Musica, cinema, teatro, workshop al festival MigrArtes
CULTURA

Dal 22 al 30 aprile al Miramare e al Teatro Cilea di Reggio Calabria

Musica, cinema, teatro, workshop al festival MigrArtes

Reggio Calabria. E se fossero le arti, non le genti, a migrare? Parte da questa domanda ed esplode, a cascata, in un programma fitto di eventi di musica, cinema, teatro, workshop il festival MigrArtes, in programma dal 22 al 30 aprile al Miramare e al Teatro Cilea di Reggio Calabria.

La manifestazione – nata nell’ambito del progetto Mediterranean Creative Hub, finanziata dall'intervento "Creazione del Distretto culturale e relativa programmazione e organizzazione di eventi di rilevanza nazionale e internazionale" - PISU di Reggio Calabria POR FESR 2007-2013 - PAC Calabria 2007-2013 –è il risultato del percorso di condivisione artistica e co-progettazione culturale tra la Fondazione Horcynus Orca e le associazioni Mana Chuma Teatro, Soledad e Teatro Le Rane. Quattro realtà attive da anni nell’area dello Stretto, ciascuna con una sua specificità, che insieme, dal 2011 al 2015, hanno fatto parte del partenariato di gestione del Teatro Politeama Siracusa, costituitosi in seguito al bando della Regione Calabria.

Finitaquella stagione, il coordinamento ha continuato a confrontarsinelle quattro edizioni calabresi dell’Horcynus Festival, con l’obiettivo di integrare pratiche culturali e artistiche innovative con le politiche di sviluppo territoriale e gli strumenti dell’economia etica.Un modello sperimentato fin dal 2010 dal Distretto Sociale Evoluto - Fondazione di Comunità di Messina, di cui la Fondazione Horcynus Orca fa parte, che conta oggi 76 aziende aderenti e oltre 350 lavoratori impegnati in forme economiche che guardano ai mercati come beni relazionali e alla bellezza come strumento di crescita sociale ed economica dei territori.

Lo stesso approccio all’economia civile e culturale inclusiva, a pratiche educative orientate alla promozione di cittadinanza attiva, lotta alle mafie, contaminazioni tra arti mediterranee è al centro del progetto MigrArtes. «Il festival ruota intorno al concetto di hub – spiegano i direttori artistici Salvatore Arena, Massimo Barilla, Alessio Laganà e Aldo Zucco – inteso come luogo della multidisciplinarietà in cui si incontrano, si fondono, si contaminano linguaggi artistici diversi, in cui la cultura da un lato si apre al territorio valorizzando i talenti creativi e dall’altro contribuisce alla sua internazionalizzazione. Ma anche hub come luogo fisico: il Mediterraneo, lo Stretto di Messina e Reggio Calabria in particolarecome baricentro geografico e ideale di un’area vasta in grande fermento ma anche in grande crisi politica, sociale e culturale, da ripensare in ottica culturale con pratiche di impegno civile dal basso».

Musica, cinema, teatro civile, di strada e di figura, scenografia sono gli assi tematici intorno a cui ruota MigrArtes, con il coinvolgimento di artisti e tecnici dal bacino vasto del Mediterraneo che opereranno fianco a fianco con talenti creativi locali calabresi e siciliani. In parallelo agli eventi, seminari intensivi dedicati a professionisti e non, laboratori e attività di formazione complessa faranno rivivere l’ex Grand Hotel Miramare, dove troveranno spazio anche i prodotti del commercio equo solidale proposti da Trame Solidali, Microdànisma ed EcoS-Med.


IL PROGRAMMA


Dal 22 al 30 aprile al Miramareè aperta al pubblico la mostra-spettacolo “Storie appese a un filo” a cura del Teatro Le Rane. Un viaggio poetico nel mondo del teatro di figura attraverso la raccolta ventennale di marionette e oggetti di scena dell’associazione. L’obiettivo non è mostrare ma suggerire il complesso sistema poetico che precede la nascita di uno spettacolo. Magie che trasformano legno, fili, polistirolo, stoffe, merletti, biglie e oggetti di scarto in personaggi che raccontano storie.

Sempresabato 22 aprile alle ore 21.00 il Miramare ospita il concerto del Carmen Souza trio(Carmen Souza voce e chitarra, Theo Pascal contrabbasso, Elias Kacomanolis batteria). Ritmi africani e tradizione jazz,in un’atmosfera intima e acustica, per la cantante portoghese di origini capoverdiane, che nella tappa reggina del suo tour presenterà il cd “Creology”. La musica in questo disco viaggia su rotte transatlantiche, dai paesi portoghesi ex coloniali come Capo Verde, Mozambico, Angola, attraversando il mare per raggiungereBrasile e Cuba, fino a lambire le coste di New Orleans. Ritmi come Batuque, Funana, Semba, Quilapanga, afro-brasiliana e suoni cubani miscelati, per creare quello che la critica ha ribattezzato il Souza Pascal AfroSound. Un sound unico che David Sylvian ha definito «il soul del mondo del ventunesimo secolo».

Domenica 23 aprilealle ore 21 al Teatro Cilea, nuova replicacittadina per “Come un granello di sabbia – Giuseppe Gulotta, storia di un innocente” che torna in città dopo il successo ottenuto alla primadel 2015, il secondo posto al Premio IN-BOX Blu 2016, la tournée nazionale e le matinée con oltre 500 studenti dello scorso 5 aprile. Lo spettacolo di Mana Chuma Teatroracconta la storia di Giuseppe Gulotta, vittima di uno degli errori giudiziari più clamorosi della storia italiana. Un calvario lungo oltre 36 anni, con 22 di ingiusta detenzione, conclusosi con 6 milioni e mezzo di euro di risarcimento. Arrestato a 18 anni e costretto a confessare con la tortura l'omicidio di due carabinieri, Gulotta e altri presunti complici diventano capri espiatori di un delitto che coinvolge servizi segreti, uomini dello Stato e neofascisti.
La data scelta per la replica reggina, che coincide con la festività di San Giorgio, patrono della città, è stata concordata con l’Amministrazione Comunale a sottolineare, simbolicamente e concretamente, il forte rapporto che lega Giuseppe Gulotta alla città dello Stretto, luogo in cui la sua lunghissima odissea ha trovato finalmente giustizia.

Martedì 25 aprile alle ore 18.00 tocca allo spettacolo di pupi siciliani “Orlando e l'Incanto della Fata Morgana” di Antonino e Giuseppe Viola, compagnia teatrale Thalìa, pupi di Martino Rabuazzo. L’Opera dei Pupi di tradizione catanese è una forma espressiva antichissima, che si compone di tecniche e azioni performative semplici e complesse al tempo stesso, presente anche sul territorio reggino almeno fin dagli anni Sessanta. Lo spettacolo, ambientato davanti al mare dello Stretto di Messina, intreccia una vicenda di amori, follie e gesta cavalleresche con protagonisti Orlando e i Paladini di Francia, vittime dell'incanto malefico della Fata Morgana.

Da mercoledì 26 aprile fino a sabato 29 alle ore 21.00 il Miramare ospiterà il ciclo di proiezioni della Rassegna di cinematografia “Mare di cinema arabo” a cura di Erfan Rashid, giornalista e direttore dei programmi arabi del Festival Internazionale del Film di Dubai. Cinque lungometraggi e altrettanti corti per un viaggio in tre città, Il Cairo, Beirut e Baghdad, che in passato si sono incrociate grazie alla cultura e oggi vivono momenti tragici.I film scelti, molti anteprime nazionali ed europee,sono un omaggio al contributo delle donne alla resistenza della società arabe contro l’oscurantismo. Non mancheràuno sguardo all’Italia tra migrazioni ediritto di cittadinanza.

Giovedì 27 aprilealle ore 21.30 MigrArtes propone il concerto del duo Ilaria Graziano e Francesco Forni.Autrice e interprete dalla voce straordinaria lei, chitarrista e compositore di grande talento lui, il loro album di esordio “From Bedlam to Lenane” (2012) è stato definito da Il Venerdì de la Repubblica «tra i più bei cd italiani degli ultimi cinque anni» e da Blow Up «un seducente meticciato Folk».Nel 2013 il secondo album, “Come2Me”,conferma il successo con undici brani originali nati da un immaginario che ritroviamo nei romanzi di pirati, nei western, nei blues rurali. Nel 2015 la consacrazione internazionale del duo, la ristampa dei dischi con l’aggiunta di brani inediti e la distribuzione in tutta Europa, Stati Uniti e Giappone, con ospitate, live e rotazioni sulle principali stazioni radio di settore.

Sabato 29 aprileil festival MigrArtes va incontro alla città, con la sfilata de “La barca del sole” sul Corso Garibaldi alle ore 18.00. L’evento, produzione originale multidisciplinare di strada, è l’esito condiviso dei laboratoriattivi per tutta la durata del festival al Miramare: quello di teatro civile curato da Salvatore Arena e Massimo Barilla; quello di composizione musicale a cura di Luigi Polimeni; quello di scenografia a cura di Aldo Zucco; e“Valigie di cartone”, laboratorio di animazione di oggetti e teatro di figura per giovani migranti non accompagnati a cura di Maria Grazia Bono e Caterina Morano del Teatro delle Rane, in collaborazione con ARCI Provinciale Reggio Calabria, nell’ambito dei progetti “SPRAR Approdi Mediterranei” e "Associazione Abakhi - Casa Anawim Centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati".

Domenica 30 aprile la chiusura è affidata alle 18.00 al Miramare allo studio per “Giufà”, lettura scenica della produzione originale di teatro di figurafirmata Teatro delle Rane e Mana Chuma Teatro. Protagonista sul palco una figura, quella di Giufà, presente in tutto il bacino del Mediterraneo con vari nomi (Guha, Diehà, Nasreddin Hocà, Juha) e particolarmente cara alla tradizione locale.
Alle 21.30, si cambia ritmo con il concerto della Barcelona Gipsy balKan Orchestra (BGKO), uno dei gruppi con maggior respiro internazionale del panorama musicale spagnolo (Sandra Sangiao voce, Mattia Schirosa fisarmonica, Julien Chanal chitarra, Ivan Kovacevic contrabbasso, Stelios Togias percussioni, Dani Carbonell clarinetto) che presenta il suo nuovo disco “Del Ebro al Danubio”. Le sonorità contemporanee della BGKO nascono dall’esplorazione dei timbri e delle varietà della musica balcanica e della tradizione klezmer e rom, che supera i confini geografici e si nutre di tutte le culture che storicamente hanno convissuto in quest’area (aschenaziti, ebrei e sefarditi, gipsy, ottomani, arabi) ma anche dagli influssi contemporanei dalla scena musicale di Barcellona e latino americana, delle canzoni tradizionali catalane, italiane, greche, russe e del Medio Oriente, delle sonorità vibranti del jazz, del flamenco, del jazz manouche e della musica rockabilly.
20-04-2017 17:23

NOTIZIE CORRELATE


30-04-2017 - POLITICA

Primarie Pd, si conferma intorno ai 16mila votanti l'affluenza su scala provinciale

Esultano i renziani a Reggio città: alle urne quasi 5.400 persone, il 76,5% ha scelto l'ex premier
30-04-2017 - SPORT

Playout, la Viola si aggiudica la gara 1 a Chieti con il risultato di 93 a 95

Prossima sfida ancora a Chieti martedì 2 maggio
30-04-2017 - CULTURA

Al Mustrumu la giornata mondiale del Jazz

Un programma su due giorni
30-04-2017 - CRONACA

Intimidazione a gelateria "Sottozero". Armato di fucile fa irruzione nel locale ancora aperto

Sull'episodio indaga la Polizia di Stato
30-04-2017 - CULTURA

La Barcelona Gipsy balKan Orchestra e il mito di Giufà chiudono il Festival MigrArtes al Miramare

Ospite stasera musicisti con diverse provenienze ma con sede a Barcellona

ULTIME NEWS

SPORT

Lega Pro, Reggina: missione compiuta. La salvezza arriva con un turno d'anticipo

REGGIO CALABRIA - Obiettivo centrato. La Reggina è matematicamente salva. Grazie al pareggio conquistato ad Andria e alla concomitante sconfitta dell’Akragas (k.o. contro la Juve Stabia, ...
CRONACA

'Ndrangheta, operazione "Eracle". La passione "deviata" per i cavalli si consumava nella "Scuderia Condello"

Reggio Calabria. Una passione per i cavalli, dietro alla quale in realtà si celerebbero fini ben diversi da quelli legati ...
CRONACA

Impresa edile ancora intimidita nel vibonese

MIleto (Vibo Valentia). Terza intimidazione in pochi giorni all'impresa edile Cooper Poro di Rombiolo, impegnata in alcuni interventi nella città per l'installazione di isole ecologiche. Ignoti hanno dato fuoco ad una rete di plastica del cantiere di via ...
CRONACA

'Ndrangheta. Operazione "Eracle", arrestate altre 4 persone: c'è anche figlio boss "Supremo" FOTO/VIDEO

Reggio...
CRONACA

Reggio, la Polizia arresta l'autore dell'incendio dell'autovettura del parroco di Bocale VIDEO

Nella prima mattinata ...
CRONACA

Stalking, lesioni personali e furto aggravato in danno alla ex-compagna: arrestato 48enne di Palmi

Gli Agenti del Commissariato di P.S. di Palmi, sempre su disposizioni dell’Autorità Giudiziaria di Palmi, hanno eseguito l’Ordinanza di Misura ...
CRONACA

Rosarno, minacce e percosse ai danni della moglie e dei figli: arrestato 49enne

Elevata l’attenzione della Polizia di Stato verso gli spregevoli reati perpetrati in ambito familiare, nonché contro donne e minori. Ieri, personale del Commissariato di P.S. di Gioia ...
CRONACA

Estorsione mafiosa, arrestato imprenditore reggino di 51 anni

Nella giornata di ieri 28 Aprile 2017, a Sant’Eufemia d’Aspromonte, su disposizione della Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa – N.O.R. di Gioia Tauro, in ...
CRONACA

Africo Nuovo. Nascosti sotto la sabbia in spiaggia, i carabinieri rinvengono 6 kg di droga e una pistola FOTO

Africo Nuovo (Reggio Calabria). Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Locri, finalizzati alla repressione dei reati attinenti le armi e gli stupefacenti. Tale attività, che negli ultimi mesi si è concentrata soprattutto nelle aree rurali dell’entroterra della locride, ha consentito dall’inizio dell’anno di ritrovare numerose armi e munizioni, in particolare nelle zone periferiche dei comuni del circondario di Locri. Al fine di arginare ulteriormente il fenomeno, i servizi citati sono stati disposti anche per la fascia costiera, nei comuni ricadenti nella parte sud della giurisdizione compresi tra l’area grecanica e capo Bruzzano. In tale ambito, i Carabinieri della Compagnia di Bianco ed in particolare della Stazione di Africo Nuovo, unitamente ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, nel corso di un rastrellamento in un tratto di spiaggia di quel comune, hanno rivenuto in un terreno demaniale, occultati in più punti e sotto circa 30 centimetri di sabbia: - 6 involucri di plastica trasparente termosaldata, contenenti oltre 6 kg di sostanza stupefacente di tipo marijuana; - 1 pistola cal. 44 perfettamente funzionante e con relativo munizionamento; - 1 astuccio contenente diversi grammi di cocaina. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro in attesa dei conseguenti accertamenti tecnici e tossicologici che saranno disposti ...
CRONACA

Melito: mette fuoco a saracinesca di un bar, sorpreso e arrestato FOTO/VIDEO

Melito Porto Salvo (Reggio Calabria). Nella nottata del 28 ...
CRONACA

Rubano energia elettrica per alimentare giardino, arrestati padre e figlio FOTO

Nel pomeriggio del 27 aprile 2017, in Oppido ...
CRONACA

Oppido Mamertina, i Carabinieri scoprono e sequestrano piantagione di circa mille piante di cannabis: arrestato 39enne FOTO/VIDEO

Oppido Mamertina (Reggio Calabria). Circa mille piante di canapa indiana scoperte e sequestrate. Una persona finita in manette, in flagranza di reato. È questo il bilancio dell'operazione contro la produzione e il traffico di droga, portata a termine dai Carabinieri della Stazione di Castellace di Oppido Mamertina agli ordini del Maresciallo Ordinario Armando VENTURA, unitamente a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”. Operazione che rientra nella mirata strategia operativa elaborata dal Comando Provinciale dell’Arma di Reggio Calabria e che dall’inizio dell’anno, ha consentito di rinvenire e porre sotto sequestro numerose piantagioni, ubicate nelle zone più impervie del territorio pre-aspromontano ricadente nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Palmi diretta dal Capitano Antonino SPINNATO. Martino Caruso, 39 anni, è il nome della persona arrestata. Deve adesso rispondere dell'accusa di produzione, coltivazione e traffico di ingente quantità di sostanza stupefacente. Residente in zona e con precedenti in materia di sostanze stupefacenti, i carabinieri lo ha o sorpreso all’interno di un’area demaniale sita in località “Gambarella” di Castellace di Oppido Mamertina, nell’atto di coltivare una piantagione, di un’estensione di circa 300 metri quadrati, costituita da 975 piante di canapa indiana - del tipo “cannabis indica” - dell’altezza media ciascuna di 50 centimetri e per un peso complessivo di circa 50 kg di stupefacente. Lo stupefacente rinvenuto ed il materiale vario per l’irrigazione delle piante è stato sottoposto a sequestro e l’arrestato al termine delle formalità di rito è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari su disposizione del Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Palmi. L’operazione odierna testimonia ancora una volta la costante presenza sul territorio della Città di Reggio Calabria e della sua ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

10 DOMANDE
COLD SQUAD
CHISTI SIMU
VIOLA REGGIO CALABRIA
differenziamola
DIRETTA STREAMING

OGGI SU RTV

15.30 Eureka

19 Partita Viola

21.15 FuoriGioco

Sms/Whatsapp 3938709860
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Stada pericolosa
  • Votiamo con la nostra testa
  • Luci spente svincolo autostrada Spirito Santo
  • Luci spente svincolo autostrada Spirito Santo
  • Turismo e CULTURA a RC?
  • Acqua non potabile
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
idomotica
viola