'Ndrangheta. Accusati di aver favorito le cosche Tegano e Condello: 6 arresti a Reggio Calabria [VIDEO]
CRONACA

Operazione della DIA, sequestrate anche 5 imprese riconducibili agli indagati

'Ndrangheta. Accusati di aver favorito le cosche Tegano e Condello: 6 arresti a Reggio Calabria VIDEO

Reggio Calabria. Nella giornata odierna gli investigatori della Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, coadiuvati da personale in forza alle articolazioni DIA di Palermo, Caltanissetta, Agrigento, Catania e Messina, hanno eseguito una ordinanza applicativa di misure cautelari con contestuale decreto di sequestro preventivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, Dottor Domenico Santoro, su richiesta della Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia - nell’ambito dell’operazione denominata “THALASSA”.
Le indagini condotte dalla DIA di Reggio Calabria, sotto la direzione del Sostituto Procuratore della DDA, dott. Stefano MUSOLINO, ed il coordinamento del Procuratore della Repubblica, dott. Gaetano Calogero PACI, hanno portato alla luce l’attività illecita di soggetti ritenuti appartenenti alle cosche di ‘ndrangheta TEGANO e CONDELLO, operanti nei quartieri di Archi e Gallico alla periferia nord della città di Reggio Calabria.
Il sodalizio, attraverso la gestione “di fatto” di alcune imprese, si era infiltrato nell’esecuzione di appalti e lavori edili acquisendone il pieno controllo e condizionandone l’ordinaria attività. Ciò consentiva, altresì, di beneficiare di ingenti vantaggi economici da poter utilizzare per finanziare ulteriori attività economiche di interesse delle cosche.
In particolare, l’attività investigativa ha fatto piena luce sulle vicende relative alla edificazione del “Complesso Immobiliare Thalassa” da parte della società TEGRA COSTRUZIONI Srl, rivelatasi in concreto un mero schermo finalizzato a nascondere l’interesse delle cosche “arcote” nell’edificazione e nella successiva gestione della vendita dei fabbricati, insistenti nel predetto complesso immobiliare.
Infatti, gli amministratori della TEGRA Srl hanno ceduto agli esponenti delle cosche TEGANO e CONDELLO la selezione della gran parte delle imprese fornitrici e dei compratori degli immobili, ottenendo in cambio la garanzia derivante dalla protezione delle cosche, nonché l’ampliamento dei propri interessi imprenditoriali attraverso la gestione, in una porzione del complesso, di una attività ricettiva.
La dimostrazione di questo assunto emerge, in tutta evidenza, nella ricostruzione delle trattative per l’acquisto di una consistente porzione del fabbricato da adibire a punto vendita di una società operante nel settore della grande distribuzione alimentare. Tali accordi erano stati definiti, in tutti i dettagli, tra gli amministratori della società acquirente, già a loro volta coinvolti nel procedimento penale SISTEMA-ASSENZIO, ed esponenti di spicco delle richiamate cosche, occultati dietro il paravento della società TEGRA Srl per eludere la possibile applicazione di misure di prevenzione patrimoniali.
La ricostruzione investigativa, in definitiva, ha palesato l’ampia operatività di soggetti che si sono resi responsabili di plurimi atti di concorrenza sleale attiva e passiva (estorsioni ed intimidazioni), attraverso i quali riuscivano a condizionare l’andamento delle imprese edili, agevolando quelle che costituivano diretta espressione della ‘ndrangheta, ovvero quelle che operavano in maniera strumentale agli interessi della criminalità organizzata.
L’organizzazione criminale si è avvalsa anche della “disponibilità” di pubblici dipendenti che hanno posto in essere condotte contrarie ai propri doveri d’ufficio.
Nello specifico, il responsabile pro tempore dello Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Reggio Calabria ha rilasciato permessi a costruire ed autorizzato successive varianti in maniera illegittima, in violazione di quanto previsto dagli strumenti urbanistici vigenti.
Il Giudice per le Indagini Preliminari, ritenendo sussistenti gravi indizi di colpevolezza, nonché le esigenze cautelari connesse al pericolo di inquinamento probatorio ed all’attualità ed assoluta concretezza del rischio di reiterazione dei reati, ha disposto le seguenti misure:
custodia cautelare in carcere nei confronti di VAZZANA Andrea (classe 1967), VAZZANA Francesco (classe 1970) e POLIMENI Francesco (classe 1964), in ordine ai delitti di associazione di tipo mafioso ed illecita concorrenza con minaccia o violenza, aggravati dall’aver commesso i reati nel periodo e nei tre anni successivi all’esecuzione nei loro confronti della sorveglianza speciale di PS divenuta definitiva;
custodia cautelare in carcere nei confronti di POSTORINO Demetrio (classe 1957) e POSTORINO Salvatore (classe 1955), in ordine ai delitti di associazione di tipo mafioso, illecita concorrenza con minaccia o violenza ed estorsione aggravata;
custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di RICHICHI Francesco (classe 1969), in ordine al delitto di estorsione aggravata.


Altre 17 persone risultano indagate, a vario titolo, per i reati di associazione di tipo mafioso, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, reati contro la pubblica amministrazione.
Con la stessa ordinanza, è stato disposto il sequestro preventivo di cinque imprese (2 ditte individuali e tre società di capitali) riconducibili agli arrestati, in considerazione dei più che concreti e significativi elementi di collegamento emersi fra la gestione delle imprese e la realizzazione degli scopi dell’associazione criminale di tipo mafioso.

Sono stati ritenuti sussistenti, anche in questo caso, tanto i presupposti per poter disporre il sequestro finalizzato alla confisca dei beni che costituiscono il prodotto, il profitto o oggetto dell’impiego del delitto associativo, quanto il concreto pericolo che la libera disponibilità delle aziende possa agevolare la commissione di altri delitti, anche della medesima specie.
Il valore complessivo delle imprese sottoposte a sequestro, che verranno affidate alla gestione di un amministratore giudiziario, ammonta ad 11 milioni di euro.


10-05-2018 07:08

NOTIZIE CORRELATE


18-10-2018 - ATTUALITA'

Scuola. Sicurezza edifici: buona performance di Cosenza, male Reggio Calabria

E' quanto emerge dal rapporto Ecosistema Scuola 2018 di Legambiente
18-10-2018 - ATTUALITA'

Contrasto al gioco d'azzardo, alla Calabria destinati oltre 1 milione e 600 mila euro

Parere positivo dalla Conferenza delle Regioni al decreto che ripartisce il Fondo di 100 milioni complessivi
18-10-2018 - CRONACA

Gioia Tauro. La Polizia interviene per una lite in famiglia, ma arresta coppia per furto aggravato di energia elettrica

Nonostante non vi fossero contatori Enel, in casa erano in funzione diverse apparecchiature elettriche
18-10-2018 - CRONACA

Reggio, sgomberato un immobile sito in via Paolo Pellicano confiscato a un noto imprenditore e destinato ai Carabinieri

"Dare un segnale molto forte nella lotta alla criminalità organizzata - ha affermato il Prefetto di Bari -  è fondamentale"

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Riace. Lucano: "Non faccio un passo indietro e accetto l'invito di De Magistris"

Riace (Reggio Calabria). "Non faccio un passo indietro e accetto con il cuore l'invito del sindaco de Magistris" di recarmi in questi giorni a Napoli. Lo ha detto il sindaco di Riace, ...
CRONACA

Fusto sospetto spiaggiato a Roccelletta di Borgia

Roccelletta di Borgia (Catanzaro). Un fusto sospetto è stato rinvenuto questa mattina sulla spiaggia di Roccelletta nel Comune di Borgia. Sul posto è intervenuta una squadra dei vigili del fuoco del Comandoi provinciale di Catanzaro con il ...
CRONACA

Sospette infiltrazioni della 'ndrangheta, disposto accesso antimafia a Sinopoli e Palizzi

Reggio Calabria. Doppio accesso ispettivo antimafia in due comuni della provincia di Reggio Calabria. A disporlo, su delega del prefetto Michele di Bari, il Ministro ...
ATTUALITA'

Enti sciolti per 'ndrangheta. A Rizziconi si tornerà a votare il 21 ottobre

Rizziconi (Reggio Calabria). La Prefettura di Reggio Calabria rende noto che le operazioni di voto per l'elezione diretta del sindaco e del Consiglio comunale di Rizziconi, si svolgeranno domenica 21 ...
SPORT

Questa Reggina non molla mai. In 10 uomini strappa un punto a Potenza. Decisiva una magia di Sandomenico

Potenza. Più forti delle difficoltà. La Reggina di Cevoli dimostra di avere un cuore grande così. Nonostante il pochissimo tempo a ...
CRONACA

Reggio, sequestrati beni immobili e finanziari al nipote del boss Chirico assassinato nel 2010

Reggio Calabria. Nella mattinata odierna, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione al decreto di sequestro di beni immobili e ...
CRONACA

Controlli dei Carabinieri nella Locride: 2 arresti e 4 denunce

Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Locri ed effettuati tramite le compagnie di Bianco, Locri e Roccella Jonica, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati ...
SPORT

Reggina-Francavilla si giocherà lunedì 22 al Luigi Razza di Vibo Valentia

Reggina-Francavilla si giocherà lunedì a Vibo. La Lega, vista la comunicazione delle autorità competenti, ha disposto che la gara indicata in oggetto venga posticipata a LUNEDI’ 22 ...
CRONACA

Catanzaro, sequestrati beni per un valore di oltre 14 mln di euro nei confronti di soggetti contigui a diverse cosche di 'ndrangheta

I Finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, coordinati dal procuratore della Repubblica, ...
CRONACA

Caso Riace. All'alba Mimmo Lucano ha lasciato il suo paese

Riace (Reggio Calabria). Ha lasciato Riace poco dopo le 6 di stamattina Domenico Lucano, il sindaco sospeso per il quale ieri il Tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari, disponendo però nei suoi ...
ATTUALITA'

Reggio, Caracciolo (FI) su trasporto disabili maggiorenni: Comune se ci sei batti un colpo!

Ancora nessuna risposta da Palazzo San Giorgio sulla mancata attivazione del servizio di trasporto verso i centri di riabilitazione e/o socio educativi dei disabili maggiorenni, ...
CRONACA

Caso Riace, revocati i domiciliari per Mimmo Lucano

Reggio Calabria. Sono stati revocati gli arresti domiciliari per Mimmo Lucano, il primo cittadino di Riace arrestato lo scorso 2 ottobre nell'ambito dell'inchiesta "Xenìa" della Procura della Repubblica di Locri. Lucano doveva ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

PIANETA DILETTANTI
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
RASSEGNA STAMPA
MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Fuorigioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Mancata pulizia caditoia
  • Certi cittadini campioni di incivilta’
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
  • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
  • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress
viola
Basta vittime 106