'Ndrangheta. Condannati per mafia, arrestati tre esponenti dei clan di Laureana di Borrello [NOMI/FOTO]
CRONACA

Coinvolti nell'operazione "Lex" contro le cosche "Lamari" e "Ferrentino-Chindamo"

'Ndrangheta. Condannati per mafia, arrestati tre esponenti dei clan di Laureana di Borrello NOMI/FOTO

Laureana di Borrello (Reggio Calabria). Il blitz è scattato all’alba, a Laureana di Borrello. I Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, con la collaborazione dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria di Vibo Valentia, hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria – Sezione G.I.P. su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia Reggina diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, nei confronti di Alberto CHINDAMO, 30 anni, Giovanni SIBIO, di 29 e Francesco LAMANNA, di 32 anni. Tutti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso ed intestazione fittizia di beni, con l’aggravante di aver agito con la finalità di agevolare la ‘ndrangheta nella sua articolazione territoriale denominata Locale di Laureana di Borrello - formata dalle famiglie “Ferrentino-Chindamo” e “Lamari” - operante nel Comune di Laureana di Borrello e comuni limitrofi con ramificazioni in tutta la provincia reggina ed in altre province della Lombardia,
Un provvedimento, quello oggi eseguito, che giunge all’esito del giudizio dibattimentale celebratosi a seguito delle risultanze emerse nel corso dell’operazione di polizia denominata “LEX” del 3 novembre 2016, condotta dalla Compagnia Carabinieri di Gioia Tauro sotto il coordinamento del Proc. Agg. Calogero Gaetano Paci e del Sost. Proc. Dott.ssa Giulia Pantano della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria. Indagini che avevano consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di 42 indagati in quanto ritenuti intranei, o comunque vicini, alle cosche di ‘ndrangheta attive nel territorio di Laureana di Borrello ed altre città italiane, ossia quelle dei “LAMARI” e “CHINDAMO-FERRENTINO”.
In particolare le attività investigative avevano permesso di far luce su una serie di episodi criminosi, registrati nei territori della municipalità di Laureana di Borrello e zone limitrofe a partire dal mese di giugno del 2014, dai quali erano emersi chiari elementi indizianti circa l’operatività e l’efferatezza dell’azione criminale di un sodalizio attivo in quell’area ed in grado di esercitare un controllo di tipo mafioso sull’intera comunità. I fermi, emessi in via d’urgenza anche per l’esistenza del concreto pericolo di fuga di alcuni indagati, avevano quindi consentito di assicurare, in poco tempo, alla giustizia soggetti ritenuti avere ruoli di vertice in seno alle cosche “FERRENTINO-CHINDAMO” e “LAMARI”, quali articolazioni autonome dell’associazione per delinquere di tipo ‘ndranghetistico nota come “Locale di Laureana di Borrello” del Mandamento Tirrenico, con ramificazioni in tutta la provincia ed in altre province del Nord Italia e segnatamente Milano, Varese, Pavia e Como.
In quella circostanza, inoltre, era stata avvalorata dalla Procura Antimafia l’ipotesi investigativa per cui il Comune di Laureana di Borrello fosse stato, da anni, un ente per certi aspetti soggetto ai condizionamenti da parte cosche di ‘ndrangheta locali che, grazie alle compiacenze di alcuni politici, erano riuscite ad ottenere l’aggiudicazione di alcuni appalti comunali, facendo leva anche sui rapporti, stretti e continuativi, riscontrati tra gli affiliati alle cosche ed alcuni esponenti della politica locale di Laureana di Borrello.
Di qui la pronuncia del Tribunale di Reggio Calabria che, il 16 ottobre u.s., ha emesso una sentenza di condanna nei confronti degli imputati, odierni arrestati. In particolare:

CHINDAMO Alberto, condannato ad anni 13 e mesi 4 di reclusione, quale capo, promotore ed organizzatore dell’associazione, con compiti di decisione, pianificazione e di individuazione delle azioni delittuose da compiere e con compiti operativi nel settore delle armi e danneggiamenti, deputato a tenere i rapporti con le figure apicali delle altre articolazioni territoriali della ‘ndrangheta;
SIBIO Giovanni, condannato ad anni 10 e mesi 8 di reclusione, quale partecipe alla cosca Chindamo – Ferrentino, con compiti operativi nel settore delle armi, essendo l’armiere della cosca, e nel settore della coltivazione e vendita di sostanze stupefacenti, ed a completa disposizione degli interessi della cosca, cooperando con gli altri associati nella realizzazione del programma criminoso del gruppo;
LAMANNA Francesco, condannato ad anni 11 di reclusione, quale partecipe alla Cosca Lamari, dopo una precedente “vicinanza” all’altro gruppo criminale mafioso dei Chindamo – Ferrentino, nel cui interesse era stato anche intestatario di una ditta edile (Dima Costruzioni, con sede a Voghera (PV), con compiti operativi anche nel settore delle armi ed addetto al controllo del territorio in veste di “picciotto di giornata”, delegato a riferire al capo Lamari Enzo gli spostamenti sul territorio anche dei componenti della cosca contrapposta.

All’esito degli adempimenti di rito, gli arrestati sono stati quindi tradotti presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
09-11-2018 09:11

NOTIZIE CORRELATE


15-11-2018 - ATTUALITA'

La DIA confisca beni immobili e rapporti finanziari ad imprenditore ritenuto contiguo alle cosche 'ndranghetiste calabresi

Il provvedimento scaturisce da articolate indagini svolte dalla Sezione Operativa DIA di Brescia e coordinate dalla locale Procura della Repubblica
17-10-2018 - CRONACA

Sospette infiltrazioni della 'ndrangheta, disposto accesso antimafia a Sinopoli e Palizzi

Doppio provvedimento del Prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari
18-09-2018 - CRONACA

Melito Porto Salvo: sgomberata una lavanderia confiscata alla cosca Iamonte

Prosegue l'attività della Prefettura e delle Forze dell'Ordine per lo sgombero degli immobili confiscati alla criminalità organizzata
14-09-2018 - ATTUALITA'

Enti e infiltrazioni mafiose, prorogato lo scioglimento dei Comuni di Laureana e Bova Marina

E' quanto deciso su proposta del Ministro dell'Interno dall'ultimo Consiglio dei Ministri
12-09-2018 - CRONACA

Palmi, sgomberato l'immobile confiscato alla famiglia di 'ndrangheta dei Gallico

destinato a sede del Commissariato di Pubblica Sicurezza

ULTIME NEWS

CRONACA

Migranti. Smaltimento illecito di rifiuti anche al porto di Reggio: sequestrata la nave Aquarius di Msf

Traffico illecito e smaltimento indifferenziato di rifiuti pericolosi: sono queste le accuse mosse dalla procura di Catania nei confronti della ong ...
CRONACA

Sulla ferrovia ionica, Treno locale investito da tromba d'aria FOTO

Catanzaro. Una tromba d'aria ha investito stamani il treno locale ...
SPETTACOLO

Reggio, tutto pronto per il Don Giovanni di Mozart al Teatro Cilea

Venerdì 23 novembre alle ore 20.30 e domenica 25 novembre alle 17.00 per il festival “Alziamo il Sipario” promosso dal Comune di Reggio Calabria, e per “Rhegium Opera Musica Festival”, ...
CRONACA

Controlli dei Carabinieri nella Locride: 1 arresto e 2 denunce FOTO

Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal ...
ATTUALITA'

Sanità in Calabria. L'esperienza di Scura al capolinea, si apre una nuova fase

Reggio Calabria. E’ un generale dell’arma il nuovo Commissario per il piano di rientro dal debito sanitario. Lo avevamo anticipato proprio noi di Rtv lo scorso 13 ottobre. Ora, ...
POLITICA

Sanità, Scura al capolinea. Cannizzaro (FI) auspica una fase nuova per i cittadini calabresi

Reggio Calabria. "Dopo molti appelli da tutte le forze politiche calabresi, dopo svariati dossier ed interpellanze parlamentari, dopo intere sedute consiliari a Palazzo ...
POLITICA

Sanità, Scura al capolinea. Siclari (FI): "la sua rimozione un passo di discontinuità, ma bisogna porre fine al Commisariamento"

Reggio Calabria. la «Sono soddisfatto di aver lavorato in Senato ed in Commissione Salute, ...
ATTUALITA'

Reggio, "furto ai danni della scuola d'infanzia Genoese, rubato ai bimbi il diritto di giocare ed imparare"

Riceviamo e pubblichiamo: "Facile come rubare le caramelle ad un bambino… O come rubare il diritto di andare a scuola, di giocare, di ...
ATTUALITA'

Arpacal: operazione di dismissione immobiliare a Catanzaro, Cosenza e Reggio Calabria

Un’importante operazione di dismissione immobiliare è stata lanciata dall’Arpacal , l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria, nelle ...
ATTUALITA'

Danneggiamenti all'Asilo Genoese, il Sindaco e la Giunta: «Gesto disgustoso, ancora una volta si colpiscono i bambini»

«L’attacco all’asilo comunale Federico Genoese di via Aschenez è un gesto disgustoso di fronte al ...
ATTUALITA'

«Spazio gratuito per Zero Glutine Life al Motorshow 2Mari»

«I titolari di Zero Glutine Life saranno i benvenuti al Motorshow 2Mari, dove, se lo vorranno, sarà riservato loro, a titolo assolutamente gratuito, un ampio spazio in cui cucinare le prelibatezze dedicate alle persone ...
ATTUALITA'

Reggio, a breve termineranno i lavori di adeguamento della palestra scolastica della scuola primaria Ciraolo di San Giorgio

Reggio Calabria. Prosegue il percorso di ristrutturazione dei locali e delle strutture scolastiche cittadine. ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

EUREKA
Quiz Show
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 15.30

Medicina in Diretta

Ore 22.20

Pianeta Dilettanti
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Mancata pulizia caditoia
  • Certi cittadini campioni di incivilta’
  • Degrado di una citta’
  • problema orti
  • Rassicurazioni circa il servizio porta a porta
  • Perdita d’acqua in via sbarre inferiori
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
viola
Italpress