Anna Politkovskaja:
CULTURA

7 ottobre 2006 - 2016 Memoria, cinema e impegno nel decennale del delitto ancora senza mandanti

Anna Politkovskaja: "L'importante è avere l'opportunità di fare qualcosa di necessario"

Reggio Calabria. Uccisa a Mosca dieci anni fa. Aveva da poco compiuto 48 anni, Anna Politkovskaja. Era il 7 ottobre del 2006 e quel delitto è ancora oggi senza mandanti, intollerabile come le violenze subite dalla popolazione cecena durante il conflitto con la Russia che lei ebbe il coraggio di denunciare. Un dramma, vicino nel tempo, da lei descritto con chiarezza, circospezione, responsabilità. Dure critiche all’operato del presidente Putin e forti denuncie circa le violazioni dei diritti mani in Cecenia: parole coraggiose perché nessun altro le avrebbe scritte, parole essenziali perché senza di esse non avremmo saputo e senza di esse forse Anna sarebbe ancora viva. Invece lei ha ritenuto che fosse un dovere fare qualcosa di necessario e un’opportunità avere la possibilità di farlo. Così ha raccontato e i suoi racconti, le sue parole le sono sopravvissuti.
La storia di Anna Politkovskaja è forte per il coraggio e l’integrità con cui è stata scritta da lei e per la violenza con cui è stata stroncata da altri. Lei è morta per la verità che non ha rinunciato a rendere nota, per il rispetto supremo dell’autenticità degli accadimenti, dei testimoni che a lei hanno affidato le loro denuncie e del diritto alla conoscenza del lettore. Ha sacrificato la sua vita “Per questo”, come recita il titolo della raccolta di suoi articoli pubblicata qualche anno dopo il suo assassinio, con i caratteri di Adelphi, grazie all’opera appassionata dei colleghi di Novaja gazeta, dei figli Vera e Ilya Politkovsky e della sorella Elena Kudimova.
Scrivere, per lei non era un atto di coraggio o di eroismo ma un atto dovuto verso ciò che aveva visto, nei confronti delle persone che di lei si erano fidate, che a lei avevano confidato gli orrori che avevano subito e vissuto, che con lei rischiavano la vita. Raccontava i fatti ed essi parlavano da soli. La sua penna era solo un tramite al servizio della verità. Il giudizio era del lettore. Una libertà che ha fatto tremare i potenti, che avrebbe dovuto essere ‘corretta’, mutilata a qualunque costo. Omissioni, manipolazioni e compiacenze, ecco cosa avrebbe dovuto subentrare e lei avrebbe dovuto essere ‘rieducata’ al dovere di ubbidire, di non parlare, di tacere. Mani infami e menti assassine hanno compiuto il misfatto ma lei è ancora oggi una donna e una giornalista che ha avuto una sola padrona: la verità.
La storia di Anna è particolarmente paradigmatica. Non c’era altro modo di fermare la sua ricerca e la sua denuncia di verità scomode, se non ucciderla. A Mosca lei era in trincea con la sua persona e la sua firma e con lei c’erano il direttore, i colleghi del suo giornale indipendente Novaja Gazeta, al servizio dei fatti e dei lettori e non del potere e dei suoi detentori più o meno occulti.

In Italia, solo nel 2015, secondo Ossigeno per l’informazione, sono stati 521 i giornalisti e i blogger italiani vittime di intimidazioni, minacce ed abusi a causa del loro lavoro; un dato in linea con il 2014 e in aumento di oltre il 30% rispetto al 2013, segno che il rischio è ancora alto e in quasi tutte le regioni dello Stovale. Dal 2006 ad oggi oltre 2000 giornalisti sono stati minacciati e intimiditi dalle mafie. Molti vivono sotto scorta segno che la libertà di stampa è ancora oggi, anche nei sistemi democratici, a rischio.

Nel segno delle memoria di una giornalista straordinariamente coraggiosa nella sua semplicità e limpidezza, il documentario “Anna 211” di Giovanna Massimetti e Paolo Serbandini impone una riflessione sulla libertà di stampa e sul diritto-dovere irrinunciabile di verità connesso alla professione giornalistica. Esso racchiude simbolicamente nel titolo un numero e un nome. I giornalisti e le giornaliste assassinati dalla caduta dell’Unione sovietica fino al 2006 sono stati, infatti, 211. La duecentundicesima vittima è stata proprio Anna Politkovskaja.
Il documentario ha, altresì, il pregio di contrastare l’oblio su una storia recente, e già dimenticata, come quella dolorosa del conflitto Russo-Ceceno.
Risalente al 2008, esso ha il pregio di intrecciare le vicende personali e professionali della giornalista russa e la storia della Russa dalla fine degli anni Ottanta fino all’attuale era Putin. Un grande paese e le sue trasformazione politica, il cammino verso la democrazia non esente dal cancro del potere di pochi in cui si è consumato un delitto rimasto ancora senza mandanti di chi non ha rinunciato a raccontare verità scomode, non ha abdicato al dovere civile di raccontare e testimoniare i fatti. Un racconto, in questo contributo di immagini e voci, che è anche un documento storico sulla Russa e che propone testimonianze dei familiari e dei colleghi della giornalista di Novaja Gazeta, di persone che l’hanno conosciuta. La prima proiezione in Calabria al cine teatro Odeon di qualche giorno fa ha costituito un evento fuori tessera, l’anteprima della nuova rassegna del circolo del cinema “Cesare Zavattini”, al quale è seguito il dibattito sulla libertà di stampa organizzato in collaborazione con la federazione nazionale della Stampa e dell’ordine dei Giornalisti della Calabria. Sul palco tra una proiezione l’altra, Carlo Parisi (segretario generale aggiunto Federazione Nazionale Stampa Italiana), Michele Albanese (consigliere nazionale Fnsi responsabile legalità), Luciano Regolo (consigliere nazionale Fnsi), Giuseppe Soluri (presidente Ordine dei giornalisti della Calabria), Tonino De Pace (presidente del Circolo del cinema “Zavattini”), la collega Paola Abenavoli. Appuntamento con il quale ha avuto inizio anche la seconda edizione della rubrica “E’ tutto cinema” in onda il giovedì alle ore 20, con replica sabato alle ore 15:30 e martedì alle ore 20, frutto della collaborazione tra Reggiotv e il circolo del cinema “Cesare Zavattini”.
“Ma alla fine che cosa avrei combinato? Ho scritto ciò di cui sono stata testimone. E basta. Sorvolo sulle altre ‘gioie ‘ della strada che mi sono scelta. Il veleno nel tè. Gli arresti. Le lettere minatorie. Le minacce via internet e le telefonate in cui mi avvertono che mi faranno fuori. Quisquilie. L’importante è avere l’opportunità di fare qualcosa di necessario. Descrivere la vita, parlare con chi ogni giorno viene a cercarmi in redazione e che non saprebbe a chi altri rivolgersi. Dalle autorità ricevono solo porte in faccia: per l’ideologia al potere, le loro disgrazie non esistono, di conseguenza neanche la storia delle loro sventure può trovare spazio sulle pagine dei giornali. Solo sul nostro ‘Novaja Gazeta’”. PER QUESTO Anna Politkovskaja è stata uccisa ma soprattutto PER QUESTO Anna Politkovskaja ha vissuto.
Anna Foti
07-10-2016 23:26

NOTIZIE CORRELATE


11-02-2018 - CRONACA

Delitto Madaffari, non è escluso il movente 'ndranghetistico

L'uomo era da poco uscito dal carcere: aveva scontato una condanna per omicidio
18-12-2017 - SPORT

Viola-Treviglio: Agustin Fabi vince il Premio Domenico Durante

L'iniziativa è nata da un'idea di Giovanni Mafrici e Paolo Taddeo
09-12-2017 - ATTUALITA'

Comuni a lutto. Si è spenta Rosa Anna Mutinati, madre del Sindaco di Roghudi Pierpaolo Zavettieri

I funerali domenica 10 dicembre alle 15 a Bova Marina
05-12-2017 - CRONACA

Omicidio Giordanelli, per il perito: "Di Profio capace di intendere e di volere"

Ha preso il via oggi alla Corte d'Assise di Cosenza il processo sul delitto di Cetraro
23-11-2017 - CRONACA

'Ndrangheta, lettera anonima a Klaus Davi con insulti e minacce anche a Don Ciotti e Tiberio Bentivoglio

Nella missiva che fa riferimento a scomparsa Paolo Schimizzi

ULTIME NEWS

ATTUALITA'

Villa San Giovanni. "Ridateci la scuola di Pezzo", dal Comune: "presto ripartiranno i lavori" VIDEO

Villa San ...
ATTUALITA'

Reggio, partono i lavori sulle rampe del Ponte di Paterriti

Reggio Calabria. Sono stati consegnati nei giorni scorsi i lavori per il completamento delle rampe del ponte di collegamento le frazioni di Paterriti e Oliveto, nell’area collinare a sud di Reggio Calabria. Al sopralluogo finale per ...
ECONOMIA

Assegno digitale: dal 29 gennaio 2018 introdotto come nuova modalità di pagamento

Le obbligazioni pecuniarie hanno ad oggetto il pagamento di una somma di denaro e possono essere adempiute mediante moneta avente corso legale nel momento in cui sorge ...
CRONACA

Confiscati beni a presunto affiliato alla cosca Giampà

Catanzaro. I finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziaria di Catanzaro, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, dal Procuratore aggiunto, Giovanni Bombardieri, e dal sostituto procuratore, Elio Romano, ...
ATTUALITA'

Diritto di cronaca. La giusta presa di posizione del Procuratore Paci

C’è un principio che vale per tutti i media ed è quello che non riconosce loro il diritto di cronaca nel pubblicare foto raccapriccianti ed impressionanti. Anzi, la cosa potrebbe costituire ...
ATTUALITA'

Riforma dell'ordinamento penitenziario: sciopero della fame per oltre 30 Garanti dei detenuti

Franco Corleone, a nome e per conto del Coordinamento nazionale dei Garanti regionali e territoriali delle persone detenute, nella giornata di venerdì 16 febbraio ...
CRONACA

Filiera della pesca, controlli e sequestri della Guardia Costiera di Roccella e Siderno

Roccella Jonica (Reggio Calabria). In data 20 febbraio 2018 i militari degli Uffici marittimi di Roccella Jonica e Siderno Marina, in collaborazione con il personale della Compagnia dei ...
CRONACA

Cittanova, sorpreso di notte dai Carabinieri all'interno di un negozio: arrestato 43enne per furto aggravato e ricettazione

La scorsa notte, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno arrestato FOSCO Gabriele cl.75, pregiudicato ...
CRONACA

Reggio, Focus 'ndrangheta: controlli e servizi specifici a Catona e ad Arghillà

Reggio Calabria. Continuano i controlli predisposti nell’ambito del Piano di azione nazionale e transnazionale Focus ‘ndrangheta, elaborato in sede di Comitato Provinciale per ...
CRONACA

Droga, operazione "Passo di Salto": scattano 51 arresti

CATANZARO - E' scattata stamane all'alba l'operazione "Passo di Salto" con la quale 500 tra poliziotti e carabinieri hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Catanzaro su ...
CRONACA

Frode ai danni dell'Inps per oltre 350.000 euro. Denunciati 210 falsi braccianti ed un imprenditore

COSENZA - La Guardia di Finanza di Corigliano Calabro (CS), a conclusione di un’articolata e complessa attività di indagine coordinata dalla Procura ...
SPORT

Hadziosmanovic gela il "San Vito - Marulla". La Reggina torna imbattuta da Cosenza

COSENZA – La striscia positiva continua. La Reggina di Maurizi torna imbattuta anche da Cosenza. Al “San Vito – Marulla” finisce 1 a 1. Il rigore realizzato da Bruccini ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

BORGOITALIA
ASPETTANDO IL TG
CIVITAS
Manuale di Convivenza Civile
CHISTI SIMU
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 21.15

Chisti Simu
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Al peggio non c’e’ mai fine
  • L’Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
  • Questione migranti, nota all’amministrazione Falcomata’
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
arte
Basta vittime 106
viola
idomotica