'Ndrangheta. Arresti dei Carabinieri nella piana di Gioia Tauro, in Provincia di Bologna e Aosta [VIDEO]
CRONACA

Dall'inchiesta emersa contrapposizione tra cosche

'Ndrangheta. Arresti dei Carabinieri nella piana di Gioia Tauro, in Provincia di Bologna e Aosta VIDEO

Reggio Calabria. Questa mattina, nelle province di Reggio Calabria, Bologna e Aosta, i carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria, con il supporto dei reparti territorialmente competenti, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della Procura distrettuale diretta dal dott. Giovanni Bombardieri, nei confronti di:
FACCHINIERI Giuseppe, nato a Cittanova (RC), il 02.02.1960
CHEMI Giuseppe, nato a Taurianova (RC), il 10.03.1960
RAFFA Roberto, nato a Taurianova (RC), il 06.12.1975
FACCHINIERI Vincenzo, nato a Cittanova (RC), il 09.01.1967
FACCHINERI Giuseppe, nato a Cittanova (RC), il 16.05.1970
RASO Michele, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 17.06.1962
RASO Vincenzo, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 13.01.1953;
RAFFA Giorgio, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 19.04.1970
RAFFA Vincenzo, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 04.11.1976;
FAZARI Tommaso, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 12.08.1960;
SORBARA Giuliano, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 14.04.1973;
SORBARA Raffaele, nato a San Giorgio Morgeto (RC), il 12.10.1969;
AGOSTINO Mario Gaetano, nato a Carpanzano (CS), il 06.05.1944 (agli arresti domiciliari).



tutti accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso (per il solo FACCHINERI Giuseppe, anche estorsione aggravata dal metodo mafioso), in qualità di appartenenti alla cosca “FACCHINERI” di Cittanova e alla locale di San Giorgio, organizzazioni di matrice ‘ndranghetistica riconducibili al mandamento tirrenico della provincia di Reggio Calabria.
L’attività investigativa, convenzionalmente denominata “ALTANUM”, è stata avviata dai carabinieri della Compagnia di Taurianova – coordinati dal Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano Paci e dal Sostituto Procuratore Gianluca Gelso – a seguito delle risultanze dell’indagine “CRIMINE” che, nel 2010, avevano sancito l’esistenza, a San Giorgio Morgeto, di una locale con a capo AGOSTINO Mario Gaetano, oggi 75enne. Sebbene assolto dall’accusa, il materiale acquisito nell’ambito di quel procedimento penale ha consentito ai Carabinieri di Taurianova di avviare una più specifica attività investigativa, volta ad individuare i presunti appartenenti alla locale di San Giorgio e a comprovarne la loro attuale operatività.
In particolare, serrate attività tecniche e dinamiche hanno permesso ai reparti dell’Arma di documentare:





l’operatività attuale della cosca “FACCHINERI” di Cittanova e della locale di San Giorgio, facendo luce sul ruolo ricoperto dai rispettivi sodali (per la prima, diretta FACCHINIERI Giuseppe detto “il professore, il fratello FACCHINIERI Vincenzo, RAFFA Roberto, basista in Valle d’Aosta e cognato dei FACCHINIERI, CHEMI Giuseppe, FACCHINERI Salvatore e FACCHINERI Giuseppe detto “scarpina, che per conto della cosca si occupava anche di estorsioni nel territorio reggino; per la seconda, al cui vertice si conferma il nominato AGOSTINO Mario Gaetano, i suoi nipoti SORBARA Raffaele e Giuliano, i fratelli RASO Michele e Vincenzo, da tempo punto di riferimento della locale in Valle d’Aosta, i fratelli RAFFA Vincenzo e Giorgio, cognati dei RASO, e FAZARI Tommaso);




il penetrante controllo del territorio esercitato dalle due cosche e i relativi interessi illeciti, con particolare riferimento agli appalti di lavori pubblici, ai tagli boschivi, alla compravendita dei terreni e all’assunzione dei lavoratori da parte delle locali aziende;




la proiezione delle due consorterie nel territorio valdostano, ove risultano risiedere svariati soggetti originari di San Giorgio Morgeto, risultati collegati con alcuni degli odierni indagati;




la disponibilità, in capo ad entrambi i sodalizi, di armi e munizioni, funzionali all’imposizione della volontà mafiosa attraverso il sistematico ricorso a minacce, estorsioni e danneggiamenti.





I ruoli degli indagati nell’ambito della cosca “FACCHINERI” e della locale di San Giorgio ed i rispettivi interessi illeciti sono emersi nell’ambito delle indagini che hanno documentato la “fibrillazione” generatasi nel 2011 tra i due sodalizi, entrambi determinati a mantenere il proprio predominio nel territorio di San Giorgio Morgeto, nell’ambito della quale è maturato l’omicidio di RASO Salvatore, esponente della locale di San Giorgio ucciso il 16 settembre 2011 in località Sant’Eusebio del comune di San Giorgio Morgeto, nei pressi della sua abitazione.
Dalle modalità esecutive dell'efferato fatto di sangue – nei confronti della vittima sono stati esplosi 10 colpi di “pallettoni”, uno dei quali alla nuca – e dagli esiti dei preliminari accertamenti era emerso sin da subito che la chiave di lettura del grave delitto non fosse da ricercare in un isolato episodio di criminalità comune ma in un ben più ampio ed articolato contesto di criminalità organizzata.
Alla base dell’agguato vi erano i contrasti generati dall’azione estorsiva tentata in danno due imprenditori operanti in Valle d’Aosta, ma originari di San Giorgio Morgeto, promossa da esponenti della cosca “FACCHINERI”. Per tale tentativo di estorsione, svolto mediante atti intimidatori e lettere minatorie, sono stati condannati in via definitiva FACCHINIERI Giuseppe “il professore”, CHEMI Giuseppe e RAFFA Roberto, tutti destinatari dell’odierno provvedimento in qualità di appartenenti alla cosca “FACCHINERI”.
In particolare, in uno dei due episodi, l’imprenditore vittima dell’estorsione si era rivolto ai fratelli RASO, Michele, Salvatore e Vincenzo, cui aveva richiesto un aiuto per evitare le pretese dei “FACCHINERI”. Proprio il conseguente intervento dei RASO in favore dell’imprenditore sangiorgese li ha posti in netto contrasto con FACCHINIERI Giuseppe e i suoi sodali, gettando le premesse per l’omicidio di RASO Salvatore.
Gli esiti delle investigazioni condotte dai Carabinieri di Taurianova – compendiate nell’odierno provvedimento e apprezzate unitamente alle risultanze delle indagini svolte dalla DDA di Torino – hanno consentito una più approfondita chiave di lettura della vicenda estorsiva, collocandola nel contesto mafioso poiché volta, da una parte, a far conseguire ai “FACCHINERI” l’illecito vantaggio economico dell’estorsione e, dall’altra, ad affermare il principio che, pur operando in altra regione d’Italia, le attività economiche condotte da soggetti originari del sangiorgese devono dare conto alla famiglia mafiosa predominante nell’area di provenienza, i “FACCHINERI”.
Infine, nel delineare la rilevanza dei ruoli dei singoli indagati nell’ambito della locale di San Giorgio e le dinamiche interne al sodalizio, le indagini dell’Arma di Taurianova hanno permesso di evidenziare l’attualità dei collegamenti fra questi e alcuni affiliati alla locale di ‘ndrangheta operativa in Valle d’Aosta. Tale circostanza si salda coerentemente con i recenti esiti dell’indagine “GEENNA”, svolta dal ROS e dai Carabinieri del Gruppo di Aosta coordinati dalla DDA di Torino, che ha portato nel gennaio scorso all’esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare a carico, fra gli altri, di 9 soggetti (alcuni dei quali originari di San Giorgio Morgeto) accusati di associazione mafiosa in quanto affiliati alla locale aostana.


17-07-2019 06:32

NOTIZIE CORRELATE


16-10-2019 - CRONACA

San Luca. Ennesima piantagione scoperta dai Carabinieri: sul mercato nero avrebbe fruttato 320 mila euro

85 piante di altezza compresa tra 1 e 2,5 metri
16-10-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. Sorpreso con la droga, tenta la fuga ma viene arrestato dai Carabinieri

è stato trovato in possesso di un borsello con all'interno un involucro contenente alcuni grammi di marijuana
15-10-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. Nascondeva armi e droga dentro un piccolo bunker nel muro, arrestato 45enne VIDEO

600 grammi di cocaina, una pistola e 13mila euro in contanti
14-10-2019 - CRONACA

'Ndrangheta. Scacco al clan Iozzo-Chiefari: in 17 finiscono in manette. Fatta luce anche su un duplice omicidio

E' scattato all'alba il blitz dei Carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro

ULTIME NEWS

CRONACA

Reggio, colpi d'arma da fuoco nella notte ai danni di un autolavaggio

Reggio Calabria. Almeno cinque i colpi di arma da fuoco esplosi nella notte contro la saracinesca di un autolavaggio sito in Via De Blasio, zona San Giorgio Extra, nella zona sud della città. Indagini in corso per ...
CRONACA

Reggio Calabria. La Polizia arresta in flagranza di reato gli autori di una rapina ai danni di un bar tabacchi

Reggio Calabria. Gli investigatori della Squadra Mobile reggina - Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” - coadiuvati dagli ...
CRONACA

Reggio Calabria. Morte Matteo Armellini. Confermate le cinque condanne per il crollo del palco al Palasport

Reggio Calabria. Cinque persone sono state condannate per il crollo del palco allestito il 5 marzo del 2012 in occasione del concerto di Laura ...
ATTUALITA'

Instabilità Rupe di Capo d'Armi. Situazione pericolosa ma il Governo liquida il problema con uno scarica barile

Lo scorso 18 ottobre si è discussa presso la Camera dei deputati l’interpellanza urgente presentata dall’On. Maria ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria, quale plastic free?

E’ dell’agosto scorso la riunione della Giunta Comunale di Reggio Calabria che ha discusso, quale ordine del giorno, l’adesione al protocollo “Plastic Free”, proposto da noi Verdi tempo prima. Ad oggi non si trova nessuna nuova delibera in merito a ...
ATTUALITA'

Giornata nazionale "Sfratti zero". Il diritto all'alloggio a Reggio è ancora negato

Reggio Calabria. In occasione dell’ ottava giornata nazionale “Sfratti Zero” promossa da Unione Inquilini, le associazioni e i movimenti dell’Osservatorio sul disagio ...
CRONACA

Passeggiata antiracket. "Bisogna far vedere alla criminalità organizzata che noi ci siamo. Vinceremo questa battaglia!" VIDEO

Reggio Calabria. Si è svolta questa mattina nelle strade del centro cittadino la "passeggiata antiracket", manifestazione itinerante organizzata da “Libera” Coordinamento di Reggio Calabria e condotta dal Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura. Presenti il Prefetto di Reggio Calabria, il Sindaco, il Questore ed i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Penitenziaria. Numerosi i partecipanti che hanno percorso l'itinerario dimostrando alla città la vicinanza delle Istituzioni cittadine e delle associazioni di categoria ad alcuni commercianti ed imprenditori che hanno avuto il coraggio di denunciare il fenomeno del racket. La Campagna di Libera, denominata “Reggio Libera Reggio”, nasce poco meno di dieci anni or sono, su iniziativa di alcune imprese commerciali e cooperative che, svolgendo la loro attività a Reggio Calabria e provincia, ha dato ...
ATTUALITA'

91esimo compleanno a Reggio Calabria per il Cardinale Simoni: "Dobbiamo unirci nell'amore fraterno" VIDEO

Re...
CRONACA

Rissa tra reggini e catanzaresi a Bologna, cinque arresti

Bologna. Il derby tra reggini e catanzaresi non finisce mai. Ma questa volta non stiamo parlando di una partita di calcio, ma di una vera e propria rissa. Tutto è accaduto poco dopo mezzanotte quando padre e figlio di 56 e 25 anni e un ...
AMBIENTE

Rifiuti zero a Villa San Giovanni. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione con 45 mila euro

Villa San Giovanni. Con riferimento al Bando Anci Conai per la comunicazione locale – edizione 2019, il comune di Villa San Giovanni è stato ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. In corso l'avviso pubblico per la nomina del Garante dei diritti degli animali

Reggio Calabria. Lo dichiara il consigliere comunale Filippo Quartuccio, già proponente in Commissione dell’istituzione della “Consulta degli animali ...
ATTUALITA'

Marziale: "L'Asp di Reggio disattende anche i provvedimenti del tribunale per un bimbo autistico" VIDEO

"...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SUONAVA L'ANNO
PIANETA DILETTANTI
BORGOITALIA
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Io Scelgo Calabria

ITALPRESSWEB ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Rintracciare evasori
    • L’acqua e’ un bene prezioso, l’acqua e’ vita
    • In merito alla ruota panoramica…
    • spazzatura
    • LETTERA APERTA (UN SALUTO PIU' CHE ALTRO) SU ODIERNO REGGIO CALABRIA PRIDE
    • Spiagge di serie A. Spiaggie di serie C
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    Italpress
    Basta vittime 106
    idomotica