Operazione Nuovo Corso. Blitz contro la cosca De Stefano, 5 arresti [NOMI/DETTAGLI]
CRONACA

Responsabili di associazione mafiosa, estorsione e tentata estorsione in concorso

Operazione Nuovo Corso. Blitz contro la cosca De Stefano, 5 arresti NOMI/DETTAGLI

Reggio Calabria. Alle prime ore della mattinata odierna, a conclusione di complesse e articolate indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, la Squadra Mobile reggina, nel corso di un’operazione di polizia convenzionalmente denominata Nuovo Corso, ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione di misure cautelari nr. 5700/2020 RGNR DDA Mod. 21, nr. 306/21 RGIP DDA e nr. 3/21 ROCC DDA, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria in data 19.02.2021, nei confronti dei seguenti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa [cosca De STEFANO] e di estorsione e tentata estorsione in concorso, aggravate dalla circostanza del metodo e dell’agevolazione mafiosa:

DE STEFANO Paolo Rosario, nato a Melito di Porto Salvo (RC) il 21.12.1976, attualmente detenuto (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere per estorsione e tentata estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo e dell’agevolazione mafiosa);
CAPONERA Paolo, nato a Reggio Calabria il 15.12.1979, attualmente detenuto (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere per estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo e dell’agevolazione mafiosa);
GIUNGO Andrea, nato a Reggio Calabria il 16.05.1972 (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa, estorsione e tentata estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo e dell’agevolazione mafiosa);
MORABITO Domenico, nato a Reggio Calabria il 15.06.1977 (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa ed estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo e dell’agevolazione mafiosa);
MUSOLINO Domenico, nato a Reggio Calabria il 14.07.1976 (destinatario della misura della custodia cautelare in carcere per estorsione in concorso, con l’aggravante del metodo e dell’agevolazione mafiosa).

L’inchiesta della D.D.A. di Reggio Calabria - coordinata dai Sostituti Procuratori Stefano MUSOLINO e Walter IGNAZITTO - ha consentito di far luce su alcune gravi vicende estorsive poste in essere da affiliati e soggetti contigui alla temibile cosca DE STEFANO in danno dell’imprenditore SICLARI Francesco e di un suo consociato in A.T.I. di altra provincia calabrese, aggiudicatari degli appalti pubblici per il rifacimento del Corso Garibaldi e - solo il primo - di Piazza Duomo della città di Reggio Calabria. Gli esiti delle attività investigative svolte dalla Squadra Mobile, suffragati dalle dichiarazioni delle vittime e del collaboratore di Giustizia DE CARLO Maurizio, comprovano ulteriormente, rispetto alle risultanze delle precedenti inchieste, l’esistenza di un asfissiante sistema vessatorio di cui sono vittime gli imprenditori operanti sul territorio reggino dove esercitano l’egemonia mafiosa potenti e storiche cosche di ‘ndrangheta come quella dei DE STEFANO di Archi, la cui esistenza ed operatività è stata plasticamente dimostrata dall’operazione Malefix eseguita nel mese di giugno 2020.
L’estorsione legata all’esecuzione dei lavori di pavimentazione del Corso Garibaldi è consistita nell’aver costretto l’imprenditore reggino (nella misura del 20%) e il socio (in quella dell’80%) a versare, in forza di pesanti intimidazioni, in contanti ed in più tranche, 80.000 euro ad alcuni esponenti di rilievo della cosca di ’ndrangheta DE STEFANO, corrispondenti al 2% dell’intero importo dei lavori. Le somme di denaro venivano corrisposte dalle vittime agli estorsori quando, sulla base dei S.A.L. (stato avanzamento lavori), il committente dell’opera, ovvero il Comune di Reggio Calabria, pagava le quote relative al corrispettivo spettante alle ditte aggiudicatarie.

SICLARI ha riferito agli inquirenti che nel 2011 - mentre era impegnato nei lavori di ristrutturazione di un immobile privato - era stato avvicinato da Andrea GIUNGO il quale, presentandosi come esponente della cosca DE STEFANO, gli aveva offerto protezione che non veniva accettata. Dopo circa due anni, quando cioè si era aggiudicato, assieme al socio, i lavori di riqualificazione del Corso Garibaldi e dopo aver subìto il danneggiamento a mezzo incendio dell’autovettura (nell’autunno del 2013), GIUNGO si presentò ancora una volta da lui, sollecitandolo nuovamente ad accettare la sua protezione. La seconda volta, presentatosi assieme a ZAPPIA Vincenzino classe 1968 (indagato nell’ambito della presente inchiesta), GIUNGO Andrea chiese espressamente all’imprenditore il pagamento della mazzetta alla cosca DE STEFANO.
In un’altra circostanza, venne avvicinato dal GIUNGO Andrea e da MORABITO Domenico che quantificarono l’ammontare della richiesta estorsiva in 80.000 euro. Quando GIUNGO Andrea venne tratto in arresto (dicembre 2014), fu MORABITO Domenico ad occuparsi della vicenda estorsiva, tanto che dopo l’avvio dei lavori sul Corso, si presentò più volte presso l’abitazione e la sede dell’impresa del SICLARI, rivendicando il pagamento della somma di denaro richiesta in precedenza dai complici. Le prime due rate di 10.000 euro vennero pagate nel 2015 a MORABITO Domenico. La terza tranche venne pagata a CAPONERA Paolo che si era accreditato come rappresentate della famiglia DE STEFANO. Quando venne scarcerato, nel marzo del 2016, Andrea GIUNGO riprese i contatti con l’imprenditore vessato anche per imporgli il pagamento di un’estorsione (di entità non specificata), legata ai lavori di ristrutturazione di Piazza Duomo. Nella circostanza, GIUNGO, reiterò alla vittima la pretesa estorsiva relativa ai lavori del Corso Garibaldi, richiamando i danneggiamenti e i furti che l’impresa aveva subito nei mesi precedenti ed offrendogli protezione anche per i lavori di riqualificazione di Piazza Duomo. La vittima però non cedette alla richiesta estorsiva, evidenziando che già aveva patito un rilevante danno economico con i furti ed i danneggiamenti.

Nell’autunno del 2016, mentre percorreva con il suo motorino una via del centro urbano, SICLARI venne affiancato da una motocicletta di grossa cilindrata, a bordo della quale c’era GIUNGO Andrea, con un altro soggetto, che con fare minaccioso lo invitò a seguirlo in una traversa della zona universitaria dove lo fece salire a bordo di un’utilitaria guidata da un altro soggetto, per condurlo infine in un appartamento all’interno del quale fu portato al cospetto di DE STEFANO Paolo Rosario, presentato da GIUNGO Andrea come il capo della famiglia DE STEFANO. Il DE STEFANO rievocò i danneggiamenti ed i furti che aveva subìto e gli garantì protezione se avesse mostrato amicizia nei confronti del sodalizio. Chiaro era il riferimento alle pretese estorsive.
Successivamente venne avvicinato da MUSOLINO Domenico, già imprenditore edile, legato da rapporti di affinità (essendone il cognato) con Antonio LAVILLA classe 1975, genero di Giovanni TEGANO classe 1939, storico patriarca dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta, federata ai DE STEFANO. È a MUSOLINO Domenico che tra il 2017 e il 2018 l’imprenditore e il socio pagarono le ultime tre tranche (pari a circa 45/50 mila euro) della mazzetta relativa ai lavori di ristrutturazione del Corso Garibaldi.
I protagonisti delle due gravi vicende estorsive relative ai lavori di rifacimento del Corso Garibaldi e Piazza Duomo sono soggetti noti per i loro trascorsi penali e di polizia.

DE STEFANO Paolo Rosario (già CAPONERA) è figlio naturale del defunto Giorgio DE STEFANO classe 1941 (fratello del defunto boss Paolo DE STEFANO classe 1943). Nel 2009 è stato condannato ad 8 anni di reclusione per associazione mafiosa. Attualmente è detenuto in forza della misura cautelare conseguente al fermo emesso dalla D.D.A. ed eseguito dalla Squadra Mobile nel maggio 2017 nell’ambito dell’operazione “Trash” (contro la cosca DE STEFANO), per associazione mafiosa ed estorsione aggravata. Nel 2005 era riuscito a sottrarsi all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa (nell’ambito dell’operazione “Number One” contro la cosca DE STEFANO) per associazione mafiosa, tentata estorsione e rapina e veniva poi catturato in stato di latitanza dalla Squadra Mobile in data 18.08.2009 a Sant’Alessio Siculo (ME).
Anche CAPONERA Paolo è stato indagato per associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta “Number One”. Nel 2009 è stato condannato a 4 anni di reclusione per lo stesso reato. Attualmente è detenuto in forza della misura cautelare eseguita nell’ambito dell’operazione “Trash” per associazione mafiosa ed estorsione aggravata.
GIUNGO Andrea, attualmente sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno a Reggio Calabria, ha scontato 6 anni di reclusione per associazione mafiosa (cosca DE STEFANO), cui è stato condannato ad esito del processo scaturito dall’operazione “Il Padrino”, eseguita dalla Squadra Mobile nel mese di dicembre 2014.
MORABITO Domenico è stato condannato con sentenza definitiva nel 2011 a 4 anni di reclusione per associazione mafiosa (cosca DE STEFANO) e favoreggiamento personale della latitanza di Orazio DE STEFANO (Operazione “Number One”).

L’inchiesta si è anche avvalsa delle dichiarazioni del collaboratore DE CARLO Maurizio che ha descritto il contesto mafioso facente capo alla cosca DE STEFANO - dal quale sono scaturite le vicende estorsive in danno degli imprenditori impegnati nei lavori di rifacimento di Corso Garibaldi e Piazza Duomo - e i ruoli degli indagati indicati (ad eccezione di MUSOLINO Domenico) come soggetti fedelissimi e di massima fiducia di Paolo Rosario DE STEFANO elemento di vertice dell’omonima cosca d’ndrangheta. Quella dei DE STEFANO è tra le più eminenti ed efferate cosche di tutta la ‘ndrangheta, improntata a peculiari regole e al costante condizionamento della comunità che risiede sul territorio in cui essa esercita l’influenza criminale con estrema professionalità e con un’organizzazione capillare, risalente nel tempo, capace di controllare il mondo delle imprese, delle attività produttive in genere e degli esercizi commerciali.
25-02-2021 11:39
Questa notizia è stata letta 3841 volte

NOTIZIE CORRELATE


13-04-2021 - ATTUALITA'

Disposta la zona rossa per quattro Comuni del Cosentino e uno del Crotonese

La nuova ordinanza del presidente Spirlì riguarda Acri, Altomonte, Crosia, San Giovanni in Fiore e Cutro
13-04-2021 - ATTUALITA'

Rifiuti, ordinanza di Spirlì: assicurati i conferimenti nelle discariche pubbliche

Il presidente della Regione ha firmato il provvedimento che garantisce la prosecuzione del servizio di smaltimento degli scarti anche in estate
13-04-2021 - ATTUALITA'

Agricoltura. 72 milioni di euro per la tutela della biodiversità

Pubblicati gli avvisi per la presentazione delle domande di riconferma per le misure "Agricoltura biologica" e 'Pagamenti agro-climatico-ambientali'
12-04-2021 - ATTUALITA'

Bevacqua: 'I dati non spiegano il passaggio ad arancione'

'Chiederemo spiegazioni a Spirlì'

ULTIME NEWS

CRONACA

Delianuova. Organizzano grigliata di carne in "zona rossa", sanzionati tutti gli invitati

Aveva organizzato un pranzo, a Delianuova, sabato scorso, un 46enne del posto, rifugiandosi in un casolare, in località montana, insieme a diversi ospiti, pensando di passare ...
ATTUALITA'

'Calabria in zona arancione, ma la situazione di contagi e decessi è preoccupante. Ma Spirlì preferisce andare allo stadio'

“La Calabria torna in ‘zona arancione’ ma la situazione è decisamente preoccupante: ...
ATTUALITA'

Klaus Davi: "Falcomatà al Granillo? Le regole non valgono per lui..."

“Falcomatà ha steso la reputazione della città di Reggio immergendola nell'immondizia, ha precipitato con il suo terrorismo amministrativo i commercianti nella crisi più nera, si è ...
ATTUALITA'

"Sanità, situazione gravissima al limite della tragedia"

Quello che la Calabria sta vivendo in queste ore è un dramma di proporzioni immani, una tragedia che sta costando cara alle cittadine e ai cittadini. L’incapacità e l’inefficienza con cui Regione e governance ...
ATTUALITA'

Gotha. Favoreggiamento del terrorista Freda, in Consiglio Metropolitano ferma condanna di Falcomatà

«Non può passare inosservato – ha detto - un passaggio che, nel corso del processo “Gotha”, storicizza, quasi banalizzandolo, il ...
ATTUALITA'

Spirlì al contrattacco su Facebook: "Io al Granillo? Non mi vergogno"

Il Presidente facente funzioni della Regione Calabria si difende e contrattacca dalla propria pagina facebook rispondendo alle polemiche che lo hanno visto protagonista nelle ultime ore: "Offende la Calabria Tutta e ...
ATTUALITA'

Coronavirus. Reggio Calabria, il Gom comunica: un decesso e 9 contagiati

La Direzione Aziendale del G.O.M. “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria comunica che, nella giornata di oggi, si è registrato un decesso. Si tratta di una donna di 85 anni affetta da ...
ATTUALITA'

Ponte sullo Stretto. Musumeci: "Il Governo prenda una decisione coraggiosa"

Catania. "Dire no al Ponte sullo Stretto significa negare alla Sicilia un futuro di sviluppo, ma noi faremo tutto quello che è umanante possibile per fare assumere al governo delle larghe intese ...
CRONACA

Cronaca. Morti nel torrente: il Gup dispone rinvii a giudizio

Catnzaro. Per la tragedia delle gole del Raganello, dove a causa di una improvvisa ondata di piena il 20 agosto 2018, morirono dieci persone (nove escursionisti e una guida), sono stati rinviati a giudizio il sindaco di Civita Alessandro ...
ATTUALITA'

Catanzaro. Inaugurato l'hub vaccinale allestito nell'Ente Fiera Magna Grecia

«Continuiamo ad essere impegnati a 360 gradi in questa fase della campagna vaccinale con l’apertura di nuovi hub e centri di distretto. Abbiamo ingranato la marcia giusta». È ...
CRONACA

Mammola. Trovato in possesso di droga durante un controllo, arrestato 31enne

A Mammola, nei giorni scorsi, i Carabinieri, hanno arrestato un cittadino extracomunitario, J.I., cl. 90, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Nello specifico, i militari ...
CRONACA

Droga: blitz in 6 regioni, collegamenti con la 'ndrangheta

L'indagine della Compagnia Milano Duomo dei Carabinieri che ha portato questa mattina a 37 arresti in sei regioni, è nata nell'agosto del 2018 in seguito all'arresto in flagranza di uno spacciatore trovato in possesso di ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
REGGIOTV SALUTE
Ogni giorno al TG con Eduardo Lamberti Castronuovo
SUONAVA L'ANNO
EUREKA
Quiz Show
Liquore Tedesco
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 15.45/21.30

Medicina in Diretta

Ore 22.30

Pianeta Dilettanti
TEDESCO LIQUORI SHOP
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Spazzatura
  • Servizio zero
  • La dimenticata utilita’  dell’acqua
  • Rifiuti
  • La strafottenza dell’amministrazione comunale
  • disservizio idrico
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
ISTITUTO DE BLASI
Italpress