Operazione
CRONACA

Diversi i reati contestati

Operazione "Married", arrestati i fratelli Sposato di Gioia Tauro

All'alba odierna - in esito ad investigazioni avviate lo scorso giugno dalla Sezione Investigativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, diretta dal Procuratore Dott. Ottavio Sferlazza, e del Sost. Proc. della Repubblica Dott. Giorgio Panucci – gli Agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto i fratelli SPOSATO Cosma cl.96, SPOSATO Rocco cl.96 e SPOSATO Pamela cl.89. Per i gemelli SPOSATO Cosma e Rocco, il GIP di Palmi ha disposto la custodia in carcere, mentre per la sorella Pamela, sono stati disposti gli arresti domiciliari.
Ai tre fratelli SPOSATO (che hanno ispirato il nome in codice dell'operazione di P.G. odierna: "married", in inglese, "sposato", appunto), si legge sull'OCC, vengono contestati i seguenti titoli di reato.

Concorso in danneggiamento aggravato, per avere, SPOSATO Pamela, quale mandante ed istigatrice, ed i gemelli SPOSATO Rocco e Cosma, quali esecutori materiali, con l'uso di un fucile a canne mozze di aumentata lesività e con le canne segate "a lupara", danneggiato, a Rosarno, l'autovettura di proprietà di Cucinotta Salvatore (fratello del marito di SPOSATO Pamela, Cucinotta Nazareno), esplodendo un colpo di fucile e rendendo inservibile la parte posteriore del veicolo.
Concorso nel reato di spari in luogo pubblico, in relazione al danneggiamento aggravato appena sopra descritto.
Concorso nel reato di detenzione illecita delle cartucce cal. 12 per il fucile a canne mozze utilizzato per danneggiamento aggravato appena sopra descritto.
Concorso nel reato di calunnia, per avere, in concorso morale tra di loro, SPOSATO Rocco, quale istigatore, SPOSATO Pamela, quale esecutrice materiale - al fine di procurare ai gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma l'impunità in relazione al danneggiamento a colpi d'arma da fuoco sopra descritto - falsamente incolpato di esso, pur sapendolo innocente, un altro loro fratello, SPOSATO Vincenzo, risultato totalmente estraneo ai fatti da cui sono scaturiti gli arresti odierni. Più precisamente, su direttiva di SPOSATO Rocco, nel corso dell'assunzione a sommarie informazioni ex art. 350 c.p.p., con l'assistenza del proprio difensore, SPOSATO Pamela, oltre ad autoaccusarsi del descritto danneggiamento, affermava falsamente di esser stata affiancata e supportata nell'esecuzione di esso, dall'altro fratello, SPOSATO Vincenzo, circostanza, questa, non vera, trattandosi come detto, di persona totalmente estranea ai fatti per i quali si è proceduto.

I fatti contestati nella misura cautelare sono stati commessi, a Rosarno, all'alba del 10 giugno scorso.
Lo scorso 9 giugno 2020 si presentava presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro SPOSATO Pamela, che denunciava una lunga serie di maltrattamenti, consistenti in minacce, percosse e lesioni, subìte, negli anni, dal marito CUCINOTTA Nazareno nel corso della convivenza matrimoniale. Nel corso della "sofferta" denuncia presentata ai Poliziotti del Commissariato, la donna affermava di essere vittima di comportamenti violenti del marito oramai da anni (in particolare, dall'inizio della tossicodipendenza di quest'ultimo). La tossicodipendenza l'aveva trasformato in soggetto violento e manesco nei confronti della moglie, mentre ai cinque figli nati dalla loro unione, a detta della donna, non era stato comunque, rivolto alcun comportamento lesivo o aggressivo. Le percosse subìte dalla SPOSATO sovente le avevano provocato lesioni ed ecchimosi tanto che, in varie occasioni, la donna, dichiarava nella denuncia, di essersi recata presso il pronto soccorso degli ospedali di Gioia Tauro e Polistena, ricorrendo alle cure dei sanitari ai quali, tuttavia, non aveva mai raccontato la vera causa delle lesioni, giustificandole, di volta in volta, come incidenti domestici.
L'ultimo episodio, in ordine di tempo, riferito dalla donna ai Poliziotti il 9 giugno scorso, si era verificato due giorni prima: una violenta lite per ragioni economiche legate all'impiego di danaro di famiglia per l'acquisto, da parte del Cucinotta, di sostanza stupefacente. La lite, secondo il racconto della donna, era gravemente degenerata in un'aggressione violenta a seguito della quale la SPOSATO aveva deciso di andare via definitivamente da casa, assieme ai figli, trasferendosi dalla casa coniugale di Rosarno a quella del padre adottivo, a Gioia Tauro.
Sin qui, i fatti contenuti in quella che pareva, inizialmente, una accorata e genuina richiesta di aiuto di una donna indifesa, asseritamente vittima di violenze e soprusi da parte del marito violento e pericoloso.
Tuttavia, gli episodi esposti in denuncia e le riferite violenze e maltrattamenti assumevano "connotati del tutto particolari" (per come il Giudice li ha descritti), allorquando, nella nottata il 10 giugno 2020 (il giorno dopo la denuncia.) a Rosarno, veniva danneggiata con un colpo di fucile cal.12 caricato a palla asciutta, l’autovettura di CUCINOTTA Salvatore, fratello di CUCINOTTA Nazareno, marito di SPOSATO Pamela.
Già nelle prime fasi delle indagini, pareva evidente che il danneggiamento subìto dal fratello di CUCINOTTA Nazareno,fosse da ricondursi ad una reazione, una vera e propria ritorsione violenta, messa in atto dai fratelli della SPOSATO Pamela, ovvero i gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma, personaggi ben noti a quest’Ufficio, gravitanti negli ambiente della criminalità organizzata di Gioia Tauro ed entrambi con numerosi pregiudizi per rapina ed altri gravi reati.
A seguito di tale evento delittuoso, il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro si attivava al fine di raccogliere indizi utili all’esatta ricostruzione dei due eventi, evidentemente collegati tra loro: denuncia per violenze e maltrattamenti e grave danneggiamento con colpi d'arma da fuoco.
L’attività info-investigativa condotta trovava un primo riscontro quando, nella notte dell'11 giugno 2020, Agenti della Polizia di Stato, a San Ferdinando, rinvenivano,occultato tra i cespugli, un fucile cal.12 e 7 cartucce dello stesso calibro caricate a palla asciutta.L’arma risultava essere stata modificata a “lupara” con il taglio delle canne e il manico, al fine di aumentarne la potenzialità e la portabilità.
Che il danneggiamento cagionato ai danni della famiglia CUCINOTTA, fosse stata opera dalla famiglia SPOSATO, trovava pieno riscontro in data 13 giugno 2020, quando, presso il Commissariato, si presentava SPOSATO Pamela che intendeva verbalizzare delle dichiarazioni inerenti il danneggiamento perpetrato a Rosarno ai danni dell’autovettura in uso a CUCINOTTA Salvatore, fratello di CUCINOTTA Nazareno. In sede di spontanee dichiarazioni e successive sommarie informazioni, la predetta confessava di essere stata l’ideatrice e l’esecutrice del danneggiamento, messo in atto come atto ritorsivo nei confronti di CUCINOTTA Nazareno.La donna riferiva precisi dettagli anche sull’arma utilizzata per il danneggiamento, che risultava perfettamente compatibile con quella rinvenuta e sequestrata da personale di questo Ufficio in data 11 giugno 2020, nel territorio di San Ferdinando.
Per quanto riguarda la descrizione del modus operandi relativo alle fasi del danneggiamento, la SPOSATO incorreva in palesi contraddizioni, ammettendo anche di voler realizzare l’omicidio del marito, CUCINOTTA Nazareno, e del suocero, come vendetta delle violenze subìte da entrambi, padre e figlio, per anni.
Sicchè, la Polizia di Stato, sapientemente coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, avviava mirate attività d'intercettazione che, come sempre, si rivelavano preziose alla fedele ricostruzione della vicenda. Una vicenda dalla quale emergeva che i fratelli SPOSATO avessero architettato una vera strategia al fine di sviare le indagini e non consentire al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro di identificare i reali esecutori del grave danneggiamento subìto dalla famiglia Cucinotta, consentendo, al tempo, stesso, alla donna di creare, a seguito del danneggiamento con quelle modalità particolari, un clima tale da indurre il marito a lasciarla, ad andare via di casa per il timore di altre e più gravi iniziative contro di lui.
In una di tali conversazioni telefoniche - intercettate tra SPOSATO Pamela ed un uomo - emergeva, oltre ai gravi dissidi familiari tra la SPOSATO ed il marito,un quadro tutt’altro che chiaro a carico sulla posizione della donna in merito alla vicenda: “... IO VOGLIO STARE LIBERA….PER FARMI I C... MIEI, COME VOGLIO IO, MUOVERMI COME VOGLIO IO E TUTTE COSE…”. Nella stessa conversazione, emergeva un terribile quadro familiare fatto di ipocrisie e conflitti asperrimi. Tali conflitti familiari, dovuti a condotte quantomeno censurabili di entrambi i “coniugi” portavano la SPOSATO Pamela a mettere in atto un vero e proprio piano per “liberarsi” del marito al fine di poter condurre autonomamente la propria vita e, non essendo soddisfatta della denuncia prodotta presso gli Uffici del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, metteva in atto azioni tali da indurre un forte stato di paura nel marito, come emerge da altra conversazione intercettata in cui la donna, rivolta ad altro interlocutore uomo riferiva:“….POI TE LO DICO IO SE SONO ANDATA A DENUNCIARLO PER PEDOFILIA, CHIEDIGLI COSA GLI HO FATTO E ADESSO SI STANNO CACANDO ADDOSSO..”.
Nel prosieguo delle investigazioni, poi, emergeva, chiaro, il pieno coinvolgimento, nella vicenda, anche dei gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma. Dalle operazioni di intercettazione, difatti, emergevano le preoccupazioni dell'odierno arrestato SPOSATO Cosma durante le fasi delle spontanee dichiarazioni della sorella. In particolare,in una conversazione telefonica, lo SPOSATO Cosma chiedeva alla madre se avessero “...FATTO ALTRE DOMANDE”, facendo chiaramente intendere se i verbalizzanti della Polizia di Stato avessero creduto alla versione resa da SPOSATO Pamela, chiedendo, inoltre, se la sorella avesse fatto qualche nome. La madre rispondeva di non esserne a conoscenza.Tale conversazione cristallizzava, attraverso il timore di essere scoperto, la responsabilità di SPOSATO Cosma nel danneggiamento perpetrato ai danni di CUCINOTTA.
Dalle attività tecniche d'intercettazione emergeva, quindi, un quadro familiare dei fratelli SPOSATO complesso e sfaccettato, fatto di alleanze tra fratelli - come nel caso del danneggiamento, in cui Pamela, incensurata, non esita a mentire ai Poliziotti nel chiaro intento di coprire i fratelli Rocco e Cosma, entrambi con svariati precedenti per rapina ed altri gravi reati, nonchè reali esecutori della fucilata - ma anche di odi e sentimenti di reciproci rivalsa tra di loro.
Come nella sera del 26 giugno 2020, quando i familiari di SPOSATO Pamela venivano a conoscenza della sua relazione extraconiugale. Numerose erano le intercettazioni, riportate anche nell'OCC, dalle quali emergeva la rinnovata aggressività e desiderio di rivalsa della famiglia SPOSATO nei confronti di SPOSATO Pamela e del suo segreto amante. Sentimenti che si concretizzavano in una vera e propria caccia all’uomo messa in atto da SPOSATO Cosma, il quale asseriva, più volte, di voler uccidere l'amante della sorella e, se fosse stato necessario, anche la madre e la sorella di quest’ultimo.Durante una di queste conversazioni, oltre le svariate minacce di morte nei confronti dell'amante di Pamela, lo SPOSATO Cosma asseriva testualmente: "non gli sparerò la macchina ma gli sparerò direttamente la testa" .Affermazione, questa, che risultava chiaramente riconducibile al danneggiamento cagionato all'autovettura della famiglia CUCINOTTA.
I chiari elementi sin qui emersi a carico di SPOSATO Pamela, SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma, ascrivibili alle condotte criminose che culminavano con il danneggiamento dell’autovettura dei CUCINOTTA e il piano omicidiario nei confronti dell'amante di Pamela, si cristallizzavano, con maggior chiarezza, con l’evidente pericolo di fuga dei gemelli Rocco e Cosma SPOSATO, emerso dalle risultanze delle attività tecniche.
Comportamenti elusivi e guardinghi dell'intero nucleo familiare SPOSATO, attentamente monitorato grazie alle attività tecniche d'intercettazione. Nucleo familiare che teneva costantemente aggiornati Rocco e Cosma SPOSATO, sui movimenti delle autovetture delle Forze dell’Ordine, al fine di evitare "sorprese". Sino a stamane, quando sono stati tratti in arresto.
01-08-2020 10:06

NOTIZIE CORRELATE


08-08-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus. Due nuovi casi positivi per l'ASP di Reggio Calabria

Il bollettino del 7 Agosto
08-08-2020 - ATTUALITA'

Emergenza idrica a Reggio e provincia: il piano straordinario di Sorical e Comune

Sorical raccomanda ai calabresi, soprattutto in questo periodo estivo, l'uso responsabile dell'acqua potabile
08-08-2020 - CRONACA

Scavano nei rovi per realizzare una piantagione di marijuana: arrestati a Melicucco zio e nipote

Devono rispondere del reato di coltivazione di sostanza stupefacente
08-08-2020 - CRONACA

Rosarno. Gambiano tratto in arresto su un treno diretto a Firenze: nello zaino 3 kg di marijuana

La rivendita al dettaglio dello stupefacente, una volta trattato, avrebbe fruttato circa 32mila euro
07-08-2020 - ATTUALITA'

Antitrust sui prezzi alti dei traghetti, Caronte&Tourist: "noi agito sempre con correttezza"

La compagnia: "Forniremo le risposte di dettaglio nel dialogo con l'Autorità"

ULTIME NEWS

CRONACA

Crollo tetto auditorium Calipari. Interrotti i servizi informatici del Consiglio regionale

Reggio Calabria. Sono state interrotte stamattina le attività dei servizi informatici centralizzati del Consiglio regionale e pertanto anche del sito istituzionale che ...
CRONACA

Omicidio di Rosarno. Bersano ammette le proprie responsabilità, ma dice di essere stato minacciato

Rosarno (Reggio Calabria). Ha ammesso le proprie responsabilità davanti al gip ed ha parlato di minacce ricevute Carmelo Bersano, il 45enne arrestato per ...
ATTUALITA'

Aeroporti calabresi. Uil Trasporti: "Garantiti i salari ed i livelli occupazionali'

A fronte delle dichiarazioni diffuse nei giorni scorsi a mezzo stampa da parte di alcune OO.SS., la UILT Calabria, ritiene doveroso dover sgombrare il campo da possibili inesattezze, che non ...
ATTUALITA'

Autorità di Sistema Portuale dello Stretto: approvato il Piano Operativo Triennale 2020/2022

Dopo il consenso fornito all’unanimità dall’Organismo di Partenariato della Risorsa mare nella seduta del 5 agosto il Comitato di Gestione ...
ATTUALITA'

Reggio, procedono i lavori per i nuovi collettori fognari sul torrente Caserta

Reggio Calabria. Sono stati avviati nei giorni scorsi i lavori per la realizzazione dei nuovi collettori fognari e pluviali per l'irregimentazione delle acqua sul percorso del torrente Caserta, tra ...
ATTUALITA'

Anas, al via il fine settimana da bollino nero

Nel terzo fine settimana di mobilità estiva scatta il bollino nero per la mattinata di sabato, mentre per il pomeriggio di oggi, nella seconda parte della giornata di domani e per domenica, previsto bollino rosso su tutte le strade e autostrade italiane. ...
ATTUALITA'

Famiglie disagiate non in regola con il pagamento dei tributi, il Comune non concede l'assegno per il trasporto dei figli disabili

Reggio Calabria. Per il Comune di Reggio Calabria, se non sei in regola con il pagamento dei ...
ATTUALITA'

Coronavirus. 7 nuovi casi positivi accertati in Calabria

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 124.400 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.283 (+7 rispetto a ieri), quelle negative sono 123.117. 1.041 sono invece i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Territorialmente, i ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Poco dopo il passaggio dell'autobus, cede il tratto di strada: paura a Sala di Mosorrofa

Reggio Calabria. Tragedia sfiorata a Sala di Mosorrofa, periferia collinare della zona sud di Reggio Calabria. Subito dopo il passaggio ...
ATTUALITA'

Nuovi mezzi manutentivi per 'Calabria Verde', presentato il nuovo parco macchine

Una giornata di festa per “Calabria Verde”, l’Azienda regionale per la forestazione e la politica per le montagne. Nella sede del distretto territoriale Calabria Verde a Santo ...
POLITICA

A Reggio Calabria le famiglie più tartassate dal fisco in Italia

Reggio Calabria è il comune d’Italia dove una famiglia media è costretta a pagare più tasse: l’ammontare complessivo Irpef, Tasi, Bollo auto, Tari e addizionali comunali e regionali ...
AMBIENTE

Raccolta rifiuti a Marina di Gioiosa Jonica. Locride Ambiente: inaccettabili le pretese del Sindaco

Raccolta rifiuti a Marina di Gioiosa Jonica. La nota di Locride Ambiente: Locride Ambiente Spa e l’Amministrazione comunale di Marina di Gioiosa Jonica si ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

FUORI GIOCO
90 minuti di gioco e fuori... gioco
EUREKA
Quiz Show
A PRESCINDERE
Di Pino Toscano
RTV NEWS PRIMA EDIZIONE
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.25

Film

Ore 22.45

Touchè
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • La dialisi e i dializzati al tempo del covid 19
  • NARCISISMO DEL SINDACO
  • Marchiatura prodotti alimentari 100% italiani
  • Carenza idrica
  • Perdita d’acqua nel tombino in via vico petrellinna n9
  • FUORIUSCITE DI FOGNA
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
Italpress