'Ndrangheta. Truffa in agricoltura per favorire i clan: 8 arresti [NOMI/FOTO/VIDEO]
CRONACA

Operazione dei Carabinieri

'Ndrangheta. Truffa in agricoltura per favorire i clan: 8 arresti NOMI/FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. Nella mattinata odierna, militari del Comando Carabinieri per la Tutela Agroalimentare e del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito 8 ordinanze di custodia cautelare (4 in carcere, 3 agli arresti domiciliari 1 all’obbligo di presentazione alla p.g.) emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia diretta dal Procuratore Giovanni BOMBARDIERI, a carico di altrettanti soggetti, residenti in vari comuni della provincia reggina, accusati a vario titolo associazione per delinquere, concorso in falso materiale e ideologico commesso da incaricati di pubblico servizio, truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, aggravate dalla finalità di agevolare consorterie mafiose. I destinatari della misura sono:
custodia in carcere
GALLICO Teresa, cl. 1948
GALLICO Carmelo, cl. 1963
GANGEMI Demetrio Giuseppe, cl. 1969
LAGANÀ Domenico, cl. 1971



arresti domiciliari
CAMBARERI Domenico, cl. 1977
CURATOLA Maria, cl. 1958
CURATOLA Elvira Pierina, cl. 1954



obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria
CICCIÙ Caterina, cl. 1974.



I provvedimenti scaturiscono da una complessa e articolata indagine, condotta dal Reparto Operativo del comparto di specialità dell’Arma e coordinata dal Procuratore Aggiunto, Calogero Gaetano PACI, e dal Sostituto Procuratore, Diego CAPECE MINUTOLO, tesa a contrastare la pervasività mafiosa nel comparto agricolo concretizzatasi in truffe aggravate per il conseguimento delle erogazioni pubbliche previste dai “Fondi Europei Agricoli di Garanzia e di Sviluppo Rurale” (F.E.A.G.A. e F.E.A.S.R.). Esso è un alveo di preminente interesse della ‘ndrangheta, peraltro emerso dall’attualità di plurime investigazioni dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare.
Gli indagati risultano intranei o contigui a noti sodalizi di ‘ndrangheta reggini, tra i quali i “Gallico” di Palmi, gli “Alvaro” di Sinopoli, i “Lo Giudice” di Reggio Calabria ed i “Laganà-Caia” di Seminara. Costoro, sostenuti dalla complicità di incaricati di pubblico servizio, ai quali pure è stato contestato il reato associativo, nel periodo 2010-2018 hanno beneficiato di contributi pubblici, erogati dall’Agenzia Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.C.E.A.), nonché alla disponibilità di titoli di pagamento della “Politica Agricola Comune”, per un ammontare di diverse centinaia di migliaia di euro.
Gli indebiti percettori, evidentemente privi dei requisitivi soggettivi poiché gravati da misure di prevenzione personale o condannati per delitti di criminalità organizzata, grazie alla complicità e al sistematico contributo degli incaricati di pubblico servizio operanti per conto del consorzio olivicolo “CONASCO”, dissimulavano il proprio stato carcerariouna di essi, GALLICO Teresa, in regime detentivo speciale ex art. 41-bis dell’ordinamento penitenziario in modo da proporsi all’organismo pagatore della Regione Calabria, A.R.C.E.A., in qualità di imprenditori agricoli in attività.
Le indagini hanno permesso di accertare numerose anomalie, di carattere formale e sostanziale, afferenti la trattazione delle domande di accesso ai contributi ovvero la soppressione di documenti che, per legge, avrebbero dovuto essere custoditi dagli stessi incaricati di pubblico servizio.



In particolare, è stato dimostrato come gli operatori del centro di assistenza agricola, già “COPAGRI 102” di Reggio Calabria, riconducibile al predetto consorzio olivicolo, delegati a formare e trasmettere elettronicamente all’A.R.C.E.A. le istanze di pagamento avanzate dagli arrestati, fossero perfettamente a conoscenza dello stato detentivo dei richiedenti.



A titolo esemplificativo, l’indagata GALLICO Teresa, sebbene detenuta dal 2010 a seguito dell’operazione “COSA MIA”, ha percepito ininterrottamente contributi per complessivi 59.000 euro in qualità di titolare di un’impresa individuale di fatto inattiva da poco tempo dopo il suo arresto, proprio grazie alla complicità dei dipendenti della CONASCO, che hanno attestato falsamente la presentazione della domanda da parte dell’interessata e intenzionalmente omesso di informare l’organismo pagatore del suo stato detentivo. Ed in più, gli accertamenti bancari consentivano di appurare che parte dei proventi venivano indirizzati al pagamento degli onorari dei difensori di GALLICO Domenico, pluriergastolano al vertice della cosca omonima.



Nel medesimo contesto, la CONASCO Scarl è stata sottoposta alla misura cautelare dell’interdizione dall’esercizio dell’attività di assistenza agricola e sono stati eseguiti sequestri per equivalente delle occorrenze finanziarie degli indagati per una somma complessiva di oltre 220.000 euro.



L’indagine, in sintesi, ha individuato e consentito di contrastare significativamente un ambito di interesse della ‘ndrangheta particolarmente insidioso per il fisiologico svolgersi del settore agroalimentare ed emblematico delle modalità dell’acquisizione di consensi attraverso un patologico indirizzo delle pubbliche risorse.


13-12-2018 07:02

NOTIZIE CORRELATE


25-03-2019 - ATTUALITA'

Processionaria a Scuola. Dopo la denuncia, arriva l'intervento di disinfestazione

Al plesso Artuso di San Sperato gli operatori di Castore, Caracciolo (FI): "una buona notizia per i piccoli alunni"
25-03-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. Terzo Settore sul piede di guerra, assediato il Palazzo del Comune

Dopo la protesta convocato vertice presieduto dal vice sindaco Neri
25-03-2019 - CRONACA

'Ndrangheta. Nuovo sequestro di beni al gruppo imprenditoriale Bagalà di Gioia Tauro

Ritenuto espressione della cosca Piromalli
25-03-2019 - SPORT

Pellaro, inaugurata l'area «streetball» attesa da diversi decenni

sorge sul Lungomare "Paolo Latella" di Pellaro

ULTIME NEWS

SPORT

È una Reggina da applausi. Catania asfaltato

Reggio Calabria. Una Reggina d’altri tempi umilia il Catania con un secco 3 a 0 e si rilancia in chiave play off. In un “Granillo” pieno come ai vecchi tempi, gli amaranto danno una vera e propria lezione di calcio agli etnei dell’ex Novellino. ...
CRONACA

Reggio, omicidio in Via del Gelsomino: figlio uccide il padre a coltellate

Reggio Calabria. Omicidio ieri pomeriggio in Zona Cedir, precisamente in via del Gelsomino. La vittima è Domenico Bova di 59 anni. L'uomo è stato colpito con numerose coltellate dal figlio ...
CRONACA

Reggio Calabria. Scontro frontale sulla Jonio-Tirreno, nei pressi dello svincolo di Melicucco: morti due 18enni

Reggio Calabria. Due giovani, Cristian Galatà e Michele Varone, poco più che diciottenni, sono morti la notte scorsa in un ...
ATTUALITA'

Reggio, presentato il piano dei concorsi pubblici per le assunzioni al Comune ed alla Città Metropolitana VIDEO

...
ATTUALITA'

Villa San Giovanni. Siclari tuona: "Basta polemiche, necessaria una verifica"

Villa San Giovanni. «Non esistono motivazioni tali da immaginare di dover riconsegnare nuovamente la città in mano ai commissari. La mia sicurezza nasce da questa consapevolezza, ...
CRONACA

Brevi di cronaca nel reggino FOTO

Nella mattinata di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro, col supporto del Nucleo Cinofili dello Squadrone Eliportato Cacciatori ...
ATTUALITA'

Cooperative sociali per servizi ai disabili in protesta a Reggio Calabria: "In questa città lavoriamo e siamo poveri" VIDEO

...
SPORT

L'Archi Calcio tornerà a giocare nel proprio campo. L'impegno del Comune dopo l'interessamento di Klaus Davi VIDEO

...
ATTUALITA'

La storia del Colonnello Calcagni, contaminato da uranio impoverito: "La mia è una vita fatta di sfide, mai arrendersi" VIDEO

...
ATTUALITA'

Coldiretti, Cosentini: "Al porto di Gioia Tauro gli agrumi arrivano anche dal Pakistan"

Ripetutamente Coldiretti evidenzia l’ingresso di prodotti agricoli che creano concorrenza sleale alle nostre produzioni Non è stato un blitz quello di Coldiretti al porto ...
ATTUALITA'

Reggio, Imbalzano: 'Sulla Tari 2019 ennesima presa in giro nei confronti dei cittadini: nessuno sconto fiscale"

“Neanche esaurita la rabbia dei reggini sul canone acqua e sulle cartelle pazze giunte nelle loro abitazioni, che sopraggiunge ...
CRONACA

'Ndrangheta. Primo accesso antimafia in Valle d'Aosta

Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha autorizzato il presidente della Regione Valle D'Aosta, nell'esercizio delle funzioni prefettizie riconosciute dall'ordinamento speciale, all'accesso antimafia nei comuni di Aosta e Saint ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

PIANETA DILETTANTI
E' TUTTO CINEMA
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
SU IL SIPARIO!
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Fuorigioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
  • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
  • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
  • Nuova piscina comunale.
  • Schifo in piazza zerbi
  • Mancata pulizia caditoia
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress