Operazione
CRONACA

Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione Penale del locale Tribunale

Operazione "Creonte". Nuova tegola per l'ex presidente dell'Associazione Culturale anti-'ndrangheta

Reggio Calabria. Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo “per equivalente”, del valore di 217.704,59 euro, disposto dalla Sezione Penale del locale Tribunale nei confronti dell’ex presidente di una rinomata Associazione Culturale anti-‘ndrangheta .
Il provvedimento giudiziario - richiesto dal Procuratore Aggiunto della Repubblica, dr. Gerardo DOMINIJANNI, sotto il coordinamento del Procuratore Capo della Repubblica, dr. Giovanni BOMBARDIERI - è giunto al termine di un’articolata indagine, in materia di contrasto alle frodi in materia di spesa pubblica, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Reggio Calabria, volta a verificare la corretta erogazione di fondi regionali e provinciali a favore dell’“Associazione Culturale Antigone - Osservatorio sulla ‘ndrangheta”.
L’attività investigativa - basata sull'esame della documentazione esibita durante le indagini e del carteggio ufficiale acquisito presso gli enti erogatori, nonché sull'esecuzione di mirati controlli incrociati nei confronti dei fornitori, di accertamenti bancari e di attività tecniche di intercettazione telefonica e telematica delle utenze e dei dispositivi in uso al Presidente pro tempore, Dr. Claudio Antonio LA CAMERA, unite ad appostamenti e pedinamenti - ha consentito di rilevare un illecito profitto, derivante dalla percezione di contribuzioni pubbliche, quantificato, a conclusione delle indagini preliminari, in circa 400.000 € su un totale complessivamente erogato di oltre 800.000 €.
Il sistema di frode, finalizzato alla distrazione di fondi pubblici, è stato perpetrato tra il 2007 e il 2014 dall’allora Presidente dell'associazione mediante artifici e raggiri consistiti principalmente nella presentazione, al medesimo o a diversi enti erogatori, di documentazione mendace per ottenere la liquidazione dei contributi.
In particolare, la truffa è stata consumata, prevalentemente, tramite la rendicontazione di fatture recanti un contrassegno di quietanza non veritiero, in relazione al quale è stato appurato come, a fronte delle spese rendicontate agli enti pubblici, il relativo importo non sia stato - in tutto o in parte - effettivamente corrisposto al fornitore.
I regolamenti che disciplinano la concessione dei suddetti contributi, inoltre, prevedevano la liquidazione delle spese già sostenute, certificate e quantificate da apposite attestazioni che, invece, il Presidente pro tempore ha preventivamente incassato, destinandone successivamente solo una parte alla realizzazione di manifestazioni ed eventi di pubblico interesse.
L'associazione - come accertato a seguito di apposita consulenza tecnica disposta dall'Autorità Giudiziaria - ha altresì portato a rimborso fatture di importo sovrastimato per l'acquisto, in particolare dell’impianto di videosorveglianza del “Museo della ‘ndrangheta”.
Le Fiamme Gialle hanno infine scoperto come taluni documenti di spesa venivano più volte presentati, per la loro liquidazione, al medesimo o a diversi enti erogatori e che le spese rendicontate risultavano, in più circostanze, palesemente non attinenti alle finalità dei progetti finanziati.
Le indagini così eseguite hanno condotto alla segnalazione alla Procura della Repubblica reggina delle responsabilità penali ascrivibili al Presidente pro tempore dell’associazione, Claudio Antonio LA CAMERA, per i reati aggravati di falso ideologico ex art. 479 C.P., truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche ex art. 640 bis C.P. e malversazione a danno dello Stato ex art. 316 bis C.P..
Il Tribunale di Reggio Calabria ha quindi disposto il sequestro preventivo, in via diretta o per equivalente, della somma complessiva di € 217.704,59, provvedimento già eseguito dai Finanzieri del locale Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e che ha permesso di cautelare le disponibilità finanziarie e patrimoniali dell’indagato fino alla concorrenza del cosiddetto “profitto del reato”.
18-04-2019 09:28

NOTIZIE CORRELATE


22-05-2019 - ATTUALITA'

Raccolta Differenziata: solo il 40% dei Comuni ha inviato le schede ad Arpacal

Per la provincia di Reggio Calabria trasmesse 30 schede su 97
20-05-2019 - POLITICA

Morra: "La proroga dei 4.500 tirocinanti degli Enti locali calabresi dipende esclusivamente dalla Regione Calabria"

La dignità dei calabresi ancora oggi appare ostaggio di una classe politica locale che alimenta il bisogno per tradurlo in bacino elettorale
16-05-2019 - ATTUALITA'

Anas, 5 milioni e 800 mila euro per la manutenzione delle strade in provincia di Reggio Calabria

piano di manutenzione messo a punto da Anas mediante l'Accordo Quadro triennale
15-05-2019 - CRONACA

Grave incidente sulla provinciale Pazzano-Stilo: muore ragazza di 25 anni

L'auto su cui viaggiava è uscita fuori strada e ha fatto un volo di 10 metri
14-05-2019 - CRONACA

Locri. "Vita eterna" ma solo sulla carta per percepire la pensione del caro estinto: in 15 denunciati

Scoperta truffa all'INPS per 500 mila euro: segnalati alla Corte dei Conti 19 pubblici ufficiali

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio Calabria. Delitto Fortunata Fortugno e tentato omicidio Logiudice: arrestato il 51enne Mario Chindemi

Nella giornata del 21 maggio u.s, gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Reggio Calabria - a conclusione di un secondo ...
CRONACA

Lo fermano ad un posto di blocco. I finanzieri gli trovano in auto oltre un milione di euro FOTO/VIDEO

Rosarno ...
CRONACA

Platì. Rinvenuto un bunker, denaro falso, armi e droga: denunciato 60enne FOTO/VIDEO

Continuano i servizi di contrasto alla ...
POLITICA

Elezioni europee e comunali del 26 maggio 2019, il vademecum della Prefettura

Reggio Calabria. Domenica 26 maggio 2019, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le operazioni di voto per le elezioni dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia. Nella medesima ...
CRONACA

Vallone: "A Reggio i reati predatori diminuiti del 25% in un mese" VIDEO

ATTUALITA'

"Il Comune di Reggio Calabria continua a non garantire il diritto all'alloggio alle famiglie a reddito basso" VIDEO

Reggio Calabria. Il Comune di Reggio Calabria, nonostante qualche iniziativa realizzata, continua a non garantire il diritto all’alloggio alle famiglie a reddito basso e senza una casa . Il settore degli alloggi popolari presenta gravissime carenze gestionali che dipendono dall’azione politica dell’Amministrazione. L’Osservatorio sul disagio abitativo con un’ importante partecipazione di famiglie ha denunciato, ancora una volta, nell’aula del Consiglio Comunale le diverse problematiche del settore ERP. Questa volta l’ha fatto mostrando ai consiglieri presenti otto cartelloni. Gli 11 milioni stornati. Pur essendoci qualche centinaio le famiglie che hanno vinto il bando comunale 2005 e che sono in emergenza abitativa, l’Amministrazione comunale, nel 2016, ha stornato un finanziamento di 11 milioni di euro destinato a dare l’alloggio a circa 160 nuclei. Per correggere quest’ azione cinquecentotrentaquattro reggine e reggini hanno firmato una Petizione che è stata presentata dall’Osservatorio sul disagio abitativo il 18 febbraio chiedendo al Comune il ripristino del finanziamento di 11 milioni per l’acquisto di alloggi . Il termine di 90 giorni previsto per la risposta alla Petizione è già scaduto, ma l’Amministrazione non ha ancora risposto. Non solo non si vuole implementare il patrimonio degli alloggi, come sarebbe necessario, ma non viene gestito neanche quello esistente. Difatti, il settore di Edilizia Residenziale Pubblica da tempo non realizza, con la necessaria efficacia, le verifiche sulla permanenza dei requisiti degli assegnatari dei 7000 alloggi popolari ( comunali ed Aterp) esistenti nel territorio comunale. Le verifiche sono previste dalla normativa vigente per recuperare e riassegnare gli allogginon più abitati e per garantire la gestione legale delle assegnazioni. Nonostante quanto deciso dal Consiglio Comunale il 10 febbraio 2017, il Sindaco non ha ancora disposto che al settore ERP venga assegnato stabilmente un gruppo di vigili e di operatori informatici per effettuare quotidianamente le verifiche. Tantomeno ha provveduto a chiedere alla Prefettura la costituzione di una task –force con le forze dell’ordine dello Stato . Questa azione di controllo con la relativa informatizzazione consentirebbe il recupero di decine di alloggi da assegnare alle famiglie vincitrici del bando 2005 ed a quelle in emergenza abitativa. Ma consentirebbe pure l’eliminazione dell’illegalità diffusa di cui gli alloggi erp sono oggetto, proprio a causa della mancanza di questa attività di controllo . Anche la gestione economica del settore ERP, indispensabile per garantire la necessaria efficienza strutturale del patrimonio, è del tutto assente. Negli ultimi quattro anni, mentre la gran parte degli alloggicomunali versa in gravissime condizioni strutturali, il Comune non ha garantito i livelli minini di manutenzione. Difatti, negli ultimi anni, i 3 milioni di euro entrati nelle casse comunali dai canoni e dalle vendite degli alloggi non sono stati spesi. Ma, secondo la normativa vigente, questi fondi sono vincolati al settore e dovrebbero essere spesi per garantire la necessaria manutenzione degli alloggi ERP. Per quanto riguarda la gestione delle emergenze abitative ( art 31 Lr 32/1996) il Comune, su sollecitazione dell’Osservatorio sul disagio abitativo, ha approvato il 25 gennaio 2018 un regolamento con la finalità di garantire trasparenza e velocità. Ma, fino ad oggi, il regolamento non è stato applicato e quindi si è continuato a gestire le emergenze con poca trasparenza e senza un’apposita graduatoria. La norma regionale sulla mobilità degli alloggi ERP del 1996, dopo 23 anni, continua a non essere applicata dal Comune e dall’Aterp e quindi centinaia di richieste di cambio alloggio risultano inevase negando il pieno diritto alla casa di moltissime famiglie assegnatarie . Il progetto di superamento del ghetto dell’Ex Polveriera, avviato nel mese di aprile 2018 portando alla sistemazione in dislocazione di 17 nuclei familiari, da 8 mesi è inspiegabilmente bloccato. Nel ghetto sono rimaste 15 famiglie che sono costrette ad abitare tra le macerie delle baracche demolite, nelle quali sono presenti delle lastre di eternit frantumate. Tra le situazioni di grave emergenza abitativa c’è da considerare anche quella delle persone senza fissa dimora. Nel periodo invernale, il Comune ha aperto un dormitorio pubblico offrendo un posto letto ad un gruppo di persone. Ma nel mese di marzo lo ha chiuso rimandando sulla strada le persone che aveva accolto. E’ quindi urgente che l’Amministrazione riapra un dormitorio pubblico per offrire nuovamente e per tutto l’anno un posto letto a queste persone. Reggio Calabria, 24 maggio 2019 Osservatorio sul disagio abitativo Un Mondo Di Mondi Giacomo Marino –Cristina Delfino CSOA Angelina Cartella Società dei Territorialisti/e Onlus Centro Sociale Nuvola Rossa Comitato Solidarietà Migranti Reggio Non ...
ATTUALITA'

#PlasticFreeGC: Più di 600 ragazzi hanno ripulito le spiagge reggine dalla plastica VIDEO

Ha preso il via la campagna ...
AMBIENTE

"Ci avete rotto i polmoni": anche a Reggio Calabria il Secondo Sciopero Globale per il Clima VIDEO

Reggio ...
SPORT

La Reggina si aggiudica il Centro Sportivo Sant'Agata. Gallo: "E' una cosa bellissima"

La Reggina si aggiudica la concessione del centro sportivo S. Agata, insieme ai beni materiali e immateriali, il marchio registrato, il brand e la storia del club di calcio Reggina. ...
CRONACA

Brevi di cronaca nel reggino, due arresti

Stamattina, i Carabinieri della Tenenza di Rosarno, hanno rintracciato e tratto in arresto Fida Massimo, 45 enne, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso il 23 maggio 2019 dalla Procura Generale ...
CRONACA

Gioia Tauro. Nascosti tra un carico di frutta esotica: sequestrati 53 kg di cocaina

Nell’ambito dell’attività di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti gli uomini del Comando Provinciale di Reggio Calabria, unitamente ai funzionari ...
ATTUALITA'

Reggio, per la prima volta si potranno ritirare le tessere elettorali all'Ufficio Decentrato di Catona

Reggio Calabria. Si porta a conoscenza dei cittadini che presso la sede dell'Ufficio Decentrato di Catona, sito in Piazza Matteotti Catona, possono ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

EUREKA
Quiz Show
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
SUONAVA L'ANNO
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Suonava l'anno

ITALPRESSWEB ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Dissesto stradale
    • CONCORSO COSENZA - BLOCCO ASSUNZIONI
    • Strada dissestata mancanza di illuminazione stradale in totale abbandono
    • Agnana Calabra - Una eterna campagna elettorale in una europa saggia
    • Le agevolazioni per gli invalidi per tasse comunali
    • Nuova piscina comunale.
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    Italpress
    Basta vittime 106
    idomotica