Anna Politkovskaja:
CULTURA

7 ottobre 2006 - 2016 Memoria, cinema e impegno nel decennale del delitto ancora senza mandanti

Anna Politkovskaja: "L'importante è avere l'opportunità di fare qualcosa di necessario"

Reggio Calabria. Uccisa a Mosca dieci anni fa. Aveva da poco compiuto 48 anni, Anna Politkovskaja. Era il 7 ottobre del 2006 e quel delitto è ancora oggi senza mandanti, intollerabile come le violenze subite dalla popolazione cecena durante il conflitto con la Russia che lei ebbe il coraggio di denunciare. Un dramma, vicino nel tempo, da lei descritto con chiarezza, circospezione, responsabilità. Dure critiche all’operato del presidente Putin e forti denuncie circa le violazioni dei diritti mani in Cecenia: parole coraggiose perché nessun altro le avrebbe scritte, parole essenziali perché senza di esse non avremmo saputo e senza di esse forse Anna sarebbe ancora viva. Invece lei ha ritenuto che fosse un dovere fare qualcosa di necessario e un’opportunità avere la possibilità di farlo. Così ha raccontato e i suoi racconti, le sue parole le sono sopravvissuti.
La storia di Anna Politkovskaja è forte per il coraggio e l’integrità con cui è stata scritta da lei e per la violenza con cui è stata stroncata da altri. Lei è morta per la verità che non ha rinunciato a rendere nota, per il rispetto supremo dell’autenticità degli accadimenti, dei testimoni che a lei hanno affidato le loro denuncie e del diritto alla conoscenza del lettore. Ha sacrificato la sua vita “Per questo”, come recita il titolo della raccolta di suoi articoli pubblicata qualche anno dopo il suo assassinio, con i caratteri di Adelphi, grazie all’opera appassionata dei colleghi di Novaja gazeta, dei figli Vera e Ilya Politkovsky e della sorella Elena Kudimova.
Scrivere, per lei non era un atto di coraggio o di eroismo ma un atto dovuto verso ciò che aveva visto, nei confronti delle persone che di lei si erano fidate, che a lei avevano confidato gli orrori che avevano subito e vissuto, che con lei rischiavano la vita. Raccontava i fatti ed essi parlavano da soli. La sua penna era solo un tramite al servizio della verità. Il giudizio era del lettore. Una libertà che ha fatto tremare i potenti, che avrebbe dovuto essere ‘corretta’, mutilata a qualunque costo. Omissioni, manipolazioni e compiacenze, ecco cosa avrebbe dovuto subentrare e lei avrebbe dovuto essere ‘rieducata’ al dovere di ubbidire, di non parlare, di tacere. Mani infami e menti assassine hanno compiuto il misfatto ma lei è ancora oggi una donna e una giornalista che ha avuto una sola padrona: la verità.
La storia di Anna è particolarmente paradigmatica. Non c’era altro modo di fermare la sua ricerca e la sua denuncia di verità scomode, se non ucciderla. A Mosca lei era in trincea con la sua persona e la sua firma e con lei c’erano il direttore, i colleghi del suo giornale indipendente Novaja Gazeta, al servizio dei fatti e dei lettori e non del potere e dei suoi detentori più o meno occulti.

In Italia, solo nel 2015, secondo Ossigeno per l’informazione, sono stati 521 i giornalisti e i blogger italiani vittime di intimidazioni, minacce ed abusi a causa del loro lavoro; un dato in linea con il 2014 e in aumento di oltre il 30% rispetto al 2013, segno che il rischio è ancora alto e in quasi tutte le regioni dello Stovale. Dal 2006 ad oggi oltre 2000 giornalisti sono stati minacciati e intimiditi dalle mafie. Molti vivono sotto scorta segno che la libertà di stampa è ancora oggi, anche nei sistemi democratici, a rischio.

Nel segno delle memoria di una giornalista straordinariamente coraggiosa nella sua semplicità e limpidezza, il documentario “Anna 211” di Giovanna Massimetti e Paolo Serbandini impone una riflessione sulla libertà di stampa e sul diritto-dovere irrinunciabile di verità connesso alla professione giornalistica. Esso racchiude simbolicamente nel titolo un numero e un nome. I giornalisti e le giornaliste assassinati dalla caduta dell’Unione sovietica fino al 2006 sono stati, infatti, 211. La duecentundicesima vittima è stata proprio Anna Politkovskaja.
Il documentario ha, altresì, il pregio di contrastare l’oblio su una storia recente, e già dimenticata, come quella dolorosa del conflitto Russo-Ceceno.
Risalente al 2008, esso ha il pregio di intrecciare le vicende personali e professionali della giornalista russa e la storia della Russa dalla fine degli anni Ottanta fino all’attuale era Putin. Un grande paese e le sue trasformazione politica, il cammino verso la democrazia non esente dal cancro del potere di pochi in cui si è consumato un delitto rimasto ancora senza mandanti di chi non ha rinunciato a raccontare verità scomode, non ha abdicato al dovere civile di raccontare e testimoniare i fatti. Un racconto, in questo contributo di immagini e voci, che è anche un documento storico sulla Russa e che propone testimonianze dei familiari e dei colleghi della giornalista di Novaja Gazeta, di persone che l’hanno conosciuta. La prima proiezione in Calabria al cine teatro Odeon di qualche giorno fa ha costituito un evento fuori tessera, l’anteprima della nuova rassegna del circolo del cinema “Cesare Zavattini”, al quale è seguito il dibattito sulla libertà di stampa organizzato in collaborazione con la federazione nazionale della Stampa e dell’ordine dei Giornalisti della Calabria. Sul palco tra una proiezione l’altra, Carlo Parisi (segretario generale aggiunto Federazione Nazionale Stampa Italiana), Michele Albanese (consigliere nazionale Fnsi responsabile legalità), Luciano Regolo (consigliere nazionale Fnsi), Giuseppe Soluri (presidente Ordine dei giornalisti della Calabria), Tonino De Pace (presidente del Circolo del cinema “Zavattini”), la collega Paola Abenavoli. Appuntamento con il quale ha avuto inizio anche la seconda edizione della rubrica “E’ tutto cinema” in onda il giovedì alle ore 20, con replica sabato alle ore 15:30 e martedì alle ore 20, frutto della collaborazione tra Reggiotv e il circolo del cinema “Cesare Zavattini”.
“Ma alla fine che cosa avrei combinato? Ho scritto ciò di cui sono stata testimone. E basta. Sorvolo sulle altre ‘gioie ‘ della strada che mi sono scelta. Il veleno nel tè. Gli arresti. Le lettere minatorie. Le minacce via internet e le telefonate in cui mi avvertono che mi faranno fuori. Quisquilie. L’importante è avere l’opportunità di fare qualcosa di necessario. Descrivere la vita, parlare con chi ogni giorno viene a cercarmi in redazione e che non saprebbe a chi altri rivolgersi. Dalle autorità ricevono solo porte in faccia: per l’ideologia al potere, le loro disgrazie non esistono, di conseguenza neanche la storia delle loro sventure può trovare spazio sulle pagine dei giornali. Solo sul nostro ‘Novaja Gazeta’”. PER QUESTO Anna Politkovskaja è stata uccisa ma soprattutto PER QUESTO Anna Politkovskaja ha vissuto.
Anna Foti
07-10-2016 23:26

NOTIZIE CORRELATE


19-07-2017 - CRONACA

Paolo Borsellino e l'agenda rossa ancora da ritrovare

19 luglio 1992 - 19 luglio 2017
18-07-2017 - CULTURA

Il circolo Rhegium Julii ha omaggiato Jane Austen con Giovanna Zucca

Bicentenario della morte, 18 luglio 1817 - 2017
14-07-2017 - POLITICA

Emergenza idrica a Reggio. In prefettura l'unità di crisi, Brunetti: "si sta cercando di tamponare il possibile"

Parla il delegato al servizio idrico dell'Ente di Palazzo San Giorgio
13-07-2017 - CRONACA

'Ndrangheta: Gotha, l'avvocato Marra resta in carcere

La decisione del Tribunale del riesame chiamato a pronunciarsi nuovamente dalla Suprema Corte
12-07-2017 - ATTUALITA'

Reggio, disservizi idrici in zona Sant'Anna e centro

I tecnici Sorical sono già al lavoro per risolvere il problema

ULTIME NEWS

POLITICA

Comune di Reggio. Angela Marcianò : "estromessa per aver denunciato illeciti"

Mi rivolgo a Te, Reggino Concittadino di Reggio Calabria, amico od amica, esplicito estimatore o leale dissidente o più semplicemente perplesso, sempre e comunque stimato, sulla nota questione ...
CRONACA

Operazione Oberdan: spaccio di droga nel centro storico cosentino, 7 arresti

Nelle prime ore di oggi, 25 luglio p.v., al culmine di articolate indagini, supportate da presìdi tecnologici, condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Cosenza, è stata eseguita ...
ATTUALITA'

Reggio, videosorveglianza in città: approvato il regolamento

Reggio Calabria. L’esecutivo Falcomatà su proposta dell’assessore alla Polizia Municipale Nino Zimbalatti, ha licenziato il testo del regolamento che disciplina la video sorveglianza in ambito comunale. Come è ...
CRONACA

Operazione "Ovuli Itineranti": usura, furti e spaccio di stupefacenti, 4 arresti VIDEO

Si comunica che dalle prime ore di ...
CRONACA

Focus 'ndrangheta nella Locride: 2 arresti, 2 persone denunciate e 5 patenti ritirate

Nell’ultimo fine settimana sono state effettuate ulteriori attività di contrasto alla criminalità organizzata, svolte dai Carabinieri del Gruppo di Locri, attraverso le ...
ATTUALITA'

Investimenti per lo sviluppo delle aree forestali di Forge, campi di Reggio e Pentimele

Reggio Calabria. «L’approvazione della delibera di giunta comunale che autorizza la sottoscrizione di un accordo di collaborazione con il Consorzio di Bonifica del Basso ...
ATTUALITA'

Reggio, prosegue il rifacimento totale del manto stradale, dopo il Viale Aldo Moro è la volta di Sbarre Centrali e Superiore

Reggio Calabria. L’esecutivo Falcomatà nel corso dell’ultima riunione di Giunta ha reperito ...
ATTUALITA'

Reggio, emergenza idrica ad Arghillà: "manca l'acqua da 7 giorni"

Riceviamo e pubblichiamo: "Il Coordinamento di Quartiere di Arghillà, composto da associazioni e cittadini della zona impegnati nella difesa dei beni comuni, chiede alle SV, per quanto di competenza, un intervento ...
AMBIENTE

Reggio e le carenze di strutture sportive nell'VIII Circoscrizione: l'appello delle società sportive FOTO

&q...
ATTUALITA'

Gestori B&B Crotone, "messaggio di amore e di rispetto per la diversità"

"I recenti fatti accaduti tra un gestore di una casa vacanza di Ricadi e i suoi potenziali ospiti, due ragazzi gay di Napoli, ci ha suggerito che fosse necessaria e dovuta una reazione corale che non lasciasse ...
ATTUALITA'

Locri, Sinistra Italiana chiede che riprendano i lavori sulla raccolta differenziata

Atteggiamenti volti a smaltire “fai da te” i rifiuti bruciandoli, come quello avvenuto a Locri poche ore fa sono da condannare fermamente. Se al cittadino può sembrare una ...
ATTUALITA'

Reggio, gli uffici della Camera di Commercio chiusi al pubblico lunedì 14 agosto

Si informa la gentile utenza che lunedì 14 agosto 2017 gli uffici della Camera di commercio di Reggio Calabria saranno chiusi al pubblico, come stabilito con disposizione di servizio n. ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

TG EDIZIONE NOTTURNA
VIOLA REGGIO CALABRIA
ATLETI
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
differenziamola
DIRETTA STREAMING

OGGI SU RTV

21.15 Civitas

Tel: 0965797635
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
  • Questione migranti, nota all’amministrazione Falcomata’
  • Il Comune non risarcisce i danni e promuove appello anche alla sentenza di primo grado
  • disservizi
  • taekwondo: una piccola rivincita morale per Maddalena
  • Incivilta'
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica