Falsi infortuni per riscuotere i premi assicurativi: in manette anche Dirigente medico e paramedico del Grande Ospedale Metropolitano
CRONACA

Operazione della Guardia di Finanza a Reggio Calabria

Falsi infortuni per riscuotere i premi assicurativi: in manette anche Dirigente medico e paramedico del Grande Ospedale Metropolitano

Reggio Calabria. Alle prime luci della mattinata odierna, militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale degli arresti domiciliari e reale del profitto del reato emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabriasu proposta della locale Procura della Repubblica, coordinata dal Procuratore Capo dott. Giovanni Bombardieri – nei confronti di 4 soggetti (B.V. cl’ 64 di Reggio Calabria, C.F. cl’ 70 di Montebello Ionico (RC), F.B. cl’ 66 di Reggio Calabria e G.N. cl’ 59 di Motta San Giovanni (RC)), accusati a vario titolo e in concorso tra loro dei reati di falsità in atti pubblici, accesso abusivo a sistemi informatici, violenza privata, costrizione alla commissione di reati, fraudolento danneggiamento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona.
Tra i soggetti destinatari della misura cautelare, dei quali uno già noto agli inquirenti poiché coinvolto nell’ambito dell’operazione “Game Over” (anch’essa condotta, sotto l’egida della locale Procura della Repubblica, da parte della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nell’agosto 2017), figurano un dirigente medico e un addetto paramedico entrambi dipendenti del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-Melacrino-Morelli”.
L’esecuzione delle odierne misure cautelari personali e reali eseguite rappresentano l’epilogo di articolate e complesse investigazioni, coordinate dal Procuratore Aggiunto della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dott. Gerardo Dominijanni, dirette dal Sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Giovanni Gullo e condotte dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Reggio Calabria.
In particolare, durante l’esecuzione di precedenti investigazioni e attività di perquisizione, i finanzieri reggini rinvenivano un estratto conto di una carta Postepay Evolution nella disponibilità di un soggetto, il quale, nell’immediatezza dei fatti, tentava invano di distruggere il documento rinvenuto dai militari, insospettendo così gli stessi, che quindi decidevano di effettuare approfondimenti d’indagine ben mirati.
Si accertava, così, come il soggetto in questione fosse stato indotto da due degli indagati a fornire propri documenti per l’accensione di una polizza assicurativa contro gli infortuni a suo nome.
Nel corso delle indagini eseguite dai finanzieri e coordinate dal locale Ufficio di Procura, veniva, altresì, accertata la produzione di una serie di documenti e certificazioni sanitarie false, utili per l’apertura del sinistro, con conseguente incardinamento di un iter che si concludeva con l’erogazione di oltre 54mila euro.
Tale somma di denaro, tuttavia, pur essendo destinata al soggetto indotto ad agire, finiva, di fatto, nelle tasche degli artefici della truffa assicurativa.
Ulteriori approfondimenti investigativi consentivano di risalire anche ai medici e ai paramedici coinvolti, tutti impiegati presso il Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi-Melacrino-Morelli” di Reggio Calabria.
A carico degli stessi (F.B. cl’ ’66 e G.N. cl’ 59), in particolare, venivano accertati:

la redazione di un falso verbale di accettazione di pronto soccorso;
il rilascio di false certificazioni mediche relative a presunte visite di controllo;
la predisposizione di una falsa perizia medico-legale;
l’effettuazione di un accesso abusivo al sistema informatico dell’ospedale adibito alla gestione delle immagini radiologiche, in vista dell’inserimento a sistema di un falso referto, commesso mediante l’utilizzo delle credenziali di un ignaro collega della struttura sanitaria.

A comprova dei preliminari sospetti, la successiva attività investigativa, condotta attraverso:


numerosi sopralluoghi e/o appostamenti presso i luoghi potenzialmente interessati dalla vicenda;
escussione a sommarie informazioni di numerosi soggetti;
analisi della copiosa documentazione sanitaria e assicurativa;
accertamenti bancari;

ha consentito di smascherare, tramite l’incrocio di vari elementi indiziari, un consolidato sistema criminoso fraudolento, consentendo così di:


individuare i soggetti coinvolti;
riscontrare la presenza di ulteriori elementi indizianti a carico di operatori sanitari;
individuare i ruoli attribuiti a ciascun attore dell’attività delittuosa.

Durante le investigazioni, inoltre, a seguito di una denuncia/querela proposta da un cittadino ignaro, citato dinanzi al Giudice di Pace da parte di uno dei predetti indagati per una richiesta di risarcimento danni non patrimoniali connessa a un presunto incidente stradale, la medesima A.G. delegante richiedeva lo svolgimento di altri accertamenti, a seguito dei quali emergevano profili di responsabilità penali nei confronti di ulteriori 4 soggetti (compresi nr. 2 vigili urbani in servizio presso il Comando di Polizia Locale di Reggio Calabria), oltre che del medesimo dirigente sanitario e del dipendente paramedico già emersi nel corso dell’indagine.
Tale “seconda” truffa, in vista del successivo giudizio civile teso al risarcimento anche del presunto danno non patrimoniale, in particolare, aveva consentito agli indagati di riscuotere un primo rimborso assicurativo per falsi danni patrimoniali all’automezzo pari a 4.700 €.
La gravità del quadro indiziario raccolto, nonché l’attualità della pericolosità delle condotte poste in essere dagli indagati, spingeva i militari operanti a fornire all’A.G. inquirente elementi idonei tali da far presumere sussistente la necessità di proporre al competente G.I.P. l’adozione del canale delle misure cautelari.
Analizzato l’intero scenario delineatosi nel corso dell’attività investigativa, concordando pienamente con il quadro di pericolosità prospettato dalla polizia giudiziaria, anche rispetto alle esigenze cautelari, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria richiedeva al G.I.P. presso il locale Tribunale l’applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari, nonché quella reale connessa al profitto di reato pari a € 54.250 (da operarsi su rapporti finanziari degli indagati, ovvero mediante trattenuta del quinto dei trattamenti retributivi, pensionistici e assistenziali degli stessi, sino alla concorrenza del profitto stesso), successivamente emessa dal Giudice competente e prontamente eseguita, nella giornata odierna, dai finanzieri reggini.
In ultimo, durante l’esecuzione dei provvedimenti cautelari, presso l’abitazione di uno degli indagati, veniva scoperto un vero e proprio laboratorio di “produzione del falso”.
Venivano, infatti, rinvenuti e sottoposti a sequestro:

numerosissimi timbri falsi di diverse amministrazioni pubbliche (tra cui alcuni della Regione Calabria e del G.O.M.) e di medici;
copiosa documentazione sanitaria, anche artatamente manomessa;
CD relativi a referti ed esami sanitari strumentali;
un fotocopiatore professionale.

Elevatissima verrà mantenuta l’attenzione dei finanzieri della Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, affinché incresciosi episodi della specie siano evitati o prontamente repressi.
La Guardia di Finanza opera costantemente a salvaguardia e a tutela del patrimonio – sia pubblico che privato –, dell’ordinata e civile convivenza sociale e della sicurezza pubblica, intesa anche in termini di sicurezza economico-finanziaria della collettività e dei singoli individui.
13-11-2019 11:15

NOTIZIE CORRELATE


29-01-2020 - ATTUALITA'

Bufera su Tiberio Timperi, arrivano le scuse: 'Se qualcuno si è sentito offeso mi scuso'

Ho rispetto per la Calabria e per i calabresi
28-01-2020 - ATTUALITA'

Reggio Calabria avrà uno spazio pubblico intitolato a Kobe Bryant

L'annuncio del primo cittadino dalla sua pagina facebook
28-01-2020 - ATTUALITA'

Il prossimo Consiglio nazionale Arcigay si terrà a Reggio Calabria

per la prima volta nella storia di Arcigay viene fatto in una città della Calabria
28-01-2020 - ATTUALITA'

Su RTV alle ore 18.30 Speciale "Rac Magazine" dedicato a Kobe Bryant

Sarà ricordata anche la sua permanenza a Reggio Calabria

ULTIME NEWS

CRONACA

'Ndrangheta. Estorsioni e minacce agli imprenditori che non si adeguavano: 14 arresti per la cosca Labate

Reggio Calabria. Il blitz è scattato nelle prime ore della mattinata. Una vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione ...
ATTUALITA'

«Se non ti aiutiamo finiamo nei piloni della Salerno-Reggio Calabria». Siclari: "Inaccettabile: presenterò interrogazione"

«Quanto accaduto nel corso del programma Rai condotto da Tiberio Timperi e Monica Setta deve essere ...
CRONACA

Reggio Calabria. Pellaro, scoperta e sequestrata un'area di stoccaggio e discarica abusiva di automezzi e rifiuti speciali. Una denuncia

I Carabinieri Forestali del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare ...
ATTUALITA'

Ospedale della Piana, prossimo step: rimozione dei reperti archeologici

Questa mattina il sindaco Giuseppe Ranuccio si è recato presso la Cittadella Regionale di Catanzaro, dove ha preso parte alla riunione del tavolo tecnico per il nuovo ospedale della piana convocata per oggi. ...
ATTUALITA'

La mamma del piccolo Matteo minaccia lo sciopero della fame e della sete, il Senatore Faraone: "Pronta interrogazione"

“L’asp di Reggio Calabria, anche dopo un’ordinanza d’urgenza che la condanna, continua a non ...
CRONACA

Palmi. Pugni e schiaffi alla madre e minacce alla sorella: arrestato 21enne

Venerdì sera, al termine delle indagini avviate nel novembre dello scorso anno, i Carabinieri della Stazione di Palmi hanno tratto in arresto RIGANATI Antonio cl ’99, già noto alle forze ...
CRONACA

Grotteria. Va a caccia col fucile dell'amico: i Carabinieri li arrestano entrambi

Una giornata di caccia che ricorderanno a lungo e che causerà diversi problemi giudiziari a due amici di Grotteria (RC). Sabato mattina infatti, in una contrada aspromontana tra Giffone e ...
CRONACA

Arghillà sommersa dall'immondizia: nella notte esplode la protesta FOTO/VIDEO

Reggio Calabria. La protesta è esplosa nel cuore ...
CRONACA

Operazione Railpol: controlli serrati della Polizia Ferroviaria del Compartimento Calabria

65 operatori della Polizia Ferroviaria del Compartimento “Calabria”, impegnati nel Rail Action Day “Active Shield”, tra il 21 ed il 22 gennaio scorso, ...
CRONACA

Kobe Bryant. La Pallacanestro Viola chiede sia intitolata una via di Reggio Calabria alla sua memoria

Reggio Calabria. La Pallacanestro Viola di Reggio Calabria ha chiesto al sindaco della città Giuseppe Falcomatà l'intitolazione di una via ...
ATTUALITA'

Lazzaro. La messa in sicurezza del tratto costiero di Riace Capo devastato dalle mareggiate non può più attendere

Il pericolo che viene dall’alto della rupe di Capo d’armi e quello che viene dal mare non fanno dormire sonni tranquilli ...
ATTUALITA'

Una petizione per rimuovere il divieto di sosta ad Archi, Gallico e Catona. L'iniziativa de "Il Popolo di Archi"

Il comitato di quartiere “Il Popolo di Archi” avvia la raccolta firme per la petizione popolare al Consiglio Comunale di ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
RTV NEWS EDIZIONE SERALE
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
SU IL SIPARIO!
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Strettamente Personale

Ore 21.50

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
Basta vittime 106
idomotica