'Ndrangheta. Confiscati 7 milioni di beni a imprenditore reggino vicino ai clan [FOTO/DETTAGLI]
CRONACA

Roberto Morgante 60 anni attualmente è sottoposto a regime detentivo

'Ndrangheta. Confiscati 7 milioni di beni a imprenditore reggino vicino ai clan FOTO/DETTAGLI

Reggio Calabria. La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, sotto il coordinamento del Procuratore Distrettuale di Reggio Calabria Giovanni BOMBARDIERI e del Procuratore Aggiunto Calogero Gaetano PACI, ha eseguito un decreto di CONFISCA beni emesso dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di Roberto MORGANTE, 60 anni, nativo di Villa San Giovanni, imprenditore nel settore edilizio ed attualmente sottoposto a regime detentivo.
Già sottoposto alla misura dell’avviso orale nel 1993 dal Questore di Reggio Calabria, nel 2014, il proposto unitamente ad altri 39 soggetti, era stato raggiunto dalla misura di custodia cautelare in carcere nell’ambito dell’operazione “TIBET”, coordinata dalla Procura della Repubblica – DDA di Milano e le cui indagini erano state condotte dalla Squadra Mobile di Milano - con il significativo apporto investigativo fornito dal Centro Operativo D.I.A. di Reggio Calabria che aveva attenzionato il MORGANTE in altra parallela attività di polizia giudiziaria.
Sulla base delle risultanze investigative di entrambi gli uffici di polizia, era emerso che il MORGANTE agiva quale rappresentante e collettore di risorse economiche di cosche operative sul territorio di Reggio Calabria, coinvolte nelle lucrose attività delittuose a sfondo finanziario gestite in Lombardia e, segnatamente nel c.d. “Locale” di Desio (MB), dalla cosca di ‘ndrangheta allora capeggiata da PENSABENE Giuseppe. MORGANTE era risultato agire quale finanziatore e, quindi, compartecipe alle iniziative finanziarie illecite che la consorteria milanese perpetrava su quel territorio, soprattutto di natura usuraia.
Il MORGANTE veniva per tali fatti condannato, in primo grado, dal GUP di Milano nel giugno 2015 per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa alla pena di 6 anni e 10 mesi di reclusione e con la confisca di numerosi beni. La sentenza, nel luglio 2016, veniva confermata dalla Corte di Appello di Milano. Nel settembre 2017, la Corte di Cassazione, pur annullando con rinvio limitatamente alla confisca dei beni, confermava la responsabilità penale del proposto.
Con l’odierno provvedimento, il Tribunale - Sez. Misure di Prevenzione - di Reggio Calabria, ha ritenuto, ai sensi della normativa in tema di misure di prevenzione, l’imprenditore reggino portatore sia di pericolosità sociale qualificata che generica in quanto, da un lato gravemente indiziato di appartenenza alla ‘ndrangheta, dall’altro poichè soggetto che ha vissuto in tutto o in parte dei proventi di reati contro il patrimonio sin dalla fine degli anni 90.
In merito, il prefato Collegio ha affermato che il Morgante rappresenta la figura dell’imprenditore “colluso” con la criminalità organizzata….ossia dell’imprenditore che entra in un rapporto sinallagmatico con l’associazione mafiosa tale da produrre vantaggi per entrambi i contraenti…”.
Riguardo la parte patrimoniale, il prefato Tribunale, ha ritenuto che il patrimonio del proposto e dei suoi stretti congiunti “debba ritenersi il frutto o il reimpiego di proventi di attività illecite in quanto direttamente ricollegabile (anche quale reinvestimento) alla accertata e risalente pericolosità sociale qualificata del MORGANTE, strettamente connessa alla sua attività imprenditoriale, e mai venuta meno….
Per il Tribunale, inoltre, le imprese del proposto sono ascrivibili nel genus dell’impresa mafiosa conseguendone che, il successo imprenditoriale del MORGANTE, sia da attribuirsi al pesante condizionamento esercitato nel territorio di riferimento dalla ‘ndrangheta, che, attraverso il metodo mafioso, gli ha assicurato illecitamente una posizione di preminenza sul mercato.
Complessivamente, il collegio giudicante ha disposto la confisca di attività aziendali e di numerosi beni personali, già sottoposti a sequestro di prevenzione nel marzo del 2018, concordando pienamente con le rigorose ed esaustive informazioni controdeduttive prodotte - in sede di contraddittorio con la parte - dalla DIA di Reggio Calabria efficacemente supervisionata e diretta dalla locale Procura Distrettuale.
Nel dettaglio sono stati interessati dalla confisca:
4 società
[per l’intero o per quote del rispettivo capitale sociale e corrispondente patrimonio aziendale] operanti nel settore edilizio e del commercio all’ingrosso e dettaglio di articoli per impianti idro-termo-sanitari;
26 immobili ad uso personale ed aziendale, siti a Reggio Calabria e Villa San Giovanni;
numerosi e consistenti conti correnti personali ed aziendali, polizze e dossier titoli per un valore di circa 2,6 milioni di euro.
Il valore complessivo dei beni sottoposti a confisca ammonta a circa Euro 7.000.000,00.


17-07-2019 07:49

NOTIZIE CORRELATE


19-10-2019 - ATTUALITA'

Giornata nazionale "Sfratti zero". Il diritto all'alloggio a Reggio è ancora negato

Associazioni e movimenti dell'Osservatorio sul disagio abitativo rivendicano il diritto alla casa per le famiglie a basso reddito
19-10-2019 - ATTUALITA'

Reggio Calabria, quale plastic free?

La nota del Consigliere di Federazione Nazionale del partito dei Verdi Giordano
19-10-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. La Polizia arresta in flagranza di reato gli autori di una rapina ai danni di un bar tabacchi

I due avevano messo a segno un colpo in una nota tabaccheria della città
19-10-2019 - CRONACA

Reggio, colpi d'arma da fuoco nella notte ai danni di un autolavaggio

In zona sud della città

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Instabilità Rupe di Capo d'Armi. Situazione pericolosa ma il Governo liquida il problema con uno scarica barile

Lo scorso 18 ottobre si è discussa presso la Camera dei deputati l’interpellanza urgente presentata dall’On. Maria ...
CRONACA

Passeggiata antiracket. "Bisogna far vedere alla criminalità organizzata che noi ci siamo. Vinceremo questa battaglia!" VIDEO

Reggio Calabria. Si è svolta questa mattina nelle strade del centro cittadino la "passeggiata antiracket", manifestazione itinerante organizzata da “Libera” Coordinamento di Reggio Calabria e condotta dal Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura. Presenti il Prefetto di Reggio Calabria, il Sindaco, il Questore ed i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Penitenziaria. Numerosi i partecipanti che hanno percorso l'itinerario dimostrando alla città la vicinanza delle Istituzioni cittadine e delle associazioni di categoria ad alcuni commercianti ed imprenditori che hanno avuto il coraggio di denunciare il fenomeno del racket. La Campagna di Libera, denominata “Reggio Libera Reggio”, nasce poco meno di dieci anni or sono, su iniziativa di alcune imprese commerciali e cooperative che, svolgendo la loro attività a Reggio Calabria e provincia, ha dato ...
ATTUALITA'

91esimo compleanno a Reggio Calabria per il Cardinale Simoni: "Dobbiamo unirci nell'amore fraterno" VIDEO

Re...
CRONACA

Rissa tra reggini e catanzaresi a Bologna, cinque arresti

Bologna. Il derby tra reggini e catanzaresi non finisce mai. Ma questa volta non stiamo parlando di una partita di calcio, ma di una vera e propria rissa. Tutto è accaduto poco dopo mezzanotte quando padre e figlio di 56 e 25 anni e un ...
AMBIENTE

Rifiuti zero a Villa San Giovanni. Il Conai finanzia il progetto di sensibilizzazione con 45 mila euro

Villa San Giovanni. Con riferimento al Bando Anci Conai per la comunicazione locale – edizione 2019, il comune di Villa San Giovanni è stato ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. In corso l'avviso pubblico per la nomina del Garante dei diritti degli animali

Reggio Calabria. Lo dichiara il consigliere comunale Filippo Quartuccio, già proponente in Commissione dell’istituzione della “Consulta degli animali ...
ATTUALITA'

Marziale: "L'Asp di Reggio disattende anche i provvedimenti del tribunale per un bimbo autistico" VIDEO

"...
CRONACA

Ucciso a colpi di pistola sotto gli occhi del figlioletto di 6 anni: arrestato il killer VIDEO

San Gregorio ...
CRONACA

Reggio Calabria. Auto si ribalta. Incidente in zona Stadio

Reggio Calabria. Sembra che il mezzo si sia ribaltato da solo. Si tratta di una vecchia Fiat Uno. Teatro dell'incidente, l'incrocio tra la via Itria e il viale Messina. Sul posto i mezzi di soccorso, vigili del fuoco e polizia ...
ATTUALITA'

No alla censura, CasaPound imbavaglia le statue in oltre cento città italiane

Un bavaglio apposto dai militanti di CasaPound sulle statue di tutta Italia, questa la simbolica protesta con la quale il movimento della tartaruga frecciata ha inteso continuare a tenere alta ...
ATTUALITA'

Concessa, il lettore segnala: "4 giorni consecutivi che non viene raccolto l'umido"

Il sottoscritto R.G. comunica che,al proprio domicilio Via Bolano Ranieri Concessa e in tutta la medesima via, la raccolta dell'umido non è stata effettuata per 4 turni consecutivi e ...
CRONACA

Calabria al quinto posto in Italia per episodi di corruzione

La Calabria, con 14 episodi accertati tra il 2016 ed il 2019, occupa il quinto posto tra le regioni italiane in questa specifica classifica. Il dato della Calabria, che rappresenta in percentuale il 9,2% di quello nazionale, emerge dal ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
I BASTALDI
SUONAVA L'ANNO
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Io Scelgo Calabria

ITALPRESSWEB ULTIM'ORA


    LINK UTILI
    Seguici su Facebook
    Guardaci su Youtube
    Seguici su Twitter
    Riceviamo e Pubblichiamo
    Segnalazioni, proposte, commenti
    • Rintracciare evasori
    • L’acqua e’ un bene prezioso, l’acqua e’ vita
    • In merito alla ruota panoramica…
    • spazzatura
    • LETTERA APERTA (UN SALUTO PIU' CHE ALTRO) SU ODIERNO REGGIO CALABRIA PRIDE
    • Spiagge di serie A. Spiaggie di serie C
    IL
    METEO
    Previsioni meteo per la settimana
    Richiedi la copia di un video
    Compila il form
    ADV
    idomotica
    Basta vittime 106
    Italpress