Le mani delle mafie sui giochi online, maxi retata della DNA: in manette anche esponenti della 'ndrangheta reggina [VIDEO]
CRONACA

In corso di esecuzione 68 provvedimenti restrittivi: nella rete delle forze dell'ordine anche imprenditori e prestanome

Le mani delle mafie sui giochi online, maxi retata della DNA: in manette anche esponenti della 'ndrangheta reggina VIDEO

Reggio Calabria. Le mafie si sono spartite e controllano il mercato della raccolta illecita delle scommesse on line. E' quanto emerso al termine di tre diverse indagini delle procure di Bari, Reggio Calabria e Catania, coordinate dalla Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo che hanno portato all'arresto di 68 persone e al sequestro di beni in Italia e all'estero per oltre un miliardo. Il volume delle giocate, riguardanti eventi sportivi e non, scoperto dagli investigatori di Guardia di Finanza, Polizia e Carabinieri, è superiore ai 4,5 miliardi.
I destinatari dei provvedimenti cautelari sono tutti importanti esponenti della criminalità organizzata pugliese, reggina e catanese, oltre a diversi imprenditori e prestanome.
Guardia di Finanza, Polizia, Carabinieri e personale della Dia stanno inoltre eseguendo una ottantina di perquisizioni in diverse città. I reati contestati, a vario titolo, vanno dall'associazione mafiosa al trasferimento fraudolento di valori, dal riciclaggio all'autoriclaggio, dall'illecita raccolta di scommesse on line alla fraudolenta sottrazione ai prelievi fiscali dei relativi guadagni.
Dalle indagini è emerso che i gruppi criminali si erano spartiti e controllavano, con modalità mafiose, il mercato delle scommesse clandestine on line attraverso diverse piattaforme gestite dalle stesse organizzazioni. Il denaro accumulato illegalmente, il cui percorso è stato monitorato dalla Guardia di Finanza, veniva poi reinvestito in patrimoni immobiliari e posizioni finanziarie all'estero intestati a persone, fondazioni e società, tutte ovviamente schermate grazie alla complicità di diversi prestanome.
Proprio per rintracciare il patrimonio accumulato ed effettuare i sequestri è stata fondamentale la collaborazione di Eurojust e delle autorità giudiziarie di Austria, Svizzera, Regno Unito, Isola di Man, Paesi Bassi, Curacao, Serbia, Albania, Spagna e Malta.
I dettagli dell'operazione saranno resi noti in una conferenza stampa in programma alle 11 nella sede della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo in via Giulia a Roma alla presenza del procuratore nazionale Federico Cafiero De Raho e dei procuratori di Bari, Reggio Calabria e Catania.
LE INTERCETTAZIONI: "Cerco chi clicca non chi spara". Le nuove mafie hanno bisogno di "quelli che cliccano, che movimentano" i soldi facendoli transitare da un Paese all'altro senza lasciar traccia delle transazioni online, non di quelli che fanno "bam bam", cioè di quelli che sparano. A confermare il cambio di mentalità delle organizzazioni criminali è uno degli indagati nell'indagine delle tre procure italiane, intercettato dalla Guardia di Finanza mentre spiega quale sia la strategia giusta da attuare.
"Io cerco i nuovi adepti nelle migliori università mondiali - lo sentono dire i finanzieri - e tu vai ancora alla ricerca di quattro scemi in mezzo alla strada vanno a fare così: 'bam bam!'".
"Io invece - aggiunge l'uomo - cerco quelli che fanno così: 'pin pin!!'. che cliccano, quelli che cliccano e movimentano. E' tutta una questione di indice, capito?".
L'ORIGINE DELL'INCHIESTA.
Il controllo delle mafie sul gioco on line al centro al centro dell'operazione coordinata dalla Direzione nazionale antimafia condotta stamani, era già emerso tre anni fa da un'inchiesta coordinata dalla Dda di Reggio Calabria allora guidata dall'attuale procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho. Nell'occasione, tutte le forze di polizia - carabinieri, Guardia di finanza, Squadra mobile e Dia, insieme a Scico e Nucleo speciale frodi tecnologiche della Finanza di Roma - arrestarono 41 persone e sottoposero a sequestro beni per 2 miliardi di euro.
L'inchiesta, denominata "Gambling", aveva portato alla luce un sistema, tutto sommato semplice nell'esecuzione, ma estremamente complicato da individuare. Le cosche reggine avevano creato un sistema parallelo di scommesse basato sul pagamento delle puntate in contanti, vietato dalla legge che impone la tracciabilità delle giocate e l'identificazione del giocatore. Dietro le imprese schermo era poi stata nascosta l'offerta al pubblico e la gestione di siti di poker e scommesse online che consentivano l'accesso al gioco illecito.
Così facendo le cosche di 'ndrangheta si sottraevano al pagamento delle imposte, ottenendo lauti guadagni, riciclando al contempo un'enorme massa di denaro "sporco" attraverso l'utilizzo di conti di gioco intestati a persone compiacenti o inconsapevoli.
A gestire l'affare miliardario, secondo quanto emerso nell'operazione Gambling, era Mario Gennaro - poi divenuto collaboratore di giustizia - indicato dagli investigatori come uomo della potente famiglia dei Tegano. Era grazie a lui - che viveva a Malta - che le cosche avevano creato numerose società estere di diritto maltese con le quali gestivano i traffici.
14-11-2018 08:24

NOTIZIE CORRELATE


28-03-2020 - CRONACA

'Ndrangheta. Detenuto scrive a Klaus Davi: "Ci stanno uccidendo"

Murina denuncia anche alcuni presunti abusi che sarebbero avvenuti nel carcere di Benevento
24-03-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. "Terramara-Closed", concessi gli arresti domiciliari a Rosa Zagari

La donna era stata arrestata il 26.06.2016
23-03-2020 - SPORT

Qual è il campionato europeo più seguito tra le leghe nazionali?

Un viaggio tra i meandri e le vie gloriose d'Europa alla ricerca del migliore

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Melito Porto Salvo. Altri casi positivi nella casa di riposo

Melito Porto Salvo (Reggio Calabria). Altri due anziani ospiti della casa di riposo di Melito Porto Salvo in cui risiedeva l’89enne deceduto per le complicazioni da coronavirus sono stati ricoverati in ospedale. 3 lo erano ...
ATTUALITA'

Bimbo salvato a Polistena: "Encomio Solenne al maresciallo Roberto Caruso ed al Vicebrigadiere Vincenzo Elia"

“Ho conferito un Encomio Solenne al maresciallo ordinario Roberto Caruso, comandante della stazione dei carabinieri di San Giorgio ...
ATTUALITA'

"Le finestre ed i balconi ai tempi del Coronavirus"

In questi giorni il mondo intero sta vivendo una situazione alquanto inaspettata e sconvolgente, che minuto dopo minuto minaccia la vita di ognuno di noi. Si chiama Coronavirus il protagonista di questa battaglia silente, che si introduce nel nostro corpo e ...
ATTUALITA'

Emergenza Coronavirus, Marino: 'Disponibili per le imprese oltre 8 milioni di euro di fondi europei, la Regione li utilizzi subito'

“L’emergenza coronavirus ha determinato il quasi totale blocco delle ...
CRONACA

Reggio Calabria. Tenta di sfuggire alla Polizia in sella ad una bici elettrica: sorpreso con droga, arrestato 21enne

L’intensificazione dei servizi di controllo del territorio attuata attraverso i protocolli operativi strutturati per ogni ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. "Hermes Servizi Metropolitani continua a garantire i propri servizi ai contribuenti"

Reggio Calabria. “La Hermes continua a garantire i propri servizi ai contribuenti”; in questo momento di grande difficoltà per Reggio ...
CRONACA

Gioia Tauro. Intercettati al Porto due importanti carichi di materiale medico e sanitario VIDEO

I funzionari ...
CRONACA

Maxi sequestro di cocaina a Gioia Tauro. Arrestato Rocco Molè VIDEO

Nella giornata del 25 marzo u.s., gli investigatori dellaSquadra Mobile di ...
ATTUALITA'

Violenze di genere e domestiche: con l'app YouPol è possibile segnalarle

Le disposizioni emanate per il contenimento del contagio derivante dal virus Covid-19, determinano una convivenza prolungata dei nuclei familiari, che potrebbe incidere negativamente sui contesti familiari ...
ATTUALITA'

La lettera dell'imprenditore Bonfà alla Santelli: "Se il buongiorno si vede dal mattino..."

Sono Damiano Bonfà, fondatore del centro commerciale “Europa 2000” e dell’Azienda Agrituristica “Donna Beatrice” operanti nel comune di ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Crescono i casi positivi al Gom: decessi avvenuti nel reparto di pneumologia

La Direzione Aziendale del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che nella giornata di oggi sono deceduti due pazienti: ...
CRONACA

Coronavirus. Scortata dalla Polizia, la carovana Rom ha lasciato Villa San Giovanni

Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Dopo ore di trattative, scortata dalle forze dell'ordine, ha lasciato il piazzale ANAS la carovana Rom giunta nel pomeriggio in riva allo Stretto, nel ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
EUREKA
Quiz Show
SU IL SIPARIO!
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Io Scelgo Calabria

Ore 22.35

Touchè
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • EMERGENZA VIRUS MA ANCHE RIFIUTI
  • sdegno su donazione di Silvio Berlusconi
  • Senza acqua ma con il virus
  • Accumulo rifiuti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
Basta vittime 106
idomotica