'Ndrangheta. Arresti dei Carabinieri nella piana di Gioia Tauro, in Provincia di Bologna e Aosta [VIDEO]
CRONACA

Dall'inchiesta emersa contrapposizione tra cosche

'Ndrangheta. Arresti dei Carabinieri nella piana di Gioia Tauro, in Provincia di Bologna e Aosta VIDEO

Reggio Calabria. Questa mattina, nelle province di Reggio Calabria, Bologna e Aosta, i carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, con il supporto dei reparti territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura distrettuale diretta dal dott. Giovanni Bombardieri, nei confronti di:
FACCHINIERI Giuseppe, nato a Cittanova (RC), il 02.02.1960
CHEMI Giuseppe, nato a Taurianova (RC), il 10.03.1960
RAFFA Roberto, nato a Taurianova (RC), il 06.12.1975
FACCHINIERI Vincenzo, nato a Cittanova (RC), il 09.01.1967
FACCHINERI Giuseppe, nato a Cittanova (RC), il 16.05.1970
RASO Michele, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 17.06.1962
RASO Vincenzo, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 13.01.1953;
RAFFA Giorgio, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 19.04.1970
RAFFA Vincenzo, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 04.11.1976;
FAZARI Tommaso, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 12.08.1960;
SORBARA Giuliano, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 14.04.1973;
SORBARA Raffaele, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 12.10.1969;
AGOSTINO Mario Gaetano, nato a Carpanzano (CS), il 06.05.1944 (agli arresti domiciliari).



tutti accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso (per il solo FACCHINERI Giuseppe, anche estorsione aggravata dal metodo mafioso), in qualità di appartenenti alla cosca “FACCHINERI” di Cittanova e alla locale di San Giorgio, organizzazioni di matrice ‘ndranghetistica riconducibili al mandamento tirrenico della provincia di Reggio Calabria.
L’attività investigativa, convenzionalmente denominata “ALTANUM”, è stata avviata dai carabinieri della Compagnia di Taurianova – coordinati dal Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e dal Sostituto Procuratore Gianluca Gelso – a seguito delle risultanze dell’indagine “CRIMINE” che, nel 2010, avevano sancito l’esistenza, a San Giorgio Morgeto, di una locale con a capo AGOSTINO Mario Gaetano, oggi 75enne. Sebbene assolto dall’accusa, il materiale acquisito nell’ambito di quel procedimento penale ha consentito ai Carabinieri di Taurianova di avviare una più specifica attività investigativa, volta ad individuare i presunti appartenenti alla locale di San Giorgio e a comprovarne la loro attuale operatività.
In particolare, serrate attività tecniche e dinamiche hanno permesso ai reparti dell’Arma di documentare:





l’operatività attuale della cosca “FACCHINERI” di Cittanova e della locale di San Giorgio, facendo luce sul ruolo ricoperto dai rispettivi sodali (per la prima, diretta FACCHINIERI Giuseppe detto “il professore, il fratello FACCHINIERI Vincenzo, RAFFA Roberto, basista in Valle d’Aosta e cognato dei FACCHINIERI, CHEMI Giuseppe, FACCHINERI Salvatore e FACCHINERI Giuseppe detto “scarpina, che per conto della cosca si occupava anche di estorsioni nel territorio reggino; per la seconda, al cui vertice si conferma il nominato AGOSTINO Mario Gaetano, i suoi nipoti SORBARA Raffaele e Giuliano, i fratelli RASO Michele e Vincenzo, da tempo punto di riferimento della locale in Valle d’Aosta, i fratelli RAFFA Vincenzo e Giorgio, cognati dei RASO, e FAZARI Tommaso);




il penetrante controllo del territorio esercitato dalle due cosche e i relativi interessi illeciti, con particolare riferimento agli appalti di lavori pubblici, ai tagli boschivi, alla compravendita dei terreni e all’assunzione dei lavoratori da parte delle locali aziende;




la proiezione delle due consorterie nel territorio valdostano, ove risultano risiedere svariati soggetti originari di San Giorgio Morgeto, risultati collegati con alcuni degli odierni indagati;




la disponibilità, in capo ad entrambi i sodalizi, di armi e munizioni, funzionali all’imposizione della volontà mafiosa attraverso il sistematico ricorso a minacce, estorsioni e danneggiamenti.





I ruoli degli indagati nell’ambito della cosca “FACCHINERI” e della locale di San Giorgio ed i rispettivi interessi illeciti sono emersi nell’ambito delle indagini che hanno documentato la “fibrillazione” generatasi nel 2011 tra i due sodalizi, entrambi determinati a mantenere il proprio predominio nel territorio di San Giorgio Morgeto, nell’ambito della quale è maturato l’omicidio di RASO Salvatore, esponente della locale di San Giorgio ucciso il 16 settembre 2011 in località Sant’Eusebio del comune di San Giorgio Morgeto, nei pressi della sua abitazione.
Dalle modalità esecutive dell'efferato fatto di sangue – nei confronti della vittima sono stati esplosi 10 colpi di “pallettoni”, uno dei quali alla nuca – e dagli esiti dei preliminari accertamenti era emerso sin da subito che la chiave di lettura del grave delitto non fosse da ricercare in un isolato episodio di criminalità comune ma in un ben più ampio ed articolato contesto di criminalità organizzata.
Alla base dell’agguato vi erano i contrasti generati dall’azione estorsiva tentata in danno due imprenditori operanti in Valle d’Aosta, ma originari di San Giorgio Morgeto, promossa da esponenti della cosca “FACCHINERI”. Per tale tentativo di estorsione, svolto mediante atti intimidatori e lettere minatorie, sono stati condannati in via definitiva FACCHINIERI Giuseppe “il professore”, CHEMI Giuseppe e RAFFA Roberto, tutti destinatari dell’odierno provvedimento in qualità di appartenenti alla cosca “FACCHINERI”.
In particolare, in uno dei due episodi, l’imprenditore vittima dell’estorsione si era rivolto ai fratelli RASO, Michele, Salvatore e Vincenzo, cui aveva richiesto un aiuto per evitare le pretese dei “FACCHINERI”. Proprio il conseguente intervento dei RASO in favore dell’imprenditore sangiorgese li ha posti in netto contrasto con FACCHINIERI Giuseppe e i suoi sodali, gettando le premesse per l’omicidio di RASO Salvatore.
Gli esiti delle investigazioni condotte dai Carabinieri di Taurianova – compendiate nell’odierno provvedimento e apprezzate unitamente alle risultanze delle indagini svolte dalla DDA di Torino – hanno consentito una più approfondita chiave di lettura della vicenda estorsiva, collocandola nel contesto mafioso poiché volta, da una parte, a far conseguire ai “FACCHINERI” l’illecito vantaggio economico dell’estorsione e, dall’altra, ad affermare il principio che, pur operando in altra regione d’Italia, le attività economiche condotte da soggetti originari del sangiorgese devono dare conto alla famiglia mafiosa predominante nell’area di provenienza, i “FACCHINERI”.
Infine, nel delineare la rilevanza dei ruoli dei singoli indagati nell’ambito della locale di San Giorgio e le dinamiche interne al sodalizio, le indagini dell’Arma di Taurianova hanno permesso di evidenziare l’attualità dei collegamenti fra questi e alcuni affiliati alla locale di ‘ndrangheta operativa in Valle d’Aosta. Tale circostanza si salda coerentemente con i recenti esiti dell’indagine “GEENNA”, svolta dal ROS e dai Carabinieri del Gruppo di Aosta coordinati dalla DDA di Torino, che ha portato nel gennaio scorso all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare a carico, fra gli altri, di 9 soggetti (alcuni dei quali originari di San Giorgio Morgeto) accusati di associazione mafiosa in quanto affiliati alla locale aostana.


17-07-2019 06:32

NOTIZIE CORRELATE


22-08-2019 - CRONACA

Locri. Operazione Riscatto: misure cautelari nei confronti di 15 affiliati alla cosca di 'ndrangheta Cordì NOMI/VIDEO

L'esecuzione dell'odierna misura costituisce il seguito delle operazioni 'Riscatto' dei Carabinieri e 'Mille e una notte' della Guardia di Finanza
22-08-2019 - CRONACA

Operazione "Riscatto". Il Sindaco di Locri Calabrese: "E' un dovere denunciare"

Il primo cittadino aveva denunciato le irregolarità agli inquirenti
21-08-2019 - ATTUALITA'

Ostentare simboli religiosi è lanciare messaggi alla 'ndrangheta? Oliva: "Polsi è solo luogo di spiritualità"

Dura presa di posizione del vescovo di Locri-Gerace dopo le affermazioni di Morra
20-08-2019 - POLITICA

Ostentare il Rosario è un messaggio in codice alla 'ndrangheta, Cannizzaro: "da Morra scomposte offese a Calabria e calabresi"

L'intervento del Presidente della Commissione antimafia non manca di provocare dure reazioni

ULTIME NEWS

POLITICA

Scherza coi fanti, ma lascia stare i Santi

"I Santi, La Madonna appartengono ad una fede religiosa che nulla ha a che vedere con la politica. Meno che meno con la partitica. Non mi risulta siano iscritti a nessun partito politico! Utilizzarli ad uso e consumo di decisioni che spesso si trovano in posizione ...
POLITICA

Festa di compleanno al Castello Aragonese. Si profila un altro "caso" Miramare?

Reggio Calabria. “È inaccettabile quanto accaduto al Castello Aragonese la scorsa notte. L’uso improprio di uno dei beni simbolo della nostra Città ha creato un danno ...
ATTUALITA'

"Ostentare i simboli sacri è irrispettoso. E' solo mera strumentalizzazione"

Locri (Reggio Calabria). Il monito del vescovo di Locri-Gerace, Mons. Francesco Oliva: “Continuare ad associare il Santuario della Madonna di Polsi alla ‘ndrangheta non solo non è corretto ...
ATTUALITA'

Ancora iniziative a favore dell'Hospice, mercoledì alle 22 concerto da "Zio Fedele bistrot"

Dopo il grande successo del concerto di Ferragosto, lo "Zio Fedele bistrot" continua a sostenere l'Hospice e la sua equipe. Mercoledì 28 agosto a partire ...
ATTUALITA'

Bagnara Calabra. Cittadini pizzicati ad abbandonare illecitamente rifiuti, beccati dalle telecamere

Pubblichiamo un estratto di immagini tratte dall’impianto di video sorveglianza, relative ad indagini svolte nei confronti di cittadini (e non) che si sono ...
ATTUALITA'

Reggio, evento non autorizzato al Castello Aragonese: il Comune chiederà il risarcimento

In merito alle immagini diffuse sui social network e riprese su alcuni organi di stampa locale, il Dirigente del Settore Cultura del Comune di Reggio Calabria Umberto Giordano ...
ATTUALITA'

Bimbo insultato in spiaggia, la controreplica del Codacons al Garante di Bovalino

Il Garante, in maniera decisamente piccata, ci impartisce lezioni di stile delle quali, senza meno, cercheremo di far tesoro. Purtuttavia alla luce delle domande che ci rivolge, dovrà ...
CRONACA

Melito Porto Salvo e Marina di San Lorenzo: denunciati titolari di stabilimenti balneari. Proprietario arrestato per furto di energia elettrica FOTO

Nell’ambito nell'operazione nazionale e transnazionale denominata “Focus ‘Ndrangheta”, le cui linee strategiche sono elaborate in sede di Comitato per l'Ordine e la Sicurezza pubblica, sono stati avviati controlli ed accertamenti finalizzati alla verifica del corretto utilizzo delle aree demaniali marittime e nello specifico all’interno degli stabilimenti balneari. Gli uomini della Delegazione di Spiaggia – Guardia Costiera di Melito Porto Salvo e del Nucleo operativo polizia ambientale della Capitaneria di Porto di Reggio Calabria congiuntamente al personale della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria e della Polizia locale del Comune di Melito Porto Salvo hanno accertato, all’interno di uno stabilimento balneare realizzato sul lungomare del comune di Melito Porto Salvo, che il titolare dello stesso, aveva occupato circa 250 mq di arenile in più di quello concesso. La ditta aveva illecitamente occupato parte della spiaggia per asservirla alla propria clientela, privandola di fatto all’uso comune. Sono stati sequestrati, rimuovendo dalla spiaggia le attrezzature, un totale di n° 45 ombrelloni e n° 90 lettini da mare, liberando circa 250 mq di arenile, restituito al libero uso. Altra attività congiunta è stata svolta tra i militari della Delegazione di Spiaggia - Guardia Costiera di Melito Porto Salvo, della locale Stazione dei Carabinieri Forestali e della Polizia Locale del Comune di San Lorenzo, su una struttura ricettiva in località Marina di San Lorenzo, nell’ambito della quale venivano posti sotto sequestro n° 80 ombrelloni e n° 134 sdraio/lettini da mare, che occupavano abusivamente un arenile demaniale di 1.540,00 mq. Tale area è ritornata pertanto fruibile ai bagnanti, poiché trattasi arenile destinato al pubblico uso. Veniva accertato altresì una superficie di oltre 2.000 mq sulla quale insistevano opere edili consistenti in fabbricati destinati ad uso commerciale e a civile abitazione nonché un chiosco in legno utilizzato per la somministrazione di cibi e bevande. Alla luce delle violazioni urbanistiche riscontrate e in mancanza della regolare concessione demaniale marittima la PG operante procedeva al sequestro preventivo dell’intera area demaniale e di tutti i manufatti insistenti sulla stessa. Sentito per le vie brevi il PM di turno della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, il responsabile, è stato anche tratto in arresto per furto di energia elettrica poiché aveva realizzato un allaccio abusivo ad una cassetta di derivazione di Enel – Distribuzione, come accertato dalle verifiche tecniche del personale specializzato Enel intervenuto sul posto. Nella medesima attività veniva scoperta una cella frigo alimentata con energia elettrica proveniente dall’allaccio abusivo, contenente circa 335 Kg. di prodotto ittico privo di tracciabilità. Il trasgressore veniva quindi sanzionato per l’illecito amministrativo previsto dalla normativa vigente ed il predetto materiale alimentare veniva posto sequestro ammnistrativo, in attesa del successivo smaltimento presso ditta specializzata. Sempre nei giorni scorsi, nell’ambito dei controlli demaniali sul litorale melitese, gli uomini della Guardia Costiera hanno deferito all’A.G. competente un altro concessionario di stabilimento balneare per aver eseguito innovazioni non autorizzate sul demanio marittimo. Su precise direttive del Ministro per le Infrastrutture e dei Trasporti, sono state altresì disposte attività di controllo ancora più mirate e accurate sull’uso corretto degli arenili e degli specchi acquei, contrastando le ...
ATTUALITA'

"Quartiere di Ciccarello, dove regnano degrado e abbandono"

Riceviamo e pubblichiamo: "Buongiorno, sono un cittadino di Reggio Calabria, contatto la redazione del vostro giornale per cercare di mettere alla luce uno dei problemi che riguarda la nostra citta' che viene sottaciuto e ...
CRONACA

Reggio Calabria. 93 sanzioni elevate durante l'ultima uscita dello "street-control"

Reggio Calabria. 93 in tutto le sanzioni elevate nella mattinata di giovedì con il nuovo dispositivo "street control" da giorni in dotazione alle pattuglie della Polizia ...
ATTUALITA'

Via Abate Sant'Elia, i residenti denunciano: "Da gennaio una tubatura rotta sta creando problemi di viabilità"

Riceviamo e pubblichiamo: "Buonasera, sono la Sig.ra Lucia T.,questa mattina ho contattato la vostra redazione per segnalare un ...
ATTUALITA'

"Rifiuti illegalmente smaltiti dall'ANAS, perché tanto clamore per un singolo caso?"

E’ proprio vero, se non succede l’evento non se parla. Lo stesso vale per la pericolosità della Ss 106: se non succede il grave incidente stradale non se ne parla, sebbene ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

BORGOITALIA
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
RASSEGNA STAMPA
PIANETA DILETTANTI
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

ADNKRONOS ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • spazzatura
    • LETTERA APERTA (UN SALUTO PIU' CHE ALTRO) SU ODIERNO REGGIO CALABRIA PRIDE
    • Spiagge di serie A. Spiaggie di serie C
    • Situazione antigienica per presenza di rifiuti.
    • Chiedere aiuto e' un diritto!!
    • Fontana a secco
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    Italpress
    idomotica
    Basta vittime 106