'Ndrangheta, sottoposto a sequestro l'intero patrimonio di due noti imprenditori [NOMI/VIDEO]
CRONACA

con l'odierno sequestro, il valore dei beni sottratti alla 'ndrangheta dalle Fiamme Gialle reggine, nell'ultimo anno, sale a circa 566 milioni di euro

'Ndrangheta, sottoposto a sequestro l'intero patrimonio di due noti imprenditori NOMI/VIDEO

Reggio Calabria. Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata - con l’ausilio dei Nuclei di Polizia Economico Finanziaria di Milano, Torino, Alessandria, Agrigento e Novara - sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, hanno eseguito due provvedimenti emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale diretta dalla Presidente Ornella Pastore, su richiesta del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e del Sostituto Procuratore Gianluca Gelso, con i quali è stata disposta l’applicazione della misura di prevenzione del sequestro in relazione all’ingente patrimonio, valutato in 212 milioni di euro, costituito da imprese commerciali, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, riconducibile a GALLO Domenico, cl. ‘56, originario di Bovalino (RC) - imprenditore operante nel settore delle costruzioni edili e della fabbricazione e distribuzione di conglomerati bituminosi - e SCALI Gianluca cl. ’72 di Roccella Jonica (RC), attivo nel settore degli inerti e del calcestruzzo. Tali provvedimenti fanno seguito al recente importante sequestro disposto dalla citata Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale in relazione al patrimonio riconducibile a BAGALA’ Giuseppe cl. ’57, BAGALA’ Francesco cl. 90, BAGALA’ Luigi cl. ’46 e BAGALA’ Francesco cl. ’77 - noto gruppo imprenditoriale della Piana, operante nel settore degli appalti pubblici - costituito da imprese commerciali, beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie, stimato in circa 115 milioni di euro, anche questo illecitamente ottenuto grazie alla vicinanza ed alla contiguità alla cosca di 'ndrangheta dei “Piromalli”. I provvedimenti oggetto dell’odierna esecuzione originano, tra le altre, dall’operazione denominata “Cumbertazione” condotta dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria, conclusasi nel 2017 con l’esecuzione di provvedimenti restrittivi personali nei confronti di 27 persone, indagate - a vario titolo - dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, associazione per delinquere semplice aggravata dall’art. 7 L. 203/1991, turbata libertà degli incanti, frode nelle pubbliche forniture, corruzione e falso ideologico in atti pubblici, nonché di provvedimenti cautelari reali su 44 imprese, per un valore complessivo pari a 224 milioni di euro. Nell’ambito di tale procedimento, attualmente pendente innanzi al Tribunale di Palmi, predetti GALLO Domenico e SCALI Gianluca sono imputati per il delitto di associazione mafiosa.
In tale contesto, era stato accertato che gli imprenditori SCALI e GALLO, operando in sinergia e attraverso le imprese a loro riconducibili, erano risultati in grado di controllare le commesse per le forniture di calcestruzzo e di conglomerati bituminosi imponendo le proprie forniture anche per la realizzazione di lavori facenti capo al predetto gruppo imprenditoriale dei “Bagalà”, con i quali erano in affari da anni. Analizzando le figure dei prefati imprenditori, si rileva come SCALI Gianluca – già Sorvegliato Speciale di P.S. e ritenuto contiguo alla cosca “Ursino” di Gioiosa Jonica (RC) – quale dominus dell’impresa fittiziamente intestata alla di lui madre URSINO Lina - sia stato raggiunto anche da provvedimento cautelare - successivamente revocato dal Tribunale del Riesame di Reggio Calabria - emesso nell’ambito dell’operazione “Mandamento Jonico”, condotta nel 2017 dall’Arma dei Carabinieri nei principali centri della Locride, conclusasi con l’esecuzione di numerosi provvedimenti restrittivi per il delitto, tra gli altri, di cui all’art. 416 bis c.p., ritenute affiliate/contigue a diverse “locali” di ‘ndrangheta operanti nella fascia jonica della provincia reggina. Le vicende giudiziarie che interessano l’imprenditore GALLO Domenico, invece, hanno inizio con la condanna – divenuta definitiva nel 2005 – per ben 27 delitti di truffa commessi fra il 1985 e il 1991 e per due ipotesi di turbata libertà degli incanti al fine di aggiudicarsi in modo illecito appalti pubblici per la realizzazione di opere nel comprensorio di Bovalino (RC). Il medesimo, inoltre, è stato coinvolto in diverse recenti inchieste giudiziarie. In particolare, oltre alla già menzionata “Cumbertazione”, si cita l’operazione “Martingala” condotta, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia, dal locale Centro Operativo della D.I.A. e dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nei confronti di un articolato sodalizio criminale dedito alla commissione di gravi delitti tra cui - a vario titolo – quelli di associazione mafiosa, riciclaggio e autoriciclaggio, associazione per delinquere finalizzata all’emissione di false fatturazioni, con l'aggravante - per alcuni di essi, tra cui il proposto - del metodo mafioso, e conclusa nei primi mesi del 2018 con l’esecuzione di n. 27 provvedimenti restrittivi personali nonché di provvedimenti cautelari reali nei confronti di 51 società - anche estere - partecipazioni sociali, beni mobili e immobili, disponibilità finanziarie per un ammontare complessivo stimato in circa €. 119.000.000. In tale contesto, GALLO Domenico è stato ritenuto gravemente indiziato unitamente – tra gli altri – a MORDA’ Antonino cl. ’69 e SCIMONE Antonio cl. ‘75, di plurime condotte di intestazioni fittizie di società, al fine di agevolare la commissione dei reati di riciclaggio e reimpiego dei proventi di attività delittuosa, nonché di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale. Nell’ambito di tale inchiesta erano emersi, altresì, i rapporti tra SCIMONE Antonio cl. ‘75, BARBARO Antonio cl. ’48, NIRTA Bruno cl. ’48 [il BARBARO Antonio e il NIRTA Bruno indicati rispettivamente quali intranei alle cosche “Barbaro” detti “I Nigri” di Platì (RC) e “Nirta” detti “Scalzone” di San Luca (RC)], BAGALÀ Giuseppe cl. ’57 e BAGALA’ Francesco cl. ’90, i quali si erano associati tra loro, con l’aggravante di agevolare la ‘ndrangheta, al fine di consumare una serie indeterminata di reati connessi e conseguenti alla gestione delittuosa di flussi economici, costituendo - attraverso lo SCIMONE - società all'estero al fine di riciclare fraudolentemente ingenti somme di denaro derivanti da "fondi neri" creati attraverso le proprie attività illecite e giustificati da apparenti rapporti commerciali. GALLO Domenico, ancora, è risultato coinvolto nelle ulteriori seguenti indagini giudiziarie pendenti presso altre Procure della Repubblica: - operazione “Chaos” pendente presso il Tribunale di Vibo Valentia – condotta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e conclusa nel 2017 con l’esecuzione di provvedimenti restrittivi personali, nei confronti di 9 persone, tra cui il proposto, per i reati, tra gli altri, di frode nelle pubbliche forniture, truffa aggravata ai danni di ente pubblico e attentato alla sicurezza dei trasporti; nonché di provvedimenti cautelari reali su beni immobili e compendi aziendali per un ammontare complessivo stimato in circa €. 13.000.000. Al riguardo, GALLO Domenico risulta imputato per i reati di frode nelle pubbliche forniture, attentato alla sicurezza dei trasporti e truffa ai danni di enti pubblici nell’ambito dell’esecuzione di un contratto di subfornitura di conglomerato bituminoso, relativo ai lavori di ammodernamento del tratto Mileto – Rosarno dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, risultato inadeguato allo scopo, inducendo in errore la committente “ANAS S.p.a.”; - operazione “Amalgama”, originariamente svolta dalla Procura presso il Tribunale di Roma - condotta dall’Arma dei Carabinieri di Roma e conclusa nel 2016 con l’esecuzione di provvedimenti restrittivi personali nei confronti di 21 persone, tra cui il proposto, per il reato, tra gli altri, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la pubblica amministrazione – ed attualmente pendente innanzi al Tribunale di Bolzano. In tale ambito, GALLO Domenico è gravemente indiziato di essere stato promotore e organizzatore di un’associazione per delinquere costituita allo scopo di commettere una serie indeterminata di delitti contro la pubblica amministrazione finalizzati a consentire l’acquisizione, anche in capo a società al medesimo riconducibili, di commesse per la realizzazione di grandi opere pubbliche (tra cui il VI lotto della Salerno – Reggio Calabria e l’Alta Velocità Milano-Genova), attraverso numerosi episodi corruttivi. Per condotte speculari a queste ultime, il medesimo è stato inoltre destinatario di misura cautelare anche nel contesto dell’operazione “Arka di Noè” pendente presso il Tribunale di Genova – svolta dal Nucleo di Polizie Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Genova e conclusa nel 2016 con l’esecuzione di provvedimenti restrittivi nei confronti di 14 persone per i reati di corruzione, concussione e turbativa d’asta perpetrati - per quanto d’interesse - nell’ambito dei Lavori per le opere del “Terzo Valico dei Giovi”. Alla luce di tali risultanze, la locale DDA, nel doveroso esercizio del controllo di legalità volto ad approfondire gli aspetti economico-imprenditoriali legati alla criminalità organizzata, delegava al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria e al Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata della Guardia di Finanza, apposite indagini a carattere economico/patrimoniale finalizzate all’emissione di una misura di prevenzione patrimoniale. Al riguardo, dopo aver delineato il profilo di pericolosità sociale dei proposti, anche valorizzando le risultanze delle pregresse indagini, la pertinente attività investigativa è stata indirizzata alla ricostruzione delle acquisizioni patrimoniali - dirette o indirette - effettuate nell’arco temporale intercorrente dal 1979 alla data odierna, accertando: - la sproporzione esistente tra il profilo reddituale e quello patrimoniale per entrambi i proposti; - il ruolo di imprenditore “mafioso” rivestito nel tempo da SCALI Gianluca, per conto della cosca di riferimento e la conseguente “mafiosità” dell’impresa individuale “URSINI Lina”, da questi gestita, in relazione al “metodo” con il quale la stessa impresa ha inquinato il relativo settore di mercato alterandone la concorrenza; - l’utilizzo da parte di GALLO Domenico di una serie di società direttamente o indirettamente a questi riconducibili, o comunque nella sua disponibilità, attraverso le quali ha illecitamente operato in diversi contesti territoriali sia provinciali sia nazionali, nonché individuando – attraverso una complessa e articolata attività di accertamento e riscontro documentale – i patrimoni dei quali gli stessi risultavano disporre, direttamente o indirettamente, il cui valore era decisamente sproporzionato rispetto alla capacità reddituale dichiarata ai fini delle imposte sui redditi, nonché le fonti illecite dalle quali i proposti avevano tratto le risorse per la loro acquisizione. In tale ambito, i citati Reparti individuavano con riferimento al percorso esistenziale dei proposti, le condotte delittuose poste in essere, le frequentazioni, i legami parentali, i precedenti giudiziari e gli altri elementi ritenuti fondamentali per la formulazione, ai sensi della normativa antimafia, da parte della competente A.G., del prescritto giudizio prognostico sulla pericolosità sociale, risultata per lo SCALI, “qualificata” dall’indiziaria vicinanza alla cosca di ‘ndrangheta degli “Ursino” di Gioiosa Jonica (RC). Alla luce di quanto sopra, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione - su richiesta della citata DDA, con i provvedimenti in esecuzione, ha disposto il sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile ai proposti ed ai rispettivi nuclei familiari. Complessivamente, è stato disposto il sequestro di 14 imprese commerciali (compresi rapporti bancari, partecipazioni, n. 69 immobili e n. 36 veicoli), quote societarie, immobili (fabbricati e terreni, tra cui una villa di pregio), beni di lusso (n. 12 orologi di noti marchi), rapporti finanziari e assicurativi, nonché disponibilità finanziarie, per un valore complessivo stimato in circa 212 milioni di euro. Con l’operazione in rassegna, la Guardia di Finanza, deputata a svolgere l’imprescindibile ruolo istituzionale di polizia economico-finanziaria, pone in essere un fondamentale passo verso la definitiva restituzione all’intera collettività di importantissime risorse che proprio in pregiudizio di quest’ultima erano state accumulate. La posizione dominante assunta in importanti settori strategici delle commesse pubbliche da parte di imprenditori che operano con modalità illecite ed in sinergia con le organizzazioni criminali come la ndrangheta ha infatti prodotto, quale tragico contraltare, l’estromissione dal mercato di numerose aziende con la conseguente perdita di numerosissimi posti di lavoro e l’indisponibilità di reddito per altrettante famiglie. In tale contesto, prosegue incessante l’azione della Guardia di Finanza diretta ad ostacolare l’ingresso degli interessi criminali nell’economia legale. Ed invero, con l’odierno sequestro, il valore dei beni sottratti alla ‘ndrangheta dalle Fiamme Gialle reggine, nell’ultimo anno, sale a circa 566 milioni di euro.
08-11-2018 09:07
Questa notizia è stata letta 3673 volte

NOTIZIE CORRELATE


26-09-2020 - CRONACA

Reggio Calabria: sequestrate due piantagioni di canapa indiana

Una alimentata da un ingegnoso sistema idrico, l'altra con un allaccio abusivo alla rete idrica comunale
19-09-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Sequestri e denunce da parte della Polizia Locale

Denunciate 7 persone e sequestrati 30 pezzi di merce contraffatta
05-09-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. La Guardia di Finanza sequestra diversi kg di marijuana rinvenuta nei pressi del Porto

La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo contro ignoti
28-08-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Chiusi tre gazebo sul Lungomare VIDEO

I titolari sono stati verbalizzati per inottemperanza al provvedimento di chiusura ed i locali sono stati sigillati amministrativamente

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Scuola. Il piano straordinario dell'Atam per la ripartenza INTERVISTA

Reggio Calabria. Riparte il nuovo anno scolastico tra le tante ...
ATTUALITA'

Web. Virale il video degli sposi a Scilla con onde alte 5 metri VIDEO

Dopo la foto, anche il video degli sposi, ritratti a Scilla durante la ...
CULTURA

Giornate Europee del Patrimonio. Ferrovie della Calabria ha celebrato lo storico treno a vapore della Sila

Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio 2020 promosse dal Ministero per i beni e le attività culturali per riaffermare la ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Santelli proroga zona rossa a Stefanaconi fino al 30

La presidente della Regione calabria Jole Santelli, con propria ordinanza, ha prorogato la zona rossa istituita il 24 settembre scorso a Stefanaconi, nel vibonese, sino alle ore 24 del 30 settembre. Nell'ordinanza si fa ...
ATTUALITA'

Commissione Antimafia. Audizioni in Calabria, lunedì e martedì

"Il lavoro della commissione continua andando su uno dei fronti più impegnativi della lotta alla 'Ndrangheta. Una missione che vuole approfondire quanti più possibile le necessità e le difficoltà ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Al Gom sottoposte a tampone 196 persone: soltanto una è positiva

La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che in data odierna sono stati sottoposti allo screening per CoViD-19 196 soggetti. Di questi, uno ...
POLITICA

Ballottaggio. La Strada e Riabitare Reggio con Saverio Pazzano sindaco: "Sosterremo il Centrosinistra"

"Siamo davanti a un aut aut. Una scelta che abbiamo cercato in ogni modo di evitare, per questo candidandoci in modo indipendente con un progetto ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Lo yacht a vela più grande del mondo solca le acque dello Stretto: vale 425 milioni di euro FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. Ha solcato le acque dello Stretto, il Sayling Yacht A, barca da 425 milioni di euro, la più grande al mondo nel suo genere. La nave è a motore assistito a vela, progettato dalla Doelker Voges (per gli esterni), da Philippe Starck (per gli interni e gli esterni) e costruito da Nobiskrug a Kiel, in Germania. Il proprietario è l'oligarca russo miliardario Andrey Melnichenko, all'89° posto nella classifica delle persone più ricche al mondo. A spingere l'imponente imbarcazione di lusso, un propulsore ibrido a velocità variabile, con due eliche a passo variabile assistite da una vela a tre alberi. Gli alberi rotanti, autoportanti in fibra di carbonio, sono stati prodotti da Magma Structures a Trafalgar Wharf, Portsmouth. Doyle Sailmakers USA ha prodotto, invece, le tre vele in fibra di carbonio / taffetà completamente automatizzate. I boma sono stati costruiti a Valencia da Future Fibers. Il sartiame di questo yacht è stato sviluppato parzialmente per essere implementato su navi da carico e per essere utilizzato per uso commerciale. La nave dispone di una capsula di osservazione subacquea nella chiglia di vetro. È il più grande yacht a motore privato ...
AMBIENTE

Decoro urbano. Ponte della Libertà invaso da spazzatura e erbacce FOTO

Numerose le seganalazioni giunte alla redazione di ReggioTV per ...
CRONACA

Tragedia in mare. Il senatore Siclari sottolinea il gesto eroico di Aurelio Visalli, secondo capo della Guardia Costiera

“La morte di Aurelio Visalli, secondo capo della Guardia Costiera, caduto nell’esercizio delle funzioni ...
ATTUALITA'

Sospesa l'attività venatoria nelle zone ZPS, i sindaci dell'Area dello Stretto chiedono intervento immediato della Regione

Reggio Calabria. “Siamo davanti ad una vera e propria emergenza che rischia di essere aggravata da una ...
POLITICA

Anastasi: «Onorare la memoria delle vittime dell'Eccidio nazifascista di Rizziconi»

Rizziconi (Reggio Calabria). «Anche la Calabria ha pagato il suo tributo alla ferocia nazifascista, eppure la tragedia dell’Eccidio di Rizziconi (17 morti e oltre 60 feriti) ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SU IL SIPARIO!
RASSEGNA STAMPA
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Film

Ore 22.45

Calabria Profonda
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La dialisi e i dializzati al tempo del covid 19
  • NARCISISMO DEL SINDACO
  • Marchiatura prodotti alimentari 100% italiani
  • Carenza idrica
  • Perdita d’acqua nel tombino in via vico petrellinna n9
  • FUORIUSCITE DI FOGNA
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica