Musica, cinema, teatro, workshop al festival MigrArtes
CULTURA

Dal 22 al 30 aprile al Miramare e al Teatro Cilea di Reggio Calabria

Musica, cinema, teatro, workshop al festival MigrArtes

Reggio Calabria. E se fossero le arti, non le genti, a migrare? Parte da questa domanda ed esplode, a cascata, in un programma fitto di eventi di musica, cinema, teatro, workshop il festival MigrArtes, in programma dal 22 al 30 aprile al Miramare e al Teatro Cilea di Reggio Calabria.

La manifestazione – nata nell’ambito del progetto Mediterranean Creative Hub, finanziata dall'intervento "Creazione del Distretto culturale e relativa programmazione e organizzazione di eventi di rilevanza nazionale e internazionale" - PISU di Reggio Calabria POR FESR 2007-2013 - PAC Calabria 2007-2013 –è il risultato del percorso di condivisione artistica e co-progettazione culturale tra la Fondazione Horcynus Orca e le associazioni Mana Chuma Teatro, Soledad e Teatro Le Rane. Quattro realtà attive da anni nell’area dello Stretto, ciascuna con una sua specificità, che insieme, dal 2011 al 2015, hanno fatto parte del partenariato di gestione del Teatro Politeama Siracusa, costituitosi in seguito al bando della Regione Calabria.

Finitaquella stagione, il coordinamento ha continuato a confrontarsinelle quattro edizioni calabresi dell’Horcynus Festival, con l’obiettivo di integrare pratiche culturali e artistiche innovative con le politiche di sviluppo territoriale e gli strumenti dell’economia etica.Un modello sperimentato fin dal 2010 dal Distretto Sociale Evoluto - Fondazione di Comunità di Messina, di cui la Fondazione Horcynus Orca fa parte, che conta oggi 76 aziende aderenti e oltre 350 lavoratori impegnati in forme economiche che guardano ai mercati come beni relazionali e alla bellezza come strumento di crescita sociale ed economica dei territori.

Lo stesso approccio all’economia civile e culturale inclusiva, a pratiche educative orientate alla promozione di cittadinanza attiva, lotta alle mafie, contaminazioni tra arti mediterranee è al centro del progetto MigrArtes. «Il festival ruota intorno al concetto di hub – spiegano i direttori artistici Salvatore Arena, Massimo Barilla, Alessio Laganà e Aldo Zucco – inteso come luogo della multidisciplinarietà in cui si incontrano, si fondono, si contaminano linguaggi artistici diversi, in cui la cultura da un lato si apre al territorio valorizzando i talenti creativi e dall’altro contribuisce alla sua internazionalizzazione. Ma anche hub come luogo fisico: il Mediterraneo, lo Stretto di Messina e Reggio Calabria in particolarecome baricentro geografico e ideale di un’area vasta in grande fermento ma anche in grande crisi politica, sociale e culturale, da ripensare in ottica culturale con pratiche di impegno civile dal basso».

Musica, cinema, teatro civile, di strada e di figura, scenografia sono gli assi tematici intorno a cui ruota MigrArtes, con il coinvolgimento di artisti e tecnici dal bacino vasto del Mediterraneo che opereranno fianco a fianco con talenti creativi locali calabresi e siciliani. In parallelo agli eventi, seminari intensivi dedicati a professionisti e non, laboratori e attività di formazione complessa faranno rivivere l’ex Grand Hotel Miramare, dove troveranno spazio anche i prodotti del commercio equo solidale proposti da Trame Solidali, Microdànisma ed EcoS-Med.


IL PROGRAMMA


Dal 22 al 30 aprile al Miramareè aperta al pubblico la mostra-spettacolo “Storie appese a un filo” a cura del Teatro Le Rane. Un viaggio poetico nel mondo del teatro di figura attraverso la raccolta ventennale di marionette e oggetti di scena dell’associazione. L’obiettivo non è mostrare ma suggerire il complesso sistema poetico che precede la nascita di uno spettacolo. Magie che trasformano legno, fili, polistirolo, stoffe, merletti, biglie e oggetti di scarto in personaggi che raccontano storie.

Sempresabato 22 aprile alle ore 21.00 il Miramare ospita il concerto del Carmen Souza trio(Carmen Souza voce e chitarra, Theo Pascal contrabbasso, Elias Kacomanolis batteria). Ritmi africani e tradizione jazz,in un’atmosfera intima e acustica, per la cantante portoghese di origini capoverdiane, che nella tappa reggina del suo tour presenterà il cd “Creology”. La musica in questo disco viaggia su rotte transatlantiche, dai paesi portoghesi ex coloniali come Capo Verde, Mozambico, Angola, attraversando il mare per raggiungereBrasile e Cuba, fino a lambire le coste di New Orleans. Ritmi come Batuque, Funana, Semba, Quilapanga, afro-brasiliana e suoni cubani miscelati, per creare quello che la critica ha ribattezzato il Souza Pascal AfroSound. Un sound unico che David Sylvian ha definito «il soul del mondo del ventunesimo secolo».

Domenica 23 aprilealle ore 21 al Teatro Cilea, nuova replicacittadina per “Come un granello di sabbia – Giuseppe Gulotta, storia di un innocente” che torna in città dopo il successo ottenuto alla primadel 2015, il secondo posto al Premio IN-BOX Blu 2016, la tournée nazionale e le matinée con oltre 500 studenti dello scorso 5 aprile. Lo spettacolo di Mana Chuma Teatroracconta la storia di Giuseppe Gulotta, vittima di uno degli errori giudiziari più clamorosi della storia italiana. Un calvario lungo oltre 36 anni, con 22 di ingiusta detenzione, conclusosi con 6 milioni e mezzo di euro di risarcimento. Arrestato a 18 anni e costretto a confessare con la tortura l'omicidio di due carabinieri, Gulotta e altri presunti complici diventano capri espiatori di un delitto che coinvolge servizi segreti, uomini dello Stato e neofascisti.
La data scelta per la replica reggina, che coincide con la festività di San Giorgio, patrono della città, è stata concordata con l’Amministrazione Comunale a sottolineare, simbolicamente e concretamente, il forte rapporto che lega Giuseppe Gulotta alla città dello Stretto, luogo in cui la sua lunghissima odissea ha trovato finalmente giustizia.

Martedì 25 aprile alle ore 18.00 tocca allo spettacolo di pupi siciliani “Orlando e l'Incanto della Fata Morgana” di Antonino e Giuseppe Viola, compagnia teatrale Thalìa, pupi di Martino Rabuazzo. L’Opera dei Pupi di tradizione catanese è una forma espressiva antichissima, che si compone di tecniche e azioni performative semplici e complesse al tempo stesso, presente anche sul territorio reggino almeno fin dagli anni Sessanta. Lo spettacolo, ambientato davanti al mare dello Stretto di Messina, intreccia una vicenda di amori, follie e gesta cavalleresche con protagonisti Orlando e i Paladini di Francia, vittime dell'incanto malefico della Fata Morgana.

Da mercoledì 26 aprile fino a sabato 29 alle ore 21.00 il Miramare ospiterà il ciclo di proiezioni della Rassegna di cinematografia “Mare di cinema arabo” a cura di Erfan Rashid, giornalista e direttore dei programmi arabi del Festival Internazionale del Film di Dubai. Cinque lungometraggi e altrettanti corti per un viaggio in tre città, Il Cairo, Beirut e Baghdad, che in passato si sono incrociate grazie alla cultura e oggi vivono momenti tragici.I film scelti, molti anteprime nazionali ed europee,sono un omaggio al contributo delle donne alla resistenza della società arabe contro l’oscurantismo. Non mancheràuno sguardo all’Italia tra migrazioni ediritto di cittadinanza.

Giovedì 27 aprilealle ore 21.30 MigrArtes propone il concerto del duo Ilaria Graziano e Francesco Forni.Autrice e interprete dalla voce straordinaria lei, chitarrista e compositore di grande talento lui, il loro album di esordio “From Bedlam to Lenane” (2012) è stato definito da Il Venerdì de la Repubblica «tra i più bei cd italiani degli ultimi cinque anni» e da Blow Up «un seducente meticciato Folk».Nel 2013 il secondo album, “Come2Me”,conferma il successo con undici brani originali nati da un immaginario che ritroviamo nei romanzi di pirati, nei western, nei blues rurali. Nel 2015 la consacrazione internazionale del duo, la ristampa dei dischi con l’aggiunta di brani inediti e la distribuzione in tutta Europa, Stati Uniti e Giappone, con ospitate, live e rotazioni sulle principali stazioni radio di settore.

Sabato 29 aprileil festival MigrArtes va incontro alla città, con la sfilata de “La barca del sole” sul Corso Garibaldi alle ore 18.00. L’evento, produzione originale multidisciplinare di strada, è l’esito condiviso dei laboratoriattivi per tutta la durata del festival al Miramare: quello di teatro civile curato da Salvatore Arena e Massimo Barilla; quello di composizione musicale a cura di Luigi Polimeni; quello di scenografia a cura di Aldo Zucco; e“Valigie di cartone”, laboratorio di animazione di oggetti e teatro di figura per giovani migranti non accompagnati a cura di Maria Grazia Bono e Caterina Morano del Teatro delle Rane, in collaborazione con ARCI Provinciale Reggio Calabria, nell’ambito dei progetti “SPRAR Approdi Mediterranei” e "Associazione Abakhi - Casa Anawim Centro di accoglienza per minori stranieri non accompagnati".

Domenica 30 aprile la chiusura è affidata alle 18.00 al Miramare allo studio per “Giufà”, lettura scenica della produzione originale di teatro di figurafirmata Teatro delle Rane e Mana Chuma Teatro. Protagonista sul palco una figura, quella di Giufà, presente in tutto il bacino del Mediterraneo con vari nomi (Guha, Diehà, Nasreddin Hocà, Juha) e particolarmente cara alla tradizione locale.
Alle 21.30, si cambia ritmo con il concerto della Barcelona Gipsy balKan Orchestra (BGKO), uno dei gruppi con maggior respiro internazionale del panorama musicale spagnolo (Sandra Sangiao voce, Mattia Schirosa fisarmonica, Julien Chanal chitarra, Ivan Kovacevic contrabbasso, Stelios Togias percussioni, Dani Carbonell clarinetto) che presenta il suo nuovo disco “Del Ebro al Danubio”. Le sonorità contemporanee della BGKO nascono dall’esplorazione dei timbri e delle varietà della musica balcanica e della tradizione klezmer e rom, che supera i confini geografici e si nutre di tutte le culture che storicamente hanno convissuto in quest’area (aschenaziti, ebrei e sefarditi, gipsy, ottomani, arabi) ma anche dagli influssi contemporanei dalla scena musicale di Barcellona e latino americana, delle canzoni tradizionali catalane, italiane, greche, russe e del Medio Oriente, delle sonorità vibranti del jazz, del flamenco, del jazz manouche e della musica rockabilly.
20-04-2017 17:23

NOTIZIE CORRELATE


20-04-2018 - AMBIENTE

Reggio. Impressionante incidente nella zona sud: auto si ribalta su aiuola FOTO

Mezzo recuperato con una gru dei vigili del fuoco
20-04-2018 - AMBIENTE

'Ndrangheta. Omicidio Congiusta, ergastolo annullato per Tommaso Costa

La Cassazione ha assolto senza rinvio la condanna all'ergastolo inflitta dalla Corte d'assise d'appello di ReggioáCalabria
20-04-2018 - AMBIENTE

Reggio, "all day in the castle": il Castello Aragonese aperto il 23 e 25 aprile

Per San Giorgio e per la Festa della Liberazione
19-04-2018 - AMBIENTE

Archeologia, sensazionale scoperta in Calabria: rinvenuta una tomba dell'etÓ del bronzo VIDEO

Il sito archeologico scoperto dalla Guardia di Finanza a Crotone

ULTIME NEWS

SPORT

La Reggina batte l'Akragas e festeggia la salvezza. Ma quanti cori contro Maurizi...

REGGIO CALABRIA – Missione compiuta. Adesso c’è anche il conforto della matematica. La Reggina batte il già retrocesso Akragas per 2 a 0 e taglia così il ...
CRONACA

Trovati in casa fucile, pistola e munizioni: arrestati due fratelli

Vibo Valentia. Due fratelli sono stati arrestati dai carabinieri a Nicotera Marina al termine di una perquisizione domiciliare. Nell'abitazione in uso ai due, i militari della Compagnia di Tropea hanno trovato una ...
ATTUALITA'

Vivere il Cristianesimo nel 2018

È davvero possibile essere cristiani in una società che in gran parte ha perso i basilari principi e valori morali? Al di là della semplice definizioni di appartenenza, sono la realtà della vita e la quotidianità che risponde in maniera affermativa o meno ...
CRONACA

"Reale 6", scambio elettorale politico-mafioso: tutti assolti

“Assoluzione piena perché il fatto non costituisce reato” per quattro imputati finiti a processo nell’ambito dell’inchiesta della DDA reggina “Reale 6”. I giudici del Tribunale di Locri hanno ...
CRONACA

Polizia, intensificati i controlli per le festivitÓ di San Giorgio e del 25 aprile

REGGIO CALABRIA - “Per la sicurezza della città e della Provincia sono state intensificate tutte le misure di vigilanza e di controllo anche agli obiettivi c.d. sensibili. Per ...
AMBIENTE

Erosione costiera a Villa San Giovanni, ci sono i presupposti per chiedere lo stato di calamitÓ naturale

VILLA SAN GIOVANNI – “La condizione di emergenza, che caratterizza in modo così grave il territorio comunale, costituisce una ...
CRONACA

Coltivava droga in casa, un arresto

MIRTO CROSIA (COSENZA). Aveva ricavato due vani nel sottotetto di casa. Ed era lì che coltivava marijuana. Un uomo di 49 anni per questo motivo è stato arrestato dai carabinieri a Mirto Crosia. Per lui l'accusa è di produzione e detenzione di sostanza ...
ATTUALITA'

SanitÓ, violazioni allarmanti. Siclari: "Scura, Oliverio e Lorenzin fermatevi"

REGGIO CALABRIA - Il Commissario Scura continua ad aggredire il Sistema Sanitario della nostra Regione con l’intento di distruggere anche gli ultimi presidi sanitari che ancora resistono e ...
CRONACA

'Ndrangheta, sequestro milionario di beni ad imprenditore ritenuto organico ai clan di Cittanova FOTO/VIDEO

Cittanova (Reggio Calabria). Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è stimato in circa 22 milioni di euro. La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito un decreto di sequestro emesso dal locale Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti del detenuto GIOVINAZZO Girolamo, 45 anni, di Cittanova (RC), detto Jimmy, ritenuto organico alla cosca RASO-GULLACE-ALBANESE di Cittanova (RC), a cui risulta legato anche da vincoli di parentela, avendo sposato POLITI Francesca, nipote del defunto capo cosca RASO Girolamo. Il GIOVINAZZO, unitamente alla moglie e ad altri 40 sodali, nel luglio 2016, è stato colpito da un provvedimento restrittivo emesso dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria, poiché coinvolto nell’operazione “ALCHEMIA” della Procura Distrettuale Antimafia reggina, che ha interessato gli elementi affiliati alle cosche “RASO-GULLACE-ALBANESE” di Cittanova (RC) e “PARRELLO-GAGLIOSTRO” di Palmi (RC), per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, intestazione fittizia di beni e reati contro la Pubblica Amministrazione. Le indagini avevano consentito di evidenziare il grande interesse degli appartenenti alle citate consorterie della ‘ndrangheta verso diversi settori “strategici”, quali il movimento terra, l’edilizia, l’import-export di prodotti alimentari, la gestione di sale giochi e di piattaforme di scommesse on‑line, la lavorazione dei marmi, autotrasporti, smaltimento e trasporto di rifiuti speciali. In tale contesto criminale, il ruolo del GIOVINAZZO era quello di “portavoce” ed uomo di fiducia di RASO Girolamo, con il compito di mantenere i rapporti con i sodali (tra cui Carmelo GULLACE, posto in posizione apicale), con esponenti di cosche contigue e, contemporaneamente, con il mondo politico ed imprenditoriale, nonché con funzionari pubblici, allo scopo di ottenere commesse di lavori o appalti, contributi comunitari ed altre provvidenze. GIOVINAZZO, tuttora incensurato nonostante i numerosi procedimenti penali avviati nei suoi confronti, anche in altre vicende giudiziarie (emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, occultamento/distruzione di scritture contabili, falso, truffa aggravata, bancarotta fraudolenta, associazione a delinquere), era sostanzialmente il “volto pulito della cosca” e, per questo motivo, intestatario/titolare di numerose attività imprenditoriali, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione e di reati contro la P.A. (corruzione di funzionari pubblici). L’ordinanza restrittiva dell’operazione “ALCHEMIA” è stata confermata anche nei successivi gradi di giudizio cautelare e, in relazione ai fatti contestati, il GIOVINAZZO è stato rinviato a giudizio nel luglio 2017. Alla luce dei suddetti elementi, il Tribunale di Reggio Calabria - Sezione Misure di Prevenzione lo ha ritenuto portatore sia di pericolosità sociale qualificata, per la contiguità con un’organizzazione criminale di stampo mafioso, che di pericolosità generica, in ragione della sua “inclinazione” a delinquere, evidenziando, inoltre, come la crescita della sua attività imprenditoriale sia stata concretamente agevolata nell’avvio e, soprattutto, nell’espansione, dal ricorso sistematico a pratiche imprenditoriali illecite. In virtù di quanto sopra, il patrimonio a lui riconducibile è stato ritenuto il frutto o il reimpiego di proventi di attività illecita, stante anche la significativa sproporzione tra i redditi dichiarati e le effettive disponibilità a lui riconducibili, emerse dagli accertamenti svolti dalla DIA reggina. Con l’odierno provvedimento è stato, dunque, sottoposto a sequestro un consistente asset immobiliare e mobiliare, ricomprendente beni aziendali e personali, costituito da: 8 società, per l’intero capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale (di cui 5 società di capitali, 2 società di persone ed una ditta individuale) con sede tra Cittanova (RC), Roma e Pomezia (RM), operanti nei settori turistico-alberghiero, ristorazione, agricolo (produzione di olio), lavorazione del legname e trasporto rifiuti. Tra di esse, anche la nota struttura alberghiera di lusso “Uliveto Principessa Park Hotel” di Cittanova (RC); 16 terreni ubicati a Cittanova (RC) per un’estensione complessiva di oltre 13 ettari e 2 capannoni ad uso industriale, per una superficie complessiva di circa 3.000 mq; disponibilità finanziarie e titoli comunitari ARCEA, riconducibili al GIOVINAZZO, alla moglie POLITI Francesca ed ai loro ...
CRONACA

Sequestro di persona e violenza sessuale aggravata, arrestato extracomunitario nel reggino FOTO

Personale della ...
CRONACA

Locri, la Finanza scopre e denuncia falsa invalida e i due figli dipendenti pubblici

Reggio Calabria. Nell’ambito dell’attività istituzionale in materia di spesa pubblica, i Finanzieri del Gruppo di Locri hanno accertato, al termine di ...
CRONACA

'Ndrangheta: tremano i clan di Rosarno, il figlio di Giuseppe Pesce detto "Pecora" vuota il sacco

Non si sa ancora quale dei due figli di Giuseppe Pesce detto “Pecora”, se Francesco o Antonino (nella foto), stia vuotando il sacco. Ma è sicuro ...

PROGRAMMI IN EVIDENZA

MEDICINA IN DIRETTA
L'appuntamento settimanale con la salute
ATLETI
EUREKA
Quiz Show
10 DOMANDE
Mobili Catalano
DIRETTA STREAMING
Guarda la diretta

OGGI SU RTV

Ore 19

Basket: Partita Viola Rc

Ore 21.15

Fuorigioco
LINK UTILI
Seguici su Facebook
Guardaci su Youtube
Seguici su Twitter
Riceviamo e Pubblichiamo
Segnalazioni, proposte, commenti
  • Agevolazioni per gli invalidi per pagamento TARI
  • Via Vallone Cilea abbandonata
  • L' Asp 5 gioca a scherzi
  • Indecoro cittadino
  • Segnaletica Marinella Spontone
  • Sindaco giovane, bello, aitante e ben vestito dal futuro politico brillante.
IL
METEO
Previsioni meteo per la settimana
Richiedi la copia di un video
Compila il form
ADV
viola
Italpress
idomotica
Basta vittime 106