'Ndrangheta. Condannati per mafia, arrestati tre esponenti dei clan di Laureana di Borrello [NOMI/FOTO]
CRONACA

Coinvolti nell'operazione "Lex" contro le cosche "Lamari" e "Ferrentino-Chindamo"

'Ndrangheta. Condannati per mafia, arrestati tre esponenti dei clan di Laureana di Borrello NOMI/FOTO

Laureana di Borrello (Reggio Calabria). Il blitz è scattato all’alba, a Laureana di Borrello. I Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, con la collaborazione dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria – Sezione G.I.P. su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia Reggina diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, nei confronti di Alberto CHINDAMO, 30 anni, Giovanni SIBIO, di 29 e Francesco LAMANNA, di 32 anni. Tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso ed intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di aver agito con la finalità di agevolare la ‘ndrangheta nella sua articolazione territoriale denominata Locale di Laureana di Borrello - formata dalle famiglie “Ferrentino-Chindamo” e “Lamari” - operante nel Comune di Laureana di Borrello e comuni limitrofi con ramificazioni in tutta la provincia reggina ed in altre province della Lombardia,
Un provvedimento, quello oggi eseguito, che giunge all’esito del giudizio dibattimentale celebratosi a seguito delle risultanze emerse nel corso dell’operazione di polizia denominata “LEX” del 3 novembre 2016, condotta dalla Compagnia Carabinieri di Gioia Tauro sotto il coordinamento del Proc. Agg. Calogero Gaetano Paci e del Sost. Proc. Dott.ssa Giulia Pantano della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Indagini che avevano consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di 42 indagati in quanto ritenuti intranei, o comunque vicini, alle cosche di ‘ndrangheta attive nel territorio di Laureana di Borrello ed altre città italiane, ossia quelle dei “LAMARI” e “CHINDAMO-FERRENTINO”.
In particolare le attività investigative avevano permesso di far luce su una serie di episodi criminosi, registrati nei territori della municipalità di Laureana di Borrello e zone limitrofe a partire dal mese di giugno del 2014, dai quali erano emersi chiari elementi indizianti circa l’operatività e l’efferatezza dell’azione criminale di un sodalizio attivo in quell’area ed in grado di esercitare un controllo di tipo mafioso sull’intera comunità. I fermi, emessi in via d’urgenza anche per l’esistenza del concreto pericolo di fuga di alcuni indagati, avevano quindi consentito di assicurare, in poco tempo, alla giustizia soggetti ritenuti avere ruoli di vertice in seno alle cosche “FERRENTINO-CHINDAMO” e “LAMARI”, quali articolazioni autonome dell’associazione per delinquere di tipo ‘ndranghetistico nota come “Locale di Laureana di Borrello” del Mandamento Tirrenico, con ramificazioni in tutta la provincia ed in altre province del Nord Italia e segnatamente Milano, Varese, Pavia e Como.
In quella circostanza, inoltre, era stata avvalorata dalla Procura Antimafia l’ipotesi investigativa per cui il Comune di Laureana di Borrello fosse stato, da anni, un ente per certi aspetti soggetto ai condizionamenti da parte cosche di ‘ndrangheta locali che, grazie alle compiacenze di alcuni politici, erano riuscite ad ottenere l’aggiudicazione di alcuni appalti comunali, facendo leva anche sui rapporti, stretti e continuativi, riscontrati tra gli affiliati alle cosche ed alcuni esponenti della politica locale di Laureana di Borrello.
Di qui la pronuncia del Tribunale di Reggio Calabria che, il 16 ottobre u.s., ha emesso una sentenza di condanna nei confronti degli imputati, odierni arrestati. In particolare:

CHINDAMO Alberto, condannato ad anni 13 e mesi 4 di reclusione, quale capo, promotore ed organizzatore dell’associazione, con compiti di decisione, pianificazione e di individuazione delle azioni delittuose da compiere e con compiti operativi nel settore delle armi e danneggiamenti, deputato a tenere i rapporti con le figure apicali delle altre articolazioni territoriali della ‘ndrangheta;
SIBIO Giovanni, condannato ad anni 10 e mesi 8 di reclusione, quale partecipe alla cosca Chindamo – Ferrentino, con compiti operativi nel settore delle armi, essendo l’armiere della cosca, e nel settore della coltivazione e vendita di sostanze stupefacenti, ed a completa disposizione degli interessi della cosca, cooperando con gli altri associati nella realizzazione del programma criminoso del gruppo;
LAMANNA Francesco, condannato ad anni 11 di reclusione, quale partecipe alla Cosca Lamari, dopo una precedente “vicinanza” all’altro gruppo criminale mafioso dei Chindamo – Ferrentino, nel cui interesse era stato anche intestatario di una ditta edile (Dima Costruzioni, con sede a Voghera (PV), con compiti operativi anche nel settore delle armi ed addetto al controllo del territorio in veste di “picciotto di giornata”, delegato a riferire al capo Lamari Enzo gli spostamenti sul territorio anche dei componenti della cosca contrapposta.

All’esito degli adempimenti di rito, gli arrestati sono stati quindi tradotti presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
09-11-2018 09:11

NOTIZIE CORRELATE


16-04-2019 - ATTUALITA'

Olaplex: il prodotto più richiesto in salone

Si tratta di un vero e proprio must have
15-04-2019 - CRONACA

Comune di Cosoleto. Disposto l'accesso ispettivo antimafia

per verificare l'eventuale sussistenza di forme di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso
13-04-2019 - CRONACA

Tentata violenza sessuale ed atti sessuali con minorenni: arrestato psicologo 66enne nel reggino

psicologo e responsabile del consultorio familiare di Laureana di Borrello
12-04-2019 - ATTUALITA'

I ragazzi dell'Istituto Comprensivo Marzano fanno visita al Comando Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro

nell'ambito dei percorsi di formazione alla 'Cultura della legalità'
09-04-2019 - CRONACA

'Ndrangheta, oltre 30 arresti in tutta Italia

Le persone coinvolte sono ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso

ULTIME NEWS

CULTURA

Reggio Calabria celebra la solennità di San Giorgio

di Antonio Marino (chiesadegliartistirc.it). Caro lettore, chi c’era, testimonierà e magari integrerà, coi propri racconti e le proprie emozioni. Noi, orologio alla mano, cercheremo di ragguagliarti su quel paio d’orette vissute ...
CRONACA

L'ex presidente dell'Associazione anti-'ndrangheta Antigone La Camera: 'Agito sempre con trasparenza, sequestrati solo sette euro'

Riceviamo e pubblichiamo: In merito alle recenti notizie apparse sugli organi di stampa, devo ...
ATTUALITA'

Ruota panoramica. "Nessuna discriminazione per il piccolo Lorenzo. Situazione strumentalizzata" VIDEO

CRONACA

Maltempo nel reggino: treno impatta albero, divelta parte frontale del convoglio

Per Reggio Calabria e tutta l’Area Metropolitana è stata una Pasquetta all’insegna del vento. Le forti raffiche hanno creato non indifferenti disagi ai cittadini che avevano ...
ATTUALITA'

PCL Reggio Calabria: "Il compagno Peppe Stellittano ci ha lasciati nel giorno di Pasqua"

Reggio Calabria. Il compagno Peppe Stellittano ci ha lasciati il 21 aprile 2019, proprio nel giorno di Pasqua. I compagni e le compagne del PCL lo ringraziano per la sua militanza ...
CRONACA

Villa San Giovanni. Portano soldi in banca, rapinate guardie giurate VIDEO

Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Hanno colto di sorpresa ...
ATTUALITA'

Strutture psichiatriche reggine: USB e CooLaP annunciano nuovo presidio ad oltranza

Le cooperative che stanno gestendo il servizio psichiatrico reggino proseguono nel loro lavoro, come stabilito dal DCA 221 emanato dal novembre scorso dall’ing. Scura, ex Commissario ...
CRONACA

Reggina-Casertana. 2 reggini arrestati e uno denunciato mentre tentavano di accedere al Granillo senza biglietto

L’intensificazione dei controlli in occasione dei servizi di ordine pubblico disposta dal Questore Maurizio VALLONE durante lo ...
CRONACA

Reggio Calabria. Ladri rubano una borsa di lusso ma l'abbandonano in strada: sottratto solo il portafogli con poche decine di euro

Reggio Calabria. I servizi di controllo del territorio permettono di raccontare un lieto fine per ...
ATTUALITA'

Giornata mondiale del libro. Pochi lettori anche in Calabria

Reggio Calabria-Quando ci interroghiamo su cosa possa fare originare lo scatto d’orgoglio che manca oggi a questo nostro Paese, immaginiamo le risposte più varie, le più disparate,tranne una, la più distante dal ...
CRONACA

In viaggio durante il ponte delle festività. Controlli, ma anche consigli della Polizia Stradale VIDEO

Reggio ...
CRONACA

'Ndrangheta e Azzardo. Arrestato a Malta il latitante Antonio Ricci

Reggio Calabria. E' stato arrestato a Malta il latitante Antonio Ricci. Accusato di collegamenti diretti con la 'ndrangheta, era sfuggito a un maxi blitz a novembre 2018 nell'ambito dell'operazione ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
CHISTI SIMU
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 15.30

Civitas
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
  • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
  • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
  • Nuova piscina comunale.
  • Schifo in piazza zerbi
  • Mancata pulizia caditoia
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
Basta vittime 106
idomotica