto internazionale) e nelle province di Bari, Bat, Brindisi, Potenza, Bologna, Salerno, Ragusa e Teramo.
14-03-2018 12:34

NOTIZIE CORRELATE


17-10-2018 - CRONACA

Controlli dei Carabinieri nella Locride: 2 arresti e 4 denunce

Negli ultimi giorni numerose pattuglie dei Carabinieri hanno effettuato perquisizioni domiciliari, veicolari e personali
15-10-2018 - CRONACA

'Ndrangheta. Estorsioni e spaccio: 15 arresti nel varesotto

L'indagine dei militari è iniziata dopo il tentato suicidio di una vittima di estorsione e debiti di droga
13-10-2018 - CRONACA

Controlli nella Piana di Gioia Tauro: 2 arresti

due soggetti responsabili dei reati di bancarotta fraudolenta, furto aggravato di energia elettrica ed altri reati
11-10-2018 - CRONACA

Reggio, le Volanti della Polizia eseguono 5 arresti e una denuncia in 24 ore

I reati contestati vanno da quelli predatori, allo spaccio di sostanze stupefacenti all'evasione dagli arresti domiciliari
11-10-2018 - CRONACA

Cinquefrondi: rubano 40kg di mandarini in un fondo agricolo privato, 3 arresti FOTO

La frutta è stata restituita alla proprietaria del fondo

ULTIME NEWS

CRONACA

Sospette infiltrazioni della 'ndrangheta, disposto accesso antimafia a Sinopoli e Palizzi

Reggio Calabria. Doppio accesso ispettivo antimafia in due comuni della provincia di Reggio Calabria. A disporlo, su delega del prefetto Michele di Bari, il Ministro ...
ATTUALITA'

Enti sciolti per 'ndrangheta. A Rizziconi si tornerà a votare il 21 ottobre

Rizziconi (Reggio Calabria). La Prefettura di Reggio Calabria rende noto che le operazioni di voto per l'elezione diretta del sindaco e del Consiglio comunale di Rizziconi, si svolgeranno domenica 21 ...
SPORT

Questa Reggina non molla mai. In 10 uomini strappa un punto a Potenza. Decisiva una magia di Sandomenico

Potenza. Più forti delle difficoltà. La Reggina di Cevoli dimostra di avere un cuore grande così. Nonostante il pochissimo tempo a ...
CRONACA

Reggio, sequestrati beni immobili e finanziari al nipote del boss Chirico assassinato nel 2010

Reggio Calabria. Nella mattinata odierna, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione al decreto di sequestro di beni immobili e ...
SPORT

Reggina-Francavilla si giocherà lunedì 22 al Luigi Razza di Vibo Valentia

Reggina-Francavilla si giocherà lunedì a Vibo. La Lega, vista la comunicazione delle autorità competenti, ha disposto che la gara indicata in oggetto venga posticipata a LUNEDI’ 22 ...
CRONACA

Catanzaro, sequestrati beni per un valore di oltre 14 mln di euro nei confronti di soggetti contigui a diverse cosche di 'ndrangheta

I Finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, coordinati dal procuratore della Repubblica, ...
CRONACA

Caso Riace. All'alba Mimmo Lucano ha lasciato il suo paese

Riace (Reggio Calabria). Ha lasciato Riace poco dopo le 6 di stamattina Domenico Lucano, il sindaco sospeso per il quale ieri il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari, disponendo però nei suoi ...
ATTUALITA'

Reggio, Caracciolo (FI) su trasporto disabili maggiorenni: Comune se ci sei batti un colpo!

Ancora nessuna risposta da Palazzo San Giorgio sulla mancata attivazione del servizio di trasporto verso i centri di riabilitazione e/o socio educativi dei disabili maggiorenni, ...
CRONACA

Caso Riace, revocati i domiciliari per Mimmo Lucano

Reggio Calabria. Sono stati revocati gli arresti domiciliari per Mimmo Lucano, il primo cittadino di Riace arrestato lo scorso 2 ottobre nell'ambito dell'inchiesta "Xenìa" della Procura della Repubblica di Locri. Lucano doveva ...
ATTUALITA'

"No al razzismo di Stato": In 600 in piazza per manifestare solidarietà a Mimmo Lucano VIDEO

Reggio Calabria. ...
ATTUALITA'

Sorical, ripresa l'erogazione dell'acquedotto Tuccio: riavviato il servizio idrico a Reggio sud

Sono stati completati stasera i lavori di ripristino dell’erogazione idrica dell’acquedotto Tuccio. Sorical, alle ore 19, ha riavviato il servizio idrico ...
ATTUALITA'

Reggio, torna al MArRC l'iscrizione ebraica del III secolo d.C.

Una data non casuale, quella scelta dal Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, per il ritorno in esposizione dell’epigrafe marmorea con iscrizione Ioudaion, per alcuni mesi concessa in prestito al Museo Nazionale ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
ASPETTANDO IL TG
CHISTI SIMU
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Fuorigioco

ADNKRONOS ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Mancata pulizia caditoia
    • Certi cittadini campioni di incivilta’
    • Degrado di una citta’
    • problema orti
    • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
    • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    viola
    idomotica
    Basta vittime 106
    Italpress