Operazione
CRONACA

Diversi i reati contestati

Operazione "Married", arrestati i fratelli Sposato di Gioia Tauro

All'alba odierna - in esito ad investigazioni avviate lo scorso giugno dalla Sezione Investigativa del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, con il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, diretta dal Procuratore Dott. Ottavio Sferlazza, e del Sost. Proc. della Repubblica Dott. Giorgio Panucci – gli Agenti della Polizia di Stato hanno tratto in arresto i fratelli SPOSATO Cosma cl.96, SPOSATO Rocco cl.96 e SPOSATO Pamela cl.89. Per i gemelli SPOSATO Cosma e Rocco, il GIP di Palmi ha disposto la custodia in carcere, mentre per la sorella Pamela, sono stati disposti gli arresti domiciliari.
Ai tre fratelli SPOSATO (che hanno ispirato il nome in codice dell'operazione di P.G. odierna: "married", in inglese, "sposato", appunto), si legge sull'OCC, vengono contestati i seguenti titoli di reato.

Concorso in danneggiamento aggravato, per avere, SPOSATO Pamela, quale mandante ed istigatrice, ed i gemelli SPOSATO Rocco e Cosma, quali esecutori materiali, con l'uso di un fucile a canne mozze di aumentata lesività e con le canne segate "a lupara", danneggiato, a Rosarno, l'autovettura di proprietà di Cucinotta Salvatore (fratello del marito di SPOSATO Pamela, Cucinotta Nazareno), esplodendo un colpo di fucile e rendendo inservibile la parte posteriore del veicolo.
Concorso nel reato di spari in luogo pubblico, in relazione al danneggiamento aggravato appena sopra descritto.
Concorso nel reato di detenzione illecita delle cartucce cal. 12 per il fucile a canne mozze utilizzato per danneggiamento aggravato appena sopra descritto.
Concorso nel reato di calunnia, per avere, in concorso morale tra di loro, SPOSATO Rocco, quale istigatore, SPOSATO Pamela, quale esecutrice materiale - al fine di procurare ai gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma l'impunità in relazione al danneggiamento a colpi d'arma da fuoco sopra descritto - falsamente incolpato di esso, pur sapendolo innocente, un altro loro fratello, SPOSATO Vincenzo, risultato totalmente estraneo ai fatti da cui sono scaturiti gli arresti odierni. Più precisamente, su direttiva di SPOSATO Rocco, nel corso dell'assunzione a sommarie informazioni ex art. 350 c.p.p., con l'assistenza del proprio difensore, SPOSATO Pamela, oltre ad autoaccusarsi del descritto danneggiamento, affermava falsamente di esser stata affiancata e supportata nell'esecuzione di esso, dall'altro fratello, SPOSATO Vincenzo, circostanza, questa, non vera, trattandosi come detto, di persona totalmente estranea ai fatti per i quali si è proceduto.

I fatti contestati nella misura cautelare sono stati commessi, a Rosarno, all'alba del 10 giugno scorso.
Lo scorso 9 giugno 2020 si presentava presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro SPOSATO Pamela, che denunciava una lunga serie di maltrattamenti, consistenti in minacce, percosse e lesioni, subìte, negli anni, dal marito CUCINOTTA Nazareno nel corso della convivenza matrimoniale. Nel corso della "sofferta" denuncia presentata ai Poliziotti del Commissariato, la donna affermava di essere vittima di comportamenti violenti del marito oramai da anni (in particolare, dall'inizio della tossicodipendenza di quest'ultimo). La tossicodipendenza l'aveva trasformato in soggetto violento e manesco nei confronti della moglie, mentre ai cinque figli nati dalla loro unione, a detta della donna, non era stato comunque, rivolto alcun comportamento lesivo o aggressivo. Le percosse subìte dalla SPOSATO sovente le avevano provocato lesioni ed ecchimosi tanto che, in varie occasioni, la donna, dichiarava nella denuncia, di essersi recata presso il pronto soccorso degli ospedali di Gioia Tauro e Polistena, ricorrendo alle cure dei sanitari ai quali, tuttavia, non aveva mai raccontato la vera causa delle lesioni, giustificandole, di volta in volta, come incidenti domestici.
L'ultimo episodio, in ordine di tempo, riferito dalla donna ai Poliziotti il 9 giugno scorso, si era verificato due giorni prima: una violenta lite per ragioni economiche legate all'impiego di danaro di famiglia per l'acquisto, da parte del Cucinotta, di sostanza stupefacente. La lite, secondo il racconto della donna, era gravemente degenerata in un'aggressione violenta a seguito della quale la SPOSATO aveva deciso di andare via definitivamente da casa, assieme ai figli, trasferendosi dalla casa coniugale di Rosarno a quella del padre adottivo, a Gioia Tauro.
Sin qui, i fatti contenuti in quella che pareva, inizialmente, una accorata e genuina richiesta di aiuto di una donna indifesa, asseritamente vittima di violenze e soprusi da parte del marito violento e pericoloso.
Tuttavia, gli episodi esposti in denuncia e le riferite violenze e maltrattamenti assumevano "connotati del tutto particolari" (per come il Giudice li ha descritti), allorquando, nella nottata il 10 giugno 2020 (il giorno dopo la denuncia.) a Rosarno, veniva danneggiata con un colpo di fucile cal.12 caricato a palla asciutta, l’autovettura di CUCINOTTA Salvatore, fratello di CUCINOTTA Nazareno, marito di SPOSATO Pamela.
Già nelle prime fasi delle indagini, pareva evidente che il danneggiamento subìto dal fratello di CUCINOTTA Nazareno,fosse da ricondursi ad una reazione, una vera e propria ritorsione violenta, messa in atto dai fratelli della SPOSATO Pamela, ovvero i gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma, personaggi ben noti a quest’Ufficio, gravitanti negli ambiente della criminalità organizzata di Gioia Tauro ed entrambi con numerosi pregiudizi per rapina ed altri gravi reati.
A seguito di tale evento delittuoso, il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro si attivava al fine di raccogliere indizi utili all’esatta ricostruzione dei due eventi, evidentemente collegati tra loro: denuncia per violenze e maltrattamenti e grave danneggiamento con colpi d'arma da fuoco.
L’attività info-investigativa condotta trovava un primo riscontro quando, nella notte dell'11 giugno 2020, Agenti della Polizia di Stato, a San Ferdinando, rinvenivano,occultato tra i cespugli, un fucile cal.12 e 7 cartucce dello stesso calibro caricate a palla asciutta.L’arma risultava essere stata modificata a “lupara” con il taglio delle canne e il manico, al fine di aumentarne la potenzialità e la portabilità.
Che il danneggiamento cagionato ai danni della famiglia CUCINOTTA, fosse stata opera dalla famiglia SPOSATO, trovava pieno riscontro in data 13 giugno 2020, quando, presso il Commissariato, si presentava SPOSATO Pamela che intendeva verbalizzare delle dichiarazioni inerenti il danneggiamento perpetrato a Rosarno ai danni dell’autovettura in uso a CUCINOTTA Salvatore, fratello di CUCINOTTA Nazareno. In sede di spontanee dichiarazioni e successive sommarie informazioni, la predetta confessava di essere stata l’ideatrice e l’esecutrice del danneggiamento, messo in atto come atto ritorsivo nei confronti di CUCINOTTA Nazareno.La donna riferiva precisi dettagli anche sull’arma utilizzata per il danneggiamento, che risultava perfettamente compatibile con quella rinvenuta e sequestrata da personale di questo Ufficio in data 11 giugno 2020, nel territorio di San Ferdinando.
Per quanto riguarda la descrizione del modus operandi relativo alle fasi del danneggiamento, la SPOSATO incorreva in palesi contraddizioni, ammettendo anche di voler realizzare l’omicidio del marito, CUCINOTTA Nazareno, e del suocero, come vendetta delle violenze subìte da entrambi, padre e figlio, per anni.
Sicchè, la Polizia di Stato, sapientemente coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, avviava mirate attività d'intercettazione che, come sempre, si rivelavano preziose alla fedele ricostruzione della vicenda. Una vicenda dalla quale emergeva che i fratelli SPOSATO avessero architettato una vera strategia al fine di sviare le indagini e non consentire al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro di identificare i reali esecutori del grave danneggiamento subìto dalla famiglia Cucinotta, consentendo, al tempo, stesso, alla donna di creare, a seguito del danneggiamento con quelle modalità particolari, un clima tale da indurre il marito a lasciarla, ad andare via di casa per il timore di altre e più gravi iniziative contro di lui.
In una di tali conversazioni telefoniche - intercettate tra SPOSATO Pamela ed un uomo - emergeva, oltre ai gravi dissidi familiari tra la SPOSATO ed il marito,un quadro tutt’altro che chiaro a carico sulla posizione della donna in merito alla vicenda: “... IO VOGLIO STARE LIBERA….PER FARMI I C... MIEI, COME VOGLIO IO, MUOVERMI COME VOGLIO IO E TUTTE COSE…”. Nella stessa conversazione, emergeva un terribile quadro familiare fatto di ipocrisie e conflitti asperrimi. Tali conflitti familiari, dovuti a condotte quantomeno censurabili di entrambi i “coniugi” portavano la SPOSATO Pamela a mettere in atto un vero e proprio piano per “liberarsi” del marito al fine di poter condurre autonomamente la propria vita e, non essendo soddisfatta della denuncia prodotta presso gli Uffici del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Gioia Tauro, metteva in atto azioni tali da indurre un forte stato di paura nel marito, come emerge da altra conversazione intercettata in cui la donna, rivolta ad altro interlocutore uomo riferiva:“….POI TE LO DICO IO SE SONO ANDATA A DENUNCIARLO PER PEDOFILIA, CHIEDIGLI COSA GLI HO FATTO E ADESSO SI STANNO CACANDO ADDOSSO..”.
Nel prosieguo delle investigazioni, poi, emergeva, chiaro, il pieno coinvolgimento, nella vicenda, anche dei gemelli SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma. Dalle operazioni di intercettazione, difatti, emergevano le preoccupazioni dell'odierno arrestato SPOSATO Cosma durante le fasi delle spontanee dichiarazioni della sorella. In particolare,in una conversazione telefonica, lo SPOSATO Cosma chiedeva alla madre se avessero “...FATTO ALTRE DOMANDE”, facendo chiaramente intendere se i verbalizzanti della Polizia di Stato avessero creduto alla versione resa da SPOSATO Pamela, chiedendo, inoltre, se la sorella avesse fatto qualche nome. La madre rispondeva di non esserne a conoscenza.Tale conversazione cristallizzava, attraverso il timore di essere scoperto, la responsabilità di SPOSATO Cosma nel danneggiamento perpetrato ai danni di CUCINOTTA.
Dalle attività tecniche d'intercettazione emergeva, quindi, un quadro familiare dei fratelli SPOSATO complesso e sfaccettato, fatto di alleanze tra fratelli - come nel caso del danneggiamento, in cui Pamela, incensurata, non esita a mentire ai Poliziotti nel chiaro intento di coprire i fratelli Rocco e Cosma, entrambi con svariati precedenti per rapina ed altri gravi reati, nonchè reali esecutori della fucilata - ma anche di odi e sentimenti di reciproci rivalsa tra di loro.
Come nella sera del 26 giugno 2020, quando i familiari di SPOSATO Pamela venivano a conoscenza della sua relazione extraconiugale. Numerose erano le intercettazioni, riportate anche nell'OCC, dalle quali emergeva la rinnovata aggressività e desiderio di rivalsa della famiglia SPOSATO nei confronti di SPOSATO Pamela e del suo segreto amante. Sentimenti che si concretizzavano in una vera e propria caccia all’uomo messa in atto da SPOSATO Cosma, il quale asseriva, più volte, di voler uccidere l'amante della sorella e, se fosse stato necessario, anche la madre e la sorella di quest’ultimo.Durante una di queste conversazioni, oltre le svariate minacce di morte nei confronti dell'amante di Pamela, lo SPOSATO Cosma asseriva testualmente: "non gli sparerò la macchina ma gli sparerò direttamente la testa" .Affermazione, questa, che risultava chiaramente riconducibile al danneggiamento cagionato all'autovettura della famiglia CUCINOTTA.
I chiari elementi sin qui emersi a carico di SPOSATO Pamela, SPOSATO Rocco e SPOSATO Cosma, ascrivibili alle condotte criminose che culminavano con il danneggiamento dell’autovettura dei CUCINOTTA e il piano omicidiario nei confronti dell'amante di Pamela, si cristallizzavano, con maggior chiarezza, con l’evidente pericolo di fuga dei gemelli Rocco e Cosma SPOSATO, emerso dalle risultanze delle attività tecniche.
Comportamenti elusivi e guardinghi dell'intero nucleo familiare SPOSATO, attentamente monitorato grazie alle attività tecniche d'intercettazione. Nucleo familiare che teneva costantemente aggiornati Rocco e Cosma SPOSATO, sui movimenti delle autovetture delle Forze dell’Ordine, al fine di evitare "sorprese". Sino a stamane, quando sono stati tratti in arresto.
01-08-2020 10:06
Questa notizia è stata letta 2066 volte

NOTIZIE CORRELATE


27-11-2020 - ATTUALITA'

Sviprore spa: un sistema innovativo per controllare da casa lo stato della propria caldaia

Attraverso l'utilizzo di una piattaforma dedicata
26-11-2020 - ATTUALITA'

Scuola, giudizi descrittivi al posto dei voti numerici alla primaria. Illustrata ai sindacati l'Ordinanza con le novità

​​​​​​​La documentazione completa e definitiva sarà pubblicata sul sito del Ministero dopo il parere del CSPI
26-11-2020 - ATTUALITA'

Coronavirus: un altro morto in Calabria, raggiunta quota 251

Si tratta di una persona residente nel comune di San Gregorio d'Ippona

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Coronavirus. Il Gom comunica: due decessi e 3 nuovi positivi

Reggio Calabria. La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che nelle ultime ventiquattro ore si sono registrati due decessi, entrambi avvenuti in Terapia Intensiva. Si tratta ...
ATTUALITA'

Emergenza coronavirus. Reggio Calabria, Falcomatà: "La prossima settimana partirà lo screening di massa"

Reggio Calabria. 70mila test antigenici per uno screening di massa per il Covid sui cittadini reggini. Lo ha annunciato il primo cittadino Giuseppe ...
ATTUALITA'

Gom di Reggio Calabria: le attività ambulatoriali programmabili ed i ricoveri in elezione restano sospesi

La Direzione Generale del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria comunica che, in base all’Ordinanza n° 88 del Presidente della ...
ATTUALITA'

Edilizia residenziale, più di 7 milioni di euro per Reggio Calabria e Cosenza

L’assessore alle Infrastrutture e alla Pianificazione territoriale, Domenica Catalfamo, in linea con il percorso già avviato con il recente stanziamento di 14 milioni di euro in favore ...
ATTUALITA'

Elezioni Comunali Reggio Calabria. Davi: "Falcomatà è primo cittadino, non gran maestro. Dica come stanno le cose"

«Si è licenziato il capo dell’ufficio elettorale del comune, dottor Covani. Pare sia stato licenziato anche il ...
ATTUALITA'

Reggio Calabria. Task force comunale per il commercio: "Non invitato il Consorzio di negozi più importante della città"

Reggio Calabria. Mentre l’emergenza coronavirus stringe l’economia cittadina nella morsa di un disagio ...
ATTUALITA'

Reggio. Alloggi popolari, servono altre azioni concrete

In questo periodo di pandemia e di grave crisi economica, il patrimonio degli alloggi popolari per le famiglie a basso reddito e senza una casa dovrebbe costituire una risorsa da valorizzare. Non solo come garanzia del diritto ad un alloggio ...
ATTUALITA'

Rischi naturali, al via cinque seminari informativi per i sindaci calabresi

Partiranno a metà dicembre cinque webinar informativi sui rischi naturali e antropici rivolti alla pubblica amministrazione calabrese. L’annuncio è stato fatto a Crotone ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Da UE via libera alla rimodulazione di 500 milioni di euro per sanità e imprese

La Commissione europea ha approvato una modifica del Por che consentirà alla Calabria di rimodulare 500 milioni di euro per migliorare le azioni di contrasto alla ...
ATTUALITA'

Motta San Giovanni. Donati cinquanta tamponi al Comune e sanificato il Poliambulatorio

Motta San Giovanni. Sono stati donati al Comune cinquanta tamponi rinofaringei per eseguire test rapidi che consentano di individuare soggetti positivi al Covid-19. I tamponi saranno ...
ATTUALITA'

Calabria senza commissario per la sanità, Spirlì: "Per quanto tempo ancora il Governo annacherà il pecoro?" VIDEO

«In altri tempi avrei detto che il Governo “sta annacando il pecoro”. Annacare il pecoro significa tergiversare in maniera esasperata e inutilmente». È quanto afferma il presidente facente funzioni della Giunta regionale, Nino Spirlì, in merito alla mancata nomina del commissario ad acta della Sanità calabrese. «Da un mese – aggiunge –, stiamo aspettando il commissario e siamo non più al primo e neanche al secondo: abbiamo fatto ambo, terno e quaterna. Suppongo che ci stiamo preparando alla tombola e spero che non sia natalizia, visto che ancora manca un mese a Natale. Non è possibile che il Governo continui con questa girandola, con questo carosello veneziano di cavallini imbizzarriti, che hanno solo un nome e nient’altro. Non è neanche possibile che ogni nome proposto dal Governo sia bocciato dal Governo stesso. E tutto questo nonostante la nostra pazienza, la nostra disponibilità, il nostro impegno a lavorare, in questo momento di vacatio, al posto dell’esecutivo nazionale». «Delle due, l’una: o non funziona la Calabria – sottolinea Spirlì – o non funziona lo strumento del commissariamento governativo della Sanità, considerato anche il fatto che, in queste settimane, stiamo svolgendo il nostro compito con grande impegno e risultati. Medici, paramedici, tecnici, oss, personale parasanitario di tutti i tipi, associazioni di volontariato: la politica calabrese è presente e opera al posto di tutti coloro i quali avrebbero dovuto essere su questi territori e, invece, non ci sono». «Dobbiamo chiederci – conclude il presidente ff – per quanto tempo ancora il Governo “annacherà il pecoro”. Noi siamo arrivati al colmo della ...
ATTUALITA'

Lavori restyling A2, domenica chiusa l'autostrada dallo svincolo di Gallico allo svincolo di Reggio Calabria Porto

Avanzano i lavori di restyling avviati da Anas (Società del Gruppo FS Italiane) lungo l’A2 DIR RC, tra lo svincolo di ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

SU IL SIPARIO!
MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
BORGOITALIA
REGGIOTV SALUTE
Ogni giorno al TG
Unirc 2020
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.20

Touchè

Ore 22.30

Strettamente Personale
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Servizio zero
  • La dimenticata utilita’  dell’acqua
  • Rifiuti
  • La strafottenza dell’amministrazione comunale
  • disservizio idrico
  • L’invidia radice di ogni male
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
Italpress
idomotica