Bovalino.
CRONACA

L'astuto 'stratagemma', scoperto dai finanzieri

Bovalino. "Farmacia distratta": imprenditrice indagata per bancarotta fraudolenta e truffa. Sequestrati 1,5 mln di euro

Ulteriore azione repressiva a tutela del sistema economico ed imprenditoriale reggino posto in essere dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria.
I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Melito Porto Salvo hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. presso il Tribunale di Locri, su proposta della Procura della Repubblica, nei confronti di una nota imprenditrice di Bovalino (RC) – G.M.L. cl’ 58 –, operante nel settore farmaceutico, accusata di bancarotta fraudolenta e truffa aggravata.
L’esecuzione dell’odierna misura cautelare reale eseguita dalle Fiamme gialle rappresenta l’epilogo di articolate investigazioni, coordinate dalla Procura della repubblica di Locri, condotte dai militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Melito di Porto Salvo.
I sequestri operati giungono al termine di una più ampia attività di indagine, nel corso della quale i finanzieri hanno proceduto a ricostruire l’intera situazione economico-patrimoniale dell’impresa.
Ricostruzione particolarmente aggravata dal fatto che le scritture contabili, artatamente rese inattendibili, non hanno semplificato ed agevolato la ricostruzione del patrimonio della farmacia, nonché l’analisi dei relativi flussi finanziari.
L’approssimativa gestione contabile, finalizzata quasi esclusivamente ad agevolare l’occultamento delle somme distratte, ha permesso agli investigatori di dimostrare come l’imprenditrice, prima di essere dichiarata fallita dal Tribunale di Locri nel 2016, avendo presumibilmente percepito con anticipo l’inequivoco stato di insolvenza della sua impresa, avesse distratto dolosamente attraverso un conferimento, l’intero ramo d’azienda della farmacia (comprendente il diritto d’esercizio della stessa, l’avviamento commerciale, arredi, attrezzature e farmaci in giacenza), per un valore complessivo di 1,5 milioni di euro, annettendolo, a spregio dei creditori, al patrimonio di un’altra società da lei compartecipata.
L’astuto “stratagemma”, scoperto dai finanzieri, inizialmente aveva, invero, consentito all’imprenditrice di attribuire una diversa veste giuridica all’impresa a concreto rischio fallimento, pur mantenendone su di essa la sostanziale titolarità.
In buona sostanza, l’azione criminale, da un lato, aveva consentito alla farmacista di sottrarre beni aziendali alla garanzia del ceto creditorio, dall’altro, di alterare gravemente e in maniera irreparabile lo “stato di salute” dell’impresa, poi fallita.
Gli investigatori hanno rilevato inoltre come l’imprenditrice avesse nel tempo architettato e realizzato, attraverso molteplici bonifici, operazioni di giroconto e prelevamento di contanti, un’ulteriore distrazione di liquidità per un importo complessivo pari a circa 485 mila euro.
L’espediente contabile scoperto dai finanzieri della Compagnia di Melito di Porto Salvo, adoperato per giustificare il drenaggio di denaro destinato a spese personali di natura squisitamente privata, consisteva nel costituire crediti inesistenti, che risultavano maturati dall’imprenditrice nei confronti della propria ditta, inserendoli fittiziamente nel bilancio di quest’ultima.
Tali crediti, poi, artatamente creati fingendo di pagare di tasca propria fatture e debiti verso i fornitori della farmacia, con risorse quindi non riconducibili contabilmente all’impresa, erano poi utilizzati per compensare i debiti derivati dai continui prelevamenti dalla cassa e dai conti correnti utilizzati poi per spese personali.
Tale illecita gestione contabile dell’impresa è apparsa ancor più palese agli investigatori dopo aver interpellato alcune società fornitrici vantanti crediti verso la farmacia in questione.
In particolare, una di queste, nei confronti della quale era stato fittiziamente contabilizzato l’avvenuto saldo di una fattura per circa 295.000 euro, rappresentava di non aver assolutamente mai ricevuto il pagamento.
L’imprenditrice è stata inoltre deferita all’A.G. dagli inquirenti anche per aver posto in essere una truffa, aggravata dall’ingente danno patrimoniale arrecato alla vittima.
Infatti, in epoca antecedente al fallimento dell’impresa, ella avrebbe sottoscritto un contratto per la costituzione di un’associazione in partecipazione finalizzata alla costituzione di una farmacia in forma societaria con un giovane studente (all’epoca laureando in farmacia in attesa di abilitazione allo svolgimento dell’attività farmaceutica) pur consapevole del prossimo stato di decozione della società.
L’accordo pattuito, che prevedeva, a fronte di un corrispettivo di mezzo milione di euro pagato dal genitore della vittima, la costituzione di una farmacia in forma societaria, non si è mai concretizzato, data la sopravvenuta situazione fallimentare concretizzatasi.
Ciò ha permesso all’imprenditrice di appropriarsi, complessivamente, di 383.000 euro, somma già liquidatale dal padre della vittima.
Anche tale provvista infatti, mai indicata nella contabilità ufficiale della farmacia, è stata azzerata con prelevamenti ingiustificati.
In ragione del quadro sopra delineato, si sono ritenuti configurabili in capo all’imprenditrice i reati di bancarotta fraudolenta, sia nella sua forma patrimoniale, sia in quella documentale, e di truffa aggravata.
Analizzato l’intero scenario delineatosi nel corso dell’attività investigativa, concordando pienamente con il quadro prospettato dalla polizia giudiziaria, anche rispetto alle esigenze cautelari, la Procura della Repubblica di Locri ha richiesto al G.I.P. a quella sede l’applicazione della misura cautelare reale del sequestro del ramo d’azienda distratto, successivamente emessa dal Giudice competente e prontamente eseguita dai finanzieri di Melito Porto Salvo.
Nell’ottica di garantire la continuità e il proseguimento delle attività aziendali, oltre che per salvaguardare le posizioni dei dipendenti e degli stakeholders, l’A.G. ha nominato all’uopo un amministratore giudiziario, delegandogli la gestione dell’impresa a cui ora è affidato il ramo d’azienda sottoposto a sequestro.
Elevatissima verrà mantenuta l’attenzione dei finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, affinché il diritto all’autonomia privata di disporre dei propri beni venga esercitato nel rispetto delle norme e dei principi che regolano il concorso dei creditori sui beni delle imprese dichiarate fallite.
La salvaguardia del sistema economico e imprenditoriale del paese e la tutela del corretto funzionamento dei mercati assumono ruolo di obiettivo primario della Guardia di Finanza.
18-12-2019 08:24

NOTIZIE CORRELATE


16-02-2020 - CRONACA

Villa San Giovanni. Auto in fiamme nella notte: indagini in corso

Sul Viale Rocco Larussa
16-02-2020 - CRONACA

Locri. Anziana trovata morta in casa dai Vigili del Fuoco

Della donna non si avevano notizie da giorni
15-02-2020 - CRONACA

Sperona con il suo Tir una pattuglia della Stradale sull'A2, arrestato 46enne catanese

Scattato l'allarme, l'uomo è stato fermato dai poliziotti del Commissariato di Polistena
15-02-2020 - CRONACA

Montebello Ionico. I carabinieri arrestano due persone accusate di rapina e tentata estorsione nei confronti di un anziano

A denunciare gli episodi ai militari dell'arma un parente della vittima

ULTIME NEWS

POLITICA

Jole Santelli è ufficialmente il nuovo Presidente della Regione Calabria VIDEO

Catanzaro. Jole Santelli è ufficialmente la ...
CRONACA

Reggio Calabria. Libero dal servizio, sventa rapina: eroico gesto di un assistente capo della Polizia di Stato

Reggio Calabria. Pur quando non indossano la divisa o sono fuori dal servizio, gli angeli custodi sono sempre attorno a noi, a garantirci ...
CRONACA

Villa San Giovanni. Auto in fiamme sull'autostrada A2, illeso il conducente

Villa San Giovanni (Reggio Calabria). Attorno alle 20,15 la squadre dei vigili del fuoco di Villa San Giovanni è intervenuta sulla A2 direzione Sud, nel comune di Villa San Giovanni, a causa di un ...
CRONACA

Reggio Calabria. Contrasto alla guida sotto effetto di alcol: la Polizia locale ritira 7 patenti

Reggio Calabria. La Polizia Locale di Reggio Calabria nella notte scorsa ha posto in essere un servizio straordinario di controllo della circolazione veicolare ...
CRONACA

'Andiamo insieme a citofonare al boss Trimboli': l'invito di Klaus Davi a Salvini e Sardine

Milano. La sua famiglia è stata coinvolta più volte in questioni di droga e estorsioni, porta un cognome importante nella 'Ndrangheta, e soprattutto è ...
SPETTACOLO

Carnevale in nave apre gli Eventi di Onde Sonore tra drag queen show e danze latine

Messina. Ripartono gli appuntamenti de Gli eventi di Onde Sonore: il Gruppo Caronte & Tourist ha stilato un variegato programma di tre giornate per trascorrere la festa più colorata ...
AMBIENTE

Villa San Giovanni. Erosione costiera, partono i lavori di messa in sicurezza delle abitazioni

Villa San Giovanni. Sono giorni delicati dedicati all’emergenza relativa all’erosione costiera che sta interessando la costa villese. Proficuo, infatti, ...
ATTUALITA'

Licenziamento 70 infermieri del G.O.M., Siclari: 'Il commissariamento mortifica la sanità in Calabria'

«La notizia che il prossimo 29 febbraio saranno licenziati i 70 infermieri che erano stati chiamati a coprire i paurosi vuoti del settore al Grande ...
ATTUALITA'

Sigilli ai gazebo del lungomare, Confesercenti: "le regole vanno rispettate, ma basta atti vessatori" VIDEO

Reggio Calabria. "Senza dubbio le regole vanno rispettate, ma non con atti vessatori che certamente non fanno bene alla città e alla sua economia". E' quanto ha motivo di ritenere il presidente di Confesercenti Reggio Calabria, Claudio Aloisio. Il provvedimento di chiusura "forzata" dei gazebo per il mancato rispetto degli accordi assunti con il Comune su quanto dovuto e non ancora pagato è avvenuto proprio in concomitanza con l'altra notizia, poco felice, per i negozianti reggini, legata all'aumento del 50% della tassa comunale sulle insegne. "Siamo la città più tassata e al contempo più povera d’Italia. Come se non bastasse, alle tasse già insostenibili, ai servizi pressoché inesistenti, a una crisi infinita che continua a imperversare, alla concorrenza sleale dei giganti del web che pagano tributi irrisori, ecco l’ennesima bella sorpresa: un aumento del 50% sui tributi per la pubblicità". Il che significa: "i negozi dovranno sborsare per le loro insegne una cifra spropositata. Chi, ad esempio, lo scorso anno aveva pagato 1.000 euro oggi ne dovrà pagare ...
POLITICA

Comune di Reggio Calabria sull'orlo del dissesto, il Sindaco rassicura: "ci opporremo con l'ottimismo" VIDEO

Reggio Calabria. Le notizie che si inseguono in questi giorni, alla luce del giudizio della Corte dei Conti, non sembrano preoccupare più di tanto il Sindaco Giuseppe Falcomatà che ai microfoni di ReggioTV assicura: "ci opporremo con l'ottimismo e la consapevolezza di chi, da sei anni, sta lavorando nel rimettere ordine ai conti dell'Ente, risolvendo problemi ereditati e problemi nati in corso d'opera in questi ...
POLITICA

Il premier Conte all'Istituto Severi di Gioia Tauro presenta il Piano per il SUD

Reggio Calabria. "E' la prima volta che un governo presenta un programma decennale per il Sud. E siamo a Gioia Tauro per farlo germogliare in un'area dove esiste un porto importante ...
ATTUALITA'

Non in regola con il pagamento dei tributi da versare al Comune, ordinata la chiusura dei gazebo del lungomare

Reggio Calabria. Una nuova ordinanza di chiusura dei gazebo (ben 7) del lungomare, è stata eseguita nel pomeriggio di ieri dalla ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

RTV NEWS EDIZIONE NOTTURNA
RASSEGNA STAMPA
ASPETTANDO IL TG
SUONAVA L'ANNO
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

L'Altra Messina
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • All’Amministrazione di Reggio Calabria
  • Fogna a cielo aperto
  • spazzatura non raccolta da tempo
  • Copiosa perdita idrica
  • U paisi i Giufa
  • spazzatura non raccolta
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Basta vittime 106
Italpress