Produzione e traffico di droga, in manette 10 dal
CRONACA

Operazione della guardia di finanza a Reggio Calabria

Produzione e traffico di droga, in manette 10 dal "Pollice Verde" NOMI/DETTAGLI/VIDEO


Alle prime luci dell’alba, gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria hanno inflitto l’ennesimo duro colpo alla criminalità organizzata reggina, smantellando un’intera organizzazione criminale dedita a reati inerenti agli stupefacenti.
Stamane, infatti, militari della Compagnia di Reggio Calabria hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere e agli arresti domiciliari e reale di sequestro preventivo emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Reggio Calabriasu proposta della locale Procura della Repubblica - DDA – nei confronti di 10 soggetti tutti reggini, accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla produzione e al traffico di droga e di illecita detenzione, spaccio e produzione di sostanze stupefacenti.
In particolare, la misura cautelare in carcere è stata emessa nei confronti di:
Domenico Di Grande (detto “Mimmone”), cl’ 59;
Valentino Buzzan, cl’ 60;
Roberto Bevilacqua, cl’ 84;
Giuseppe Simone, cl’ 74;
Domenico Genoese Zerbi (detto “Nico”), cl’ 71;
Fabio Puglisi, cl’ 79;
Carmelo Tommasini, cl’ 87;
Fedele Zaminga, cl’ 76;
Sebastiano Trunfio, cl’ 82,
mentre quella agli arresti domiciliari è stata emessa nei confronti di:
Carmelo Gatto, cl’ 89.



L’esecuzione delle odierne misure cautelari personali e reali rappresenta l’epilogo di articolate e complesse indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, coordinate dal Sostituto Procuratore DDA, Giovanni Calamita e condotte dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Reggio Calabria.
Nel dettaglio, i soggetti tratti in arresto appartenevano a un’associazione a delinquere stabilmente organizzata, operante nella zona centro-sud della città – prevalentemente nei quartieri di Pellaro, San Cristoforo e centro città – capeggiata dal DI GRANDE e dal BUZZAN, avente nella propria disponibilità ben 3 siti nei quali veniva coltivata marijuana un’abitazione con annesso giardino nel quartiere di San Cristoforo, nonché altri due terreni in un agro nella zona sud della città –, prodotta con metodologie tecnologicamente avanzate, tese a garantire un’eccellente qualità dello stupefacente coltivato.
Durante le penetranti investigazioni condotte, anche di natura tecnica, venivano infatti scoperte oltre 200 piante di cannabis, dalle quali l’organizzazione avrebbe potuto ricavare diverse migliaia di dosi di marijuana da distribuire direttamente alla minuta vendita sulle piazze di spaccio cittadino.
In questo senso, non è casuale il nome attribuito all’odierna operazione, “Pollice Verde”, assegnato con particolare riferimento, appunto, alla maniacale dedizione posta in essere dai criminali arrestati alla produzione in house dello stupefacente, con relativo peculiare know how che, di fatto, sbaragliava la concorrenza e garantiva elevati profitti.
Nei medesimi siti di coltivazione, è stato, infatti, rilevato che la sostanza stupefacente venisse abilmente curata, annaffiata, raccolta, fatta essiccare e confezionata, per poi essere distribuita direttamente al consumo tramite una rete di pusher intranei, tutti stabilmente partecipi all’associazione: in buona sostanza, si trattava di un vero e proprio business “a km 0”.
Le scrupolose e complesse attività di investigazione condotte dai militari operanti della Compagnia della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, sapientemente articolate attraverso un sistema operativo “integrato” di dedicate indagini tecniche, di numerosissime attività di appostamento, pedinamento e osservazione, di svariati controlli e perquisizioni, nonché di diversi sequestri e riscontri investigativi, consentivano di raccogliere elementi di prova schiaccianti a carico di tutti i membri del sodalizio criminale scardinato, a partire dalle figure apicali dell’intera organizzazione criminale.
In termini prettamente più economici, possedendo e gestendo direttamente la produzione attraverso la coltivazione dello stupefacente ed evitando così di limitarsi a spacciare sostanza stupefacente acquistata da altri, l’associazione criminale smantellata otteneva profitti più elevati rispetto ad altre omologhe organizzazioni, riuscendo, al contempo, a essere di gran lunga più concorrenziale, sia in termini di qualità, sia in termini di prezzo.
Da un lato, infatti, l’organizzazione riduceva sensibilmente i costi di produzione e i rischi “d’impresa” connessi all’acquisto di partite di droga da altri soggetti, dall’altro, producendo con zelo e cura lo stupefacente, riusciva a garantire al proprio fitto giro di clienti una qualità del prodotto di gran lunga superiore alla media.
L’organizzazione criminale scardinata aveva una tipica struttura “piramidale”, con ruoli interni ben definiti: DI GRANDE e dal BUZZAN, capeggiatori dell’associazione, effettivi promotori e dirigenti dell’associazione a delinquere, oltre a sovrintendere ai lavori di coltivazione delle numerose piante di cannabis:
si adoperavano per la ricerca dei terreni e degli altri spazi su cui avviare i lavori di produzione dello stupefacente in house;
tenevano i contatti tra tutti i membri dell’organizzazione;
cedevano, personalmente, la marijuana prodotta a una selezionata clientela o ai vari pusher appartenenti gruppo criminale e incaricati della vendita al minuto della droga.



Gli altri membri dell’organizzazione si occupavano, invero, prevalentemente di:
cedere la marijuana al dettaglio;
procurare all’associazione nuovi clienti;
fare da intermediari tra i capi dell’associazione e altri soggetti nelle cessioni di stupefacente caratterizzate da un valore particolarmente elevato;
coadiuvare i propri “superiori” nella materiale attività di coltivazione e cura delle piante di cannabis.
La gravità del quadro indiziario raccolto, nonché l’attualità della pericolosità delle condotte poste in essere dagli indagati, spingeva i militari operanti a fornire all’Autorità Giudiziaria inquirente elementi idonei tali da far ritenere sussistente la necessità di proporre al competente G.I.P. l’adozione del canale delle misure cautelari.
Analizzato l’intero scenario delineatosi nel corso dell’articolata attività investigativa condotta, concordando pienamente con il quadro di pericolosità prospettato dalla polizia giudiziaria, anche rispetto agli aspetti connessi alle esigenze cautelari, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia richiedeva al G.I.P. presso il locale Tribunale l’applicazione della massima misura restrittiva della libertà personale.
Accogliendo le proposte formulate, il Giudice per le Indagini Preliminari emetteva Ordinanza di applicazione di misura cautelare personale in carcere per 9 soggetti e degli arresti domiciliari per 1 soggetto,
nonché quella reale del sequestro preventivo di beni mobili nella disponibilità dei capi del sodalizio criminale, utilizzati per i fini illeciti dell’associazione, prontamente eseguite, nella giornata odierna, dai finanzieri reggini.
Elevatissima verrà mantenuta l’attenzione dei finanzieri in forza al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, affinché gravi condotte criminali della specie siano evitate o prontamente represse, attraverso mirate e penetranti attività di monitoraggio, prevenzione, controllo straordinario del territorio e di conseguenti investigazioni.
L’attività di controllo economico-finanziario del territorio, unitamente al contrasto degli illeciti in materia di sostanze stupefacenti e, più in generale, dei traffici illegali, rientra tra i prioritari compiti della Guardia di Finanza, la quale costantemente opera a salvaguardia della vita umana, concorrendo a tutelare l’ordinata e civile convivenza sociale, nonché la sicurezza pubblica.







20-11-2019 07:25

NOTIZIE CORRELATE


13-01-2020 - CRONACA

Canolo. Coltivazione di droga, tre persone ai domiciliari

Piantagione di marijuana ben occultata tra la vegetazione
09-01-2020 - CRONACA

'Immortali': percepiva indebitamente pensioni di invalidità in nome di un soggetto deceduto, sequestrati 30mila euro

l'indagato aveva un libretto postale cointestato con il legittimo percettore degli emolumenti pensionistici
09-01-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Sorpresi con la marijuana in auto, tre giovani arrestati

Durante un controllo notturno
21-12-2019 - CRONACA

Reggio Calabria. Sorpreso con la droga in auto, arrestato giovane reggino

Durante un servizio di pattugliamento

ULTIME NEWS

CRONACA

Un auto lo travolge mentre attraversa la strada: morto pedone a Bova Marina

Bova Marina (Reggio Calabria). Ennesimo tragico incidente avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato sulla SS 106 altezza del km 42 nel comune di Bova Marina. Nell’incidente ha perso la vita un uomo di 54 ...
ATTUALITA'

Rosanna Scopelliti: "facciamo nostre le parole di Gratteri, riprendiamoci gli spazi liberati da magistrati e forze dell'ordine"

di Rosanna Scopelliti (Presidente Fondanzione Scopelliti). Sono molto felice per la grande partecipazione ...
CRONACA

Vendeva abiti di note griffe nazionali e internazionali al mercato del venerdì: arrestato ambulante catanese di 40 anni FOTO

Reggio Calabria. Grossa operazione al mercato del venerdì di viale Calabria e largo Botteghelle, a firmare la quale sono stati gli agenti della Polizia Municipale di Reggio Calabria nel corso dei controlli disposti nell'ambito del focus 'ndrangheta. Oltre 200 capi d'abbigliamento, con attaccate ancora le etichette antitaccheggio, sono stati sequestrati. Da quanto accertato si tratterebbe di vestiario provento di furto. Merce che era stata abilmente occultata tra i capi regolari per essere messa anch'essa in vendita. La conferma sarebbe giunta direttamente dalle aziende titolari dei marchi molti dei quali internazionali, nel riferire, inoltre, si tratti di capi di vestiario appartenente alla collezione 2020. Il presunto responsabile, un ambulante catanese di 40 anni, è stato arrestato e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria. Non è escluso possa essere l'appendice di un'organizzazione più vasta che si occupa di sfilare i capi, per poi piazzarli sul mercato della vendita illegale. Ipotesi su cui sono già al lavoro gli uomini del comandante Salvatore Zucco. Intanto, D.A., queste le iniziali dell'uomo, pluripregiudicato, dovrà rispondere del reato di ricettazione. Solo una settimana fa, lo stesso ambulante era stato denunciato per lo stesso reato una settimana fa sempre dalla polizia locale. Dopo gli accertamenti di rito, gli agenti , coordinati dalla responsabile dell'ufficio polizie specializzate, D.ssa Stilo, hanno dichiarato in stato di arresto il 40enne e su disposizione del magistrato di turno lo hanno associato presso la Camera di Sicurezza della polizia cittadina a disposizione dell'A.G..All'arrestato in sede di direttissima è stata applicata dal giudice la misura ...
ATTUALITA'

Riscaldamento al Pascoli, si va verso il superamento dell'emergenza: soddisfazione del Comitato Genitori della Prima A

Il Comitato dei Genitori della classe prima A della scuola primaria “Giovanni Pascoli”, che ieri aveva ...
CRONACA

Danneggiata l'opera di street art dedicata a Gratteri

Ignoti hanno danneggiato il ritratto del procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, realizzato dall'anonimo artista crotonese Frog ed incollato appena ieri ad un muro di via Panella, nei pressi del Municipio crotonese. Frog aveva ...
CRONACA

Operazione Galassia. Estradato il latitante Antonio Ricci

Nella tarda serata di ieri 17 gennaio presso l’aeroporto internazionale di Fiumicino è stata conclusa la procedura di estradizione dell’indagato RICCI Antonio, colpito da provvedimento cautelare personale di Fermo di ...
ATTUALITA'

L'appello dei tirocinanti della giustizia al futuro governatore della Calabria: "non dimenticatevi di noi!"

Nei prossimi giorni uno di voi verrà scelto come Governatore della Calabria, ebbene le questioni che dovrete affrontare sono tante, ma non ...
CRONACA

Aveva rapinato e aggredito coppia di reggini. La Polizia arresta 26enne a Domodossola

Nel pomeriggio del 13 gennaio 2020 la Polizia di Stato ha tratto in arresto a Domodossola un cittadino nigeriano di 26 anni in esecuzione al Decreto di Fermo di indiziato di delitto, ex art ...
POLITICA

Porto di Gioia Tauro. Toninelli contro Salvini: "Lo abbiamo già rilanciato noi, eviti falsità"

"Matteo Salvini è sceso dal Nord Italia per girare tra gli splendidi comuni calabresi sparando falsità. Oggi però si è superato, ...
CRONACA

Tendopoli di San Ferdinando. Sorpresi a bruciare cavi elettrici per recuperare rame: arrestati

Brillante intervento quello compiuto nel pomeriggio di ieri dalle Forze dell’Ordine, Polizia di Stato e Carabinieri, presso la tendopoli di San Ferdinando, quando, ...
ATTUALITA'

Trasferimento di medici a Polistena, il Comune di Locri: "Nuova incredibile iniziativa del direttore sanitario Bray"

Grave, assurdo e inaccettabile l'ultimo atto perpetrato dalla Direzione Sanitaria Aziendale dell'Asp di Reggio Calabria ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Raccolta differenziata porta a porta, pubblicati i calendari per il periodo 20-31 gennaio

Reggio Calabria. Avr avvisa la cittadinanza che sono stati pubblicati i calendari di raccolta differenziata porta a porta, riferiti al periodo ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
SUONAVA L'ANNO
PIANETA DILETTANTI
RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Basta vittime 106
idomotica
Italpress