Gli interessi dei clan nel settore eolico: in 13 in manette tra imprenditori e mafiosi [FOTO/VIDEO]
CRONACA

Operazione dei Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria in tutta Italia

Gli interessi dei clan nel settore eolico: in 13 in manette tra imprenditori e mafiosi FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri, a carico di 13 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei delitti di associazione di tipo mafioso, estorsione, illecita concorrenza con violenza o minaccia e danneggiamento, aggravati dal metodo o delle finalità mafiose, e induzione indebita a dare o promettere utilità. I destinatari della misura sono:
1. EVALTO Giuseppe, cl. 63;
2. PAVIGLIANITI Antonino, cl. 65;
3. ANELLO Rocco, cl. 61;
4. ERRICO Giuseppe, cl. 54;
5. IELAPI Romeo, cl. 72;
6. MANCUSO Pantaleone, cl. 61;
7. TRAPASSO Giovanni, cl. 48;

per i quali è stata disposta la custodia cautelare in carcere e
8. D’AGOSTINO Domenico Fedele, cl. 58;
9. SCALFARO Francesco, cl. 59;
10. DI PALMA Riccardo, cl. 72;
11. FUOCO Mario, cl. 51;
12. GIARDINO Giovanni, cl.72;
13. SCOGNAMIGLIO Mario, cl. 77,

sottoposti agli arresti domiciliari.
Il provvedimento odierno costituisce l’esito di un’articolata attività d’indagine avviata nel 2012 dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Reggio Calabria, sotto la direzione della locale Direzione Distrettuale Antimafia, con il coordinamento del Procuratore Aggiunto Giuseppe Lombardo e dei Sostituti Procuratori Antonio De Bernardo (oggi alla DDA di Catanzaro), Giovanni Calamita e Antonella Crisafulli, che ha accertato la sistematica infiltrazione, da parte di alcune blasonate consorterie della ‘ndrangheta, nel complesso delle opere necessarie alla realizzazione dei parchi eolici in territorio calabrese e, segnatamente, nelle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia.
Le attività investigative, prevalentemente di natura tecnica, hanno permesso di documentare l’invasivo condizionamento esercitato dalle cosche – in particolare i “PAVIGLIANITI” di San Lorenzo e Bagaladi (RC), i “MANCUSO” di Limbadi (VV), i “TRAPASSO” di Cutro (KR) e gli “ANELLO” di Filadelfia (VV) – attraverso una serie di spregiudicate attività illecite, di natura prevalentemente estorsiva, perseguite in ogni fase della realizzazione dei parchi eolici.
Dagli approfondimenti svolti dai Carabinieri è emerso, in particolare, il ruolo ricoperto da EVALTO Giuseppe, imprenditore di Pizzo Calabro (VV) del settore trasporti ritenuto affiliato ai “MANCUSO” di Limbadi: in quanto contemporaneamente imprenditore e collettore degli interessi delle consorterie, rappresenta una figura “cerniera” in grado di relazionarsi con le due realtà – quella criminale e quella imprenditoriale – e di riuscire ad imporre alle società impegnate nella realizzazione dei parchi eolici l’affidamento, a favore di ditte colluse o compiacenti, dei lavori collegati alla realizzazione delle opere.
Le indagini hanno fatto luce su numerosi episodi estorsivi, sia in danno delle società multinazionali impegnate nella realizzazione dei parchi (Gamesa, Vestas, Nordex), che sottostavano all’imposizione del pagamento del “pizzo” liquidando alle ditte segnalate da EVALTO compensi per prestazioni sovrafatturate o mai eseguite, sia in danno delle imprese appaltatrici non colluse, costrette a corrispondere alle cosche una percentuale sull’importo delle opere da eseguire e, talvolta, anche a garantire l’esecuzione di lavori commissionati alle ditte mafiose, alle quali le imprese appaltanti versavano il corrispettivo economico.
Gli impianti su cui si sono focalizzate le attenzioni degli investigatori sono quelli di Piani di Lopa- Campi di Sant’Antonio, nella provincia di Reggio Calabria, il parco eolico di Amaroni, nella provincia di Catanzaro, il parco eolico di San Biagio e quello di Cutro, nella provincia di Crotone.
Con riferimento al territorio della provincia reggina dalla quale sono state avviate le indagini, gli imprenditori interessati dovevano interfacciarsi con PAVIGLIANITI Antonino, elemento di spicco dell’omonima cosca, egemone nei comuni di San Lorenzo e Bagaladi (RC), mentre i parchi eolici catanzaresi e crotonesi ricadevano nella sfera di influenza di altre due famiglie, quella dei “MANCUSO” di Limbadi e quella dei “TRAPASSO” di Cutro. Infine, riguardo agli insediamenti delle alte serre calabresi, gli “interlocutori” erano rappresentati dagli “ANELLO” di Filadelfia.
Nel gestire l’affare eolico, i sodalizi di ‘ndrangheta coinvolti, ancorché appartenenti a diversi contesti territoriali, si sono dimostrati tra loro fortemente coesi ed in grado di instaurare una proficua collaborazione in nome del comune profitto generato dal business delle energie alternative.
Tra i destinatari dell’ordinanza cautelare anche un amministratore pubblico, Sindaco di Cortale (CZ), tuttora in carica, SCALFARO Francesco, che a fronte del suo benestare alla realizzazione di alcuni interventi stradali nel territorio del Comune, aveva preteso l’assunzione di operai da lui indicati: il mancato esaudimento della richiesta aveva determinato la provvisoria chiusura di un nevralgico tratto di strada, causando, in tal modo, onerosi ritardi al cronoprogramma dei lavori.
Alla luce delle complessive risultanze investigative, insieme alle misure cautelari personali è stato eseguito il sequestro preventivo delle seguenti società – con relativi patrimoni aziendali, quote sociali e conti correnti – riconducibili agli odierni indagati:
1. AUTOTRASPORTI F.E. S.R.L. con sede a Pizzo (VV);
2. LA MOLISANA TRASPORTI s.r.l., con sede a Guardiaregia (CB);
3. PAVIGLIANITI S.r.l. con sede a Reggio Calabria;
4. DITTA IELAPI Romeo, con sede in Filadelfia (VV);
5. HIPPONION GLOBAL SECURITY SERVICE, con sede a Vibo Valentia (VV);
6. Hotel “ULISSE RISTORANTE NAUSICAA DAL 1972”, sito in Maida (CZ).
12-07-2018 07:01

NOTIZIE CORRELATE


16-02-2019 - CRONACA

Giovane migrante morto a San Ferdinando, Cgil e Flai Calabria: "Precise responsabilità politiche e istituzionali"

Lunedì le sigle sindacali terranno una conferenza stampa a Gioia Tauro
16-02-2019 - ATTUALITA'

Reggio, bollette idriche 'salate' zona Archi: Forza Italia chiede lo sconto del 50%

Le bollette non tengono conto dell'ordinanza di non potabilità dell'acqua del 2012
16-02-2019 - ECONOMIA

Coldiretti: Sos pastori, a Reggio Calabria arriva il primo Pecorino Day

Iniziative a sostegno dei pastori nel mercato di Campagna Amica in Piazza Carmine
16-02-2019 - ATTUALITA'

Addio Dottor Filippo Zema, amico dei bambini VIDEO

Grave perdita per la città di Reggio Calabria. Lo stimato professionista era molto stimato per la sua dedizione verso il prossimo

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Scopelliti ottiene la semilibertà, lavorerà in cooperativa

Reggio Calabria. Giuseppe Scopelliti, 52 anni, già sindaco di Reggio Calabria dal 2002 al 2010 ed ex presidente della Giunta regionale della Calabria dal 2010 al 2014, del Pdl, ha ottenuto il beneficio della semilibertà dal ...
ATTUALITA'

Lutto nel sindacato reggino. La CISL saluta Mimmo Serranò

Reggio Calabria. “Se ne è andato in silenzio, senza rumore, come era solito fare quando lasciava una riunione, un’assemblea con i lavoratori, un convegno. Mai una nota alta o stonata, sempre attento a non ferire il suo ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria, bolletta acqua: analisi di un'utenza

È giunta in questi giorni nelle case dei reggini la bolletta dell’acqua. È scattato subito qualche allarme sia per la cifra eccessiva da pagare sia perché alcuni servizi inclusi nella fattura non sono stati realmente erogati. ...
CRONACA

Rogo alla tendopoli di San Ferdinando, il profilo della vittima

Stanotte, presso la vecchia Tendopoli di San Ferdinando, si è sviluppato un incendio di vaste proporzioni le cui cause sono in corso di accertamento. Durante le operazione di spegnimento delle fiamme da parte dei Vigili del ...
CRONACA

Faida cosche Commisso - Costa, fatta luce su un omicidio avvenuto a Siderno nel 1988

Reggio Calabria. All’esito di articolate indagini condotte dalla Squadra Mobile reggina, sotto le direttive della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di ...
CRONACA

Incendio baraccopoli San Ferdinando. Le misure adottate al vertice convocato dal Prefetto

Nella notte tra il 15 e il 16 febbraio, verso mezzanotte circa, un nuovo incendio, ha interessato l’insediamento dei migranti, la cosiddetta baraccopoli, ricadente nella ...
CRONACA

San Ferdinando. Nuovo incendio nel ghetto della vergogna: muore 29enne senegalese

San Ferdinando (Reggio Calabria). È ancora emergenza alla tendopoli di San Ferdinando Ferdinando. Un incendio le cui cause sono ancora in corso d’accertamento, sviluppatosi tra le ...
CRONACA

'Ndrangheta. Latitante da un anno, si nascondeva nel cosentino: arrestato Francesco Strangio FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. Questa notte i Carabinieri del Comando ...
ATTUALITA'

Porto di Gioia Tauro, il Senatore Siclari interroga il Ministro sui licenziamenti e chiede apertura di un tavolo tecnico

«La crisi del Porto di Gioia Tauro è sotto gli occhi di tutti. Pur trattandosi di una delle più ...
ATTUALITA'

Arghillà, è emergenza rifiuti: chiesto l'intervento del Ministro per l'ambiente

Il Coordinamento di Quartiere di Arghillà, composto da associazioni e cittadini della zona impegnati nella difesa dei beni comuni, a distanza di 7 giorni dalla denuncia dell’emergenza ...
CRONACA

Infanzia e Adolescenza. Il 28 marzo la relazione annuale del Garante

Reggio Calabria. Sarà presentata nell’Auditorium ‘Calipari’ del Consiglio regionale il prossimo giovedì 28 marzo, alle ore 15,00, la Relazione Annuale 2018 dell’attività svolta ...
CRONACA

Oltre 5 kg di marijuana sequestrati nel cuore di Reggio Calabria, la Guardia di Finanza arresta due persone

Reggio Calabria. Oltre cinque chili di marijuana sequestrati e l’arresto in flagranza di reato di due soggetti, rappresentano ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

ASPETTANDO IL TG
RASSEGNA STAMPA
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
  • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
  • Nuova piscina comunale.
  • Schifo in piazza zerbi
  • Mancata pulizia caditoia
  • Certi cittadini campioni di incivilta'
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress
Basta vittime 106