Siderno. Appalti pubblici. La DIA notifica decreto di applicazione dell'amministrazione giudiziaria nei confronti di una società
CRONACA

L'azienda finita nel mirino opera nel settore delle costruzioni edili e stradali

Siderno. Appalti pubblici. La DIA notifica decreto di applicazione dell'amministrazione giudiziaria nei confronti di una società

Siderno. La DIA di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica, ha eseguito un decreto di applicazione dell’amministrazione giudiziaria emesso dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione – ai sensi dell’art. 34 del Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione - nei confronti della società SCALI UNIPERSONALE Srl, con sede in Siderno (RC), operante nel settore delle costruzioni edili e stradali.

L’amministratore unico della predetta società, già destinataria di informazione interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura di Reggio Calabria, dopo aver impugnato dinanzi al TAR Calabria il provvedimento prefettizio, aveva formulato richiesta volta all’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale del controllo giudiziario, ex art. 34 bis del D.Lgs. nr. 159/2011.

A sostegno di tale istanza, l’impresa aveva prodotto argomenti volti ad affermare la propria immunità dalla ipotizzata infiltrazione mafiosa, ponendo altresì l’accento sull’esigenza di salvaguardare i livelli occupazionali, in considerazione dell’assoluta rilevanza delle commesse pubbliche che rappresentano il 95% del volume d’affari complessivo della società.

Nell’ambito del procedimento, la Procura della Repubblica – DDA di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Capo, Dottor Giovanni BOMBARDIERI, ha invece richiesto la più incisiva misura dell’amministrazione giudiziaria, di cui all’art. 34 del D.L,vo nr. 159/2011, sulla base delle risultanze investigative acquisite nei procedimenti penali relativi alle operazioni Martingala, Mandamento Jonico e Confine, ritenute nell’insieme sintomatiche di uno “stabile inserimento in un sistema di gestione illecita degli appalti pubblici, nel quale l’impresa, subendo l’aggressione predatoria mafiosa, ma conseguendo – in cambio del suo restare sistematicamente succube – la possibilità di essere riconosciuta quale affidabile interlocutore economico dei sistemi criminali che governano quei mercati, è particolarmente attiva”.

I due nuovi istituti dell’amministrazione giudiziaria e del controllo giudiziario, introdotti con le modifiche apportate al Codice Antimafia nel 2017, sono alternativi alla misura ablativa del sequestro finalizzato alla confisca, essendo ispirati dalla necessità di rimuovere situazioni di infiltrazione e di condizionamento da parte della criminalità organizzata dalle imprese, mediante l’adozione di strumenti di controllo diretti alla bonifica e successiva restituzione dell’azienda al proprio titolare.

L’obiettivo è, in sintesi, quello di promuovere il recupero delle imprese che siano “direttamente o indirettamente sottoposte a condizioni di intimidazione o di assoggettamento rispetto ad una associazione di stampo mafiosa o possano comunque agevolarne l’attività, con sistematicità ovvero con occasionalità”. A tal fine, il Tribunale ne affida la gestione o il controllo dell’attività ad amministratori appositamente nominati, esercitando in tal modo un potere di vigilanza volto ad assicurare la continuità imprenditoriale, rimuovendo le cause che hanno portato al condizionamento mafioso.

Il tratto distintivo tra l’amministrazione giudiziaria ed il controllo giudiziario è da individuarsi nella circostanza secondo cui il controllo giudiziario deve trovare applicazione, in luogo dell’amministrazione giudiziaria, nei casi in cui l’agevolazione mafiosa abbia un carattere sporadico o occasionale.
Peraltro, va anche evidenziato che quella in questione è una delle prime applicazioni nazionali, di un recente principio fissato dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (Cass. SS.UU. n. 46898/2019), in base al quale nel procedimento di ammissione al controllo giudiziario, finalizzato a stemperare gli effetti dell’interdittiva antimafia, il pubblico ministero può proporre una misura di prevenzione più pregnante di quella richiesta dall’istante (che può giungere sino al sequestro), a cagione del maggiore rapporto collusivo con soggetti dotati di pericolosità qualificata, emerso nel corso del procedimento.

Infatti i giudici del Tribunale - Sez. Misure di Prevenzione -, muovendo dall’esame delle motivazioni contenute nell’informazione interdittiva antimafia ed esaminando i conseguenti provvedimenti del TAR di Reggio Calabria e del Consiglio di Stato, hanno ritenuto sussistenti indizi di un’agevolazione stabile e sistematica, tale da precludere l’accesso al controllo giudiziario.

Al riguardo, in particolare il Collegio ha rimarcato che:
- la mancata presentazione della denuncia per il reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso subìta da esponenti della cosca di ‘ndrangheta Cataldo (operazione Mandamento Jonico) deve ritenersi indice confermativo di soggiacenza e dunque di pericolo infiltrativo rispetto alla criminalità organizzata sul territorio di Locri;
- non può essere escluso il pagamento della somma di € 80.000 a titolo di estorsione sulla base di una semplice consulenza contabile di parte;
- i giudici della Corte d’Assise di Locri, in merito alla deposizione rese dall’amministratore della SCALI Srl nel procedimento “Confine”, hanno stigmatizzato il fatto che il predetto si sia limitato ad esplicitare il contenuto lecito di una conversazione intercorsa con un imputato, nella quale i due si lamentavano dell’esosità delle pretese economiche di alcune cosche, dichiarando di non ricordare tutto il resto;
- il raffinato sistema di emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti organizzato da SCIMONE Antonio e svelato dall’operazione Martingala, come emerso dagli accertamenti effettuati dalla DIA di Reggio Calabria, aveva consentito non soltanto la perpetrazione di frodi fiscali, bensì anche il drenaggio verso le casse delle cosche di una parte delle somme incassate da varie imprese, tra cui la SCALI Srl, aggiudicatarie di appalti per l’esecuzione di lavori pubblici, attenuando peraltro il danno economico in capo all’imprenditore “condizionato”, consentendogli la possibilità di ottenere un indebito risparmio fiscale attraverso l’utilizzo delle false fatture.

Gli approfondimenti investigativi della DIA, delegati dal Procuratore Aggiunto Dottor Calogero Gaetano PACI e dal Sostituto Procuratore Dottor Stefano MUSOLINO, hanno inoltre consentito di dimostrare la permanenza di rapporti commerciali con fornitori controindicati anche per più anni successivi all’adozione di provvedimenti interdittivi nei confronti di tali imprese.

In conclusione, il Tribunale ha rilevato chiaramente la permeabilità della società rispetto ad infiltrazioni della criminalità organizzata, nonché l’agevolazione stabile effettuata dalla società in favore di più soggetti legati alle locali cosche di ‘ndrangheta interessate al controllo del settore dell’edilizia pubblica, attraverso una “obiettiva commistione di interessi” tra le attività delittuose dell’agevolato e le attività, ancorché esercitate con modalità lecite, dall’impresa agevolante.

Alla luce di questi elementi, è stata disposta la misura di prevenzione dell’amministrazione giudiziaria per un periodo di sei mesi, al termine dei quali il Tribunale sarà chiamato a valutare gli esiti del programma di bonifica dell’impresa.
13-07-2020 09:27

NOTIZIE CORRELATE


06-08-2020 - CRONACA

False fatture mediche per ottenere rimborsi: 3 arresti e oltre 200 denunce VIDEO

Rimborsati illecitamente circa 2 milioni di euro
05-08-2020 - CRONACA

Sbarca a Messina e viene arrestato, in manette corriere della droga reggino VIDEO

Sorpreso con oltre mezzo chilo di cocaina a un controllo della guardia di finanza
05-08-2020 - CRONACA

Reggio Calabria. Tragedia nelle acque del lido Comunale: muore bagnante extracomunitario

Forse colto da malore, per lui non c'è stato nulla da fare
01-08-2020 - ATTUALITA'

Nasce il nuovo comitato 'Difendiamo l'aeroporto dello Stretto da Milano'

A rappresentarlo, Alessandro Panuccio

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

29 anni fa l'omicidio del giudice Scopelliti, anche quest'anno a Piale l'omaggio alla stele che lo ricorda

Domenica 9 agosto 2020 avrà luogo la commemorazione del XXIX anniversario dell'assassinio del magistrato Antonino Scopelliti, che ...
ATTUALITA'

Al via la Maratona digitale per la legalità: "Uniti contro le mafie". Si inizia con il ricordo del giudice Scopelliti

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende ricordare le figure del giudice Antonino ...
ATTUALITA'

15 km di coda fra Bagnara e Villa San Giovanni. 4 ore l'attesa per gli imbarchi VIDEO

Sull’A2 “Autostrada del ...
ATTUALITA'

La scuola post covid e l'arte suprema del docente

Di Raffaella Solano Sui tanti problemi della scuola post covid è stato già ampiamente dibattuto: dall'utilizzo di mascherine ai banchi con rotelle. Ma nella scuola, oltre ai banchi, con ruote o senza, in legno o in plastica(altro ...
ATTUALITA'

Coronavirus. 4 nuovi casi positivi in Calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 125.275 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.287 (+4 rispetto a ieri), quelle negative sono 123.988. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti: - Catanzaro: 4 in reparto; 184 ...
ATTUALITA'

A Villa San Giovanni oltre tre ore di attesa per gli imbarchi verso la Sicilia

Sull’A2 “Autostrada del Mediterraneo” si segnalano rallentamenti con code, in direzione sud, in avvicinamento allo svincolo di Villa San Giovanni dove, sin da questa mattina, i tempi ...
ATTUALITA'

Emergenza idrica a Reggio e provincia: il piano straordinario di Sorical e Comune

La siccità che interessa gran parte del territorio calabrese sta causando una calo consistente di portata di alcune sorgenti dell’area sud della costa jonica reggina. Tra gli ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Due nuovi casi positivi per l'ASP di Reggio Calabria

La Direzione Sanitaria dell'ASP di Reggio Calabria comunica che il 7 agosto 2020, sul Territorio Provinciale, sono stati sottoposti allo screening per "COVID19" 260 nuovi soggetti. Gli esami diagnostici, eseguiti ...
CRONACA

Rosarno. Gambiano tratto in arresto su un treno diretto a Firenze: nello zaino 3 kg di marijuana

Mercoledì scorso, nell’ambito di un servizio di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri della stazione di San ...
CRONACA

Scavano nei rovi per realizzare una piantagione di marijuana: arrestati a Melicucco zio e nipote

Reggio Calabria. Ritenevano che fosse impenetrabile e non individuabile dalle forze dell’ordine, ma le false speranze di due melicucchesi sono state infrante ...
CRONACA

Crollo tetto auditorium Calipari. Interrotti i servizi informatici del Consiglio regionale

Reggio Calabria. Sono state interrotte stamattina le attività dei servizi informatici centralizzati del Consiglio regionale e pertanto anche del sito istituzionale che ...
CRONACA

Omicidio di Rosarno. Bersano ammette le proprie responsabilità, ma dice di essere stato minacciato

Rosarno (Reggio Calabria). Ha ammesso le proprie responsabilità davanti al gip ed ha parlato di minacce ricevute Carmelo Bersano, il 45enne arrestato per ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
PIANETA DILETTANTI
EUREKA
Quiz Show
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Film
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La dialisi e i dializzati al tempo del covid 19
  • NARCISISMO DEL SINDACO
  • Marchiatura prodotti alimentari 100% italiani
  • Carenza idrica
  • Perdita d’acqua nel tombino in via vico petrellinna n9
  • FUORIUSCITE DI FOGNA
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress